Sh2-70

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sh2-70
Regione H II
Sh2-70
Sh2-70
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneOfiuco
Ascensione retta18h 14m 42s[1]
Declinazione+07° 04′ 00″[1]
Coordinate galattichel = 35,1; b = +11,4[1]
Distanza3910[2] a.l.
(1200[2] pc)
Magnitudine apparente (V)-
Dimensione apparente (V)5' x 5'
Caratteristiche fisiche
TipoRegione H II
Classe3 1 2[3]
Dimensioni5,5 a.l.
(1,7 pc)
Altre designazioni
LBN 102;[1]
Mappa di localizzazione
Sh2-70
Ophiuchus IAU.svg
Categoria di regioni H II

Coordinate: Carta celeste 18h 14m 42s, +07° 04′ 00″

Sh2-70 è una nebulosa a emissione visibile nella costellazione dell'Ofiuco.

Si individua nella parte nordorientale della costellazione, circa 8° a ENE della stella Cebalrai (β Ophiuchi), sul bordo della scia luminosa della Via Lattea. La sua bassissima luminosità fa sì che la sua individuazione sia estremamente difficoltosa, anche con l'ausilio di filtri. Il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale va da luglio a novembre, da entrambi gli emisferi.

Si tratta di una nube quasi completamente oscura, di cui non è nota alcuna stella responsabile della sua ionizzazione; si tratterebbe per la quasi totalità di una semplice nube molecolare situata ad una latitudine galattica molto elevata, distante circa 1200 parsec (3910 anni luce) dal sistema solare[2] e posta all'estremità esterna del Braccio del Sagittario. Le sue coordinate fanno coincidere questa nube con [CB88]124, indicato nel catalogo delle piccole nubi molecolari edito nel 1988.[4] Entro un raggio di circa 250 parsec si troverebbe l'ammasso aperto NGC 6664.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 26 luglio 2010.
  2. ^ a b c Paladini, R.; Burigana, C.; Davies, R. D.; Maino, D.; Bersanelli, M.; Cappellini, B.; Platania, P.; Smoot, G., A radio catalog of Galactic HII regions for applications from decimeter to millimeter wavelengths, in Astronomy and Astrophysics, vol. 397, gennaio 2003, pp. 213-226, DOI:10.1051/0004-6361:20021466. URL consultato il 26 luglio 2010.
  3. ^ Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions., in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 26 luglio 2010.
  4. ^ Clemens, Dan P.; Barvainis, Richard, A catalog of small, optically selected molecular clouds - Optical, infrared, and millimeter properties, in Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 68, ottobre 1988, pp. 257-286, DOI:10.1086/191288. URL consultato il 26 luglio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari