Sh2-174

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sh2-174
Nebulosa planetaria
Sh2-174
Sh2-174
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Cefeo
Ascensione retta 23h 45m 02s[1]
Declinazione +80° 57′ 00″[1]
Coordinate galattiche l = 120,2; b = +18,4[1]
Distanza 980[2] a.l.
(300[2] pc)
Magnitudine apparente (V) -
Dimensione apparente (V) 8' x 8'
Caratteristiche fisiche
Tipo Nebulosa planetaria
Galassia di appartenenza Via Lattea
Altre designazioni
LBN 598[1]
Mappa di localizzazione
Sh2-174
Cepheus IAU.svg
Categoria di nebulose planetarie

Coordinate: Carta celeste 23h 45m 02s, +80° 57′ 00″

Sh2-174 è una nebulosa planetaria visibile nella costellazione di Cefeo.

Si tratta di una delle nebulose planetarie più settentrionali della volta celeste; si individua circa 3° a nord di Alrai, la γ Cephei ed è visibile nelle foto a lunga posa riprese con un potente telescopio amatoriale. La sua declinazione fortemente settentrionale fa sì che possa essere osservata quasi esclusivamente dall'emisfero boreale, dove per altro si presenta circumpolare fino alle latitudini tropicali.[3]

La nube, catalogata come una nebulosa a emissione generica negli anni sessanta, non ha mai mostrato segni di formazione stellare in atto, né era nota la stella ionizzatrice dei suoi gas; nel corso degli anni novanta è stata avanzata l'ipotesi che si trattasse di una nebulosa planetaria, la cui stella centrale è col tempo sgusciata all'esterno dell'involucro gassoso da essa stessa creato, dato che le sue dimensioni erano troppo piccole per trattarsi di una regione H II, ma paragonabili a quelle di una normale nebulosa planetaria. Questa stella ionizzatrice sarebbe la nana bianca catalogata come GD 561, posta al di fuori della nube. La distanza, da cui sono state derivate le dimensioni, è stata ottenuta tramite lo studio della velocità radiale, ed è indicata attorno ai 300 parsec (circa 980 anni luce).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Simbad Query Result, simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 24 ottobre 2009.
  2. ^ a b c Tweedy, R. W.; Napiwotzki, R., The planetary nebula abandoned by its central star, in The Astronomical Journal, vol. 108, nº 3, settembre 1994, pp. 978-983, DOI:10.1086/117127. URL consultato il 4 novembre 2009.
  3. ^ Una declinazione di 81°N equivale ad una distanza angolare dal polo nord celeste di 9°; il che equivale a dire che a nord del 9°N l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a sud del 9°S l'oggetto non sorge mai.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mária Kun, Star Forming Regions in Cassiopeia (PDF), vol. 1, Handbook of Star Forming Regions, Volume I: The Northern Sky ASP Monograph Publications, Bo Reipurth, dicembre 2008, p. 24, ISBN 978-1-58381-670-7.
  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari