Simeis 147

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simeis 147
Resto di supernova
Simeis 147; la stella luminosa a destra è β Tauri.
Simeis 147; la stella luminosa a destra è β Tauri.
Scoperta
ScopritoreShajn e Hase
Anno1952
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneToro
Ascensione retta05h 40m :
Declinazione+27° 00′ :
Distanza4800[1] a.l.
(1470[1] pc)
Dimensione apparente (V)200'
Caratteristiche fisiche
TipoResto di supernova
Galassia di appartenenzaVia Lattea
Dimensioni160 a.l.
(49 pc)
Altre designazioni
Sh2-240
Mappa di localizzazione
Simeis 147
Taurus IAU.svg
Categoria di resti di supernova

Coordinate: Carta celeste 05h 40m 00s, +27° 00′ 00″

Simeis 147 (nota anche come Sh2-240 o Nebulosa Spaghetti[2]) è un celebre resto di supernova visibile nella costellazione del Toro, al confine con l'Auriga.

La nebulosa si presenta sotto forma di delicatissimi filamenti, più densi nel lato sud-orientale e molto più rarefatta in quello occidentale; sono stati creati da un'antica supernova esplosa a circa 1470 parsec (4800 anni luce) dal Sole, sul Braccio di Perseo.[1] Se le misure di distanza sono corrette, l'oggetto avrebbe una dimensione reale di ben 160 anni luce. La supernova sarebbe esplosa circa 40.000 anni fa, lasciando verso l'angolo meridionale dell'oggetto una pulsar; la stella che ha originato quest'oggetto probabilmente era una membro dell'associazione Auriga OB1 ed era quindi legata all'ammasso aperto M36, dal quale sarebbe sfuggito prima di terminare il suo ciclo vitale.[1]

Stime precedenti sulla sua distanza avevano fornito un valore di 800 parsec (circa 2600 anni luce),[3] collocandolo così all'interno del Braccio di Orione.

Quest'oggetto costituisce una vera sfida per gli astrofili: essendo una delle nebulose più deboli del cielo, in un piccolo telescopio non si vede affatto, mentre può iniziare ad intravedersi qualche sua parte in uno strumento di diametro molto grande. Le foto a lunga posa o il CCD possono invece rivelare quasi tutte le sue caratteristiche. La sua posizione in cielo è invece molto facile da individuare, trovandosi infatti circa quattro gradi a sud-est della stella β Tauri, o anche cinque gradi a nord della ζ Tauri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ng, C.-Y.; Romani, Roger W.; Brisken, Walter F.; Chatterjee, Shami; Kramer, Michael, The Origin and Motion of PSR J0538+2817 in S147, in The Astrophysical Journal, vol. 654, nº 1, gennaio 2007, pp. 487-493, DOI:10.1086/510576. URL consultato l'8 maggio 2013.
  2. ^ [1] Simeis 147: La Nebulosa Spaghetti
  3. ^ Blitz, L.; Fich, M.; Stark, A. A., Catalog of CO radial velocities toward galactic H II regions, in Astrophysical Journal Supplement Series, vol. 49, giugno 1982, pp. 183-206, DOI:10.1086/190795. URL consultato l'8 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere generali[modifica | modifica wikitesto]

  • A. De Blasi, Le stelle: nascita, evoluzione e morte, Bologna, CLUEB, 2002, ISBN 88-491-1832-5.

Carte celesti[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume II - The Southern Hemisphere to +6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0, 2ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari