Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sh2-73

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Sh2-73
Regione H II
Sh2-73.jpg
Sh2-73
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneErcole
Ascensione retta16h 10m 14s[1]
Declinazione+21° 52′ 08″[1]
Coordinate galattichel = 37,6; b = +44,8[1]
Distanza359[2] a.l.
(652[2] pc)
Magnitudine apparente (V)-
Dimensione apparente (V)75' x 75'
Caratteristiche fisiche
TipoRegione H II
Classe3 2 1[3]
Dimensioni14,3 a.l.
(4,4 pc)
Altre designazioni
LBN 105,[1] MBM 40
Mappa di localizzazione
Sh2-73
Hercules IAU.svg
Categoria di regioni H II

Coordinate: Carta celeste 16h 10m 14s, +21° 52′ 08″

Sh2-73 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione di Ercole. Scambiata in origine per una regione HII, si è poi scoperto che è illuminata dalla nostra galassia nel suo insieme, e fa quindi parte delle cosiddette "IFN" (Integrated Flux Nebulae).

Si osserva nella parte sudoccidentale della costellazione, al confine con la Testa del Serpente e la Corona Boreale; si presenta come un debolissimo filamento appena percepibile nelle foto astronomiche sensibili e completamente invisibile alla semplice osservazione amatoriale. Il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale va da marzo a settembre ed è visibile da entrambi gli emisferi, sebbene si trovi a nord dell'equatore celeste.

Sh2-73 è una delle nubi più vicine al sistema solare, essendone distante appena 200 parsec (circa 650 anni luce); si trova ad una latitudine galattica molto elevata e non appare associata ad alcuna stella luminosa, né in essa sono attivi fenomeni di formazione stellare.[2] La nube potrebbe essere associata a MBM 40, un debole filamento di gas non illuminato che contiene 20-40 M e distante circa 120 parsec dal Sole.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 30 marzo 2010.
  2. ^ a b c Forbes, D., Photometry and spectroscopy of stars in northern H II regions, in Astronomy and Astrophysics Supplement Series, vol. 77, nº 3, marzo 1989, pp. 439-445. URL consultato il 30 marzo 2010.
  3. ^ Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions., in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 30 marzo 2010.
  4. ^ Sky-Map.org - Sharpless Catalogue (from 71 to 80)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari