Sh2-123

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sh2-123
Regione H II
Sh2-123.jpg
Sh2-123
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCigno
Ascensione retta21h 42m 18s[1]
Declinazione+44° 32′ 00″[1]
Coordinate galattichel = 91,2; b = -06,6[1]
Distanza12400?[2] a.l.
(3800?[2] pc)
Magnitudine apparente (V)-
Dimensione apparente (V)13' x 13'
Caratteristiche fisiche
TipoRegione H II
Classe2 2 2[3]
Caratteristiche rilevantiAvedisova 1161
Altre designazioni
LBN 414[1]
Mappa di localizzazione
Sh2-123
Cygnus IAU.svg
Categoria di regioni H II

Coordinate: Carta celeste 21h 42m 18s, +44° 32′ 00″

Sh2-123 è una piccola nebulosa a emissione visibile nella costellazione del Cigno.

Si individua sul bordo nordoccidentale della costellazione, a nordovest della linea che congiunge le stelle ρ Cygni e 75 Cygni; il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale ricade fra i mesi di luglio e dicembre e l'osservazione è notevolmente più facilitata per osservatori posti nelle regioni dell'emisfero boreale terrestre.

Sh2-123 è un piccolo e debole sistema di filamenti nebulosi che si estendono per circa 13 primi d'arco sullo sfondo di un campo stellare formato principalmente da deboli stelline. L'unica stima della distanza per questa nebulosa è stata effettuata nel 2003 e fornisce un valore di 3800 parsec, pari a circa 12400 anni luce;[2] se questa misura dovesse rivelarsi corretta, Sh2-123 si dovrebbe trovare al di là del grande sistema nebuloso di Cygnus X e probabilmente anche all'esterno del Braccio di Orione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 19 marzo 2013.
  2. ^ a b c Russeil, D., Star-forming complexes and the spiral structure of our Galaxy, in Astronomy and Astrophysics, vol. 397, gennaio 2003, pp. 133-146, DOI:10.1051/0004-6361:20021504. URL consultato il 19 marzo 2013.
  3. ^ Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions., in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 19 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari