Sh2-77

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sh2-77
Regione H II
Sh2-77
Sh2-77
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneAquila
Ascensione retta19h 48m 18s[1]
Declinazione+01° 09′ :[1]
Coordinate galattichel = 40,6; b = -12,1[1]
Distanza3910 (?)[2] a.l.
(1200 (?)[2] pc)
Magnitudine apparente (V)-
Dimensione apparente (V)8' x 8'
Caratteristiche fisiche
TipoRegione H II
Classe2 1 1[3]
Dimensioni9,1 a.l.
(2,8 pc)
Mappa di localizzazione
Sh2-77
Aquila IAU.svg
Categoria di regioni H II

Coordinate: Carta celeste 19h 48m 18s, +01° 09′ 00″

Sh2-77 è una nebulosa a emissione visibile nella costellazione dell'Aquila.

Si osserva nella parte centrale della costellazione, circa 7° a sud della brillante stella Altair (α Aquilae); si trova sul bordo orientale della scia chiara della Via Lattea, quasi a cavallo dell'equatore celeste. La sua individuazione è estremamente difficoltosa, essendo molto debole; il periodo più indicato per la sua osservazione va da giugno a novembre.

Sh2-77 è una nube poco studiata, la cui distanza si aggirerebbe sui 1200 parsec (oltre 3900 anni luce) dal Sole;[2] da questa stima ne consegue che si tratta di una nube posta ad un'elevatissima latitudine galattica. Nella direzione di Sh2-77 si osservano alcune nubi ad alta velocità, fra le quali spicca [PDS2002] HIPASS HVC 378, ossia [DBB2002] 106; le coordinate di questa nube sono praticamente le medesime[4] e potrebbe trattarsi dello stesso oggetto.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 20 luglio 2010.
  2. ^ a b c Forbes, D., Photometry and spectroscopy of stars in northern H II regions, in Astronomy and Astrophysics Supplement Series, vol. 77, nº 3, marzo 1989, pp. 439-445. URL consultato il 20 luglio 2010.
  3. ^ Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions., in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 20 luglio 2010.
  4. ^ Putman, M. E.; de Heij, V.; Staveley-Smith, L.; Braun, R.; Freeman, K. C.; Gibson, B. K.; Burton, W. B.; Barnes, D. G.; Banks, G. D.; Bhathal, R.; de Blok, W. J. G.; Boyce, P. J.; Disney, M. J.; Drinkwater, M. J.; Ekers, R. D.; Henning, P. A.; Jerjen, H.; Kilborn, V. A.; Knezek, P. M.; Koribalski, B.; Malin, D. F.; Marquarding, M.; Minchin, R. F.; Mould, J. R.; Oosterloo, T.; Price, R. M.; Ryder, S. D.; Sadler, E. M.; Stewart, I.; Stootman, F.; Webster, R. L.; Wright, A. E., HIPASS High-Velocity Clouds: Properties of the Compact and Extended Populations, in The Astronomical Journal, vol. 123, nº 2, febbraio 2002, pp. 873-891, DOI:10.1086/338088. URL consultato il 20 luglio 2010. Tavole visibili qui
  5. ^ Sky-Map.org - Sharpless Catalogue (from 71 to 80)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari