vdB 90

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


vdB 90
Nebulosa a riflessione
vdB 90
vdB 90
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCane Maggiore
Ascensione retta07h 02m 43s[1]
Declinazione-11° 27′ 12″[1]
Coordinate galattichel = 224,4; b = -02,7[2]
Distanza2963 a.l.
(909 pc)
Magnitudine apparente (V)8,24 (var.) (stella centrale)[2]
Dimensione apparente (V)4,0' x 4,0'[2]
Caratteristiche fisiche
TipoNebulosa a riflessione
Mappa di localizzazione
VdB 90
Canis Major IAU.svg
Categoria di nebulose a riflessione

Coordinate: Carta celeste 07h 02m 43s, -11° 27′ 12″

vdB 90 è una nebulosa a riflessione visibile nella costellazione del Cane Maggiore.

Si individua sul bordo occidentale della Nebulosa Gabbiano, una regione H II in cui hanno luogo fenomeni di formazione stellare; la sua posizione è a circa 2° a ENE di θ Canis Majoris, una stella di colore arancione di quarta magnitudine. La stella responsabile dell'illuminazione dei gas della nube è HD 52942, una stella doppia composta da una stella bianco-azzurra di sequenza principale e da una stella subgigante, entrambe di classe spettrale B, che imprimono alle polveri circostanti un caratteristico colore azzurrognolo; le due stelle della coppia si eclissano a vicenda con un periodo di circa 1,27 giorni, facendo diminuire la magnitudine totale del sistema da 8,05 a 8,44 nell'eclisse principale. Essendo una variabile a eclisse, la stella possiede anche una sigla di stella variabile, FZ CMa.[3] In realtà al sistema appartiene anche una terza stella, dal momento che le masse calcolate per le due stelle principali sarebbero troppo piccole per due stelle di classe B.[4] La misurazione della parallasse, pari a 1,22 mas[5] corrisponde a una distanza di circa 820 parsec (circa 2672 anni luce), nei pressi della Nebulosa Gabbiano, con cui è fisicamente legata, e con l'associazione OB Canis Major OB1, posta mediamente a una distanza appena superiore, di cui la stella HD 52942 sarebbe membro,[6] sebbene essa si sia formata in un episondi di formazione stellare precedente rispetto a quello che ha dato origine all'associazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Simbad Query Result, su simbad.u-strasbg.fr. URL consultato il 16 novembre 2009.
  2. ^ a b c van den Bergh, S., A study of reflection nebulae., in Astronomical Journal, vol. 71, dicembre 1966, pp. 990-998, DOI:10.1086/109995. URL consultato il 16 novembre 2009.
  3. ^ The International Variable Stars Index - AAVSO, su result for FZ CMa. URL consultato il 16 novembre 2009.
  4. ^ Moffat, A. F. J.; Vogt, N.; Vaz, L. P. R.; Gronbech, B., The early B-type eclipsing binary FZ CMa (HD 52942) - A massive triple system, in Astronomy and Astrophysics, vol. 120, nº 2, aprile 1983, pp. 278-286. URL consultato il 16 novembre 2009..
  5. ^ VizieR services - star catalogues, su result for HD 52942. URL consultato il 16 novembre 2009.
  6. ^ Kaltcheva, N. T.; Hilditch, R. W., The distribution of bright OB stars in the Canis Major-Puppis-Vela region of the Milky Way, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 312, nº 4, marzo 2000, pp. 753-768, DOI:10.1046/j.1365-8711.2000.03170.x. URL consultato il 16 novembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari