Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sh2-78

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Sh2-78
Nebulosa planetaria
Sh2-78
Sh2-78
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Aquila
Ascensione retta 19h 03m 10s [1]
Declinazione +14° 06′ 59″[1]
Coordinate galattiche l = 46,83; b = +03,84[1]
Distanza 14000 (?)[2] a.l.
(4300 (?)[2] pc)
Magnitudine apparente (V) 10,75[1]
Dimensione apparente (V) 12' x 12'
Caratteristiche fisiche
Tipo Nebulosa planetaria
Classe 1 1 1[3]
Altre designazioni
PN CTSS 3; PK 046+03.1;[1]
Categoria di nebulose planetarie

Sh2-78 è una nebulosa planetaria visibile nella costellazione dell'Aquila.

Si individua nella parte nordoccidentale della costellazione, circa mezzo grado a nordovest della stella ζ Aquilae; si estende per 12 minuti d'arco in direzione di una regione della Via Lattea con ricchi campi stellari di fondo. Il periodo più indicato per la sua osservazione nel cielo serale ricade fra giugno e novembre; trovandosi a circa 14° dall'equatore celeste può essere osservata da tutte le regioni popolate della Terra, sebbene gli osservatori dell'emisfero boreale siano più avvantaggiati.

Sh2-78 è stata ritenuta alternativamente una regione H II o una nebulosa planetaria per decenni; le stime della distanza fornite in uno studio del 1989 indicano un valore di 4300 parsec (circa 14000 anni luce),[2] che la collocherebbe all'interno del Braccio del Sagittario. Tuttavia gli studi più recenti indicano che si tratta senza dubbio di una nebulosa planetaria,[4] la cui stella centrale è una nana bianca di classe D0.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Simbad Query Result. URL consultato il 16 settembre 2011.
  2. ^ a b c Forbes, D., Photometry and spectroscopy of stars in northern H II regions in Astronomy and Astrophysics Supplement Series, vol. 77, nº 3, marzo 1989, pp. 439-445. URL consultato il 16 settembre 2011.
  3. ^ Sharpless, Stewart, A Catalogue of H II Regions. in Astrophysical Journal Supplement, vol. 4, dicembre 1959, p. 257, DOI:10.1086/190049. URL consultato il 16 settembre 2011.
  4. ^ Kerber, F.; Mignani, R. P.; Guglielmetti, F.; Wicenec, A., Galactic Planetary Nebulae and their central stars. I. An accurate and homogeneous set of coordinates in Astronomy and Astrophysics, vol. 408, settembre 2003, pp. 1029-1035, DOI:10.1051/0004-6361:20031046. URL consultato il 16 settembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari