Matthias Ginter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matthias Ginter
20180602 FIFA Friendly Match Austria vs. Germany Matthias Ginter 850 0643.jpg
Nazionalità Germania Germania
Altezza 189 cm
Peso 87 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Borussia Mönchengladbach
Carriera
Giovanili
1998-2005 600px Azzurro e Bianco (Strisce).svg SV March
2005-2012 Friburgo
Squadre di club1
2012-2014Friburgo70 (2)
2014-2017Borussia Dortmund67 (3)
2017-Borussia Mönchengladbach64 (7)
Nazionale
2011-2012Germania Germania U-186 (0)
2012-2013Germania Germania U-195 (1)
2013-2016Germania Germania U-2118 (1)
2016Germania Germania olimpica5 (2)
2014-Germania Germania29 (2)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Brasile 2014
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Rio de Janeiro 2016
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Repubblica Ceca 2015
Transparent.png Confederations Cup
Oro Russia 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 settembre 2019

Matthias Lukas Ginter (Friburgo in Brisgovia, 19 gennaio 1994) è un calciatore tedesco, difensore del Borussia Mönchengladbach e della nazionale tedesca, con cui si è laureato campione del mondo nel 2014.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Nasce come trequartista,[1] nelle giovanili del Friburgo diviene poi un difensore centrale,[1] forte di testa, bravo in marcatura e nei disimpegni.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

SV March e Friburgo[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nel 1998 quando viene acquistato dal SV March, per militare nelle varie divisioni giovanili del club. Due anni più tardi viene acquistato dal Friburgo dove milita dal 2005 al 2012 nelle varie formazioni giovanili. Il suo debutto ufficiale in prima squadra arriva il 21 gennaio durante la partita di campionato tenutasi contro l'Augusta; in quell'occasione realizza anche la sua prima rete in carriera da calciatore professionista.[2] Durante la successiva partita di campionato giocata contro il Mainz rimedia la sua prima ammonizione in carriera.

Borussia Dortmund[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 luglio 2014, all'età di 20 anni, firma con il Borussia Dortmund di Jurgen Klopp per 4 anni, trasferitosi dal Friburgo per una cifra vicina ai 10 Milioni.

La prima presenza, subito da titolare (come difensore centrale in coppia con Sōkratīs Papastathopoulos) con la nuova maglia la trova il 13 agosto nella finale della Supercoppa di Germania contro il Bayern Monaco vinta dalla sua squadra con il punteggio di 2-0 con le reti di Henrix Mxit'aryan e Pierre-Emerick Aubameyang. Durante la stagione 2014-15 (l'ultima della gestione di Jürgen Klopp), il Dortmund in campionato delude (conclude al 7 posto, qualificandosi per l'edizione successiva dell'Europa League), mentre in Champions League 2014-2015 esce agli ottavi contro la Juventus. In Coppa di Germania invece il Dortmund arriva fino alla finale, dove viene sconfitto per 1-3 dal Wolfsburg. Conclude la sua prima stagione in giallonero con 22 presenze e 0 gol.

Nella nuova stagione viene spesso impiegato come terzino destro dal nuovo tecnico Thomas Tuchel, sostituto di Jurgen Klopp, con ottimi risultati: infatti con il nuovo ruolo regala ben 10 assist ai compagni. Il 23 agosto 2015 segna il suo primo gol nella vittoriosa partita contro il Ingolstadt 04 finita 4-0. Il 17 settembre segna il primo gol in Europa con la maglia del Borussia Dortmund nella partita vinta 2-1 in casa contro il Krasnodar. Conclude la stagione con 40 presenze e 4 gol.

La sua terza stagione in giallonero inizia con la prima presenza nella partita giocata in casa e vinta 6-0 contro il Darmstadt. L'11 aprile 2017, alla vigilia della partita di Champions League contro il Monaco, un'esplosione investe il pullman su cui viaggiavano lui e la sua squadra.

Borussia Mönchengladbach[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2017 passa al Borussia Mönchengladbach.[3]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato con l'Under-18, Under-19 e Under-21 tedesca, il 5 marzo 2014 esordisce in nazionale maggiore nell'amichevole Germania-Cile, conclusasi con la vittoria tedesca per 1-0.

Convocato per il Mondiale 2014, il 13 luglio 2014 si laurea campione del mondo dopo la vittoria in finale sull'Argentina per 1-0, ottenuta grazie al gol decisivo di Götze durante i tempi supplementari.[4][5] Diviene così il primo giocatore del Friburgo a partecipare a un Mondiale[1] e, in seguito alla vittoria della Nazionale teutonica, il primo a vincerne uno. Tuttavia, durante la manifestazione non scende in campo nemmeno per un minuto.

Nell'estate 2016 non viene convocato agli Europei di Francia 2016 ma prende parte alle Olimpiadi di Rio, manifestazione in cui la squadra tedesca si aggiudica la medaglia d'argento nel torneo olimpico di calcio.

Partecipa anche alla Confederation Cup 2017, manifestazione vinta dalla nazionale tedesca. A differenza dei Mondiali di Brasile 2014, in cui era stato convocato ma non aveva giocato nemmeno un minuto, in questa competizione Ginter trova decisamente più spazio, giocando da titolare 4 partite su 5 come difensore centrale in un 3-4-2-1.

L'8 ottobre 2017 segna la sua prima rete in nazionale nel successo per 5-1 contro l'Azerbaigian.[6]

Viene convocato anche per i Mondiali 2018 in Russia,[7] terminato con la clamorosa eliminazione al primo turno dei teutonici. Anche in questo caso finisce nuovamente a 0 partite giocate la sua esperienza.

Dopo i Mondiali diviene titolare della selezione tedesca per via dei ritiri di Mats Hummels e Jérome Boateng.[8][9]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 27 maggio 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe internazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Germania Friburgo BL 13 1 CG - - - - - - - - 13 1
2012-2013 BL 23 1 CG 3 0 - - - - - - 26 1
2013-2014 BL 34 0 CG 3 2 UEL 5 1 - - - 42 3
Totale Friburgo 70 2 6 2 5 1 - - 81 5
2014-2015 Germania Borussia Dortmund BL 14 0 CG 0 0 UCL 5 0 SG 1 0 20 0
2015-2016 BL 24 3 CG 5 0 UEL 11[10] 1 - - - 40 4
2016-2017 BL 29 0 CG 5 0 UCL 8 0 SG 0 0 42 0
Totale Borussia Dortmund 67 3 10 0 24 1 1 0 102 4
2017-2018 Germania Borussia Mönchengladbach BL 34 5 CG 1 0 - - - - - - 35 5
Totale carriera 171 10 17 2 29 2 1 0 245 14

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-3-2014 Stoccarda Germania Germania 1 – 0 Cile Cile Amichevole - Ingresso al 89’ 89’
13-5-2014 Amburgo Germania Germania 0 – 0 Polonia Polonia Amichevole -
3-9-2014 Düsseldorf Germania Germania 2 – 4 Argentina Argentina Amichevole -
7-9-2014 Dortmund Germania Germania 2 – 1 Scozia Scozia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 92’ 92’
14-10-2014 Gelsenkirchen Germania Germania 1 – 1 Irlanda Irlanda Qual. Euro 2016 - Uscita al 46’ 46’
8-10-2015 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 0 Germania Germania Qual. Euro 2016 - Uscita al 77’ 77’
11-10-2015 Lipsia Germania Germania 2 – 1 Georgia Georgia Qual. Euro 2016 -
13-11-2015 Saint-Denis Francia Francia 2 – 0 Germania Germania Amichevole - Uscita al 79’ 79’
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 85’ 85’
6-6-2017 Brøndby Danimarca Danimarca 1 – 1 Germania Germania Amichevole - Uscita al 66’ 66’
22-6-2017 Kazan' Germania Germania 1 – 1 Cile Cile Conf. Cup 2017 - 1º turno -
25-6-2017 Soči Germania Germania 3 – 1 Camerun Camerun Conf. Cup 2017 - 1º turno -
29-6-2017 Soči Germania Germania 4 – 1 Messico Messico Conf. Cup 2017 - Semifinale -
2-7-2017 San Pietroburgo Cile Cile 0 – 1 Germania Germania Conf. Cup 2017 - Finale -
1-9-2017 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 1 – 2 Germania Germania Qual. Mondiali 2018 -
8-10-2017 Kaiserslautern Germania Germania 5 – 1 Azerbaigian Azerbaigian Qual. Mondiali 2018 1 Ingresso al 36’ 36’
10-11-2017 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
8-6-2018 Leverkusen Germania Germania 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
6-9-2018 Monaco di Baviera Germania Germania 0 – 0 Francia Francia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
9-9-2018 Sinsheim Germania Germania 2 – 1 Perù Perù Amichevole - Uscita al 72’ 72’
13-10-2018 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Germania Germania UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
16-10-2018 Saint-Denis Francia Francia 2 – 1 Germania Germania UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Ammonizione al 29’ 29’ Uscita al 83’ 83’
15-11-2018 Lipsia Germania Germania 3 – 0 Russia Russia Amichevole -
24-3-2019 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 3 Germania Germania Qual. Euro 2020 -
8-6-2019 Barysaŭ Bielorussia Bielorussia 0 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2020 -
11-6-2019 Magonza Germania Germania 8 – 0 Estonia Estonia Qual. Euro 2020 -
6-9-2019 Amburgo Germania Germania 2 – 4 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2020 - Uscita al 84’ 84’
9-9-2019 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 2 Germania Germania Qual. Euro 2020 - Uscita al 40’ 40’
16-11-2019 Mönchengladbach Germania Germania 4 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2020 1
Totale Presenze 29 Reti 2

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Borussia Dortmund: 2014
Borussia Dortmund: 2016-2017

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 2014
Rio de Janeiro 2016
Russia 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Stefano Chioffi, Ginter, ecco la sorpresa nei 23 della Germania, in Corriere dello Sport, 2 giugno 2014. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  2. ^ Freiburg vs. Augusta 1 - 0, soccerway.com. URL consultato il 5 aprile 2012.
  3. ^ GINTER AL BORUSSIA MOENCHENGLADBACH, su sportmediaset.mediaset.it.
  4. ^ Mondiali, Germania campione! Argentina battuta 1-0: Götze al 113', gazzetta.it, 14 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  5. ^ Germania campione del mondo, ilpost.it, 13 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  6. ^ Stindl and Ginter win with Germany - Borussia Mönchengladbach, su www.borussia.de. URL consultato il 9 settembre 2019.
  7. ^ Sky Sport, Mondiali 2018, tutte le rose e i convocati, su sport.sky.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  8. ^ Discarded by Germany, replaced by Bayern: Jerome Boateng's spectacular fall from grace | Goal.com, su www.goal.com. URL consultato il 9 settembre 2019.
  9. ^ (EN) Deutsche Welle, Who will benefit from Germany's axing of Müller, Hummels and Boateng? | DW | 08.03.2019, su DW.COM. URL consultato il 9 settembre 2019.
  10. ^ 2 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]