Lars Bender

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lars Bender
LarsBender.JPG
Nazionalità Germania Germania
Altezza 185 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Bayer Leverkusen
Carriera
Giovanili
1993-199 non conosciuta TSV Brannenburg
1999-2002 Unterhaching
2002-2006 Monaco 1860
Squadre di club1
2006-2007 Monaco 1860 II 9 (1)
2006-2009 Monaco 1860 58 (4)
2009- Bayer Leverkusen 172 (15)
Nazionale
2005-2006 Germania Germania U-17 9 (1)
2007-2009 Germania Germania U-19 9 (2)
2009 Germania Germania U-20 6 (1)
2010 Germania Germania U-21 1 (0)
2011- Germania Germania 19 (4)
2016 Germania Germania olimpica 0 (0)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Oro Repubblica Ceca 2008
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 aprile 2016

Lars Bender (Rosenheim, 27 aprile 1989) è un calciatore tedesco, centrocampista del Bayer Leverkusen e della Nazionale tedesca.

Ha un fratello gemello di nome Sven Bender, che gioca nel Borussia Dortmund.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver trascorso le giovanili nell'Unterhaching, nel 2006 viene prelevato dal Monaco 1860 che lo inserisce in prima squadra giovanissimo, a 17 anni. La sua prima apparizione professionistica arriva il 27 novembre 2006, in occasione del match di Seconda divisione tedesca contro il Coblenza. Il 3 ottobre 2008, nella partita contro il Francoforte, diventa il più giovane capitano della storia della squadra, indossando la fascia a 19 anni.

Nel 2009 firma per il Bayer Leverkusen, andando a segno per la prima volta con la nuova maglia il 29 ottobre 2010 contro l'Eintracht Francoforte. Nella stagione 2010-2011, nonostante l'arrivo di Michael Ballack, trova comunque notevole spazio nella squadra, diventandone presto una pedina fondamentale.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato, con la Germania Under-19, ai campionati europei di categoria. È stato tra i protagonisti della sua squadra per tutto il torneo, vinto in finale contro l'Italia Under-19. Esordisce con la Nazionale Maggiore il 4 settembre 2011 sostituendo il compagno di squadra Simon Rolfes nella partita contro la Nazionale Polacca.

Nel giugno del 2012 viene inserito dal CT Joachim Löw nella lista dei 23 che parteciperanno a Euro 2012 in Polonia e Ucraina. Nella terza giornata del girone eliminatorio segna il gol del decisivo 1-2 ai danni della Danimarca (in gol va anche Podolski), che garantisce ai tedeschi la qualificazione per i quarti di finale a punteggio pieno.

Il 29 maggio 2013 mette a segno la sua prima doppietta con la maglia della nazionale tedesca nella vittoria per 4-2 in amichevole contro Ecuador.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Top 10 dei campioni del futuro, teniamo d’occhio questi ragazzini terribili, Calciopro.com. URL consultato il 26 agosto 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]