Governo Moro III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Governo Moro III
Aldo Moro.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioAldo Moro
(DC)
CoalizioneDC, PSI, PSDI, PRI
LegislaturaIV Legislatura
Giuramento24 febbraio 1966
Dimissioni5 giugno 1968
Governo successivoLeone II
25 giugno 1968
Left arrow.svg Moro II Leone II Right arrow.svg

Il Governo Moro III è stato il ventunesimo governo della Repubblica Italiana, il quarto e ultimo della IV legislatura.

È rimasto in carica dal 24 febbraio 1966[1] al 25 giugno 1968[2] per un totale di 852 giorni, ovvero 2 anni, 4 mesi e 1 giorno.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei Deputati Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Socialdemocratico Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Südtiroler Volkspartei
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
260
87
33
5
3
1
389
Partito Comunista Italiano
Partito Liberale Italiano
Movimento Sociale Italiano
PDI di Unità Monarchica
UD per la Nuova Repubblica
Totale Opposizione
166
39
27
8
1
241
Totale 630
Senato della Repubblica Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Socialdemocratico Italiano
Südtiroler Volkspartei
Partito Repubblicano Italiano
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
132
44
14
2
1
1
194
Partito Comunista Italiano
Partito Liberale Italiano
Movimento Sociale Italiano
PDI di Unità Monarchica
Totale Opposizione
85
19
15
2
121
Totale 315

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Aldo Moro (DC)

Vicepresidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Nenni (PSI)

Segretario del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Salizzoni (DC)

Ministeri senza portafoglio[modifica | modifica wikitesto]

Interventi straordinari nel Mezzogiorno e nelle aree depressive del Centro-Nord Attilio Piccioni (DC), Giulio Pastore (DC)
Rapporti fra Governo e Parlamento Giovanni Battista Scaglia (DC)
Ricerca scientifica Leopoldo Rubinacci (DC)

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Amintore Fanfani (DC)
Sottosegretari Giuseppe Lupis (PSDI), Giorgio Oliva (DC), Mario Zagari (PSI)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Paolo Emilio Taviani (DC)
Sottosegretari Leonetto Amadei (PSI), Guido Ceccherini (PSDI), Remo Gaspari (DC)

Grazia e Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Oronzo Reale (PRI)
Sottosegretari Riccardo Misasi (DC)

Bilancio[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Pieraccini (PSI)
Sottosegretari Giuseppe Caron (DC)

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Preti (PSDI)
Sottosegretari Cesare Bensi (PSI), Vittorino Colombo (DC), Giovanni Gioia (DC), Athos Valsecchi (DC)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Emilio Colombo (DC)
Sottosegretari Alessandro Agrimi (DC), Francesco Albertini (PSI), Giorgio Braccesi (DC), Eugenio Gatto (PSI)

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Roberto Tremelloni (PSDI)
Sottosegretari Francesco Cossiga (DC), Mario Marino Guadalupi (PSI), Natale Santero (DC)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Gui (DC)
Sottosegretari Maria Badaloni (DC), Piero Caleffi (PSI), Giovanni Elkan (DC), Pier Luigi Romita (PSI)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giacomo Mancini (PSI)
Sottosegretari Luigi Angrisani (PSDI), Danilo De Cocci (DC), Luigi Giglia (DC)

Agricoltura e Foreste[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Restivo (DC)
Sottosegretari Dario Antoniozzi (DC), Ludovico Camangi (PRI), Francesco Principe (PSI), Dante Schietroma (PSDI)

Trasporti e Aviazione Civile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Oscar Luigi Scalfaro (DC)
Sottosegretari Arcangelo Florena (DC), Orlando Lucchi (PSI)

Poste e Telecomunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Spagnolli (DC)
Sottosegretari Crescenzo Mazza (DC)

Industria, Commercio e Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giulio Andreotti (DC)
Sottosegretari Franco Maria Malfatti (DC), Maria Vittoria Mezza (PSI), Bonaventura Picardi (DC)

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Mariotti (PSI)
Sottosegretari Calogero Volpe (DC)

Commercio con l'Estero[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giusto Tolloy (PSI)
Sottosegretari Dante Graziosi (DC), Mario Vetrone (DC)

Marina Mercantile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Lorenzo Natali (DC)
Sottosegretari Mario Martinez (PSI)

Partecipazioni Statali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giorgio Bo (DC)
Sottosegretari Carlo Donat-Cattin (DC)

Lavoro e Previdenza Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giacinto Bosco (DC)
Sottosegretari Ettore Calvi (DC), Raffaele Di Nardo (PSI), Anselmo Martoni (PSDI)

Turismo e Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Achille Corona (PSI)
Sottosegretari Adolfo Sarti (DC)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fausto De Luca, Moro ed i ministri hanno giurato. Lunedì prima riunione del governo, in "La Stampa", 25 febbraio 1966, p. 1.
  2. ^ Fausto De Luca, Il governo ha giurato in Quirinale Oggi primo Consiglio dei ministri, in "La Stampa", 26 giugno 1968, p. 1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]