Luigi Mariotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il vescovo del Monferrato, vedi Luigi Mariotti (vescovo).
Luigi Mariotti
LuigiMariotti.jpg

Ministro della sanità della Repubblica Italiana
Durata mandato 22 luglio 1964 –
24 giugno 1968
Predecessore Giacomo Mancini
Successore Ennio Zelioli-Lanzini

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature II, III, IV
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano - PSI-PSDI unificati
Collegio Firenze III (II e III legislatura), Arezzo (IV Leg.)
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature V, VI, VII
Gruppo
parlamentare
PSI
Collegio Firenze
Incarichi parlamentari
  • Vicepresidente della Camera dei Deputati dal 5 luglio 1976 al 19 giugno 1979
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Titolo di studio Laurea in scienze economiche e commerciali
Professione Commercialista

Luigi Mariotti (Firenze, 23 novembre 1912Firenze, 27 dicembre 2004) è stato un politico e ministro italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Socialista riformista, è stato il precursore dell'istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, poi avvenuta nel 1978, in conseguenza delle battaglie di cui l'uomo politico toscano si fece promotore dalla fine degli anni '60, in seno ai governi di centro-sinistra. Nel 1968 promosse la cosiddetta legge Mariotti (legge 12 febbraio 1968, n. 132), recante disposizioni in tema di enti ospedalieri e assistenza ospedaliera[1], con cui il comparto ospedaliero fu profondamente riformato attraverso la trasformazione degli ospedali in enti pubblici distinti dagli enti di assistenza del tipo IPAB.

Fu quattro volte Ministro della sanità, scontrandosi con il PLI e parte della DC, contrari o dubbiosi su un'impostazione universalistica di welfare, cara al PSI di quegli anni ed allo stesso Mariotti.

Figura nella Lista degli appartenenti alla P2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]