Governo Rumor I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Rumor I
D5150.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioMariano Rumor
(DC)
CoalizioneDC, PSI, PRI
LegislaturaV Legislatura
Giuramento13 dicembre 1968
Dimissioni5 luglio 1969
Governo successivoRumor II
6 agosto 1969
Left arrow.svg Leone II Rumor II Right arrow.svg

Il Governo Rumor I è stato il ventitreesimo governo della Repubblica Italiana, il secondo della V legislatura.

È rimasto in carica dal 13 dicembre 1968[1][2] al 6 agosto 1969[3] per un totale di 236 giorni, ovvero 7 mesi e 24 giorni.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei Deputati Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Südtiroler Volkspartei
Totale Maggioranza
266
91
9
3
369
Partito Comunista Italiano
Partito Liberale Italiano
Movimento Sociale Italiano
PSI di Unità Proletaria
PDI di Unità Monarchica
Totale Opposizione
177
31
24
23
6
261
Totale 630
Senato della Repubblica Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Südtiroler Volkspartei
Totale Maggioranza
135
46
2
2
185
PCI-PSI di Unità Proletaria
Partito Liberale Italiano
Movimento Sociale Italiano
PDI di Unità Monarchica
Totale Opposizione
101
16
11
2
130
Totale 315

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Mariano Rumor (DC)

Vicepresidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco De Martino (PSI)

Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Bisaglia (DC), segretario del Consiglio dei ministri
Francesco Albertini (PSI), con delega ai rapporti con il Parlamento
Cesare Bensi (PSI), con delega alla riforma della pubblica amministrazione
Antonio Bonadies (DC), con delega alla ricerca scientifica
Giuseppe Di Vagno (PSI), con delega agli interventi straordinari nel Mezzogiorno e nelle zone depresse del centro-nord

Ministri senza portafoglio[modifica | modifica wikitesto]

Interventi straordinari nel Mezzogiorno e nelle aree depressive del Centro-Nord[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Paolo Emilio Taviani (DC)

Compiti politici particolari[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Crescenzo Mazza (DC)

Rapporti fra Governo e Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Carlo Russo (DC)

Ricerca scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Salvatore Lauricella (PSI)

Riforma della pubblica amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Eugenio Gatto (DC)

Delegazione italiana all'Organizzazione delle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giacinto Bosco (DC)

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Pietro Nenni (PSI)
Sottosegretari Franco Maria Malfatti (DC) - fino al 14/02/1969

Mario Pedini (DC)

Mario Zagari (PSI)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Restivo (DC)
Sottosegretari Ciriaco De Mita (DC)

Remo Gaspari (DC)

Pier Luigi Romita (PSI)

Angelo Salizzoni (DC)

Grazia e Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Silvio Gava (DC)
Sottosegretari Leonetto Amadei (PSI)

Renato Dell'Andro (DC)

Bilancio e Programmazione Economica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Preti (PSI)
Sottosegretari Giuseppe Caron (DC) - fino al 14/02/1969

Franco Maria Malfatti (DC) - dal 14/02/1969

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Oronzo Reale (PRI)
Sottosegretari Giovanni Elkan (DC)

Annibale Fada (DC)

Anselmo Martoni (PSI)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Emilio Colombo (DC)
Sottosegretari Guido Ceccherini (PSI)

Bonaventura Picardi (DC)

Adolfo Sarti (DC)

Giuseppe Sinesio (DC)

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Gui (DC)
Sottosegretari Francesco Cossiga (DC)

Francesco Ferrari (PSI)

Mario Marino Guadalupi (PSI)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Fiorentino Sullo (DC) - fino al 24/03/1969
Mario Ferrari Aggradi (DC) - dal 24/03/1969
Sottosegretari Oddo Biasini (PRI)

Carlo Buzzi (DC)

Michele Pellicani (PSI)

Elio Rosati (DC)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giacomo Mancini (PSI)
Sottosegretari Lucio Mariano Brandi (PSI)

Barbaro Lo Giudice (DC)

Agricoltura e Foreste[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Athos Valsecchi (DC)
Sottosegretari Dario Antoniozzi (DC)

Arnaldo Colleselli (DC)

Nello Mariani (PSI)

Trasporti e Aviazione Civile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Mariotti (PSI)
Sottosegretari Remo Sammartino (DC)

Emanuele Terrana (PRI)

Luigi Angrisani (PSI)

Aldo Venturini (PSI)

Poste e Telecomunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Mario Ferrari Aggradi (DC) - fino al 24/03/69
Crescenzo Mazza (DC) - dal 24/03/69
Sottosegretari Bernardo D'Arezzo (DC)

Calogero Volpe (DC)

Industria, Commercio e Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Mario Tanassi (PSI)
Sottosegretari Vito Lattanzio (DC)

Emanuela Savio (DC)

Dante Schietroma (PSI)

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Camillo Ripamonti (DC)
Sottosegretari Gianni Usvardi (PSI)

Giovanni Zonca (DC)

Commercio con l'Estero[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vittorino Colombo (DC)
Sottosegretari Venerio Cattani (PSI)

Dante Graziosi (DC)

Marina Mercantile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giuseppe Lupis (PSI)
Sottosegretari Cesare Angelini (DC)

Giuseppe Macchiavelli (PSI)

Partecipazioni Statali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Arnaldo Forlani (DC)
Sottosegretari Riccardo Misasi (DC)

Francesco Principe (PSI)

Lavoro e Previdenza Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giacomo Brodolini (PSI)
Sottosegretari Vincenzo Bellisario (DC)

Franco Tedeschi (PSI)

Mario Toros (DC)

Turismo e Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Lorenzo Natali (DC)
Sottosegretari Piero Caleffi (PSI)

Vincenzo Scarlato (DC)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fausto De Luca, Rumor e i ministri giurano davanti al Capo dello Stato, in "La Stampa", 14 dicembre 1968, p. 1.
  2. ^ Antonio Spinosa, Il nuovo governo in carica da stamane - Rumor e i 26 ministri hanno giurato davanti al capo dello stato, in Corriere d'Informazione, 13 dicembre 1968.
  3. ^ Fausto De Luca, Rumor concorda oggi con i ministri il discorso che pronuncerà alle Camere, in "La Stampa", 7 agosto 1969, p. 1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]