Governo De Gasperi IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo De Gasperi IV
AlcideDeGasperi.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioAlcide De Gasperi
(DC)
CoalizioneDC, PSLI, PLI, PRI
LegislaturaAssemblea Costituente
Giuramento1º giugno 1947
Dimissioni12 maggio 1948, respinte[1]
Governo successivoDe Gasperi V
24 maggio 1948
Left arrow.svg De Gasperi III De Gasperi V Right arrow.svg

Il Governo De Gasperi IV è stato il terzo governo della Repubblica Italiana.

È stato in carica dal 1º giugno 1947[2][3] al 24 maggio 1948 per un totale di 358 giorni, ovvero 11 mesi e 23 giorni.

La fiducia al governo venne votata dall'Assemblea Costituente che fu in carica fino al 31 gennaio 1948. Il governo diede le dimissioni il 12 maggio non appena il nuovo Presidente della Repubblica Luigi Einaudi aveva giurato di fronte all'Assemblea ma questi le respinse prendendo atto che il governo era sostenuto da forze che avevano vinto le elezioni politiche del 18 aprile e quindi questo governo rimase in carica fino e il passaggio al nuovo dicastero non fu che un rimpasto.

Composizione del parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Assemblea Costituente Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista dei Lavoratori Italiani
Unione Democratica Nazionale
Partito Repubblicano Italiano
Partito d'Azione
Concentrazione Democratica
Fronte Democratico Progressista
Partito Democratico del Lavoro
Partito Cristiano Sociale
Partito dei Contadini d'Italia
Totale Maggioranza
207
50
41
23
7
2
1
1
1
1
334
Partito Comunista Italiano
Partito Socialista Italiano
Fronte dell'Uomo Qualunque
Blocco Nazionale della Libertà
Movimento Indipendentista Siciliano
Partito Sardo d'Azione
Movimento Unionista Italiano
Totale Opposizione
104
65
30
16
4
2
1
222
Totale 556

Partiti di governo[modifica | modifica wikitesto]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Presidente del Consiglio dei ministri: Alcide De Gasperi

Vicepresidenti del Consiglio dei ministri: Luigi Einaudi, Randolfo Pacciardi, Giuseppe Saragat

Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio dei ministri: Giulio Andreotti, Edoardo Martino

Ministro senza portafoglio per il Coordinamento delle Politiche Economiche: Giuseppe Togni (dal 15/12/47)

Ministeri Ministro Sottosegretari
Affari esteri Carlo Sforza (PRI) Giuseppe Brusasca
Interno Mario Scelba (DC) Achille Marazza
Africa Italiana Alcide De Gasperi (DC), Ad interim.
Grazia e Giustizia Giuseppe Grassi (PLI) Gennaro Cassiani, Vittorio Badini Confalonieri
Bilancio

Dicastero istituito con decreto legislativo del capo provvisorio dello Stato il 04/06/47.

Luigi Einaudi (PLI)
Finanze

Con decreto del capo provvisorio dello Stato del 04/06/47 viene soppresso il Ministero delle Finanze e Tesoro e sono costituiti due distinti dicasteri.

Giuseppe Pella (DC) Piero Malvestiti (dal 25/10/47)
Tesoro

Con decreto del capo provvisorio dello Stato del 04/06/47 viene soppresso il Ministero delle Finanze e Tesoro e sono costituiti due distinti dicasteri.

Gustavo Del Vecchio (indipendente) Antonio Cifaldi
Difesa
Mario Cingolani (DC) fino al 15/12/47
Cipriano Facchinetti (PRI) dal 15/12/47
Luigi Chatrian (fino al 22/12/47), Ugo Rodinò (dal 22/12/47), Luigi Meda (dal 15/02/48)
Pubblica Istruzione Guido Gonella (DC) Giuseppe Perrone Capano (dal 22/12/47)
Lavori Pubblici Umberto Tupini (DC) Emilio Canevari (dal 22/12/47)
Agricoltura e Foreste Antonio Segni (DC) Giovanni Cartia (dal 22/12/47)
Trasporti Guido Corbellini (DC) Angelo Raffaele Jervolino
Poste e Telecomunicazioni
Umberto Merlin (DC) fino al 15/12/47
Ludovico D'Aragona (PSLI) dal 15/12/47
Francesco De Vita (dal 22/12/47)
Industria e Commercio
Giuseppe Togni (DC) fino al 15/12/47
Roberto Tremelloni (PSLI) dal 15/12/47
Antonio Cavalli (dal 12/09/47)
Commercio con l'Estero Cesare Merzagora (DC) Pietro Bulloni
Marina Mercantile Paolo Cappa (DC)
Lavoro e Previdenza Sociale Amintore Fanfani (DC) Luciano Magrini (dal 22/12/47)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Stampa
  2. ^ Prima pagina della Stampa Sera, in Stampa Sera, 2 giugno 1947.
  3. ^ Il quarto Ministero De Gasperi - I nuovi ministri giurano domani, in Corriere della Sera, 31 maggio 1947.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]