Governo Cossiga I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Cossiga I
Cossiga Francesco.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioFrancesco Cossiga
(DC)
CoalizioneDC, PSDI, PLI
LegislaturaVIII Legislatura
Giuramento5 agosto 1979
Dimissioni19 marzo 1980
Governo successivoCossiga II
4 aprile 1980
Left arrow.svg Andreotti V Cossiga II Right arrow.svg

Il Governo Cossiga I fu il trentaseiesimo governo della Repubblica Italiana, il primo dell'VIII legislatura.

Il governo rimase in carica dal 5 agosto 1979[1][2][3] al 4 aprile 1980[4], per un totale di 243 giorni, ovvero 7 mesi e 30 giorni.

Ottenne la fiducia della Camera sabato 11 agosto 1979 con 287 voti favorevoli (Dc, Psdi, Pli, Svp e Union Valdotaine), 242 voti contrari (Pci, Pr, Pdup, Msi, Indipendenti di Sinistra e il rappresentante dell'Associazione per Trieste) e 65 astenuti (Psi e Pri).

Il Senato gli votò la fiducia domenica 12 agosto con 153 voti favorevoli (Dc, Psdi, Pli, Svp e Union Valdotaine) e 118 voti contrari (Pci, Indipendenti di Sinistra, Pr e Msi). Poiché per il regolamento del Senato l'astensione valeva come voto contrario, Psi e Pri uscirono dall'aula e non parteciparono al voto.

Il Governo Cossiga I diede le dimissioni il 19 marzo 1980[5][6].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei deputati Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialdemocratico Italiano
Partito Socialista Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Partito Liberale Italiano
Südtiroler Volkspartei
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
262
20
62
16
9
4
1
374
Partito Comunista Italiano
Movimento Sociale Italiano
Partito Radicale
PdUP per il comunismo
Associazione per Trieste
Totale Opposizione
201
30
18
6
1
256
Totale 630
Senato della Repubblica Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Socialdemocratico Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Südtiroler Volkspartei
Partito Liberale Italiano
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
138
32
9
6
3
2
1
191
Partito Comunista Italiano
Movimento Sociale Italiano
Partito Radicale
Totale Opposizione
109
13
2
124
Totale 315

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Cossiga (DC)

Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Salerno (DC)

Piergiorgio Bressani (DC)

Ministeri senza portafoglio[modifica | modifica wikitesto]

Coordinamento iniziative per la ricerca scientifica e tecnologica Vito Scalia ( DC)
Funzione pubblica Massimo Severo Giannini (Ind. quota Psi)
Interventi straordinari nel Mezzogiorno Michele Di Giesi (PSDI)
Rapporti col Parlamento Adolfo Sarti (DC) fino al 14/01/1980
Clelio Darida (DC) dal 14/01/1980

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Maria Malfatti (DC) fino al 14/01/1980
Attilio Ruffini (DC) dal 14/01/1980
Sottosegretari Antonio Baslini (PLI), Giorgio Santuz (DC), Giuseppe Zamberletti (DC)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Virginio Rognoni (DC)
Sottosegretari Clelio Darida (DC) (fino al 14/01/1980), Nicola Lettieri (DC), Bruno Kessler (DC), Marino Corder (DC) (dal 18/01/1980)

Grazia e Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Tommaso Morlino (DC)
Sottosegretari Giuseppe Gargani (DC), Raffaele Costa (PLI)

Bilancio e Programmazione Economica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Beniamino Andreatta (DC)
Sottosegretari Lucio Gustavo Abis (DC)

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Reviglio (Ind.PSI)
Sottosegretari Giuseppe Amadei (PSDI), Giuseppe Azzaro (DC), Francesco Colucci (PSI), Mauro Ianniello (DC)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Filippo Maria Pandolfi (DC)
Sottosegretari Enzo Erminero (DC), Giorgio Ferrari, Vincenzo Mancini (DC), Rodolfo Tambroni Armaroli (DC), Eugenio Tarabini (DC)

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Attilio Ruffini (DC) fino al 14/01/1980
Adolfo Sarti (DC) dal 14/01/1980
Sottosegretari Giovanni Del Rio (DC), Amerigo Petrucci (DC), Martino Scovacricchi (PSDI)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Salvatore Valitutti (PLI)
Sottosegretari Baldassare Armato (DC), Antonino Drago (DC), Franca Falcucci (DC)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Nicolazzi (PSDI)
Sottosegretari Giovanni Angelo Fontana (DC), Renato Corà (DC), Luigi Giglia (DC)

Agricoltura e Foreste[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Marcora (DC)
Sottosegretari Ferruccio Pisoni (DC), Calogero Pumilia (DC) (dal 06/11/1979)

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Preti (PSDI)
Sottosegretari Bartolomeo Ciccardini (DC), Costante Degan (DC), Calogero Pumilia (DC) (fino al 06/11/1979)

Poste e Telecomunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vittorino Colombo (DC)
Sottosegretari Giosi Roccamonte (PSDI), Elio Tiriolo (DC)

Industria, Commercio e Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Antonio Bisaglia (DC)
Sottosegretari Alberto Ciampaglia (PSDI) (fino al 13/02/1980), Bruno Corti (PSDI) (dal 13/02/1980), Francesco Rebecchini (DC), Ferdinando Russo (DC)

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Renato Altissimo (PLI)
Sottosegretari Bruno Orsini (DC), Vittoria Quarenghi (DC)

Commercio con l'Estero[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Gaetano Stammati (DC)
Sottosegretari Carlo Baldi (DC), Carlo Fracanzani (DC)

Marina Mercantile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Evangelisti (DC) fino al 04/03/1980
Nicola Signorello (DC) dal 04/03/1980
Sottosegretari Natale Pisicchio (DC)

Partecipazioni Statali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Siro Lombardini (DC)
Sottosegretari Giuseppe Antonio Dal Maso (DC), Carlo Vizzini (PSDI) (fino al 13/02/1980), Alberto Bemporad (PSDI) (dal 13/02/1980)

Lavoro e Previdenza Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vincenzo Scotti (DC)
Sottosegretari Costantino Belluscio (PSDI), Peppino Manente Comunale (DC), Arturo Pacini (DC), Francesco Quattrone (DC)

Beni Culturali e Ambientali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Egidio Ariosto (PSDI)
Sottosegretari Rolando Picchioni (DC)

Turismo e Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Bernardo D'Arezzo (DC)
Sottosegretari Leandro Fusaro (DC)

Suddivisione dei partiti nel governo[modifica | modifica wikitesto]

    • Presidenza del Consiglio dei Ministri: DC
    • DC: 17 ministri, 38 sottosegretari;
    • PSDI: 3 ministri, 6 sottosegretari;
    • PLI: 2 ministri, 2 sottosegretari;
    • Indipendenti: 2 ministri (area PSI), 1 sottosegretario (area PSI)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comunicato, in "Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana", "Serie generale", n. 218, 9 agosto 1979, pp. 6682-6683.
  2. ^ Il governo ha giurato (PDF), in l'Unità, 6 agosto 1979 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  3. ^ Luigi Bianchi, Cossiga ha formato il nuovo governo con ministri, DC, PSDI, PLI e tecnici, stamane il giuramento, in Corriere della Sera, 5 agosto 1979.
  4. ^ Nel governo tre ministri in più (PDF), in l'Unità, 5 aprile 1980 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comunicato, in "Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana", "Serie generale", n. 100, 11 aprile 1980, p. 3235.
  6. ^ Il Paese senza governo - Un reincarico a Cossiga?, in La Stampa, 20 marzo 1980.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]