Governo Cossiga I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governo Cossiga I
Francesco Cossiga 1979.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioFrancesco Cossiga
(DC)
CoalizioneDC, PSDI, PLI
LegislaturaVIII Legislatura
Giuramento5 agosto 1979
Dimissioni19 marzo 1980
Governo successivoCossiga II
4 aprile 1980
Left arrow.svg Andreotti V Cossiga II Right arrow.svg
Il governo con il Presidente della Repubblica il giorno del giuramento

Il Governo Cossiga I fu il trentaseiesimo governo della Repubblica Italiana, il primo dell'VIII legislatura.

Il governo rimase in carica dal 5 agosto 1979[1][2][3] al 4 aprile 1980[4], per un totale di 243 giorni, ovvero 7 mesi e 30 giorni.

Ottenne la fiducia della Camera sabato 11 agosto 1979 con 287 voti favorevoli (Dc, Psdi, Pli, Svp e Union Valdotaine), 242 voti contrari (Pci, Pr, Pdup, Msi, Indipendenti di Sinistra e il rappresentante dell'Associazione per Trieste) e 65 astenuti (Psi e Pri).

Il Senato gli votò la fiducia domenica 12 agosto con 153 voti favorevoli (Dc, Psdi, Pli, Svp e Union Valdotaine) e 118 voti contrari (Pci, Indipendenti di Sinistra, Pr e Msi). Poiché per il regolamento del Senato l'astensione valeva come voto contrario, Psi e Pri uscirono dall'aula e non parteciparono al voto.

Il Governo Cossiga I diede le dimissioni il 19 marzo 1980[5][6].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei deputati Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialdemocratico Italiano
Partito Socialista Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Partito Liberale Italiano
Südtiroler Volkspartei
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
262
20
62
16
9
4
1
374
Partito Comunista Italiano
Movimento Sociale Italiano
Partito Radicale
PdUP per il comunismo
Associazione per Trieste
Totale Opposizione
201
30
18
6
1
256
Totale 630
Senato della Repubblica Seggi
Democrazia Cristiana
Partito Socialista Italiano
Partito Socialdemocratico Italiano
Partito Repubblicano Italiano
Südtiroler Volkspartei
Partito Liberale Italiano
Union Valdôtaine
Totale Maggioranza
138
32
9
6
3
2
1
191
Partito Comunista Italiano
Movimento Sociale Italiano
Partito Radicale
Totale Opposizione
109
13
2
124
Totale 315

Presidente del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Cossiga (DC)

Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Piergiorgio Bressani (DC) (Segretario del Consiglio dei ministri)
Aldo Bassi (DC)
Carmelo Francesco Salerno (DC) (cassa per il Mezzogiorno)
Sergio Cuminetti (DC) (stampa)
Francesco Vittorio Mazzola (DC) (servizi di sicurezza)
Dino Riva (PSDI) (ricerca scientifica)

Ministeri senza portafoglio[modifica | modifica wikitesto]

Coordinamento iniziative per la ricerca scientifica e tecnologica Vito Scalia ( DC)
Funzione pubblica Massimo Severo Giannini (Ind. PSI)
Interventi straordinari nel Mezzogiorno Michele Di Giesi (PSDI)
Rapporti col Parlamento Adolfo Sarti (DC) fino al 14/01/1980
Clelio Darida (DC) dal 14/01/1980

Ministeri[modifica | modifica wikitesto]

Affari esteri[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Maria Malfatti (DC) fino al 14/01/1980
Attilio Ruffini (DC) dal 14/01/1980
Sottosegretari Antonio Baslini (PLI), Giorgio Santuz (DC), Giuseppe Zamberletti (DC)

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Virginio Rognoni (DC)
Sottosegretari Clelio Darida (DC) (fino al 14/01/1980), Nicola Lettieri (DC), Bruno Kessler (DC), Marino Corder (DC) (dal 18/01/1980)

Grazia e Giustizia[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Tommaso Morlino (DC)
Sottosegretari Giuseppe Gargani (DC), Raffaele Costa (PLI)

Bilancio e Programmazione Economica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Beniamino Andreatta (DC)
Sottosegretari Lucio Gustavo Abis (DC)

Finanze[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Reviglio (Ind.PSI)
Sottosegretari Giuseppe Amadei (PSDI), Giuseppe Azzaro (DC), Francesco Colucci (PSI), Mauro Ianniello (DC)

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Filippo Maria Pandolfi (DC)
Sottosegretari Enzo Erminero (DC), Giorgio Ferrari, Vincenzo Mancini (DC), Rodolfo Tambroni Armaroli (DC), Eugenio Tarabini (DC)

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Attilio Ruffini (DC) fino al 14/01/1980
Adolfo Sarti (DC) dal 14/01/1980
Sottosegretari Giovanni Del Rio (DC), Amerigo Petrucci (DC), Martino Scovacricchi (PSDI)

Pubblica Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Salvatore Valitutti (PLI)
Sottosegretari Baldassare Armato (DC), Antonino Drago (DC), Franca Falcucci (DC)

Lavori Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Nicolazzi (PSDI)
Sottosegretari Giovanni Angelo Fontana (DC), Renato Corà (DC), Luigi Giglia (DC)

Agricoltura e Foreste[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Giovanni Marcora (DC)
Sottosegretari Ferruccio Pisoni (DC), Calogero Pumilia (DC) (dal 06/11/1979)

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Luigi Preti (PSDI)
Sottosegretari Bartolomeo Ciccardini (DC), Costante Degan (DC), Calogero Pumilia (DC) (fino al 06/11/1979)

Poste e Telecomunicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vittorino Colombo (DC)
Sottosegretari Giosi Roccamonte (PSDI), Elio Tiriolo (DC)

Industria, Commercio e Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Antonio Bisaglia (DC)
Sottosegretari Alberto Ciampaglia (PSDI) (fino al 13/02/1980), Bruno Corti (PSDI) (dal 13/02/1980), Francesco Rebecchini (DC), Ferdinando Russo (DC)

Sanità[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Renato Altissimo (PLI)
Sottosegretari Bruno Orsini (DC), Vittoria Quarenghi (DC)

Commercio con l'Estero[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Gaetano Stammati (DC)
Sottosegretari Carlo Baldi (DC), Carlo Fracanzani (DC)

Marina Mercantile[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Franco Evangelisti (DC) fino al 04/03/1980
Nicola Signorello (DC) dal 04/03/1980
Sottosegretari Natale Pisicchio (DC)

Partecipazioni Statali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Siro Lombardini (DC)
Sottosegretari Giuseppe Antonio Dal Maso (DC), Carlo Vizzini (PSDI) (fino al 13/02/1980), Alberto Bemporad (PSDI) (dal 13/02/1980)

Lavoro e Previdenza Sociale[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Vincenzo Scotti (DC)
Sottosegretari Costantino Belluscio (PSDI), Peppino Manente Comunale (DC), Arturo Pacini (DC), Francesco Quattrone (DC)

Beni Culturali e Ambientali[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Egidio Ariosto (PSDI)
Sottosegretari Rolando Picchioni (DC)

Turismo e Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Ministro Bernardo D'Arezzo (DC)
Sottosegretari Leandro Fusaro (DC)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comunicato, in "Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana", "Serie generale", n. 218, 9 agosto 1979, pp. 6682-6683.
  2. ^ Il governo ha giurato (PDF), in l'Unità, 6 agosto 1979 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  3. ^ Luigi Bianchi, Cossiga ha formato il nuovo governo con ministri, DC, PSDI, PLI e tecnici, stamane il giuramento, in Corriere della Sera, 5 agosto 1979.
  4. ^ Nel governo tre ministri in più (PDF), in l'Unità, 5 aprile 1980 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  5. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri. Comunicato, in "Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana", "Serie generale", n. 100, 11 aprile 1980, p. 3235.
  6. ^ Il Paese senza governo - Un reincarico a Cossiga?, in La Stampa, 20 marzo 1980.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]