Calogero Pumilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calogero Pumilia
Calogero Pumilia.jpg
Calogero Pumilia nel 2019

Sindaco di Caltabellotta
Durata mandato 30 ottobre 1974 –
16 gennaio 1977

Durata mandato 28 maggio 2003 –
27 maggio 2014

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 25 maggio 1972 –
22 aprile 1992
Legislature VI, VII, VIII, IX, X
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione Sicilia
Collegio Palermo
Incarichi parlamentari
Vedi sotto
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (1954-1994)
PR (1994-1995)
PPI (1995-2002)
DL (2002-2007)
PD (dal 2007)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Laurea in studi filosofici e storici
Università Università degli Studi di Palermo
Professione Funzionario pubblico, pubblicista

Calogero Pumilia (Caltabellotta, 27 dicembre 1936) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato presidente dell'Organismo Universitario Palermitano, dirigente nazionale dei giovani della Democrazia Cristiana, redattore del periodico Sicilia Domani e direttore del periodico Sicilia Oggi.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre è stato Deputato della Democrazia Cristiana dalla VI alla X legislatura e ha fatto parte come Sottosegretario di Stato dei Governi Andreotti IV e Andreotti V, Cossiga I e Cossiga II.

Uffici di Governo[modifica | modifica wikitesto]

  • Governo Andreotti IV: Sottosegretario di Stato al Lavoro e Previdenza Sociale dal 15 marzo 1978 al 20 marzo 1979;
  • Governo Andreotti V: Sottosegretario di Stato al Lavoro e Previdenza Sociale dal 28 marzo 1979 al 4 agosto 1979;
  • Governo Cossiga I: Sottosegretario di Stato ai Trasporti dall'8 agosto 1979 al 6 novembre 1979;
  • Governo Cossiga I: Sottosegretario di Stato all'Agricoltura e Foreste dal 6 novembre 1979 al 4 aprile 1980;
  • Governo Cossiga II: Sottosegretario di Stato al Lavoro e Previdenza Sociale dal 5 aprile 1980 all'11 aprile 1980;
  • Governo Cossiga II: Sottosegretario di Stato al Tesoro dall'11 aprile 1980 al 18 ottobre 1980.

Incarichi parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

  • VI legislatura
    • VI Commissione (Finanze e Tesoro)
    • X Commissione (Trasporti)
    • Rappresentanza Italiana all'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa
    • Rappresentanza italiana all'Unione Europea Occidentale
  • VII legislatura
    • VI Commissione (Finanze e Tesoro)
    • Commissione parlamentare per il parere al Governo sulle norme delegate relative alla riforma tributaria
    • Commissione parlamentare per il parere al Governo sulle norme delegate in materia di dazi doganali
    • Commissione inquirente per i procedimenti di accusa
  • VIII legislatura
    • V Commissione (Bilancio e Partecipazioni Statali)
    • XIII Commissione (Lavoro e Previdenza Sociale)
    • Commissione parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle partecipazioni statali
  • IX legislatura
    • V Commissione (Bilancio e Partecipazioni Statali)
    • VI Commissione (Finanze e Tesoro)
    • X Commissione (Trasporti)
    • Commissione parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle partecipazioni statali
  • X legislatura
    • VI Commissione (Finanze)
    • X Commissione (Attività produttive)
    • Commissione speciale per le Politiche Comunitarie
    • Commissione parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle partecipazioni statali

Sindaco di Caltabellotta[modifica | modifica wikitesto]

È stato Sindaco di Caltabellotta dal 30 ottobre 1974 al 16 gennaio 1977, dal 28 maggio 2003 all'11 dicembre 2003[1], quando è decaduto a seguito di un ricorso per ineleggibilità[2]. Si ricandida alle successive elezioni amministrative del 2004 e viene rieletto[3]. Nel 2009 si ripresenta e diviene nuovamente sindaco di Caltabellotta[4].

Dopo la DC[modifica | modifica wikitesto]

Ha militato nella Margherita e successivamente nel Partito Democratico[5], nel quale ricopre l'incarico di componente della commissione regionale di garanzia. È stato consigliere di amministrazione di Poste Italiane e presidente di Poste.com dal 1999 al 2000. Dal 2015 è presidente della Fondazione Orestiadi Istituto di Alta Cultura, Gibellina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Calogero Pumilia, Attraversando la politica, Palermo, Centro Sturzo, 1997.
  • Calogero Pumilia, La Sicilia al tempo della Democrazia Cristiana, Rubbettino, 1998, ISBN 88-7284-582-3.
  • Calogero Pumilia, Ti la scordi la Merica!, Sciacca, Aulino Editore, 2016, ISBN 978-88-86911-64-1.
  • Calogero Pumilia, Partecipazione e cambiamento. Un'(auto) biografia politica della Sicilia, in Sintesi e proposte, vol. 73, Lussografica, 2018, ISBN 9788882434779.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutti i Sindaci di Caltabellotta, su caltabellotta.com. URL consultato il 28 novembre 2009.
  2. ^ L' ex dc Pumilia decade da sindaco, in La Repubblica, 13 dicembre 2003, p. 4 sezione:Palermo. URL consultato il 28 novembre 2009.
  3. ^ (PDF) Elezioni amministrative - I turno del 12 e 13 giugno 2004 (PDF), su Regione Siciliana - Assessorato Enti Locali. URL consultato il 28 novembre 2009.
  4. ^ Speciale elezioni 2009 - Elezioni Amministrative 6-7 giugno 2009 - Comunali - Caltabellotta, su La Repubblica. URL consultato il 28 novembre 2009.
  5. ^ Agrigento, nominato l'esecutivo del Partito democratico [collegamento interrotto], in La Repubblica, 12 novembre 2008. URL consultato il 28 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]