Egidio Ariosto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Egidio Ariosto
Egidio Ariosto.jpg

Questore della Camera dei deputati
Durata mandato 5 giugno 1968 –
24 maggio 1972

Ministro del turismo e dello spettacolo
Durata mandato 20 marzo 1979 –
4 agosto 1979
Presidente Giulio Andreotti
Predecessore Carlo Pastorino
Successore Bernardo D'Arezzo

Ministro per i beni culturali e ambientali
Durata mandato 4 agosto 1979 –
19 marzo 1980
Presidente Francesco Cossiga
Predecessore Dario Antoniozzi
Successore Oddo Biasini

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, V Legislatura
Gruppo
parlamentare
PSDI
Circoscrizione Brescia
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature VI, VII, VIII Legislatura
Gruppo
parlamentare
PSDI
Circoscrizione Lombardia
Collegio Salò
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSDI
Titolo di studio Laurea in filosofia e pedagogia
Professione Insegnante

Egidio Ariosto (Casto, 26 marzo 1911Roma, 16 settembre 1998[1]) è stato un politico italiano, attivo nel Partito Socialista Democratico Italiano, più volte deputato, senatore, e membro di vari governi.

Uffici parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame del disegno di legge n. 11: "Conversione in legge del decreto-legge 11 giugno 1958, n. 573, concernente la proroga del termine stabilito dall'art.23 della legge 31 luglio 1956, n. 897, contenente disposizioni sulla cinematografia e successive modificazioni" dal 18 giugno 1958 al 3 luglio 1958
  • Vicepresidente della I Commissione (affari costituzionali) dal 21 gennaio 1964 al 20 gennaio 1965
  • Vicepresidente della VIII Commissione (istruzione e belle arti) dal 21 gennaio 1965 all'11 gennaio 1967
  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame dei progetti di legge relativi alle zone depresse del centro nord dal 20 giugno 1966 al 4 giugno 1968
  • Questore della Camera dei deputati dal 5 giugno 1968 al 24 maggio 1972

Uffici di Governo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313548425 · WorldCat Identities (EN313548425