XI legislatura della Repubblica Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XI Legislatura
Italia Italia
Elezioni Elezioni politiche del 1992
Governi: Amato I, Ciampi
DC
206 / 630
(Seggi Camera)
107 / 315
(Seggi Senato)
PDS
107 / 630
(Seggi Camera)
64 / 315
(Seggi Senato)
PSI
92 / 630
(Seggi Camera)
49 / 315
(Seggi Senato)
LN
55 / 630
(Seggi Camera)
25 / 315
(Seggi Senato)
PRC
35 / 630
(Seggi Camera)
20 / 315
(Seggi Senato)
MSI-DN
34 / 630
(Seggi Camera)
16 / 315
(Seggi Senato)
PRI
27 / 630
(Seggi Camera)
10 / 315
(Seggi Senato)
PLI
17 / 630
(Seggi Camera)
4 / 315
(Seggi Senato)
Precedenti X
Successive XII

L'XI Legislatura della Repubblica Italiana è stata in carica dal 23 aprile 1992 al 14 aprile 1994, per un totale di 722 giorni. È stata la legislatura più breve della storia della Repubblica Italiana nonché l'ultima della cosiddetta Prima Repubblica.

Il 25 maggio 1992, al 13º giorno di elezione, il Presidente della Camera Oscar Luigi Scalfaro è eletto Capo dello Stato con 672 voti su 1002.

Governi[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza che si costituisce in Parlamento è determinata dall'asse DC - PSI, in alleanza con PSDI e PLI. Durante la legislatura si affronta una grave crisi finanziaria, si assiste allo sviluppo dello scandalo di Tangentopoli, all'attacco allo Stato italiano da parte di Cosa Nostra e si tengono importanti referendum sulla legge elettorale; questi fattori portano a un progressivo sfaldamento dei partiti tradizionali.

Camera dei deputati[modifica | modifica wikitesto]

Ufficio di Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

  1. Alfredo Biondi (PLI),
  2. Mario D'Acquisto (DC) fino al 17 giugno 1993,
  3. Tarcisio Gitti (DC) dal 25 giugno 1992,
  4. Silvano Labriola (PSI) dal 30 aprile 1992,
  5. Clemente Mastella (DC) dal 1º luglio 1993,
  6. Stefano Rodotà (PDS) fino al 4 giugno 1992;
  • Questori:
  1. Francesco Colucci (PSI),
  2. Elena Montecchi (PDS),
  3. Renzo Patria (DC);
  • Segretari:
  1. Renato Albertini (PRC),
  2. Elisabetta Bertotti (LN),
  3. Marco Boato (I Verdi),
  4. Emma Bonino (Federalista Europeo),
  5. Antonio Bruno (PSDI),
  6. Mario Dal Castello (DC),
  7. Paolo De Paoli (PSDI) fino al 6 maggio 1993,
  8. Mauro Dutto (PRI) fino al 26 novembre 1992,
  9. Michl Ebner (Gruppo Misto),
  10. Alfredo Galasso (La Rete),
  11. Gaetano Gorgoni (PRI),
  12. Giulio Maceratini (MSI),
  13. Raffaele Mastrantuono (PSI),
  14. Maria Luisa Sangiorgio (PDS),
  15. Giuliano Silvestri (DC).

Capigruppo parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Commissioni parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio di Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

  1. Luigi Granelli (DC),
  2. Gino Scevarolli (PSI),
  3. Giorgio De Giuseppe (DC),
  4. Luciano Lama (PDS);
  • Questori:
  1. Vittorio Marniga (PSI),
  2. Edda Fagni (PRC),
  3. Elio Fontana (DC);
  • Segretari:
  1. Graziella Tossi (PDS),
  2. Niccolò Grassi Bertazzi (DC),
  3. Cristoforo Filetti (MSI),
  4. Maria Rosaria Manieri (PSI),
  5. Angelo Donato (DC),
  6. Annamaria Procacci (I Verdi),
  7. Francesco Candioto (Gruppo Misto),
  8. Francesco Raffaele Piccolo (PRC),
  9. Cesare Amato Dujany (Gruppo Misto),
  10. Marcello Staglieno (LN).

Capigruppo parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Commissioni parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]