Ministero del turismo e dello spettacolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ministero del turismo e dello spettacolo
StatoItalia Italia
TipoMinistero
Istituito1959
daGoverno Segni II
SuccessoreMinistero per i beni e le attività culturali
MinistroDario Franceschini (dal 5/9/2019 come Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo)

Il Ministero del turismo e dello spettacolo è stato un dicastero del governo italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Ministero del turismo e dello spettacolo è stato istituito dal Governo Segni II con la Legge 31 luglio 1959, n. 617.

È stato abrogato con un referendum del 15 aprile 1993 promosso dai Radicali.

Tuttavia è sempre rimasto un Dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che di volta in volta ha incaricato un sottosegretario o un ministro senza portafoglio ad hoc. La sua eredità è stata raccolta nel 2006 dal Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo, abolito nel 2012; nel 2013, il Governo Letta trasferisce le deleghe sul turismo al Ministero per i beni e le attività culturali, dove risiedono tuttora (salvo la breve parentesi di trasferimento, sotto il Governo Conte I, presso il Ministero dell'agricoltura).

Elenco dei ministri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ministri per il turismo della Repubblica Italiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]