Franco Reviglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Reviglio
Franco Reviglio.JPG

Ministro delle finanze
Durata mandato 4 agosto 1979 –
26 giugno 1981
Presidente Arnaldo Forlani

Francesco Cossiga

Predecessore Franco Maria Malfatti
Successore Rino Formica

Ministro del bilancio e della programmazione economica
Durata mandato 28 giugno 1992 –
28 aprile 1993
Presidente Giuliano Amato
Predecessore Paolo Cirino Pomicino
Successore Luigi Spaventa

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione Piemonte
Collegio Verbano-Cusio-Ossola
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano
Professione Docente universitario

Franco Reviglio (Torino, 3 febbraio 1935) è un accademico, politico e ministro della Repubblica italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1971 viene nominato professore ordinario di economia pubblica alla Facoltà di Economia dell'Università di Torino.
Ha ricoperto incarichi di primo piano, nella politica e nell'economia nazionale: è stato Ministro delle finanze (1979-81) e Ministro del bilancio e della programmazione economica e per gli Interventi straordinari nel Mezzogiorno (1992-93), nonché Presidente e amministratore delegato dell'E.N.I. (Ente Nazionale Idrocarburi) nel periodo dal 1983 al 1989. Durante la sua guida la struttura e le attività' dell'E.N.I. vengono ampiamente riorganizzate, e, anche attraverso la privatizzazione delle partecipate considerate improduttive, l'azienda ritrova stabilita' rilanciandosi verso un nuovo periodo di crescita[1][2][3][4]. Durante questo periodo Reviglio istituisce diverse iniziative di carattere scientifico e storico, tra cui la costituzione della Fondazione Mattei e dell'Archivio Storico dell'E.N.I.[5]. Reviglio è ricordato soprattutto per la lotta all'evasione fiscale che intraprese durante il suo primo incarico di Ministro delle finanze. Tra le varie misure introdotte vengono ricordate l'obbligatorietà' dei registratori di cassa per i commercianti, il libro rosso degli evasori e la ricevuta fiscale, quest'ultima motivo per cui Reviglio è tutt'oggi considerato il "padre" dello scontrino in Italia.[1][6][7][8][9][10]

Fu poi consigliere di amministrazione di Edipower e del Consiglio generale della Fondazione di Venezia[11]. Editorialista de Il Messaggero.

Tra i suoi collaboratori, da giovani, Giulio Tremonti, Domenico Siniscalco, Alberto Meomartini, Mario Baldassarri e Franco Bernabè: furono tutti componenti di un brain trust che fu poi chiamato i “Reviglio boys[12] e che fu spesso associato ad idee liberalsocialiste.[13]

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

  • Ministero del Tesoro, Commissione tecnica per la spesa pubblica, Presidente (1981-83)
  • Senatore (1992-94)
  • Università di Torino, Facoltà di Giurisprudenza, Assistente volontario (1959-64)
  • Fondo Monetario Internazionale, Washington DC, Economista (1964-66)
  • Università di Urbino (sede di Ancona), Professore incaricato (1966-68)
  • Università di Torino, Professore ordinario di Scienza delle finanze (1968-)
  • Istituto Internazionale di Finanza Pubblica, Membro del Comitato esecutivo (1967-69)
  • Università di Torino, Membro del Consiglio di amministrazione (1971-72)
  • Ministero del Bilancio e della Programmazione economica, Consulente (1974-79)
  • Ministero delle Finanze, Commissione Tributaria Centrale, Membro (1976-79)
  • Ministero delle Finanze, Comitato tecnico per la riforma tributaria, Membro (1976-79)
  • Ministero del Bilancio, Comitato tecnico per la programmazione economica, Membro (1981-89)
  • Comune di Torino, Consigliere (1981-83)
  • Banca Wasserstein-Perella, Senior Advisor (1990-92)
  • Meesg (Middle-East Economic Strategy Group), Council for Foreign Relations, Membro (1994-95)
  • Università di Torino, Dipartimento di scienze economiche e finanziarie "Giuseppe Prato", Direttore (1995-00)
  • Fondo Monetario Internazionale, Washington DC, Visiting Fellow (settembre-dicembre 1999)
  • Finmeccanica, Consigliere (Membro del comitato strategico) (2003-05)
  • Aem Torino (Azienda energetica metropolitana), Amministratore delegato (2000-05)
  • Aem Torino (Azienda energetica metropolitana), Presidente (2000-06)
  • Aes (Azienda energia e servizi), Presidente (2001-06)
  • Docente presso la SSST - Scuola di Studi Superiori dell'Università degli Studi di Torino
  • Lehman Brothers, Senior Advisor (2002-giugno 08)
  • Il Corriere della Sera, La Stampa, L'Espresso e Il Sole-24Ore, Editorialista (1978-96)
  • ESCP Europe, Professore in Economia Pubblica (2005-)
  • Fondazione per gli Alti Studi sull'Arte (FASA), Presidente (2008-2009)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Autore di numerosi saggi pubblicati in riviste italiane e straniere e di alcuni libri, tra cui:

  • (con F. Forte), La finanza della sicurezza sociale., Utet, Torino 1969
  • Spesa pubblica e stagnazione dell'economia italiana, Il Mulino, Bologna 1977
  • (con E.Gerelli, a cura di), Per una politica della spesa pubblica, Angeli 1978
  • Le chiavi del 2000, Mondadori, Milano 1990
  • Meno Stato più Mercato, Mondadori, Milano 1994
  • Lo Stato imperfetto, Rizzoli, Milano 1996
  • Come siamo entrati in Europa e perché potremmo uscirne, Utet, Torino 1998
  • Sanità. Senza vincoli di spesa?, Il Mulino, Bologna 1999
  • Istituzioni di economia pubblica, 2 ed., Giappichelli, Torino 2005
  • Per restare in Europa. Ridurre l'evasione e riformare la spesa pubblica, Utet, Torino 2006
  • La spesa pubblica, Marsilio Editore, Venezia 2007
  • Goodbye Keynes?, Guerini e Associati, Milano 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ginsborg, Paul. Storia d'Italia dal dopoguerra a oggi., Storia d'Italia dal dopoguerra a oggi., Giulio Einaudi Editore, 1989, p. 408.
  2. ^ Revìglio, Franco. Enciclopedia Treccani, treccani.it.
  3. ^ books.google.co.in, https://books.google.co.in/books?id=DfavmO_42ccC&pg=PT101&dq=franco+reviglio&hl=en&sa=X&ved=0ahUKEwjaz-jd7OLPAhVMuhQKHczDBbs4ChDoAQhMMAg#v=onepage&q=franco%20reviglio&f=false .
  4. ^ Marco Simoni, Senza alibi: Perché il capitalismo italiano non cresce più, Marsilio Editori, 30 maggio 2012, ISBN 978-88-317-3360-1. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  5. ^ Giuseppe Accorinti, Quando Mattei era l'impresa energetica - io c'ero -, HALLEY Editrice, 1º gennaio 2006, p. 7,302,314, ISBN 978-88-89920-05-3. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  6. ^ 1980: quando il maestro di Tremonti e Visco inventò lo scontrino fiscale, 30 gennaio 2012. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  7. ^ Reviglio: "Gli scontrini li inventai io a inizio anni '80, non capisco perché cancellarli", repubblica.it.
  8. ^ ECCO L' ITALIA CHE EVADE - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  9. ^ L'Espresso, Editrice L'Espresso, 1º gennaio 1981. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  10. ^ Enzo Biagi, Il Fatto, Nuova Eri, 1º gennaio 1995, p. 22, ISBN 978-88-17-84419-2. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  11. ^ Fondazione di Venezia - la missione
  12. ^ REVIGLIO Franco - biografia
  13. ^ Ritratti. Reviglio Boys (PDF), marcoferrante.eu.
Controllo di autorità VIAF: (EN120731263 · LCCN: (ENn50045226 · SBN: IT\ICCU\CFIV\080259 · ISNI: (EN0000 0000 8189 4480 · GND: (DE142291978 · BNF: (FRcb12391807p (data)
Predecessore Ministro delle finanze Successore Emblem of Italy.svg
Franco Maria Malfatti 4 agosto 1979 - 4 aprile 1980
(governo Cossiga I)
Franco Reviglio I
Franco Reviglio 4 aprile 1980 - 18 ottobre 1980
(governo Cossiga II)
Franco Reviglio II
Franco Reviglio 18 ottobre 1980 - 26 giugno 1981
(governo Forlani)
Rino Formica III
Predecessore Ministro del bilancio e della programmazione economica Successore Emblem of Italy.svg
Paolo Cirino Pomicino 28 giugno 1992 - 28 aprile 1993
(governo Amato I)
Luigi Spaventa