Luigi Chatrian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Chatrian
Luigi Chatrian.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Collegio Unico Nazionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Napoli
Incarichi parlamentari
  • Componente e Presidente della V Commissione (Difesa)
  • Componente della Commissione speciale per l'esame del disegno di legge n. 3077: "Ratifica ed esecuzione degli accordi internazionali per la costituzione della Comunità europea di difesa"
  • Componente della Commissione speciale per la ratifica dei decreti legislativi emanati nel periodo della Costituente

Dati generali
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione militare

Luigi Chatrian (Aosta, 7 novembre 189122 settembre 1967) è stato un generale e politico italiano.

Comandante del 9° reggimento alpini nel 1935/37, della Scuola Militare Nunziatella tra il 1937 ed il 1940 e della LI^ brigata speciale Lecce nel 1942 a Creta.

L'eccidio di Acquappesa[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del generale Chatrian è legato a una pagina nera della storia d'Italia: dopo la firma dell'armistizio di Cassibile e con gli Alleati già in Calabria, Chatrian, comandante della 227ª Divisione con sede a Castrovillari, ordinò la fucilazione immediata di cinque soldati italiani che si erano sbandati; la fucilazione avvenne ad Acquappesa nella notte fra l'8 e il 9 settembre 1943[1][2]. Commenta Corrado Stajano:

«Il generale Chatrian subirà conseguenze per il suo agire disumano, al di fuori di ogni disciplina militare che esige anch’essa il buon senso? Resterà tranquillamente nei quadri dell’esercito e farà anche carriera politica: nel dicembre 1944 diventerà uomo di governo democristiano, sottosegretario alla Guerra e poi alla Difesa in sei ministeri, parlamentare, presidente di commissione. Nelle inchieste e nei processi che verranno celebrati sulla strage la Magistratura militare starà bene attenta a non coinvolgerlo mai.»

(Corrado Stajano, «Gettare la divisa alle ortiche: in fuga dall’esercito del Duce», Corriere della Sera del 3 aprile 2016, p. 28)

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel dopoguerra Chatrian è stato deputato all'Assemblea Costituente, e deputato alla Camera nella I legislatura. Successivamente è stato Sottosegretario di Stato alla Guerra nel III Governo Bonomi, nel Governo Parri, nel I e nel II Governo De Gasperi, e Sottosegretario di Stato alla Difesa nel III e nel IV Governo De Gasperi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mimmo Franzinelli, Disertori: una storia mai raccontata della seconda guerra mondiale, Collezione Le scie, Milano: Mondadori, 2016, p. 151 segg. ISBN 978-88-04-65999-0 (Google libri)
  2. ^ Antonio Orlando, «L'eccidio di Acquappesa dell'8 settembre 1943», Rivista Calabrese di Storia del ‘900, Vol. 2, 2013, pp. 165-178 (pdf)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie