Luigi Anderlini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi Anderlini
Luigi Anderlini.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature III, IV e VI
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano fino al 17 novembre 1966, poi Misto
Circoscrizione Umbria
Collegio Perugia
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature V, VII, VIII e IX
Gruppo
parlamentare
Sinistra Indipendente
Circoscrizione Umbria (V, VII e VIII) e Lazio (IX)
Collegio Orvieto (V, VII e VIII) e Rieti (IX)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Professione insegnante

Luigi Silvestro Anderlini (Posta, 22 settembre 1921Roma, 26 marzo 2001) è stato un insegnante e politico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Già insegnante, fu deputato del Partito Socialista Italiano dal 1º luglio 1963 al 17 novembre 1966, e fu sottosegretario al Tesoro nel I governo Moro, dall'8 dicembre 1963 al 22 luglio 1964. Contrario all'unificazione socialista, nel novembre 1966 aderì al Movimento dei socialisti autonomi, aderendo quindi al Gruppo Misto della Camera. Venne in seguito eletto al Senato nelle liste del PSIUP. Fu tra i fondatori dell'Istituto di Ricerche "Archivio disarmo" e della LOC, nonché della rivista L'Astrolabio.

Lo scandalo SIFAR[modifica | modifica wikitesto]

Il settimanale L'Espresso, nel numero del 10 maggio 1967, sostenne che nel 1964 il presidente della Repubblica Antonio Segni e il capo del SIFAR, generale De Lorenzo, avevano tentato un colpo di stato. Nel numero successivo, L'Espresso riportò le testimonianze di Anderlini, del senatore Ferruccio Parri e del socialista Pasquale Schiano. Il Generale querelò per diffamazione il direttore de L'Espresso", Eugenio Scalfari, e l'autore degli articoli, Lino Jannuzzi; nel dicembre 1967 Anderlini e Parri testimoniarono al processo, ma il successivo 29 gennaio 1969 Anderlini riferirà alla Camera dell'esistenza di numerose censure nel testo del rapporto del generale Giorgio Manes, vicecomandante dei carabinieri consegnato al Tribunale di Roma per il processo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN40201857