Wilt Chamberlain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wilt Chamberlain
Wilt Chamberlain3.jpg
Wilt Chamberlain, nel 1958, con la casacca degli Harlem Globetrotters
Dati biografici
Nome Wilton Norman Chamberlain
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 217 cm
Peso 125 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centro
Allenatore
Ritirato 1973 - giocatore
1974 - allenatore
Hall of Fame Naismith Hall of Fame (1979)
Carriera
Giovanili
1951-1955
1955-1958
Overbrook High School
Kansas Jayhawks Kansas Jayhawks
Squadre di club
1958-1959 Harlem Globetr. Harlem Globetr.
1959-1962 Philad. Warriors Philad. Warriors 231 (9769)
1962-1965 S.F. Warriors S.F. Warriors 198 (7962)
1965-1968 Philadelphia 76ers Philadelphia 76ers 277 (7651)
1968-1973 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 339 (5905)
Carriera da allenatore
1973-1974 San Diego Conq. San Diego Conq. 37-47
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Wilton Norman Chamberlain detto Wilt (Filadelfia, 21 agosto 1936Los Angeles, 12 ottobre 1999) è stato un cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, professionista nella NBA.

Chamberlain, alto 2,17 metri, noto come Golia, Wilt the Stilt o The Big Dipper, detiene numerosi record statistici dell'NBA tra cui quello del maggior numero di punti in una singola partita (100)[1] e quello del maggior numero di rimbalzi in una singola partita (55). È considerato uno tra i migliori giocatori di pallacanestro della storia, ma è anche ricordato per il suo carattere irascibile, per il suo stile di vita votato all'eccesso e per lo stile di gioco da cannibale.

Morì d'infarto a 63 anni il 12 ottobre 1999 nella sua casa di Bel Air. Già nel 1992 era stato ricoverato in ospedale per un'aritmia cardiaca[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Wilton Norman Chamberlain nacque a Philadelphia, Pennsylvania, in una famiglia di nove figli, figlio di Olivia Ruth Johnson, una lavoratrice domestica e casalinga, e William Chamberlain, un saldatore, custode e tuttofare. Nei primi anni Chamberlain non si interessò al basket, perché pensava che fosse "un gioco da femminucce". Era invece appassionato d'atletica: da ragazzo aveva saltato 1,98 metri, corso le 440 yards in 49,0 secondi e le 880 yards in 1:58.3.

Chamberlain cambiò idea sul basket perché, essendo lui timido con le ragazze, e siccome il basket era lo sport preferito dalle ragazze stesse, iniziò a giocare. Chamberlain era un bambino molto alto, già alto 1,80 metri a 10 anni e 1,86 metri al suo ingresso nella Philadelphia Overbrook High School, ed ebbe un vantaggio naturale contro i suoi coetanei, ma presto si fece notare per il suo talento nel segnare, la forza fisica e il tiro in blocco.

Secondo il giornalista ESPN Hal Bock, Chamberlain era "spaventoso [...] prima del suo arrivo la maggior parte dei giocatori di basket erano uomini di normali dimensioni. Chamberlain ha cambiato tutto". Fu in questo periodo che ricevette i soprannomi che gli rimasero per sempre: "Wilt il trampolino", "Golia" e "The Big Dipper" (in italiano: il Grande Carro).

College[modifica | modifica sorgente]

Come giocatore per i Panthers Overbrook, Chamberlain ha tenuto una media di 31 punti a partita durante i campionati studenteschi del 1953 ed ha portato la sua squadra ad una vittoria 71-62 contro la Northeast High School del suo futuro compagno di squadra Guy Rodgers.

Ha segnato 34 punti e ha portato la sua squadra contro la vincente della Catholic League, la West Catholic. In quella partita, Chamberlain ha giocato l'intera partita, e nonostante i suoi 29 punti, i Panthers hanno perso 54-42.

Nella sua seconda stagione, Chamberlain ha continuato il suo punteggio prolifico, facendo addirittura il record della scuola superiore con 71 punti contro i Roxborough. I Panthers hanno comodamente vinto la Public League, battendo di nuovo la Nordest in una partita in cui Chamberlain ha segnato 40 punti, e più tardi ha vinto il City Title sconfiggendo la South Catholic per 74-50. Chamberlain ha segnato 32 punti e ha portato la sua squadra a vincere tutte le 19 partite a cui ha partecipato.

Nella terza e ultima stagione di Chamberlain, ha continuato la sua alta media di punteggio, facendo 74, 78 e 90 punti in tre partite consecutive. I Panthers hanno vinto il Public Title per la terza volta, battendo West Philadelphia 78-60, e il City Title partita di campionato, si sono incontrati di nuovo Occidente cattolico. Segnando 35 punti, Chamberlain ha portato la sua squadra a una facile vittoria per 83-42. Dopo 3 anni, Chamberlain aveva vinto 2 City Title, registrato un record di 56 partite vinte e 3 perse e aveva rotto il precedente record di Tom Gola segnando 2.252 punti e ha mantenuto una media di 37,4 punti a partita.

Dopo la sua ultima stagione, oltre 200 università volevano reclutare il talentuoso cestista. Tra gli altri, UCLA ha offerto Chamberlain l'opportunità di diventare una star del cinema. Cherry ha descritto che Chamberlain voleva un cambiamento e quindi non voleva andare vicino a Filadelphia (eliminando anche New York), non era interessato al New England, e ha snobbato il Sud a causa della segregazione razziale, lasciando il Midwest. Alla fine, dopo aver visitato l'Università del Kansas, anche comunemente noto come KU, con il rinomato allenatore del collegio, Phog Allen, Chamberlain ha scelto di andare a giocare a basket a KU.

NBA[modifica | modifica sorgente]

Prima di esordire nella NBA gioca una stagione con gli Harlem Globetrotters. Esordisce fra i professionisti coi Philadelphia Warriors nel 1959, dove resta fino al 1965, passando poi per tre anni ai Philadelphia 76ers e chiudendo la carriera con i Lakers. Ha vinto in tutto due titoli NBA, nel 1967 con Philadelphia e nel 1972 con i Los Angeles Lakers[3].

Wilt Chamberlain ai tempi di Philadelphia

Fra i suoi record c'è quello del maggior numero di punti segnati in una sola gara, 100, che realizzò il 2 marzo 1962 contro i New York Knicks a Hershey, Pennsylvania. In quella partita andò a canestro con trentasei tiri da due punti e ventotto tiri liberi[3]. Nella sua carriera, ha una media di oltre trenta punti e ventidue rimbalzi a partita.

Vinse quattro volte il premio di miglior giocatore della lega, undici volte la classifica del miglior rimbalzista, sette quella della miglior percentuale di tiro, sette (consecutivamente) quella del miglior marcatore; addirittura un anno ebbe il più alto numero di assist della lega (ma non la miglior media). È l'unico giocatore ad aver segnato più di 4000 punti in una stagione, con una media di circa 50 punti a partita[4]. In quattordici stagioni nella lega professionistica statunitense, non raggiunse mai il limite dei sei falli, nonostante fosse il pilastro della difesa della sua squadra[5]. Un'altra caratteristica incredibile di Chamberlain era la resistenza fisica: è di gran lunga il giocatore NBA con il minutaggio medio più alto di sempre (45.8 contro i 42.29 di Russell, secondo) ed in 9 delle sue prime 10 stagioni fu il leader della classifica in MPG (un anno fece registrare addrittura 48.5 minuti di media).

Chamberlain ha messo a segno 31.419 punti (5ª posizione assoluta) in 1.045 partite, il che lo collocava al primo posto della classifica del giocatore con il maggior numero di punti in carriera quando si è ritirato, nel 1974; quindici anni più tardi è stato superato da Kareem Abdul-Jabbar[6].

La sua media punti per gara in carriera, 30,07, è la seconda nella storia della NBA dietro solamente a quella di Michael Jordan (30,12).

Wilt Chamberlain è stato eletto nella Basketball Hall of Fame[7].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Philadelphia 76ers: 1967
Los Angeles Lakers: 1972

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1960, 1966, 1967, 1968
1972
1960
1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965, 1966, 1967, 1968, 1969, 1971, 1972, 1973
  • Squadre All-NBA:
First Team: 1960, 1961, 1962, 1964, 1965, 1966, 1967, 1968
Second Team: 1963, 1966, 1972
  • NBA All-Defensive Team:
1972, 1973
1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965, 1966
  • Miglior assistman NBA: 1968
  • Miglior rimbalzista NBA: 11
1960, 1961, 1962, 1963, 1966, 1967, 1968, 1969, 1971, 1972, 1973
1957, 1958

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Nel 1984 prese parte al film Conan il Distruttore di Richard Fleischer.[8]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Grazie alle sue straordinarie doti fisiche riusciva ad ottenere risultati incredibili in discipline atletiche quali salto in alto, getto del peso e 400 metri piani[9].

Una delle sue pecche tecniche più grandi fu l'imprecisione nei tiri liberi, ne sbagliò 5805 (Shaquille O'Neal è secondo in questa curiosa classifica).[10]

Nel 1971 avrebbe dovuto combattere in un match di pugilato contro l'allora Campione del Mondo dei Pesi massimi Muhammad Ali che però non fu mai disputato[11].

Nella sua autobiografia, pubblicata nel 1991, dal titolo «Visto dall'alto» dichiarò di aver fatto sesso con oltre 20.000 donne diverse[12].

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 113270090 LCCN: n/50/36964