Gregg Popovich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gregg Popovich
Pop shouting profanity.JPG
Gregg Popovich nel 2009, durante una partita dei San Antonio Spurs
Dati biografici
Nome Gregg Charles Popovich
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 91 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex general manager)
Squadra San Antonio Spurs San Antonio Spurs
Ritirato 2002 - general manager
Carriera
Giovanili

1968-1970
Merrilville High School
Air Force Falcons Air Force Falcons
Carriera da allenatore
1972-1978 Air Force Falcons Air Force Falcons (vice)
1979-1986 Ponoma-Pit. Sagehens Ponoma Sagehens 69-110
1988-1992 San Antonio Spurs San Antonio Spurs (vice)
1992-1994 Golden St. Warriors Golden St. Warriors (vice)
1996- San Antonio Spurs San Antonio Spurs 967-443
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 aprile 2014

Gregg Charles Popovich (East Chicago, 28 gennaio 1949) è un allenatore di pallacanestro e dirigente sportivo statunitense, professionista nella NBA, quinto coach di sempre per anelli conquistati.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato da genitori jugoslavi - padre serbo, madre croata - Gregg Popovich inizia l'attività di allenatore di basket già da molto giovane; infatti all'età di 23 anni diventa il vice allenatore della Air Force Academy, fino al 1978. Successivamente riceve l'incarico di allenare il Pomona-Pitizer College, ma con risultati mediocri. Nonostante ciò viene ingaggiato da una squadra di NBA, dai San Antonio Spurs come vice.

Resta tale fino al 1992, dopo di che si trasferisce a Oakland, ad allenare i Golden State Warriors, ma, ancora una volta, da secondo.

Nel 1996 viene richiamato ad allenare i San Antonio Spurs, ma questa volta da coach. Dopo vari anni di alti e bassi, nel 1997, sceglie Tim Duncan con la prima scelta assoluta. La scelta si scopre ben presto vincente, infatti gli Spurs vincono il titolo nel 1999, in finale contro i New York Knicks, il duo di lunghi David Robinson e Tim Duncan (MVP delle finals) si era rivelato vincente.

Ma Popovich non si ferma qua, infatti decide di prendere in squadra nel 2001 il francese Tony Parker e nel 2002 l'argentino Emanuel Ginóbili, anche queste scelte si rivelano quanto mai azzeccate, con la vittoria del secondo titolo nel 2003 e del terzo nel 2005, battendo in finale rispettivamente i New Jersey Nets (di Jason Kidd) all'ultima stagione di David Robinson, e i Detroit Pistons (campioni dell'anno precedente). Popovich non ottiene poi gli stessi risultati ottenuti precedentemente fino al 2007, quando vince il suo quarto titolo NBA, grazie ai big three (Duncan, Parker e Ginóbili), che battono in finale i Cleveland Cavaliers della stella LeBron James.

Vince la regular season della stagione 2011-12, ma dopo aver affondato gli Utah Jazz e i Los Angeles Clippers, escono dai play-off, in finale di Conference battuti per 4-2 dagli Oklahoma City Thunder.

Dopo essere stati dati per l'ennesima volta per spacciati, durante la stagione 2012-13, si guadagnano la testa di serie numero 2 della conference e fanno ancora vittime nei play-off: eliminati i Los Angeles Lakers al primo turno e i Golden State Warriors al secondo, eliminano con un secco 4-0 i Memphis Grizzlies nelle finali della Western Conference, accedendo per la quinta volta nella loro storia alle NBA Finals. Alle Finals incontrano i Miami Heat, reduci da una vittoria in gara 7 contro gli Indiana Pacers. La serie è molto bella e combattuta con gli Spurs che vincono gara-1, gara-3 e gara-5 arrivando sul 3-2 in gara 6 a Miami. In gara 6 mentre stanno vincendo 94-89 a 28 secondi dalla fine si fanno rimontare su due triple di LeBron James e Ray Allen che costringono a giocare l'overtime, dove gli Spurs perdono 100-103. In gara-7 sotto 88-90 nell'ultimo minuto, Tim Duncan sbaglia 2 punti facili, permettendo ai Miami Heat di allungare fino a +7 e vincere il loro 3º titolo.

Nel 2013-14 con un record di 62-20 vince ancora la regular season e viene nominato per la terza volta Allenatore dell'anno. Nei play-off gli Spurs eliminano i Dallas Mavericks per 4-3, i Portland Trail Blazers per 4-1 e gli Oklahoma City Thunder per 4-2, accedendo così alle NBA Finals per la seconda stagione consecutiva (sesta Finals in assoluto per gli Spurs).

Nella stagione 2013-2014 gli Spurs ricominciano la stagione più forti, soprattutto grazie all'esplosione dell'ala piccola Kawhi Leonard: terminano la season con il miglior record della lega. Dopo aver battuto con fatica i Dallas Mavericks 4-3, sconfiggono i Portland Trail Blaizer per 4-1, gli Oklahoma City Thunder per 4-2, e il 15 Giugno 2014 gli Spurs sconfiggono i favoriti Miami Heat dei big three James, Wade e Bosh con uno schiacciante e inaspettato 4-1, e Popovich vince il suo 5 titolo NBA. Kawhai Leonard sarà nominato MVP delle finals.

San Antonio Spurs: 1999, 2003, 2005, 2007, 2014
2003, 2012, 2014
2005, 2011, 2013

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]