Jerry West

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jerry West
Jerry West (1959).jpg
West con la maglia di West Virginia
Dati biografici
Nome Jerome Alan West
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 82 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala piccola / guardia
Allenatore
General manager
Ritirato 1974 - giocatore
1979 - allenatore
Hall of Fame Naismith Hall of Fame (1980)
Carriera
Giovanili

1956-1960
East Bank High School
WVU Mountaineers WVU Mountaineers
Squadre di club
1960-1974 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 932
Nazionale
1959-1960 Stati Uniti Stati Uniti 14
Carriera da allenatore
1976-1979 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 145-101
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Oro Roma 1960
Flag of PASO.svg  Giochi Panamericani
Oro Chicago 1959
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jerome Alan "Jerry" West (Chelyan, 28 maggio 1938) è un ex cestista, allenatore di pallacanestro e dirigente sportivo statunitense, professionista nella NBA.

Ha avuto una delle più brillanti carriere nel basket professionistico, prima come giocatore, poi in qualità di coach e quindi come dirigente. È stato inserito nella Hall of fame nel 1980, e la sua silhouette è stata utilizzata dalla NBA per il logo ufficiale.

Così come molti altri giocatori NBA, West era un giocatore di classe superiore già nella High School e al College, quando trascinò la West Virginia University alla finale del campionato NCAA 1959 (dove vinse il titolo di MVP), prima di cominciare i suoi 14 anni di carriera con i Los Angeles Lakers. Ha anche giocato, e co-capitanato con Oscar Robertson, la nazionale USA campionessa olimpica alle Olimpiadi di Roma 1960.

Tra i vari soprannomi affibbiatigli spiccano Mr. Clutch, "mister pressione", per la sua freddezza e la capacità di segnare i punti importanti nelle situazioni decisive delle gare, e Zeke from Cabin Creek, datogli dal compagno di squadra Elgin Baylor e al quale West non era particolarmente appassionato.

Il 26 novembre 2005 il suo numero 44 è diventato il primo numero di maglia ritirato dalla West Virginia University (venne ritirato anche dai Los Angeles Lakers). Suo figlio Jonnie West ha firmato con la WVU nel 2006.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

High school e college[modifica | modifica sorgente]

Jerry West ha frequentato la West Virginia High School dal 1952 al 1956. È stato nominato All-State dal 1953 al 1956 e All-American nel 1956, quando ha vinto anche il West Virginia Player of the Year, dopo essere diventato il primo giocatore della High School a segnare più di 900 punti in una stagione (32,2 di media a partita, nel 1956). Ha anche condotto la East Bank alla finale statale nello stesso anno. Grazie al suo fenomenale campionato, la scuola dell'East Bank cambia il suo nome ogni anno, nello stesso giorno, in West Bank.

Ha giocato nella West Virginia University Mountaineers, a Morgantown (Virginia Occidentale), dal 1956 al 1960. Durante gli anni del College, è stato inserito nell'All-Southern Conference (1958-1960), nell'All-American Second Team (1958), e nel The Sporting News All-America First Team (1959-60). Nella sua carriera alla WVU ha firmato 24,8 punti e 13,3 rimbalzi a partita.

In aggiunta ai giochi Olimpici, ha vinto una medaglia d'oro ai Campionati Panamericani nel 1959.

NBA[modifica | modifica sorgente]

Scelto nella NBA, West ha giocato per tutto il corso della sua carriera nei Los Angeles Lakers (dal 1960 al 1974). Nonostante sia stato il compagno di squadra dell'Hall-of-Fame scorer Elgin Baylor per molti anni, West ha comunque realizzato più di 30 punti a partita in quattro diverse stagioni e comandato la classifica marcatori nel 1969-70. Eccellente playmaker, West è stato il miglior assist-man della lega nel 1971-72. Nonostante le palle rubate non fossero contate dalla Nba fino all'ultima stagione di West, a trentacinque anni Mr. Clutch è diventato il primo giocatore a far registrare 10 recuperi in una sola partita, ancora oggi record della franchigia dei Lakers. Il giorno del suo ritiro, West aveva segnato 25.192 punti, 27,0 di media a partita, e siglato 7.160 tiri liberi e 6.238 assist.

West è stato inserito nell'NBA All-Defensive First Team quattro volte (l'NBA All-Defensive First Team non esisteva ancora prima della nona stagione da professionista di West), dieci nell'All-NBA First Team e tredici volte nell'All-Star team. Ha vinto l'MVP all'All-Star Game nel 1972. È l'unico giocatore nella storia ad aver vinto il titolo di MVP delle finali nonostante fosse schierato nella formazione perdente. Accadde nel 1969 contro Boston, nel primo anno in cui fu assegnato il riconoscimento. Nel 1980 è stato inserito nell'NBA's 35th Anniversary All-Time Team. Il logo della NBA sulle maglie dei giocatori porta la sua inconfondibile sagoma.

Considerato come uno dei più abili tiratori nella storia della NBA, West ha siglato 29.1 punti a partita in 153 gare di playoff, con 40.6 di media nelle undici partite disputate nel 1965, e ha realizzato uno dei tiri più famosi della storia della NBA, da una distanza di sessanta piedi sul filo della sirena, nella finale del 1970 contro i New York Knicks, durante i supplementari. I Lakers perderanno sia la gara che la finale. West ha giocato nove finali NBA, vincendo un solo titolo nel 1971-72, stagione nella quale i Lakers stabilirono un record nello sport nordamericano moderno con 33 vittorie consecutive. Due anni dopo l'impresa West si è ritirato, diventando coach dei Lakers e trascinando la franchigia ai play-off in tre stagioni dal 1976 al 1979, diventando poi dirigente del club in diverse posizioni.

Jerry West nel 2007

Dirigente[modifica | modifica sorgente]

Nel 1982 Jerry West è stato nominato general manager dei Lakers e attraverso ottimi scambi e chiamate al Draft ha mantenuto i Lakers nell'élite della NBA per la restante decade. La squadra di quegli anni fu costruita attorno alla base costituita da Magic Johnson, Kareem Abdul-Jabbar e James Worthy e vinse quattro campionati nel 1982, 1985, 1987 e 1988, diventando la prima squadra a vincere per due anni di fila il titolo dai tempi della dinastia dei Boston Celtics negli anni sessanta, quando i biancoverdi vinsero nel 1968 e 1969.

Dopo una fase negativa all'inizio degli anni novanta, West vinse l'NBA Executive of the Year Award nel 1995, quando i suoi Lakers ottennero l'accesso ai playoffs. West ebbe il merito di prendere Kobe Bryant e firmare il free-agent Shaquille O'Neal. I due trascineranno la squadra alla vittoria di tre titoli NBA.

Nel 2002 i Memphis Grizzlies lo assunsero in qualità di direttore generale. West ricostruì quello che era uno dei peggiori team della NBA. Nel 2004 i Grizzlies toccarono le 50 vittorie per la prima volta nella loro storia e West fu nominato NBA Executive of the Year per la seconda volta.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

NBA[modifica | modifica sorgente]

Los Angeles Lakers: 1972
1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965, 1966, 1967, 1968, 1969, 1970, 1971, 1972, 1973, 1974
  • Squadre All-NBA:
First Team: 1962, 1963, 1964, 1965, 1966, 1967, 1970, 1971, 1972, 1973
Second Team: 1968, 1969
  • All-Defensive Team:
First Team: 1970, 1971, 1972, 1973
Second Team: 1969

NCAA[modifica | modifica sorgente]

  • MVP delle Final Four: 1959
  • Southern Conference Men's Basketball Player of the Year: 1959, 1960
  • All-American First Team: 1959, 1960

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

  • Oro ai Giochi Panamericani di Chicago 1959
  • Oro ai Giochi Olimpici di Roma 1960

Dirigente[modifica | modifica sorgente]

Los Angeles Lakers: 1982, 1985, 1987, 1988, 2000, 2001, 2002
1995, 2004

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 110466565 LCCN: n50003367