Alex English

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alex English
Alex English 1971 Dreher High School.JPG
Dati biografici
Nome Alexander English
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 201 cm
Peso 86 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex ala piccola)
Ritirato 1992 - giocatore
Hall of Fame Naismith Hall of Fame (1997)
Carriera
Giovanili

1972-1976
Dreher High School
S.C. Gamecocks S.C. Gamecocks
Squadre di club
1976-1978 Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 142
1978-1980 Indiana Pacers Indiana Pacers 202
1980-1990 Denver Nuggets Denver Nuggets 837
1990-1991 Dallas Mavericks Dallas Mavericks 79
1991-1992 Napoli Basket Napoli Basket 18
Carriera da allenatore
2001-2002 N.C. Lowgators N.C. Lowgators 36-20
2002-2003 Atlanta Hawks Atlanta Hawks (vice)
2003-2004 Philadelphia 76ers Philadelphia 76ers (vice)
2004-2011 Toronto Raptors Toronto Raptors (vice)
2012-2013 Sacramento Kings Sacramento Kings (vice)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 giugno 2013

Alexander "Alex" English (Columbia, 5 gennaio 1954) è un ex cestista, allenatore di pallacanestro e attore statunitense, professionista nella NBA e in Italia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il suo numero 2 è stato ritirato dai Nuggets. È stato eletto nella Basketball Hall of Fame. Nella sua carriera ha giocato anche con i Milwaukee Bucks, Indiana Pacers e Dallas Mavericks. Nella sua unica stagione italiana venne ingaggiato per il solo girone di ritorno dal Napoli Basket del presidente Nicola De Piano, di cui Alex English era un formidabile imitatore. Unitamente a Walter Berry, altro straniero del team partenopeo, formerà una delle coppie di stranieri più forti della storia del basket all'ombra del Vesuvio. La squadra napoletana allenata da coach Joe Isaac sfiorerà la promozione in serie A1, sconfitta decisiva contro la Kleenex Pistoia di Dan Gay e di Ron Rowan che la stagione successiva indosserà proprio la maglia azzurra

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 recitò nel film La protesta del silenzio, diretto da Mike Newell.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 35926371 LCCN: n/86/6012