Milwaukee Bucks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Milwaukee Bucks
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Milwaukee Bucks logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thinsidesonwhite.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body thinredsides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts redsides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Kit body whitesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Terza divisa
Colori sociali 600px Verde e Bianco con triangolo Rosso.png Verde, bordeaux e bianco
Simboli cerbiatto
Dati societari
Città Milwaukee
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Campionato NBA
Conference Eastern Conference
Division Central Division
Fondazione 1968
Denominazione Milwaukee Bucks
1968-presente
Proprietario Stati Uniti Marc Lasry
General manager Stati Uniti John Hammond
Allenatore Stati Uniti Jason Kidd
Palazzetto BMO Harris Bradley Center
(18717 posti)
Sito web www.nba.com/bucks
Palmarès
Larry O'Brien Championship Trophy.png
Titoli NBA 1
Titoli di Conference 2
Titoli di Division 13

I Milwaukee Bucks sono una delle trenta squadre di pallacanestro che militano nel massimo campionato professionistico statunitense, la National Basketball Association.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Kareem Abdul-Jabbar

I Bucks furono fondati nel 1968, quando la NBA premiò con una franchigia il Milwaukee Professional Sports and Services, Inc., un gruppo guidato da Wesley Pavalon e Marvin Fishman. Giocarono la loro prima partita di regular season il 16 ottobre 1968 contro i Chicago Bulls, davanti a 8467 persone. La prima vittoria della sua storia arrivò alla sesta gara giocata: i Bucks vinsero quella partita 134-118 contro i Detroit Pistons. Come è spesso accaduto alle squadre appena fondate, la prima stagione dei Bucks fu molto difficile: in quella stagione infatti vinsero solamente 26 gare. Ciò diede ai Bucks la possibilità di scegliere per primi al draft del 1969; quel draft portò a Milwaukee Lew Alcindor, che in seguito cambiò il nome in Kareem Abdul-Jabbar e fece le fortune della franchigia negli anni a venire.

I Bucks furono una squadra molto temibile negli anni '70, quando con Kareem Abdul-Jabbar e Oscar Robertson vinsero il loro primo ed unico titolo NBA, nel 1971 battendo i Baltimore Bullets per 4-0 e andando vicini al bis nel 1974 quando persero in finale per 4 a 3 contro i Boston Celtics. Ad oggi i Bucks, con il primo titolo vinto al terzo tentativo, sono i campioni più precoci della storia.

Negli '80 e '90 i Bucks vissero un periodo di fortune alterne: nonostante fossero una squadra molto competitiva non riuscirono mai a raggiungere le finali NBA, fermandosi per tre volte a quelle di Conference (nel 1983 contro i Philadelphia 76ers e nel 1984 e 1986 contro i Celtics). Ci furono anche molte speculazioni sulla possibilità di trasferire la franchigia in un'altra città per poter giocare in un nuovo stadio. Nel 1985 i Bucks furono comprati da Herb Kohl che mantenne la squadra a Milwaukee. La stagione 2000/01 è probabilmente una delle migliori per quanto riguarda la storia della franchigia del Wisconsin, infatti i Bucks grazie all'asse portante della squadra formato dal Big Three Ray Allen, Glenn Robinson, Sam Cassell e ottimi giocatori come Tim Thomas e Ervin Johnson dopo aver disputato degli ottimi playoff, arrivarono fino alle finali di conference dove vennero sconfitti solo in gara 7 per mano dei Philadelphia Sixers. La stagione

Andrew Bogut

Nella stagione 2004-05 i Bucks hanno mancato l'accesso ai play-off a causa di numerosi infortuni ed una pessima difesa. Tuttavia, malgrado avessero solo il 6% di probabilità di avere una delle prime tre scelte ai draft, i Bucks hanno ottenuto la prima scelta assoluta per il 2005. L'hanno usata per selezionare Andrew Bogut dell'università dello Utah. Tuttavia, a marzo 2012, I Bucks lo cedettero, non essendo mai riuscito a mantenere le aspettative a causa dei molteplici infortuni, ai Golden State Warriors assieme a Stephen Jackson, in cambio di Monta Ellis, Ekpe Udoh e Kwame Brown.

In vista della stagione 2012-13 i Bucks non attuano grandi colpi di mercato: l'unico rilevante è l'ingaggio di Samuel Dalembert insieme alla 14ª scelta al draft 2012 dagli Houston Rockets in cambio di Shaun Livingston, Jon Leuer, Jon Brockman e la 12° scelta. Il 21 marzo 2013 i Bucks acquistarono J.J. Redick, Gustavo Ayón e Ishmael Smith dagli Orlando Magic in cambio di Beno Udrih, Tobias Harris e Doron Lamb. La stagione e si chiude con un record 38 vittorie e 44 sconfitte che permette comunque alla squadra di chiudere la Eastern Conference all'ottavo posto e di tornare ai play-off dopo 3 anni; qui trovano però al primo turno i Miami Heat primi classificati, dai quali vengono facilmente sconfitti per 4-0.

In vista della stagione successiva Skiles viene licenziato e al suo posto viene ingaggiato Larry Drew, ex allenatore degli Atlanta Hawks. Ellis e Dalembert rimangono free agent e firmano entrambi con i Dallas Mavericks. Per rimpiazzarli i Bucks ingaggiano la guardia O.J. Mayo e il centro Zaza Pachulia. Successivemente Jennings viene ceduto ai Detroit Pistons in cambio di Brandon Knight, Khris Middleton e V'jačeslav Kravcov. Con la squadra nettamente indebolita i Bucks disputano una stagione disastrosa, chiudendo in ultima posizione, con un record di 15-67.

Nonostante l'ultima posizione, i Bucks ottengono solo la seconda scelta al draft, con la quale selezionano il prospetto Jabari Parker. Il 1º luglio 2014 i Bucks cedono due seconde scelte ai draft 2015 e 2019 ai Brooklyn Nets per liberare il loro allenatore, Jason Kidd, che viene nominato nuovo allenatore al posto di Drew, che viene quindi licenziato.

Arene di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Squadra attuale[modifica | modifica wikitesto]

Roster[modifica | modifica wikitesto]

N. Naz.   Ruolo Sportivo Anno Alt. Peso 600px Verde e Bianco con triangolo Rosso.png
00 Stati Uniti   G O.J. Mayo 1987 193 95
5 Stati Uniti   P Kendall Marshall 1991 193 88
6 Stati Uniti   P Nate Wolters 1991 193 86
7 Turchia   AG Ersan İlyasova 1987 208 107
8 Stati Uniti   AG Larry Sanders 1988 211 107
9 Serbia   C Miroslav Raduljica 1988 213 113
10 Argentina   AP Carlos Delfino 1982 198 104
11 Stati Uniti   G Brandon Knight 1991 191 84
12 Stati Uniti   AP Jabari Parker 1995 203 116
15 Stati Uniti   AP Chris Wright 1988 203 102
19 Stati Uniti   G Jerryd Bayless 1988 191 91
22 Stati Uniti   C Khris Middleton 1991 201 98
27 Georgia   C Zaza Pachulia 1984 211 127
31 Stati Uniti   AG John Henson 1990 211 100
34 Grecia   AP Giannis Antetokounmpo 1994 211 98

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni passate[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Cestisti dei Milwaukee Bucks.

Membri della Basketball Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Numeri ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori ed altri[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dei Milwaukee Bucks.

Membri della Basketball Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

  • Wayne Embry (Ex direttore generale; introdotto come contributore. Nel 1971 fu il primo direttore generale di colore dell'NBA. Sarebbe diventato il primo presidente di colore con i Cleveland Cavaliers)
  • K.C. Jones (Ex-assistente allenatore; introdotto come giocatore dei Boston Celtics)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1971
1971, 1974
1970-1971, 1971-1972, 1972-1973, 1973-1974, 1975-1976, 1979-1980
1980-1981, 1981-1982, 1982-1983, 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986, 2000-2001

Premi e riconoscimenti individuali[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pallacanestro Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro