Carlos Delfino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlos Delfino
Carlos Delfino Rockets.jpg
Delfino al tiro con la maglia degli Houston Rockets
Dati biografici
Nome Carlos Francisco Delfino
Nazionalità Argentina Argentina
Italia Italia
Altezza 198 cm
Peso 104 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala piccola, guardia
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Squadre di club
1998-1999 600px Nero e Rosso (Strisce diagonali).png Ol. Venado Tuerto
1999-2000 Unión Unión
2000-2002 Viola Reggio Cal. Viola Reggio Cal. 55
2002-2004 Fortitudo Bologna Fortitudo Bologna 58
2004-2007 Detroit Pistons Detroit Pistons 180
2007-2008 Toronto Raptors Toronto Raptors 82
2008-2009 Chimki Chimki 26
2009-2012 Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 178
2012-2013 Houston Rockets Houston Rockets 67
2013-2014 Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 0 (0)
Nazionale
2001
2001-
Argentina Argentina U-21
Argentina Argentina
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atene 2004
Bronzo Pechino 2008
Transparent.png Campionati Americani
Argento Stati Uniti 2007
Oro Argentina 2011
Transparent.png Campionati Sudamericani
Oro Brasile 2004
Transparent.png Mondiali Under-21
Bronzo Giappone 2001
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 agosto 2014

Carlos Francisco Delfino (Santa Fe, 29 agosto 1982) è un cestista argentino con cittadinanza italiana che gioca come guardia tiratrice o ala piccola.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Inizia la sua carriera professionistica nel campionato argentino militando nella stagione 1998-99 per l'Olímpia de Venado Tuerto ed in quella successiva per l'Unión de Colón.

Dalla stagione 2000-01 si trasferisce in Italia dove esplode il suo grande talento cestistico e, proprio come prima di lui Ginóbili, anche Delfino gioca le prime due stagioni nelle file della Viola Reggio Calabria, ma mentre Manu dopo Reggio Calabria passò alla Virtus Bologna, Delfino invece dall'estate 2002 al 2004 giocò con la maglia della Fortitudo, l'altra squadra di Bologna. Durante la sua avventura bolognese raggiunge due finali scudetto e la finale di Eurolega (persa contro il Maccabi Tel Aviv).

Dal 2004 gioca nella NBA con i Detroit Pistons (scelto come numero 25 al primo giro del draft) dove però non ha mai brillato ed ha giocato pochissimo, sia con Larry Brown che con Flip Saunders, sia perché nel suo ruolo c'erano campioni come Richard Hamilton e Tayshaun Prince ma anche a causa di seri problemi ad un ginocchio.

Nel giugno 2007 viene acquistato dai Toronto Raptors, in cambio delle seconde scelte ai draft 2009 e 2010 e con i Raptors poté esprimersi al meglio avendo più spazio a disposizione.

Nell'estate 2008, assieme al compagno a Toronto Jorge Garbajosa, passa al Khimki, squadra che milita nella Superliga A russa, firmando un contratto principesco.

Il 18 agosto 2009 i Raptors, che ancora detenevano i diritti sul giocatore, lo cedono insieme a Roko Ukić ai Milwaukee Bucks in cambio di Amir Johnson e Sonny Weems.

Dopo tre buone stagioni in Wisconsin, nell'estate 2012 diventa free agent e accetta l'offerta degli Houston Rockets.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la Nazionale argentina vince la medaglia di bronzo ai campionati del mondo under 21 nel 2001, la medaglia d'oro olimpica ad Atene 2004 (come riserva), raggiungendo, due anni dopo, il 4º posto ai Mondiali 2006 in Giappone.

Nel 2008 prende parte ai giochi della XXIX Olimpiade, a Pechino, conquistando la medaglia di bronzo da titolare; sempre da punto fermo dei biancocelesti (a fine competizione avrà il minutaggio più alto) Delfino ottiene il quinto posto ai Mondiali 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]