Los Angeles Clippers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Los Angeles Clippers
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Campione della NBA Pacific Division
Los Angeles Clippers logo.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body basketballblanksides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body basketballwhitesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Kit body basketballwhitesides.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Terza
Colori sociali 600px Rosso Blu e Bianco.svg Rosso, blu e bianco
Dati societari
Città Los Angeles, California
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Campionato NBA
Conference Western Conference
Division Pacific Division
Fondazione 1970
Denominazione Buffalo Braves
1970-1978
San Diego Clippers
1978-1984
Los Angeles Clippers
1984-
Proprietario Stati Uniti Donald Sterling
General manager Stati Uniti Gary Sacks
Allenatore Stati Uniti Doc Rivers
Palazzetto Staples Center
Sito web www.nba.com/clippers
Palmarès
Titoli NBA 0
Titoli di Conference 0
Titoli di Division 2

I Los Angeles Clippers sono una delle delle trenta squadre di pallacanestro che militano nella NBA (National Basketball Association), il campionato professionistico degli Stati Uniti d'America.

Buffalo Braves (1970-1978)[modifica | modifica sorgente]

Nati come Buffalo Braves, giocarono la loro prima stagione NBA nel 1970, un anno che vide l'aggiunta di anche altre due squadre, i Cleveland Cavaliers e i Portland Trail Blazers. I Braves, nelle loro otto stagioni a Buffalo, giocarono le loro partite interne al Buffalo Memorial Auditorium, condividendo l'arena con un'altra nuova franchigia, i Buffalo Sabres della NHL, che pure debuttarono nel 1970. Allenati dall'ex-stella Dolph Schayes, l'expansion draft permise ai Braves di prelevare le prime due stelle della loro storia, l'ala-centro Bob Kauffman dai Chicago Bulls, e l'ala piccola Don May dai New York Knicks campioni in carica. Curiosamente, già al primo Draft partirono con un passo falso: ebbero l'opportunità di scegliere una delle future star degli anni '70, Calvin Murphy, considerato tra l'altro come un idolo di casa (proveniva dalla Niagara University, anch'essa nello stato di New York come Buffalo), ma preferirono il poco incisivo John Hummer, selezionato con la 15ª chiamata. L'anno si concluse con un record di 22 vittorie e 60 sconfitte, con Kauffman a fare da leader sia nei punti (20.4 a partita) sia nei rimbalzi (10.7 a partita), guadagnandosi un posto nell'All-Star Team della Eastern Conference. Solo l'anno precedente, con i Bulls, segnò appena 4.3 punti di media. Senza stravolgere l'assetto con particolari mosse di mercato, i risultati si confermarono anche nella stagione seguente (22-60), in cui scelsero nel Draft Elmore Smith e Randy Smith; quest'ultimo divenne una vera bandiera per i Braves/Clippers, giocando ininterrottamente fino al suo passaggio ai Cleveland Cavaliers nel 1979, stabilendo l'impressionante record di 906 gare consecutive, battuto dal solo A.C. Green alla fine degli anni '90.

L'esordio di Bob McAdoo[modifica | modifica sorgente]

Stessa sorte nel campionato 1972-73, conclusosi con una vittoria in meno, ma con un grosso colpo: Bob McAdoo, 2ª scelta del Draft 1972 e Rookie dell'anno a fine stagione. Solo dall'anno dopo i Braves gustarono i primi risultati soddisfacenti, con il loro debutto ai playoff, eliminati al primo turno dai Boston Celtics. A un McAdoo devastante, si aggiunse un altro Rookie of the year, Ernie DiGregorio (3° scelta ai Draft), e Jack Ramsay in panchina come allenatore. Con McAdoo in piena forma, nominato MVP della stagione nel 1975 (34.5 punti, 14.1 rimbalzi e 2.12 stoppate a gara), la squadra continuò a presentarsi ai playoff fino al 1976, gli ultimi nella città di Buffalo.

Durante l'estate del 1976, il proprietario dei Braves, Paul Snyder, cercò di vendere la franchigia ai signori Irving Corwan, fallendo però il tentativo che avrebbe trasferito la squadra in California, a Hollywood. Durante la stagione 1976-77 riuscì a cedere la società all'uomo d'affari John Y. Brown Jr., vendendone il 50% in estate e la restante parte a campionato in corso, con un patto: durante questo periodo di transizione, se Brown avesse venduto un qualsiasi giocatore, il suo costo di contratto si sarebbe dovuto ridurre e il denaro sarebbe spettato a Snyder. Così avvenne proprio quando McAdoo venne ceduto ai New York Knicks.

Altro fortunato Draft nel 1976, quando chiamarono con la 6ª scelta assoluta Adrian Dantley, destinato a diventare una delle stelle della NBA e vincitore del premio di Rookie dell'anno. I Braves, tuttavia, cedettero Dantley agli Indiana Pacers dopo una sola stagione. L'anno, curiosamente, iniziò anche con un clamoroso errore di mercato: ottennero il debuttante Moses Malone, scelto dai Portland Trail Blazers, ma dopo appena due gare (in cui giocò soltanto 6 minuti complessivi e senza segnare nemmeno un punto), venne subito ceduto agli Houston Rockets, con cui vincerà il primo dei suoi tre titoli di miglior giocatore della stagione appena due anni dopo. Con la cessione della loro superstar e la svista su Malone, il tormentato campionato si concluse con un mediocre record di 30 vittorie e 52 sconfitte, destinato a peggiorare in un 27-55 nella stagione seguente, l'ultima prima del trasferimento.

Il neoproprietario Brown, infatti, trattò con il californiano Irv Levin che possedeva i Boston Celtics per un vero e proprio scambio di franchigie: Brown avrebbe gestito i Celtics, mentre Levin sarebbe divenuto proprietario dei Braves. Levin volle realizzare il sogno di avere una franchigia nella sua California, proponendo subito il trasferimento della squadra sulla costa pacifica. Alla fine della stagione 1977-78, i proprietari degli altri team NBA votarono per la ricollocazione, con 21 a favore e solo uno contro, dando il via libera ai Braves verso San Diego, dove avrebbero cambiato anche nome in Clippers.

San Diego Clippers (1978-84)[modifica | modifica sorgente]

Una foto recente di Bill Walton, ex-centro a San Diego

Nel 1978-79, l'esperto Randy Smith fu affiancato dalla guardia Lloyd Free, appena acquistato dai Philadelphia 76ers che concluse al secondo posto nella classifica dei marcatori (28,8 punti di media) dietro George Gervin dei San Antonio Spurs. Con Gene Shue in panchina, i Clippers mancarono di un soffio la qualificazione ai playoff, nonostante conclusero la regular season con oltre il 50% di vittorie, un buon 43-39. Dopo la beffa per aver mancato la post-season, i Clippers non riusciranno più a concludere con un record positivo durante la loro permanenza a San Diego.

Nel 1979, i rosso-blu misero sotto contratto il forte centro Bill Walton, svincolatosi dai Trail Blazers. I 211 centimetri di Walton avrebbero potuto essere una pedina importante per i Clippers, ma il pivot giocò pochissimo e con difficoltà, saltando in seguito interi campionati per i postumi di una vecchia frattura a un piede. Free continuò a essere il miglior marcatore della squadra, con un eccellente media di 30.2 punti nella stagione 1979-80, per poi essere ceduto ai Golden State Warriors in cambio della guardia Phil Smith.

Levin, intanto, continuò a contrattare per i suoi Clippers, cedendola alla fine per 20 milioni di dollari a Donald Sterling nel 1982. Alle mediocri prestazioni del team conseguì lo scarso interesse da parte dei tifosi, con la San Diego Sports Arena quasi sempre deserta, cosa che convinse Sterling a un cambio di "casa" della squadra, portandola nella vicina Los Angeles, sua città natale, nel 1984.

Los Angeles Clippers (1984-)[modifica | modifica sorgente]

Con i Lakers al Forum, i Clippers si spostarono a Los Angeles giocando nella Los Angeles Memorial Sports Arena. I risultati continuarono a essere molto deludenti, culminando con un catastrofico record di 12-70 nella stagione 1986-87, all'epoca secondo peggior record di sempre in NBA dopo il 9-73 dei Philadelphia 76ers nel 1972-73. I rosso-blu cercarono di risollevarsi grazie a buone scelte nei successivi Draft: nel 1987, con la 4ª scelta selezionarono la talentuosa ala piccola Reggie Williams e con la 19ª ingaggiano l'altra ala Ken Norman; l'anno seguente ebbero la prima scelta assoluta, che utilizzarono per l'ottimo Danny Manning, oltre a ricevere Charles Smith, 3ª scelta di Philadelphia ma subito girato ai Clippers. Il team, però, continuava a restare ultimo nella Pacific Division, sfiorando appena il 25% di vittorie.

Nel 1989 scelsero con il numero 2 Danny Ferry, che dopo aver fatto scintille con l'università di Duke (che ritirò persino la sua maglia numero 35), si rivelò una grossa delusione in NBA. Si rifiutò di giocare con Los Angeles, perché troppo perdenti, e accettò di giocare in Italia per un anno con Il Messaggero Roma, mentre il suo contratto NBA era stato nel frattempo ceduto ai Cleveland Cavaliers insieme a Reggie Williams per la guardia Ron Harper, uno dei migliori realizzatori della NBA.

I primi Playoffs con Larry Brown[modifica | modifica sorgente]

Proprio con l'arrivo del promettente Harper, la percentuale di vittorie restò ancora bassa ed erano ancora impensabili i playoff, ma almeno Los Angeles non era più la squadra-materasso di metà anni '80, mostrando lenti segni di miglioramento (30-52 nel 1989-90 e una vittoria in più l'anno seguente). Nel 1991-92, con l'arrivo di Larry Brown in panchina, i Clippers raggiunsero finalmente i loro primi playoffs con l'attuale nome, con un record di 45 vittorie e 37 sconfitte, superiore anche a quello dei rivali Lakers. Playoff ripetuti anche l'anno seguente, con un record di 41-41 e con Manning a capeggiare la squadra con 22,8 punti a gara e conclusi di nuovo al primo turno.

Lo stato di grazia ebbe un rapido stop nella stagione 1993-94, con l'addio di Larry Brown diretto ad allenare gli Indiana Pacers. Manning, che stava viaggiando a 23,7 punti di media ed era reduce dal suo secondo All Star Game consecutivo, venne ceduto il 24 febbraio 1994 agli Atlanta Hawks in cambio del veterano Dominique Wilkins, che riuscì a portare ancora più punti (ben 29,1 di media) e rimbalzi (7 di media). Il nuovo coach Bob Weiss e l'esperienza di Wilkins non riuscirono a portare i rosso-blu oltre le 27 vittorie stagionali. Con la contemporanea debacle dei Lakers, fu la peggiore stagione per la città di Los Angeles, con un record complessivo di 60 vittorie e ben 104 sconfitte.

Con Wilkins e Harper divenuti free agent e l'arrivo come coach di Bill Fitch, la leadership della squadra venne retta dall'ala Loy Vaught e dalla matricola Lamond Murray, 7ª scelta del Draft del 1994, che nulla poterono per evitare il peggior record della lega, solo 17 vittorie. Nel 1995, con la seconda chiamata, scelgono Antonio McDyess, subito ceduto ai Denver Nuggets in cambio di Brent Barry, figlio di Rick Barry e dotato di buonissime doti atletiche, e di Rodney Rogers. Senza notevoli cambiamenti nel roster, Los Angeles riuscì a raggiungere i playoffs nel 1996-97, pur concludendo con un record negativo (43.9%), spazzati subito via al primo turno dai potentissimi Utah Jazz in tre partite.

Gli anni seguenti furono puro oblio, con la squadra che a malapena raggiunse il 20% di vittorie e una prima scelta sprecata nel 1998, quando selezionarono il centro nigeriano Michael Olowokandi[1], giudicato come la peggior prima scelta di tutto il decennio. Nel 1999, la squadra si trasferì insieme ai Lakers e ai Kings della NHL al nuovo Staples Center, e si rifece del clamoroso errore del Draft precedente, scegliendo con la 4ª chiamata Lamar Odom, promettente ala dal rimbalzo facile proveniente dalla Rhode Island University, anche se i risultati in campionato continuarono a essere disastrosi.

Lo Staples Center, attuale arena casalinga dei Clippers.

L'epoca Dunleavy-Brand-Maggette[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 iniziò una serie di cambiamenti, che portò in rosso-blu la guardia-ala Corey Maggette e il playmaker Keyon Dooling dagli Orlando Magic, oltre alla 3ª e la 18ª scelta del Draft, rispettivamente il giovanissimo Darius Miles e la guardia Quentin Richardson. In quell'anno, Maggette partecipò alla gara delle schiacciate durante l'All Star Game Weekend. Nel Draft seguente, con la 2ª scelta chiamarono Tyson Chandler scambiandolo subito insieme a Brian Skinner ai Chicago Bulls per la loro stella Elton Brand. Brand divenne immediatamente il punto di riferimento del team, guadagnandosi anche il suo primo All Star Game nel 2002. La squadra poté seriamente pensare di puntare alla post-season, che sfumò per un clamoroso crollo nel finale della regular season, con 13 sconfitte nelle ultime 16 gare, che li relegò in decima posizione nella Western Conference con un record di 39-43.

Il 2002-2003 sembrava sperare bene per i Clippers, con l'ottima coppia Odom-Brand, i cenni di miglioramento di Olowokandi e l'arrivo del play Andre Miller, fresco vincitore della classifica degli assist. Fu invece una profonda delusione, con appena 27 vittorie. Stessa sorte l'anno seguente, che vide Mike Dunleavy come coach, con una sola vittoria in più, complici anche le partenze di giocatori chiave come Miller e Odom divenuti free agent. Ciò nonostante, il trio Brand-Maggette-Richardson assicurava quasi 60 punti complessivi in ogni gara.

Al Draft del 2004, i Clippers scambiano la loro 2ª scelta con la 4ª dei neonati Charlotte Bobcats chiamando Shaun Livingston, proveniente direttamente dall'high school; la squadra mostrò timidi miglioramenti concludendo con 37 vittorie finali, 3 in più dei Lakers, vicecampioni NBA subito decaduti dopo la dipartita di Shaquille O'Neal, finendo così davanti ai "cugini" giallo-viola per la prima volta dal 1993. Da citare il premio rivelazione dell'anno assegnato a Bobby Simmons.

L'estate del 2005 portò altri cambiamenti, come l'arrivo dai Minnesota Timberwolves del play Sam Cassell. Il campionato si rivelò nettamente proficuo per la franchigia, con un Brand stellare alla sua migliore stagione di sempre (con tanto di seconda partecipazione all'All Star Game). La squadra viaggiò con alte prestazioni per tutto l'anno, anche grazie al solito Maggette e ai notevoli progressi del centro Chris Kaman soprattutto a rimbalzo. L'arrivo dall'ala Vladimir Radmanović, specialista nel tiro dalla lunga distanza, fu un ulteriore aiuto. Il 2005-06 si concluse con un ottimo risultato di 47-35 (57,3%), il migliore della loro storia dopo aver lasciato Buffalo. Brand venne incluso nel Secondo miglior quintetto NBA e si aggiudicò lo Sportmanship Award come premio alla sua sportività, mentre Elgin Baylor fu nominato General Manager dell'anno. Giunti sesti nella Western Conference, ancora una volta davanti ai Lakers, affrontarono al primo turno dei playoff i Denver Nuggets di Carmelo Anthony, che batterono 4 a 1. Alle semifinali di conference (mai avevano raggiunto questo livello), incontrarono i Phoenix Suns, che, dopo una serie combattutissima, ebbero la meglio alla settima e ultima partita.

Nel 2006, non ebbero nessuna scelta nel primo giro dei Draft, avendola utilizzata in vecchi scambi di mercato. Prolungarono di due anni il contratto di Cassell, ritenuto uno dei protagonisti del successo appena vissuto, e ingaggiarono i free agent Tim Thomas e Aaron Williams. Purtroppo, diversi infortuni che afflissero Kaman, Cassell, Thomas e soprattutto Livingston impedirono una nuova stagione positiva. In particolare, Livingston subì un pesantissimo danno ai legamenti del ginocchio sinistro durante una gara in casa con i Charlotte Bobcats nel febbraio del 2007, saltando l'intero campionato successivo e compromettendo così la sua carriera[2]. Los Angeles cercò di ridurre al minimo i danni, e sfiorò i playoff per appena due vittorie mancanti con un record di 40-42.

Baron Davis, playmaker titolare dalla stagione 2008-09

Il 2007-08 iniziò peggio di com'era finito il campionato precedente, con Brand vittima di una lesione al tendine d'Achille sinistro che lo tenne fuori per buona parte della stagione. A tenere le redini del team furono Maggette (22,1 punti di media) e Chris Kaman, protagonista di un notevole exploit con 15,7 punti e ben 12,7 rimbalzi a gara. Assolutamente negativo il record finale di 23 vittorie e ben 59 sconfitte.

Con la 7ª scelta al Draft 2008 ingaggiarono Eric Gordon, abile guardia proveniente dalla Indiana University[3]. Nel tentativo di sopperire alle partenze dei suoi migliori giocatori, i Clippers si dimostrarono estremamente attivi nel mercato estivo. Brand e Maggette passarono rispettivamente a Philadelphia 76ers e Golden State Warriors, ma i Clippers li sostituirono prontamente mettendo sotto contratto uno tra i free agent più appetibili in circolazione, il playmaker Baron Davis, uomo da 20 punti e 8 assist a gara, che aveva lasciato proprio i Warriors e avrebbe così giocato nella sua Los Angeles[4]. Per sostituire Brand venne invece ingaggiato Marcus Camby dai Denver Nuggets, ala-centro tra i migliori difensori in circolazione[5]; vennero inoltre ingaggiate le guardie Ricky Davis[6] e Jason Williams[7], entrambi dai Miami Heat (Williams non giocò mai, annunciando il suo ritiro a settembre). I Clippers vantavano un quintetto di tutto rispetto, con Davis e il giovane Gordon potenzialmente tra le migliori coppie di "piccoli" di tutta l'NBA, e con le "torri" Kaman-Camby a garantire 20 rimbalzi a gara.

Chris Kaman, centro, miglior marcatore dei Clippers nella stagione 2009-10

Poco prima dell'inizio del campionato, i Clippers annunciarono che coach Dunleavy avrebbe ricoperto anche la posizione di General Manager al posto di Baylor.[8] A novembre, un nuovo scambio di mercato: Tim Thomas e Cuttino Mobley ai New York Knicks in cambio dell'ala forte Zach Randolph, all'apice della sua carriera e avrebbe potenziato ancora di più il settore offensivo e il gioco sotto i tabelloni. Mobley non ha mai vestito la maglia dei Knicks, annunciando il suo improvviso ritiro subito dopo lo scambio a causa di un pericoloso disturbo al cuore, la cardiomiopatia ipertrofica[9]. Nonostante una squadra di assoluto rispetto, la stagione è terminata con un record di 19-63.

Le ultime stagioni negative[modifica | modifica sorgente]

Al Draft del 2009 arriva una nuova prima scelta assoluta, con cui viene chiamato Blake Griffin, ala di 2,06 proveniente dalla University of Oklahoma e vincitore del Naismith Award come giocatore dell'anno nell'NCAA. Con il settore ali stracolmo, per far posto a Griffin, viene ceduto Randolph ai Memphis Grizzlies per Quentin Richardson, girato a sua volta ai Minnesota Timberwolves in cambio di Sebastian Telfair, Mark Madsen e Craig Smith. Griffin, che ha un fratello di nome Taylor scelto nello stesso Draft dai Phoenix Suns, parte bene in pre-season, segnando quasi 14 punti e con oltre 8 rimbalzi a gara, ma subisce un grave infortunio al ginocchio poco prima dell'inizio del campionato che lo terrà fuori per l'intera stagione, rimandando il suo debutto da rookie al 2010-2011.[10].

Con Griffin inutilizzabile e Davis in leggero calo, è Chris Kaman a prendere in mano la squadra. Il centro (6° scelta del 2003, immediatamente dietro stelle come LeBron James, Carmelo Anthony, Dwyane Wade e Chris Bosh e per questo considerato a lungo come una promessa mancata) si rivela a sorpresa tra i migliori nel suo ruolo, guidando i Clippers con 18,5 punti e 9,3 rimbalzi a gara e guadagnandosi la prima convocazione all'All Star Game. Camby continua il suo lavoro di rimbalzista di lusso e Gordon aggiunge altri punti importanti. Nel febbraio 2010, Mike Dunleavy lascia il ruolo di head coach a Kim Hughes per concentrarsi esclusivamente al management e, dopo l'All-Star Game di Dallas, i rosso-blu si danno da fare per gli ultimi movimentati giorni di mercato: in uno scambio che coinvolge i Washington Wizards e i Cleveland Cavaliers, arriva dalla capitale Drew Gooden, con Telfair diretto ai Cavs e viene ceduto Camby ai Portland Trail Blazers (assolutamente bisognosi di un lungo rimbalzista vista la perenne assenza di Greg Oden) in cambio del promettente assistman Steve Blake e di Travis Outlaw; ma l'affare più importante è la cessione di Davis più una prima scelta non protetta del draft 2011 per Jamario Moon ma soprattutto per Mo Williams, che poteva essere considerato degno sostituto dello stesso Davis (se non addirittura più forte visti gli ultimi anni in calo del Barone) con il vantaggio di essere più giovane.[11]. La squadra, tuttavia, continua a dare risultati scadenti, terminando la stagione nettamente fuori dai playoffs, quartultima nella Western Conference con un 29-53.

Lob City[modifica | modifica sorgente]

Chris Paul
Blake Griffin

Ma nella stagione 2011-2012 la squadra si afferma improvvisamente come una delle favorite al titolo NBA: dopo il termine del Lockout NBA viene infatti ingaggiato Caron Butler, ottimo giocatore che poteva vantare già un All-Star Game e un titolo NBA con i Dallas Mavericks, ma soprattutto Chris Paul; il giocatore, considerato insieme a Deron Williams e Derrick Rose il migliore al mondo nel suo ruolo viene ingaggiato da New Orleans in cambio di Gordon, Kaman e Al-Farouq Aminu. Nonostante i sacrifici di Gordon e Kaman, la squadra ne esce nettamente rinforzata e affermandosi come squadra più forte della Western Conference insieme a Los Angeles Lakers e Oklahoma City Thunder e seria pretendente al titolo NBA. La squadra può infatti contare su un quintetto con giocatori come Paul, Butler, Griffin, Foye, il giovane centro Jordan e di una riserva di lusso come Chauncey Billups (acquistato anch' egli prima dell'inizio della stagione, inizialmente nel ruolo poi preso da Paul), uno dei più forti playmaker della lega, potenziale titolare in molte altre squadre. Poco dopo, in ritorno da una breve avventura in Cina dovuta al Lockout, i Clippers ingaggiano anche l'ex Nets e Nuggets Kenyon Martin. La squadra si guadagna il soprannome di "Lob City" a causa dei numerosi e spettacolari giochi di alley-oop creati solitamente da Paul in favore di Griffin o Jordan. La stagione regolare viene chiusa con un bilancio di 40 vittore e 26 sconfitte, il che permette ai Los Angeles Clippers l'ingresso ai play-off come non accadeva dalla stagione 2005-2006. I Clippers affrontano nel primo turno di play-off i Memphis Grizzlies che battono vincendo la serie 4-3 passando in semifinale della Western Conference. Qui la squadra si scontra con i San Antonio Spurs, che appena arrivati da un brillante 4-0 contro gli Utah Jazz, travolgono anche i Clippers che sconfiggono in soli quattro match.

In vista della stagione 2012-2013 i Clippers cedono Williams (ormai diventato superfluo a causa dell' abbondante presenza nel roster di altri giocatori nel suo ruolo) agli Utah Jazz in una trade che coinvolge anche Dallas Mavericks e Houston Rockets, ottenendo in cambio dai Mavericks Lamar Odom (già vincitore di 2 titoli NBA con i Lakers). I Clippers tentano poi l' ingaggio di Ray Allen, senza successo; fallito l' ingaggio della guardia i Clippers rifirmano allora Billups e ingaggiano Jamal Crawford. Il 19 luglio 2012 realizzano un colpo di mercato ingaggiando il free-agent veterano Grant Hill. Il mercato dei Clips è chiaramente volto a rafforzare massicciamente la panchina: grazie infatti alle acquisizioni di Odom, Crawford, Hill, Matt Barnes e Ronny Turiaf la squadra può contare sulla miglior panchina della NBA, candidandosi ancora più prepotentemente tra le favorite al titolo. Tra novembre e dicembre del 2012 i Clippers riscrivono tutti i record della franchigia con una striscia di 17 vittorie consecutive che li porta ad avere il miglior record della lega. Pur rallentando un po' la corsa nei mesi successivi l'annata si rivela comunque storica per la franchigia di Los Angeles. Infatti il 3 aprile grazie alla vittoria 126 a 101 contro i Phoenix Suns i Clippers raggiungono per la prima volta nella loro storia quota 50 vittorie stagionali ed il 7 aprile dopo la vittoria per 109 a 95 nel derby contro i Lakers, sconfitti in tutte e 4 le sfide stagionali per la prima volta dal 1975, la squadra si laurea per la 1ª volta campione della Pacific Division. La stagione dei record termina con il 4º posto nella Western Conference dietro a Oklahoma City Thunder, San Antonio Spurs e Denver Nuggets, con 56 vittorie e 26 sconfitte. Ai playoff i Clippers sono nuovamente accoppiati con i Memphis Grizzlies, questa volta però con il vantaggio del fattore campo. La post season comincia bene per i californiani, infatti in gara1 i Clippers ottengono un'agevole vittoria mentre gara2 viene decisa da un canestro allo scadere di Paul. Da questo momento però la serie svolta totalmente e i Grizzlies, dopo aver vinto le due gare a Memphis riescono ad espugnare lo Staples Center e a chiudere il discorso in gara 6 condannando i Clippers all'eliminazione. L'eliminazione costa cara all'allenatore Del Negro, al quale non viene rinnovato il contratto.

Il 24 giugno 2013 viene ufficializzato l'ingaggio come nuovo allenatore di Doc Rivers, ex allenatore Boston Celtics, con i quali aveva vinto il titolo NBA nel 2008, per arrivare al quale i Clippers cedono addirittura ai Celtics una prima scelta al draft 2015. Durante l'estate il roster viene mantenuto sostanzialmente invariato; la modifica principale è una trade con Phoenix Suns e Milwaukee Bucks, vengono ceduti Caron Butler ed Eric Bledsoe e vengono acquisiti J.J. Redick e Jared Dudley. Con il sistema di gioco ormai consolidato, basato su Paul e sui due lunghi Griffin e Jordan, i Clippers si mantengono fin dall'inizio della stagione tra le posizioni più alte della Western Conference. In vista dei play-off vengono ingaggiati diversi veterani; inizialmente vengono firmati Stephen Jackson e Saša Vujačić, mentre in seguito vengono firmati Danny Granger, Hedo Türkoğlu e Glen Davis. La squadra chiude la stagione con un record di 57-25, al 3º posto in Western Conference. A testimonianza del grande contributo fornito anche dalle riserve Jamal Crawford viene nominato Sixth Man of the Year. Ai play-off i Clippers incontrano i Golden State Warriors, che riescono a sconfiggere per 4-3. Durante il primo turno dei play-off viene però resa nota un'intercettazione dello storico proprietario dei Clippers Donald Sterling, nella quale intima ad un'amica, rea di aver pubblicato sul suo account di Instagram una foto con l'ex stella NBA Magic Johnson, di non farsi vedere pubblicamente con persone appartenenti a "minoranze" e di non portarli alle partite dei Clippers. L'intercettazione ha generato diverse razioni e gli stessi Clippers sono scesi in campo durante una partita contro i Warriors con la maglia girata per nascondere il logo della squadra in segno di protesta. Il commissario NBA Adam Silver ha inoltre bandito Sterling a vita dalla NBA, gli ha inflitto una multa di 2,5 milioni di dollari e lo ha costretto a mettere in vendita la squadra. In semifinale la franchigia di Los Angeles viene sconfitta 4 a 2 dagli Oklahoma City Thunder

Arene di gioco[modifica | modifica sorgente]

Squadra attuale[modifica | modifica sorgente]

Roster[modifica | modifica sorgente]

N. Naz.   Ruolo Sportivo Anno Alt. Peso 600px Rosso Blu e Bianco.svg
0 Stati Uniti   AG Glen Davis 1986 206 131
2 Stati Uniti   P Darren Collison 1987 185 76
3 Stati Uniti   P Chris Paul 1985 183 79
4 Stati Uniti   G J.J. Redick 1984 193 86
6 Stati Uniti   C DeAndre Jordan 1988 211 120
8 Turchia   AP Hedo Türkoğlu 1979 208 100
9 Stati Uniti   AP Jared Dudley 1985 201 102
11 Stati Uniti   G Jamal Crawford 1980 196 90
15 Stati Uniti   C Ryan Hollins 1984 213 104
22 Stati Uniti   AP Matt Barnes 1980 201 102
25 Stati Uniti   AP Reggie Bullock 1991 201 91
32 Stati Uniti   AG Blake Griffin 1989 208 113
33 Stati Uniti   AP Danny Granger 1983 203 100
34 Stati Uniti   G Willie Green 1981 193 91

Staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

Stagioni passate[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Titoli Anni
Titoli di Division 2 2012-2013, 2013-2014

Giocatori importanti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Cestisti dei Buffalo Braves, Categoria:Cestisti dei San Diego Clippers e Categoria:Cestisti dei Los Angeles Clippers.

Membri della Basketball Hall of Fame[modifica | modifica sorgente]

Altri giocatori rappresentativi[modifica | modifica sorgente]

Numeri ritirati[modifica | modifica sorgente]

  • nessuno

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dei Buffalo Braves, Categoria:Allenatori dei San Diego Clippers e Categoria:Allenatori dei Los Angeles Clippers.

[modifica | modifica sorgente]

San Diego Clippers logo1.gif
Los Angeles Clippers logo.png
San Diego Clippers (1978-1982) Los Angeles Clippers (1984-2010)

Record stagione per stagione[modifica | modifica sorgente]

Campione NBA Campione di Conference Campione di Division
STAGIONE V P % PLAYOFF RISULTATI
Buffalo Braves
1970-71 22 60 .268
1971-72 22 60 .268
1972-73 21 61 .256
1973-74 42 40 .512 Perde Semifinali Conference Boston 4, Buffalo 2
1974-75 49 33 .598 Perde 1º Turno Washington 4, Buffalo 3
1975-76 46 36 .561 Vince 1º Turno
Perde Semifinali Conference
Buffalo 2, Philadelphia 1
Boston 4, Buffalo 2
1976-77 30 52 .366
1977-78 27 55 .329
San Diego Clippers
1978-79 43 39 .524
1979-80 35 47 .427
1980-81 36 46 .439
1981-82 17 65 .207
1982-83 25 57 .305
1983-84 30 52 .366
Los Angeles Clippers
1984-85 31 51 .378
1985-86 32 50 .390
1986-87 12 70 .146
1987-88 17 65 .207
1988-89 21 61 .256
1989-90 30 52 .366
1990-91 31 51 .378
1991-92 45 37 .549 Perde 1º Turno Utah 3, LA Clippers 2
1992-93 41 41 .500 Perde 1º Turno Houston 3, LA Clippers 2
1993-94 27 55 .329
1994-95 17 65 .207
1995-96 29 53 .354
1996-97 36 46 .439 Perde 1º Turno Utah 3, LA Clippers 0
1997-98 17 65 .207
1998-99 9 41 .180
1999-2000 15 67 .183
2000-01 31 51 .378
2001-02 39 43 .476
2002-03 27 55 .329
2003-04 28 54 .341
2004-05 37 45 .451
2005-06 47 35 .573 Vince 1º Turno
Perde Semifinali Conference
LA Clippers 4, Denver 1
Phoenix 4, LA Clippers 3
2006-07 40 42 .496
2007-08 23 59 .280
2008-09 19 63 .232
2009-10 29 53 .354
2010-11 32 50 .390
2011-12 40 26 .606 Vince 1º Turno
Perde Semifinali Conference
LA Clippers 4, Memphis 3
San Antonio 4, LA Clippers 0
2012-13 56 26 .683 Perde 1º Turno Memphis 4, LA Clippers 2
2013-14 57 27 .695 Vince 1º Turno
Perde Semifinali Conference
LA Clippers 4, Golden State 3
Oklahoma City 4, LA Clippers 2
Totale 1303 2177 .374
Playoffs 26 34 .433

Premi e riconoscimenti individuali[modifica | modifica sorgente]

All-NBA First Team

All-NBA Second Team

All-NBA Third Team

NBA Defensive First Team

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) CNN/SI - NBA Draft - Olowokandi chosen No.1 by Clippers, CNN - Sports Illustrated, 13 luglio 1998.
  2. ^ (EN) CLIPPERS: Livingston Injury Report, NBA.com, 7 febbraio 2007.
  3. ^ (EN) CLIPPERS: Clippers Sign Eric Gordon, NBA.com, 2 luglio 2007.
  4. ^ (EN) Davis verbally agrees to go to Clippers, leaves Warriors - NBA-ESPN, ESPN, 7 luglio 2008.
  5. ^ (EN) CLIPPERS: Clippers Acquire Marcus Camby, NBA.com.
  6. ^ (EN) CLIPPERS: Clippers Sign Free Agent Ricky Davis, NBA.com, 28 luglio 2008.
  7. ^ (EN) CLIPPERS: Clippers Sign Free Agent Guard Jason Williams, NBA.com, 7 agosto 2008.
  8. ^ (EN) Baylor's attorney exploring options, latimes.com, 9 ottobre 2008. URL consultato il 30 dicembre 2009.
  9. ^ (EN) KNICKS: Cuttino Mobley Announces Retirement, NBA.com, 11 dicembre 2008.
  10. ^ (EN) Clippers' Griffin out for season, The Press-Enterprise, 13 gennaio 2010.
  11. ^ (EN) Blazers strengthen interior, land Camby in trade with Clips, NBA.com, 16 febbraio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]