A.C. Green

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A.C. Green
A. C. Green at HUD in 2004.JPG
A.C. Green nel 2004
Dati biografici
Nome A.C. Green jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 206 cm
Peso 100 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande
Ritirato 2001
Carriera
Giovanili

1981-1985
Benson Polytechnic High School
Oregon St. Beavers Oregon St. Beavers
Squadre di club
1985-1993 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 653
1993-1996 Phoenix Suns Phoenix Suns 273
1996-1999 Dallas Mavericks Dallas Mavericks 188
1999-2000 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 82
2000-2001 Miami Heat Miami Heat 82
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

A.C. Green jr. (Portland, 4 ottobre 1963) è un ex cestista statunitense, professionista nella NBA.

È il giocatore che detiene il record del maggior numero di partite consecutive disputate in NBA: 1177 tra il 19 novembre 1986 e il 20 marzo 2001[1]. Altre fonti sostengono che la striscia durò fino al 18 aprile 2001 e le partite furono 1192. È stato inserito nell'Oregon Sports Hall of Fame nel 2003. Il suo nome è proprio A.C., che non è una sigla. È lo zio del cestista Kevyn Popovich.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Portland, ha frequentato la Benson Polytechnic High School. Per quattro anni ha giocato con la Oregon State University, conquistando il secondo posto come rimbalzista e il quarto come marcatore nella storia dell'ateneo. Scelto come ventitreesimo al Draft NBA 1985 dai Los Angeles Lakers, diventò il miglior rimbalzista della squadra in sei delle otto stagioni passate in California. Con i compagni Magic Johnson, James Worthy e Kareem Abdul-Jabbar, vinse i titoli 1987 e 1988 e fu vicecampione nel 1989 e nel 1991.

Nel 1993 si svincolò dai Lakers per passare ai Phoenix Suns. Nel 1993-94 Green raggiunse la media di 14,7 punti a partita, la massima della sua carriera. Nel 1996-97 fu ceduto ai Dallas Mavericks insieme a Michael Finley e Sam Cassell in cambio di Jason Kidd, Tony Dumas e Loren Meyer. Il 20 novembre 1996 superò il record di Randy Smith con 907 gare consecutive disputate in NBA. Il 13 marzo 1999 raggiunse la millesima presenza contro i Vancouver Grizzlies. Nel 1999-2000 tornò a Los Angeles, vincendo il titolo. Si ritirò al termine della stagione successiva, giocata con i Miami Heat sotto la guida di Pat Riley, già suo allenatore ai tempi dei Lakers dello showtime.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • NCAA AP All-America Third Team (1985)
  • NBA Larry O'brien Trophy.jpg Titoli NBA: 3
Los Angeles Lakers: 1987, 1988, 2000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guinness World Records 2002. Milano, Mondadori, 2001. ISBN 8804497211.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 26305995