Rimbalzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dirk Nowitzki al rimbalzo.

Nella pallacanestro, il rimbalzo è il recupero del pallone (che rimbalza sul ferro dell'anello) dopo un tiro sbagliato.

Può essere offensivo (dopo un tiro effettuato sbagliato) o difensivo (dopo un tiro subito sbagliato). Il rimbalzo è un fondamentale importante tanto in difesa, dove dà l'opportunità di ripartire in contropiede, quanto in attacco, dove offre una seconda possibilità di tiro.

Sapersi piazzare a rimbalzo è necessario per un buon giocatore, e fondamentale è il tagliafuori: si cerca di porsi davanti al proprio avversario e lo si tiene dietro, impedendogli di saltare a rimbalzo ed anticipandolo.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato italiano maschile di pallacanestro, dal 1975-76 il record dei rimbalzi offensivi è di Eugene Mc Dowell, che afferrò 172 rimbalzi in 30 gare (in media 5,73 a partita). Per quanto riguarda quelli difensivi, è Charles Shackleford a primeggiare, con una media di 11,75 (564 in 48 partite con Caserta)[1].

In NBA, il record del totale dei rimbalzi dal 1950-1951 appartiene a Wilt Chamberlain, con 23924 durante tutta la carriera, seguito da Bill Russell, 21620, e Moses Malone, 17834[2].
Chamberlain detiene anche il record di rimbalzi catturati in una partita, con 55[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Record su LegaBasket.it
  2. ^ (EN) - La classifica dei rimbalzi su Basketball-Reference.com
  3. ^ Link alla biografia di Chamberlain sul sito ufficiale dell'NBA [1].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

pallacanestro Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro