Mo Williams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mo Williams
Mo Williams.jpg
Williams con la maglia dei Los Angeles Clippers
Dati biografici
Nome Maurice Williams
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 84 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Playmaker
Squadra Minnesota T'wolves Minnesota T'wolves
Carriera
Giovanili

2001-2003
William B. Murrah High School
Alabama Crim. Tide Alabama Crim. Tide
Squadre di club
2003-2004 Utah Jazz Utah Jazz 57
2004-2008 Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 272
2008-2011 Cleveland Cavaliers Cleveland Cavaliers 186
2011-2012 L. Angeles Clippers L.A. Clippers 74
2012-2013 Utah Jazz Utah Jazz 46
2013-2014 Portland T. Blazers Portland T. Blazers 74
2014- Minnesota T'wolves Minnesota T'wolves
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 luglio 2014

Maurice "Mo" Williams (Jackson, 19 dicembre 1982) è un cestista statunitense, professionista nella NBA con i Minnesota Timberwolves.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mo Williams fu scelto nel Draft NBA 2003 dagli Utah Jazz al secondo turno come 49a scelta assoluta. Durante la sua stagione da matricola ha una media di 5 punti e 1,3 assist a partita.

L'anno successivo, dopo essere stato rilasciato dai Jazz, passa ai Milwaukee Bucks. Durante la prima stagione, complice l' infortunio del playmaker titolare T.J. Ford, Williams ha una media di 10,2 punti e 6,1 assist. Nel suo nuovo ruolo da titolare ha mostrato un particolare talento per i tiri decisivi, mettendo a segno numerosi tiri-vittoria nella stagione 2005-06. Nella off-season 2006 i Bucks cedono Ford ai Toronto Raptors in cambio dell'ala grande Charlie Villanueva. Questo evento ha definitivamente aperto un posto da titolare per Williams. Nelle prime 17 partite della stagione 2006-07 ha una media di 15,6 punti, 5,1 rimbalzi e 6,2 assist in quasi 35 minuti di media a partita, tutti career-high. Il 20 dicembre 2006 mette a segno contro i Miami Heat la sua prima tripla doppia in carriera, con 19 punti, 11 rimbalzi e 10 assist. Nell'estate 2007 diventa free agent, ma decide poi di rifirmare un contratto di 5 anni a 52 milioni di $.

Il 13 agosto 2008 viene ceduto ai Cleveland Cavaliers in una trade che coinvolge ben tre squadre (Bucks, Cavs e Oklahoma City Thunder) e sei giocatori; nell' ambito della trade, oltre a Williams, Joe Smith e Desmond Mason vengono ceduti ai Thunder mentre Damon Jones, Luke Ridnour e Adrian Griffin vengono ceduti ai Bucks. Ai Cavs Williams sceglie di indossare la maglia numero 2 in quanto la 25 tradizionalmente usata da lui era stata ritirata in onore di Mark Price. Con i Cavaliers diventa definitivamente un giocatore di alto livello, arrivando a disputare l'All-Star Game del 2009 venendo scelto per sostituire l'infortunato Chris Bosh; era stato la seconda scelta alternativa, in quanto Ray Allen era stato scelto per sostituire l' infortunato Jameer Nelson. L'11 febbraio 2009 segna un career-high di 44 punti (oltre a 7 assist) contro i Phoenix Suns. Durante la stagione 2008-09 Williams è stato uno dei maggiori contributori a portare i Cavs a un bilancio di 66-16 (39-2 in casa), il migliore nella NBA. Dopo la partenza di LeBron James Williams diventa il leader dei Cavs. Nonostante molti voci di mercato, Williams stesso chiarisce sul suo account di Twitter di non essere in procinto di lasciare i Cavs. Ha fortemente criticato gli eventi che hanno circondato la partenza di James e ha risposto agli insulti rivolti ai Cavs dalla guardia dei Miami Heat Dwyane Wade. Il 14 novembre 2010 mette a segno il suo primo tiro allo scadere con la maglia dei Cavs, facendoli vincere per 83-81 contro i Milwaukee Bucks. Ha tirato da 5 metri su Brandon Jennings a tempo scaduto. Durante quella partita ha segnato 25 punti, capocannoniere dei Cavs.

Il 23 febbraio 2011 passa dai Cleveland Cavaliers ai Los Angeles Clippers insieme a Jamario Moon per Baron Davis più la scelta al primo giro del Draft NBA (che sarà poi Kyrie Irving. Williams viene immediatamente inserito nel quintetto titolare dei Clippers giocando sia da playmaker che da guardia. La stagione successiva i Clippers ingaggiano Chris Paul e Chauncey Billups, degradando Williams a sesto uomo. Riesce comunque a ottenere buone prestazioni anche da riserva classificandosi ottavo al Sixth Man of the Year.

Il 29 giugno 2012, ormai chiuso da altri Paul, Billups e Jamal Crawford, viene ceduto agli Utah Jazz (facendo così ritorno alla sua prima squadra NBA) in una trade a quattro squadre in cui i Clippers ricevono Lamar Odom e i Dallas Mavericks ricevono la trade exception dei Jazz. Nella trade i Clippers cedono anche la loro scelta al secondo giro al draft Furkan Aldemir agli Houston Rockets.

L'8 agosto 2013 rimasto free agents e senza aver trovato un contratto di buon spessore, firma per la squadra dei Portland Trail Blazers un contratto da 2,652,000 $ con opzione sul secondo anno andando ad aiutare, nel ruolo di playmaker, il giovane Damian Lillard.

Il 30 luglio 2014 firma un contratto annuale a 3,75 milioni di dollari con i Minnesota Timberwolves.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]