Jackson (Mississippi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jackson
city
(EN) Jackson, Mississippi
Jackson – Bandiera
Jackson – Veduta
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of Mississippi.svg Mississippi
Contea Hinds
Madison
Rankin
Amministrazione
Sindaco Harvey Johnson, Jr.
Territorio
Coordinate 32°17′56″N 90°11′05″W / 32.298889°N 90.184722°W32.298889; -90.184722 (Jackson)Coordinate: 32°17′56″N 90°11′05″W / 32.298889°N 90.184722°W32.298889; -90.184722 (Jackson)
Altitudine 94[1] m s.l.m.
Superficie 276,7[3] km²
Abitanti 175 021 (2009[2])
Densità 632,53 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 39200-39299
Prefisso 601, 769
Fuso orario UTC-6
Nome abitanti jacksonians
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Jackson
Jackson – Mappa
Sito istituzionale

Jackson è una città degli Stati Uniti d'America, capitale dello Stato del Mississippi. Al censimento del 2000 la città aveva una popolazione di 184.256 abitanti, passati a 175.021 secondo una stima del 2009. A luglio 2005 è stato stimato che l'area metropolitana di Jackson (MSA), composta dai sobborghi nelle contee di Hinds, Rankin, Madison, Copiah e Simpson, aveva una popolazione di 522.580 abitanti (detti Jacksonians).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Jackson è situata sul Pearl River e riceve acqua dalla Ross Barnett Reservoir, un bacino artificiale ottenuto sbarrando il fiume Pearl a nord-est della città, tra le contee di Madison e di Rankin.

Secondo lo United States Census Bureau, la città di Jackson ha una superficie totale di 276,7 km², dei quali 271,7 km² di territorio e 5 km² di acque interne (l'1,80% del totale).

Jackson è uno dei due capoluoghi della contea di Hinds insieme a Raymond. Parte del territorio cittadino è compreso nelle contee di Madison e Rankin.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'area dove sorge l'attuale Jackson venne colonizzata da un esploratore franco-canadese di nome Louis LeFleur; in seguito la zona da lui coltivata divenne nota col nome di LeFleur's Bluff. Nel 1821 un commissione incaricata di trovare una nuova locazione per la capitale del Mississippi scelse LeFleur's Bluff, dal momento che il centro esatto dello stato era occupato da vaste paludi. Fu così che il Campidoglio, gli uffici governativi e le principali istituzioni furono trasferiti qui da Natchez. Il nome della nuova capitale venne presto mutato in Jackson, in onore del generale Andrew Jackson, che nel 1813 aveva sconfitto gli inglesi a New Orleans. Nel 1840 fu connessa alla rete ferroviaria nazionale. Nel corso della guerra di secessione americana Jackson, che era un importante centro manifatturiero confederato, fu conquistata per ben due volte dalle forze nordiste nel corso del 1863. Al termine della seconda conquista, gli unionisti bruciarono completamente la città, che venne ribattezzata Chimneyville (Città dei camini), dal momento che sopravvissero all'incendio solamente i camini in muratura. Nonostante ciò alcuni importanti edifici vennero risparmiati, come ad esempio il vecchio Campidoglio o la residenza del governatore. Nel 1903 fu inaugurato il nuovo Campidoglio del Mississippi. Negli anni sessanta divenne, in quanto capitale statale, un centro del movimento per i diritti civili. Il 12 giugno 1963 Medgar Evers, un importante leader dei diritti civili, venne ucciso dal razzista Byron De La Beckwith. In ricordo di Evers furono intitolati alcuni importanti edifici pubblici e l'aeroporto di Jackson. Il 15 maggio 1970 la polizia uccise due studenti alla Jackson State University nel corso di una protesta contro la guerra del Vietnam. Nel 1997 Harvey Johnson, Jr fu il primo afro-americano a divenire sindaco di Jackson. A Jackson è ambientato il libro L'aiuto (The Help) della scrittrice Kathryn Stockett, che tratta il problema della segregazione delle donne nere negli anni '60.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Jackson rimase una piccola città per gran parte del XIX secolo. Al censimento del 1860 risultarono solo 1.881 abitanti e nel 1900 la popolazione era cresciuta solo fino a 8.000 persone. Nel 1944, però, la popolazione di Jackson era salita a 70.000 abitanti e negli anni Settanta, dopo i tumulti per i diritti civili dei neri, ci fu l'esplosione demografica.

Secondo il censimento del 2000, la popolazione della città è composta in grande maggioranza da neri (70,64%), con una minoranza di bianchi (27,79%). Le altre minoranze sono di entità trascurabile: 0,13% di nativi americani, 0,57% di asiatici, 0,01% di persone originarie delle isole dell'Oceano Pacifico, 0,67% di multirazziali e 1% di ispanici.

Organizzazioni e istituzioni culturali[modifica | modifica sorgente]

Eventi culturali periodici[modifica | modifica sorgente]

  • Mississippi State Fair (held annually in October)
  • Crossroads Film Festival(April)
  • Jubilee! Jam (June)
  • Festival Latino (September)
  • OUToberfest (annual LGBT festival held in October)
  • USA International Ballet Competition (held every four years in June)
  • Mals St. Pattys Day Parade(held annually in March...in Downtown Jackson...the saturday of or after)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Jackson in Geographic Names Information System (GNIS), U.S. Geological Survey. URL consultato il 23 luglio 2010.
  2. ^ (EN) Table 4. Annual Estimates of the Resident Population for Incorporated Places in Mississippi: April 1, 2000 to July 1, 2009 in Incorporated Places and Minor Civil Divisions, U.S. Census Bureau. URL consultato il 23 luglio 2010.
  3. ^ (EN) Mississippi -- Place in American Fact Finder, U.S. Cernsus Bureau. URL consultato il 23 luglio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America