Austin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Austin (disambigua).
Austin
city
(EN) City of Austin
Austin – Veduta
Dati amministrativi
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of Texas.svg Texas
Contea Travis
Sindaco Lee Leffingwell (D)
Territorio
Coordinate 30°16′02″N 97°45′50″W / 30.267222°N 97.763889°W30.267222; -97.763889 (Austin)Coordinate: 30°16′02″N 97°45′50″W / 30.267222°N 97.763889°W30.267222; -97.763889 (Austin)
Altitudine 149 m s.l.m.
Superficie 669,3 km²
Abitanti 820 611 (2011)
Densità 1 226,07 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 78701-78705, 78708-78728, 78730-78739, 78741-78742, 78744-78769
Prefisso 512
Fuso orario UTC-6
Nome abitanti austinites
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Austin
Austin – Mappa
Sito istituzionale

Austin è una città degli Stati Uniti d'America, capitale dello Stato del Texas e capoluogo della contea di Travis. Secondo una stima del 2007, Austin ha una popolazione di 743.074 abitanti, che la rende la quarta città più grande del Texas e la sedicesima di tutti gli Stati Uniti. Situata nella regione centrale dello Stato, l'area metropolitana di Austin è una tra quelle che crescono più velocemente negli Stati Uniti ed è abitata complessivamente da circa 1.400.000 persone (stima del 2004). Gli abitanti di Austin vengono chiamati Austinites.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Primi abitanti[modifica | modifica sorgente]

Per centinaia di anni prima dell'arrivo dei coloni europei, la zona dell'attuale città di Austin fu abitata da un miscuglio di indiani Tonkawa, Comanche e Apache Lipan, che vivevano di caccia e pesca lungo i corsi d'acqua della zona.

Coloni anglo-americani[modifica | modifica sorgente]

Il primo insediamento permanente documentato dell'attuale città di Austin risale al 1835. I coloni anglo-americani cominciarono ad arrivare quando il Texas faceva ancora parte del Messico. Essi fondarono il villaggio di Waterloo nel 1837, lungo le sponde del fiume Colorado. Secondo una tradizione locale, Stephen Austin, il "padre del Texas", negoziò un trattato di pace con gli indiani della zona nel luogo dove ora sorge la Treaty Oak ("Quercia del trattato") dopo che diversi coloni erano stati uccisi durante alcune razzìe degli indiani. Austin avrebbe negoziato con gli indiani anche i confini della nascente città.

Repubblica del Texas[modifica | modifica sorgente]

Waterloo fu scelta come capitale della nuova Repubblica del Texas nel 1839 e Mirabeau Lamar le cambiò il nome in onore di Stephen Austin. Il piano urbanistico della nuova capitale fu progettato dal giudice Edwin Waller, con strade orientate secondo i quattro punti cardinali e chiamate con nomi di fiumi e piante del Texas; lo schema viario originario è rimasto quasi inalterato nel centro cittadino. Nell'ottobre del 1839 il governo texano si trasferì da Houston ad Austin, che nel gennaio successivo contava 839 abitanti. Sempre nel 1839 il Congresso del Texas acquistò un terreno nelle vicinanze della città per costruirvi una università di "prima classe", che nel 1883 divenne il principale campus dell'Università del Texas.

Nel 1842 il presidente Sam Houston tentò di riportare la capitale a Houston e da lì alla località di Washington-on-the-Brazos e incaricò un gruppo di uomini di impadronirsi degli archivi statali tenuti ad Austin. La reazione degli abitanti fece però fallire il colpo di mano e gli archivi rimasero nella città di Austin.

Dal 1845 al 1899[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'annessione del Texas agli Stati Uniti nel 1845, ci furono altri due tentativi di spostare la capitale da Austin mediante referendum: la proposta però fu respinta in entrambi i casi.

Dal 1861 al 1865, Austin, come tutto il Texas, fece parte della Confederazione e uno dei suoi più celebri generali fu Hood.

Dopo la guerra di secessione furono sviluppate le strutture scolastiche e universitarie della città: nel 1878 fu fondato dal reverendo Edward Sorin l'Accademia (poi Università) di St. Edward, nel 1881 furono aperte due scuole che poi confluirono e dettero vita alla Huston-Tillotson University; nel 1882 fu costruito il campus principale dell'Università del Texas, aperta nel 1883.

Negli anni 1884-1885 la città fu terrorizzata da un ignoto assassino seriale, noto con il soprannome di Servant Girl Annihilator (che si potrebbe tradurre come "massacratore delle serve"), che uccideva le proprie vittime a colpi d'ascia. Più tardi fu avanzata anche l'ipotesi che questo assassino fosse la stessa persona che si celò dietro il nome di Jack lo squartatore, i cui delitti iniziarono circa tre anni dopo gli omicidi di Austin.

Il Campidoglio fu completato nel 1888 e al tempo si riteneva essere il settimo edificio più grande del mondo.

Nel 1893 fu costruita la diga Great Granite Dam sul fiume Colorado, regolarizzando il corso del fiume e fornendo energia elettrica alla città.

Dal 1900 al 1969[modifica | modifica sorgente]

Nel 1900, una grande tempesta spazzò via la diga e un muro d'acqua si abbatté sul centro di Austin, radendola al suolo e uccidendo decine di persone. Ci furono due tentativi di ricostruire la diga, finché non si decise di costruirne un'altra, la Tom Miller Dam, negli anni quaranta.

Nel 1910 fu aperto un ponte in cemento sul fiume Colorado, il Congress Avenue Bridge.

Negli anni trenta la Lower Colorado River Authority sostituì la Great Granite Dam con una serie di sette dighe e bacini che regolarizzarono il corso del fiume. Un ruolo chiave lo giocò l'allora deputato Lyndon B. Johnson, che riuscì a far autorizzare i fondi per finanziare l'opera.

Il 1 agosto 1966 ci fu forse l'evento più traumatico della città, la strage di passanti ad opera di Charles Whitman appostato prima su una torre facente parte del complesso edilizio dell'università.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo lo United States Census Bureau, Austin ha una superficie totale di 669,3 km², dei quali 651,4 km² di territorio e 17,9 km² di acque interne (il 2,67% del totale).

Austin è situata sul fiume Colorado del Texas, con tre laghi artificiali all'interno della cerchia urbana: il Lady Bird Lake (fino al 2007 di chiamava Town Lake), il lago Austin e il lago Walter E. Long. La parte orientale della città è pianeggiante mentre quella occidentale si trova in una zona collinare, parte iniziale delle Colline del Texas. A causa della natura rocciosa delle colline in caso di forti piogge l'acqua non viene trattenuta dal suolo e causa inondazioni improvvise della città di Austin; per questo motivo sono stati costruiti i bacini e i laghi artificiali, che sono divenuti anche meta di gite in barca.

Economia[modifica | modifica sorgente]

I settori informatico e tecnologico sono quelli più importanti per l'economia della città e molte compagnie della Silicon Valley hanno una loro sede ad Austin. Tra le principali aziende operanti in questo settore troviamo:

L'alta concentrazione di aziende informatiche ha portato alla creazione del soprannome Silicon Hills (Colline di silicio) per la città in contrapposizione alla più famosa Silicon Valley californiana.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città è servita dall'Aeroporto Internazionale di Austin-Bergstrom.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Città di Austin
Popolazione per anno
1950 132.459
1960 186.545
1970 251.808
1980 345.496
1990 465.622
2000 656.562
2007 743.074

Al censimento del 2000 la popolazione cittadina risultava composta dal 65,36% di bianchi, 30,55% di ispanici, 10,05% di neri, 0,59% nativi americani, 4,72% asiatici, 0,07% isolani dell'Oceano Pacifico, 16,23% di altra origine e 2,99% multirazziali.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Austin è la più grande città degli Stati Uniti a non avere squadre in nessuno dei quattro principali campionati (NFL, MLB, NBA e NHL). Sono presenti gli Austin Toros, squadra militante in D-League, la lega di sviluppo dell'NBA.

Inoltre, Austin ospita nel Circuito delle Americhe il 19° GP del Mondiale di F1.

Persone legate ad Austin[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Media e spettacoli[modifica | modifica sorgente]

Natura e ambiente[modifica | modifica sorgente]

Risorse[modifica | modifica sorgente]

Texas Portale Texas: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Texas