Bismarck (Dakota del Nord)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bismarck
city
Bismarck – Veduta
Dati amministrativi
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of North Dakota.svg Dakota del Nord
Contea Burleigh
Sindaco John Warford
Territorio
Coordinate 46°48′30″N 100°46′14″W / 46.808333°N 100.770556°W46.808333; -100.770556 (Bismarck)Coordinate: 46°48′30″N 100°46′14″W / 46.808333°N 100.770556°W46.808333; -100.770556 (Bismarck)
Altitudine 514 m s.l.m.
Superficie 71 km²
Abitanti 62 840 (01-07-2007)
Densità 885,07 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 58501-58507
Prefisso 701
Fuso orario UTC-6
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Bismarck
Bismarck – Mappa
Sito istituzionale

Bismarck è la capitale dello stato del Dakota del Nord, sede della Contea di Burleigh,[1] e seconda città dello stato per popolazione alle spalle di Fargo. La sua popolazione secondo le stime del 2007 era di 62.840 abitanti. Nel 2000 la sua area urbana era composta da 94.719 abitanti, mentre secondo le stime del 2008 essa è cresciuta fino a toccare i 104.944 abitanti.[2] Bismarck fu fondata del 1872 e dichiarata capitale dello stato fin dalla creazione del Dakota del Nord, nel 1889.

Bismarck è situata sulla sponda orientale del Missouri, affacciata alla cittadina di Mandan.[3] Le due città formano un unico agglomerato urbano definito Bismarck-Mandan Metropolitan Statistical Area

Il North Dakota State Capitol, l'edificio più alto dello stato, è il simbolo di Bismarck e spicca sul centro urbano. Le attività correlate al governo statale offrono lavoro ad una buona parte degli abitanti. Come sede di attività manifatturiere, di commercio al dettaglio e di attività legate al benessere, Bismarck è il cuore economico di gran parte del Dakota del Nord centro-meridionale e del Dakota del Sud centro-settentrionale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In passato la zona era nota come Missouri Crossing, prima che nel 1872 si diede inizio alla costruzione di quella che sarebbe divenuta l'attuale Bismarck. Il primo nome dell'insediamento tuttavia fu Edwinton, in onore di Edwin Ferry Johnson (1803–1872), un abile ingegnere civile a cui furono affidati gli insediamenti per la costruzione della Northern Pacific Railway dal giugno 1866 al novembre 1870. La Northern Pacific Railway decise di cambiare il nome della città nel 1873 in Bismarck, proprio come il nome del Cancelliere tedesco Otto von Bismarck, manovra per attirare manodopera tedesca per i cantieri della ferrovia. Il vero motivo della crescita della popolazione e dello sviluppo dell'economia fu la scoperta delle miniere d'oro nelle Black Hills, avvenuta nel 1874. Nel 1883 Bismarck venne scelta come capitale del Territorio del Dakota e nel 1889 come quella del Dakota del Nord.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Bismarck è situata alle seguenti coordinate: 46°48′48″N 100°46′44″W / 46.813333°N 100.778889°W46.813333; -100.778889 (46.813343, -100.779004)[4].

Secondo i rilevamenti dello United States Census Bureau, la città di Bismarck si estende su una superficie di 71 km², dei quali 69,6 km² sono occupati da terre, mentre 1,4 km² sono occupati da acque.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Situata nelle Grandi Pianure, in una posizione intermedia tra le Montagne Rocciose e i Grandi Laghi, Bismarck ha un clima simile a entrambe le regioni, caratterizzato da lunghi inverni freddi con nevicate di media intensità ed estati calde e umide. Ci sono temporali in primavera e autunno, ma il clima di Bismarck è comunque abbastanza secco.

Il mese più caldo è luglio, con la temperatura massima a 29 °C e la minima a 14 °C; il mese più freddo, invece, è gennaio, con la temperatura massima a -6 °C e la minima a -18 °C. Il mese più umido è giugno, con 65,8 mm di precipitazioni atmosferiche, e quello più secco è dicembre, con soli 11 mm di precipitazioni.

Temperature minime, medie e massime
Mese Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Massima record (°C) 17,2 20,5 27,2 33,8 36,6 43,8 42,7 42,7 40,5 35,0 26,1 18,3
Massima media (°C) -6,1 -1,9 4,6 13,3 20,6 25,4 29,2 28,5 22,0 14,6 3,4 -3,5
Minima media (°C) -18,1 -13,4 -7,2 -0,8 6,0 10,9 13,6 12,6 6,5 0,1 -7,9 -15,1
Minima record (°C) -42,2 -41,6 -35,0 -24,4 -9,4 -1,1 1,6 0,5 -11,6 -23,3 -34,4 -41,6
Piogge in mm 11,4 12,9 21,6 37,1 56,4 65,8 65,5 54,6 40,9 32,5 17,8 11,2
Fonte: USTravelWeather.com [5]

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Andamento demografico di Bismarck
1910
1920
1930
1940
1950
1960
4.913 7.122 11.090 15.496 18.541 27.670
1970
1980
1990
2000
2006
2007
34.703 44.485 49.256 55.532 58.333 62.840

Secondo il censimento[6] del 2000, a Bismarck vivevano 55.532 persone, ed erano presenti 14.444 gruppi familiari. La densità di popolazione era di 797,4 ab./km². Nel territorio comunale si trovavano 24.217 unità edificate. Per quanto riguarda la composizione etnica degli abitanti, il 94,78% era bianco, lo 0,28% era afroamericano, il 3,39% era nativo, lo 0,45% proveniva dall' Asia e lo 0,03% proveniva dall'Oceano Pacifico. Lo 0,17% della popolazione apparteneva ad altre razze e lo 0,89% a due o più. La popolazione di ogni razza ispanica corrispondeva allo 0,75% degli abitanti.

Le sei principali ascendenze degli abitanti sono: tedeschi (57,9%), norvegesi (18,2%), russi (7,7%), irlandesi (7,2%), inglesi (5,0%) e svedesi (4,3%).

Per quanto riguarda la suddivisione della popolazione in fasce d'età, il 23,5% era al di sotto dei 18, l'11,1% fra i 18 e i 24, il 29,1% fra i 25 e i 44, il 22,4% fra i 45 e i 64, mentre infine il 13,8% era al di sopra dei 65 anni di età. L'età media della popolazione era di 36 anni. Per ogni 100 donne residenti vivevano 93,9 maschi.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Bismarck viene governata da una "Commissione cittadina", formata da un consiglio ristretto di cinque persone scelto dagli elettori. Il presidente di questa commissione copre anche l'incarico di sindaco, e l'attuale primo cittadino è John Warford. La commissione si riunisce nel secondo e nel quarto martedì di ogni mese.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Con oltre 4.300 impiegati, l'apparato burocratico dello stato del Dakota del Nord è il più grande datore di lavoro della città. Al secondo posto si trovano due importanti enti assistenziali, il St. Alexius Medical Center e il Medcenter One Health Systems, con una forza lavoro sommata di circa 4.100 persone. Altre importanti attività e industrie di Bismarck sono la Bobcat Company (controllata della coreana Doosan Infracore), la Basin Electric Power Cooperative, il Coventry Health Care, l'ente che gestisce le scuole pubbliche, la Midwest Motor Express, e il Governo federale degli Stati Uniti d'America.[7]

Bismarck è inoltre sede della MDU Resources Group, che nel 2009 è risultata al 473º posto della lista Fortune 500.

Educazione[modifica | modifica sorgente]

Istruzione primaria e secondaria[modifica | modifica sorgente]

L'ente di gestione delle scuole pubbliche, Bismarck Public Schools, opera in quindici scuole primarie, tre scuole secondarie di primo grado (Simle, Wachter e Horizon), e tre scuole secondarie di secondo grado ("Century High School", "Bismarck High School" e "South Central High School"). In totale gli studenti sono 10.400 circa, e il corpo docente è di 1.500 insegnanti.

Fra le scuole private, le più prestigiose e le più antiche sono quelle gestite da alcuni enti religiosi.

Università[modifica | modifica sorgente]

A Bismarck ci sono cinque fra college e università. La University of Mary, università quadriennale gestita dall'Ordine di San Benedetto, è la più grande ateneo della città. Il Bismarck State College è un college di due anni affiliato al sistema universitario statale. Lo United Tribes Technical College invece è un college di due anni rivolto soprattutto ai nativi. Il Rasmussen College infine, dalla durata di due anni, è un campus affiliato al Rasmussen College system.

Media[modifica | modifica sorgente]

Stampa[modifica | modifica sorgente]

L'unico quotidiano con sede a Bismarck e il Bismarck Tribune. Il giornale è stato fondato nel 1873 ed è la più vecchia pubblicazione ancora in vendita della città. Il Tribune è il giornale ufficiale della città di Bismarck, della Contea di Burleigh, e dello stato del Dakota del Nord.[8]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Le emittenti televisive con sede a Bismarck sono sei, alcune delle quali ritrasmesse da Minot, Willinston e Dickinson. Le stazioni sono:

  • KBME, affiliata alla PBS
  • KFYR, affiliata alla NBC
  • KXMB, affiliata alla CBS
  • KBMY, affiliata alla ABC
  • KNDX, affiliata alla Fox
  • K46DY, affiliata alla TBN

Radio[modifica | modifica sorgente]

A Bismarck si possono ricevere fino a 27 stazioni radio. Tutte le emittenti commerciali sono spartite fra la Clear Channel Communications e la Cumulus Media.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Il vecchio deposito della Northern Pacific Railway, attualmente adibito a ristorante.

Data la posizione al centro del Dakota del Nord, Bismarck è diventato il principale hub dei trasporti.

Il Bismarck Municipal Airport sorge a sud della città ed è il più importante scalo passeggeri del Dakota del Nord occidentale, e il secondo più trafficato dell'intero stato. L'aeroporto è servito dalle compagnie United Express, Allegiant Air e Northwest Airlines. Nel maggio del 2005 è stato ultimato un nuovo scalo dal valore di $15 milioni di dollari. Il vecchio terminal, costruito fra gli anni sessanta e settanta è stato gravemente danneggiato da una tempesta, a causa della quale si è optato per la demolizione della vecchia struttura per fare spazio a quella nuova.

La ferrovia Burlington Northern Santa Fe Railway corre per la città in direzione est-ovest. Non vi è più alcun servizio ferroviario Amtrak a Bismarck da quando la tratta North Coast Hiawatha venne interrotta nel 1979; la più vicina stazione ferroviaria Amtrak è quella di Minot, a nord di Bismarck, dove oggi corre la linea Empire Builder.

Bismarck è servita inoltre da due autostrade a livello federale: la Interstate 94 corre in direzione est-ovest attraverso la città è la unisce a Mandan, mentre in direzione perpendicolare corre la U.S. Route 83, la quale passa a nord del centro e dopo 40 chilometri circa di strada parallela alla Interstate 94 svolta in direzione sud

Il servizio di trasporto pubblico è il Capital Area Transit System (CAT), lanciato nel maggio 2004.[9] Le linee di bus sono undici, e corrono soprattutto sulla linea Bismarck-Mandan. La Bis-Man Transit gestisce inoltre il servizio di taxi della città.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Dopo il trasferimento dei Dakota Wizards, squadra della NBA Development League, a Santa Cruz, la città non ha più nessuna franchigia professionistica.

Gli sport professionistici sono arrivati nella città a metà degli anni 1990, proprio con l'avvento degli Wizards, e si stanno via via sviluppando. I Wizards hanno vinto trofei in occasione dei giorni dedicati all'International Basketball Association e alla Continental Basketball Association, ma soprattutto hanno vinto il campionato di NBA Development League 2006-2007. Bismarck in passato ha avuto una squadra professionistica di baseball, i Dakota Rattlers, ma dopo alcune stagioni la squadra ha lasciato la capitale per spostarsi a Minot.

La squadra di hockey su ghiaccio dei Bismarck Bobcats gioca all'interno della North American Hockey League, squadra composta perlopiù da giocatori al di sotto dei 20 anni.

Persone legate a Bismarck[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Find a County". National Association of Counties
  2. ^ Metropolitan and micropolitan statistical area population and estimated components of change: April 1, 2000 to July 1, 2008
  3. ^ Geology of the Bismarck - Mandan Area
  4. ^ U.S. Gazetteer: 2000 and 1990 United States Census Bureau
  5. ^ http://www.ustravelweather.com/weather-north-dakota/bismarck-weather.asp
  6. ^ American FactFinder United States Census Bureau
  7. ^ Information about Bismarck economy
  8. ^ Bismarck Tribune information
  9. ^ Capital Area Transit information

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America