Isolani del Pacifico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli isolani del Pacifico, chiamati anche oceanici in riferimento all'Oceania, sono gli abitanti indigeni della regione dell'Oceania che comprende gli arcipelaghi dell'Oceano Pacifico di Polinesia, Melanesia e Micronesia.

Le tre maggiori subregioni dell'Oceania, ossia Polinesia, Melanesia e Micronesia

Regioni degli isolani del Pacifico[modifica | modifica sorgente]

Polinesia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Polinesia.

La Polinesia consiste in un arcipelago disposto a triangolo che copre la regione centro-orientale dell'Oceano Pacifico. Il triangolo è delimitato dalla Isole Hawaii a nord, dalla Nuova Zelanda a ovest e dall'Isola di Pasqua a est. Il resto della Polinesia comprende le Isole Samoa, le Isole Cook, la Polinesia francese, l'isola Niue, Tokelau e Tuvalu, Tonga, Wallis e Futuna e le Isole Pitcairn.

Melanesia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Melanesia.

La Melanesia è rappresentata dalla Nuova Guinea, l'Arcipelago di Bismarck, Isole dell'Ammiragliato, Bougainville, Isole Salomone, Nuova Caledonia, Isole della Lealtà, Vanuatu, Figi, Isola Norfolk e altre isole.

Micronesia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Micronesia.

La Micronesia comprende Kiribati, Nauru, Isole Marianne, Isole Marshall, Palau e gli Stati Federati di Micronesia.

Etnolinguistica[modifica | modifica sorgente]

Riguardo all'etnia, gli isolani del Pacifico che risiedono in Oceania sono divisi in due diverse classificazioni:

  • Austronesiani, che parlano le lingue oceaniche. La loro numerazione è di circa 2,3 milioni e occupano Polinesia, Micronesia e la maggior parte delle isole minori della Melanesia.
  • Popoli tribali, che parlano le lingue papuasiche, sono circa 7 milioni e occupano principalmente la Nuova Guinea e alcune delle isole minori della Melanesia situate a largo della costa nord-est della Nuova Guinea.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ britannica.com

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]