National Basketball Association 2011-2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
National Basketball Association 2011-2012
Dettagli della competizione
Organizzatore NBA
Periodo da: 25 dicembre 2011
a: 22 giugno 2012
Squadre 30 (in 6 gironi)
Verdetti
Titolo East Miami Heat Miami Heat
Titolo West Oklahoma Thunder Oklahoma Thunder
Campione Miami Heat Miami Heat
(2º titolo)
MVP LeBron James
Miglior allenatore Gregg Popovich
Miglior marcatore Kevin Durant
MVP delle finali LeBron James

Ultimo aggiornamento dati: 22 giugno 2012.

ed. successiva →     ← ed. precedente

La stagione della National Basketball Association 2011-2012 è stata la 66ª edizione del campionato NBA. Il titolo è stato vinto dai Miami Heat, al secondo successo della propria storia.

L'inizio della stagione, previsto per il mese di ottobre 2011, è slittato al 25 dicembre in seguito al lockout imposto dai 30 proprietari delle rispettive franchigie della NBA, a partire dal 1º luglio 2011.

Lockout NBA 2011-2012[modifica | modifica wikitesto]

Il lockout (in italiano: serrata) della NBA è ufficialmente iniziato alla mezzanotte ed un minuto del 1º luglio 2011. Il 30 giugno è infatti scaduto il contratto collettivo che regolava il rapporto di lavoro tra giocatori e franchigie; la mancanza di accordo tra le parti, ha impedito la stipulazione di un nuovo contratto e per questa ragione i proprietari delle franchigie hanno imposto il blocco all'inizio della stagione.

La serrata prevede regole ferree per i giocatori: essi non ricevono infatti lo stipendio, ed è vietata qualsiasi contrattazione di mercato effettuata direttamente dal giocatore. È invece consentita la trattativa tramite l'agente del cestista, ma esclusivamente per trasferimenti oltre oceano; non è infatti permessa alcuna trattativa per trasferimenti tra squadre NBA. Sono state inoltre annullate tutte le amichevoli pre-campionato.

Le ragioni principali che hanno portato al lockout sono tre: la durata minima del rapporto contrattuale; la percentuale di distribuzione degli introiti; l'ammontare del tetto salariale NBA (il cosiddetto salary cap).

I proprietari delle franchigie vogliono infatti ridurre la cifra del salary cap di circa un terzo rispetto ai 58 milioni di dollari previsti dal precedente contratto. Il nodo riguardante la distribuzione degli introiti è incentrato sulla percentuale che i proprietari intendono concedere ai giocatori. Le società hanno infatti intenzione di ridurre dal 57% al 40% la percentuale delle proprie entrate versate ai giocatori; questi ultimi non intendono scendere al di sotto del 52%.

Nell'attesa della conclusione del lockout, sono molti i giocatori che hanno preferito trasferirsi in Europa o in Asia[1]. La maggior parte di essi ha firmato un accordo con clausola della cosiddetta NBA escape: la possibilità cioè di risoluzione immediata del contratto al termine del lockout, in modo da consentire il rientro del giocatore negli Stati Uniti[2].

Dopo una serie di incontri, il 26 novembre 2011 viene raggiunta una prima intesa di massima tra le parti, che stabilisce l'inizio ufficiale della stagione per il 25 dicembre, e 66 incontri totali in stagione.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornate al 27 aprile 2012[3].

Eastern Conference[modifica | modifica wikitesto]

Atlantic Division

Classifica V P % GB
1. Boston Celtics Boston Celtics 4[4] 39 27 59,1 -
2. New York Knicks N.Y. Knicks 7 36 30 54,5 3
3. Philadelphia 76ers Philadelphia 76ers 8 35 31 53 4
4. Toronto Raptors Toronto Raptors 23 43 34,8 16
5. New Jersey Nets N.J. Nets 22 44 33,3 17

Central Division

Classifica V P % GB
1. Chicago Bulls Chicago Bulls 1 50 16 75,8 -
2. Indiana Pacers Indiana Pacers 3 42 24 63,6 8
3. Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 31 35 47 19
4. Detroit Pistons Detroit Pistons 25 41 37,9 25
5. Cleveland Cavaliers Cleveland Cavaliers 21 45 31,8 29

Southeast Division

Classifica V P % GB
1. Miami Heat Miami Heat 2 46 20 69,7 -
2. Atlanta Hawks Atlanta Hawks 5 40 26 60,6 6
3. Orlando Magic Orlando Magic 6 37 29 56,1 9
4. Wash. Wizards Wash. Wizards 20 46 30,3 26
5. Charlotte Bobcats Charlotte Bobcats 7 59 10,6 39

Western Conference[modifica | modifica wikitesto]

Northwest Division

Classifica V P % GB
1. Oklahoma Thunder Oklahoma Thunder 2 47 19 71,2 -
2. Denver Nuggets Denver Nuggets 6 38 28 57,6 9
3. Utah Jazz Utah Jazz 8 36 30 54,5 11
4. Portland T. Blazers Portland T. Blazers 28 38 42,4 19
5. Minnesota T'wolves Minnesota T'wolves 26 40 39,4 21

Pacific Division

Classifica V P % GB
1. Los Angeles Lakers L.A. Lakers 3 41 25 62,1 -
2. L. Angeles Clippers L.A. Clippers 5 40 26 60,6 1
3. Phoenix Suns Phoenix Suns 33 33 50 8
4. Golden St. Warriors Golden St. Warriors 23 43 34,8 18
5. Sacramento Kings Sacramento Kings 22 44 33,3 19

Southwest Division

Classifica V P % GB
1. San Antonio Spurs San Antonio Spurs 1 50 16 75,8 -
2. Memphis Grizzlies Memphis Grizzlies 4 41 25 62,1 9
3. Dallas Mavericks Dallas Mavericks 7 36 30 54,5 14
4. Houston Rockets Houston Rockets 34 32 51,5 16
5. N. Orleans Hornets N.O. Hornets 21 45 31,8 29

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi NBA Playoffs 2012.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche totali[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Punti Tot.
1. Kevin Durant 1.850
2. LeBron James 1.683
3. Kobe Bryant 1.616
4. Russell Westbrook 1.558
5. Kevin Love 1.432
Pos. Rimbalzi Tot.
1. Dwight Howard 785
2. Kevin Love 734
3. Blake Griffin 717
4. Andrew Bynum 709
5. DeMarcus Cousins 703
Pos. Assist Tot.
1. Steve Nash 664
2. Rajon Rondo 620
3. Chris Paul 543
4. John Wall 530
5. Deron Williams 481


Pos. Palle rubate Tot.
1. Chris Paul 152
2. Mike Conley 136
3. Paul Millsap 118
4. LeBron James 115
5. Russell Westbrook 112
Pos. Stoppate Tot.
1. Serge Ibaka 241
2. DeAndre Jordan 135
3. JaVale McGee 132
4. Roy Hibbert 128
5. Marc Gasol 121
Pos. Minuti giocati Tot.
1. Kevin Durant 2.546
2. Pau Gasol 2.430
3. Rudy Gay 2.422
4. Blake Griffin 2.392
5. John Wall 2.386


Pos. Palle perse Tot.
1. John Wall 255
2. Kevin Durant 248
3. Russell Westbrook 239
4. Steve Nash 229
5. Deron Williams 219
Pos. Falli commessi Tot.
1. DeMarcus Cousins 257
2. Paul Millsap 222
3. Blake Griffin 216
4. Luis Scola 214
5. Amir Johnson 209

Statistiche a partita[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Punti P.ti/p.
1. Kevin Durant 28
2. Kobe Bryant 27,9
3. LeBron James 27,1
4. Kevin Love 26
5. Russell Westbrook 23,6
Pos. Rimbalzi Rimb./p.
1. Dwight Howard 14,5
2. Kevin Love 13,3
3. Andrew Bynum 11,8
4. DeMarcus Cousins 11
5. Kris Humphries 11
Pos. Assist Ass./p..
1. Rajon Rondo 11,7
2. Steve Nash 10,7
3. Chris Paul 9,1
4. José Calderón 8,8
5. Deron Williams 8,7


Pos. Palle rubate Rub./p.
1. Chris Paul 2,5
2. Mike Conley 2,2
3. LeBron James 1,9
4. Paul Millsap 1,8
5. Tony Allen 1,8
Pos. Stoppate St./p.
1. Serge Ibaka 3,7
2. JaVale McGee 2,2
3. Dwight Howard 2,1
4. DeAndre Jordan 2
5. Roy Hibbert 2
Pos. Minuti giocati Min./p.
1. Luol Deng 39,4
2. Kevin Love 39
3. Kevin Durant 38,6
4. Kobe Bryant 38,5
5. Dwight Howard 38,3

Premi[modifica | modifica wikitesto]

All-NBA Team[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi All-NBA Team 2010-2020, NBA All-Defensive Team 2010-2020 e NBA All-Rookie Team 2010-2020.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ hoopshype.com
  2. ^ sportando.net
  3. ^ Classifiche ufficiali, NBA.com. URL consultato il 27 aprile 2012.
  4. ^ Boston è al 4º posto della Eastern Conference avendo vinto la propria Division. Tuttavia non gode del vantaggio del fattore campo contro Atlanta (al 5º posto), poiché in questo caso va considerato il record vittorie-sconfitte in stagione regolare: Atlanta 40–26, Boston 39–27.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pallacanestro Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro