Blake Griffin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blake Griffin
Blake Griffin Clippers.jpg
Griffin con la maglia dei Los Angeles Clippers
Dati biografici
Nome Blake Austin Griffin
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 208 cm
Peso 114 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande
Squadra L. Angeles Clippers L.A. Clippers
Carriera
Giovanili

2007-2009
Oklahoma Christian School
Oklahoma Sooners Oklahoma Sooners
Squadre di club
2009- L. Angeles Clippers L.A. Clippers 308
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 aprile 2014

Blake Austin Griffin (Oklahoma City, 16 marzo 1989) è un cestista statunitense, che gioca come ala grande nei Los Angeles Clippers.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Blake Griffin ricopre il ruolo di ala grande, il suo gioco è molto offensivo, come infatti dimostrano le sue statistiche viaggiando con una media di 20,4 punti a partita.

Dotato di un'imponente struttura fisica e una muscolatura possente che gli permette di combinare potenza ed esplosività, riesce spesso a crearsi spazio in area per giocare in post, tende spesso a schiacciare per la grande elevazione che possiede, infatti riceve spesso dai compagni passaggi alley-oop, ma è anche in grado di effettuare tiri dalla media distanza, in quanto possiede un tiro discreto per essere un lungo.

È un ottimo rimbalzista viaggiando attualmente con 10,5 palloni catturati a partita, risultando un giocatore molto completo in tutti gli aspetti del suo gioco, e nonostante la sua giovane età, è considerato una delle ali grandi più forti nella NBA.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

High School[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Oklahoma City e cresciuto nella vicina cittadina di Edmond, frequenta la Oklahoma Christian School dove viene allenato dal padre e vince per due volte consecutive il titolo di "Oklahoma Player of the Year", sia da junior con 21,7 punti, 12,5 rimbalzi e 4,9 assist, che da senior con 26,8 punti, 15,1 rimbalzi e 4,9 assist.

Partecipa inoltre al McDonald's All-American, competizione riservata ai migliori collegiali degli Stati Uniti tenutasi a Louisville, dove vince la gara delle schiacciate.

College[modifica | modifica wikitesto]

Griffin al college

Gioca per due anni alla University of Oklahoma concludendo il campionato con un record di 23-12 e venendo incluso nel "All Rookie First Team" con 14,7 punti e 9,1 rimbalzi di media. L'ultimo a riuscirci per la sua università era stato Wayman Tisdale nel 1983. L’anno successivo da sophomore avvenne la sua esplosione: terminò la stagione con 22,7 punti e 14,4 rimbalzi, 30 doppie-doppie, seconda prestazione di sempre della NCAA dietro solo a David Robinson con 31 realizzate nel 1986-1987. Ha anche stabilito il record di rimbalzi in una singola stagione con 504 e vinse numerosi premi: il John Wooden Award, il premio Naismith e il titolo di "Player of the year", il miglior giocatore universitario dell’anno. Il 14 febbraio 2009, nella partita casalinaga contro i Texas Tech Red Raisers terminata 95-74, Griffin segnò 40 punti di cui 8 su 10 dal tiro libero e 16 su 22 dal campo (72,7%) e 23 rimbalzi (7 offensivi, 16 difensivi) in 31 minuti, diventando così il terzo giocatore nella storia dell'università a segnare almeno 40 punti e prendere 20 rimbalzi in una partita, dopo Wayman Tisdale (61 punti e 22 rimbalzi contro Texas-San Antonio nel 1983) e Alvan Adams (43 punti e 25 rimbalzi contro Iowa State nel 1975).

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Finita la stagione lascia il college per dedicarsi alla carriera professionistica, dichiarandosi eleggibile per il Draft NBA 2009; viene selezionato 1ª scelta assoluta dai Los Angeles Clippers. Dopo una serie di ottime prestazioni in preseason dove alla fine verrà nominato MVP della Summer League, atterrando dopo una schiacciata si procura una frattura da stress ad una rotula.

Inizialmente il giocatore decide di non sottoporsi ad intervento chirurgico, ma a metà gennaio 2010, non riuscendo a recuperare come previsto, l'operazione si rende necessaria, saltando così l'intera stagione 2009-10.

Fa il suo esordio nella NBA il 27 ottobre 2010 nella partita persa dai Los Angeles Clippers contro i Portland Trail Blazers per 88 a 98 nella quale realizza 27 punti e 14 rimbalzi. Il 20 novembre, nella partita persa in casa contro i New York Knicks sfonda per la prima volta il muro dei 40 punti mettendone a segno 44 insieme a 15 rimbalzi e 7 assist.

Il 16 gennaio 2011 nel derby cittadino contro i Los Angeles Lakers allo Staples Center si trova coinvolto in una rissa nella quale viene espulso a 5,7 secondi dal termine, dopo essere andato in doppia cifra per la 26ª volta consecutiva con 18 punti e 15 rimbalzi. Con lui vengono espulsi Baron Davis, Lamar Odom e Ron Artest e la partita termina con la vittoria dei Los Angeles Clippers per 99-92.[1]. Date le sue movenze animalesche e il suo modo di schiacciare nel 2011 gli viene affibbiato il soprannome Donkey Kong.

Il giorno successivo, contro gli Indiana Pacers, segna 47 punti (19/24 al tiro dal campo e 9/11 ai liberi), oltre ai "consueti" 14 rimbalzi e 3 assist.[2]

Il 19 febbraio 2011 partecipa all'NBA Slam Dunk Contest svoltosi presso lo Staples Center di Los Angeles, gara delle schiacciate dell'All-Star Weekend. Griffin per l'ultima schiacciata fa comparire un'automobile sul parquet (una KIA, sponsor ufficiale della NBA) e la fa piazzare sotto il canestro con Baron Davis all'interno pronto a fornirgli l'assist. Non contento, porta in campo anche un coro gospel che intona la canzone I Believe I Can Fly mentre il giocatore salta il muso della macchina, riceve il passaggio alley-oop attraverso il tettuccio apribile dell'auto, e schiaccia al volo. Dopo una performance del genere non c'è nulla da fare per JaVale McGee (suo avversario), i tifosi via sms premiano così il giocatore dei Clippers che come da pronostico si impone nella Slam Dunk Contest. Nell'intervista dichiara: "Si è parlato tanto di me durante la settimana ma non ho sentito la pressione - commenta Griffin - sono molto contento, mi sono appassionato alla gara delle schiacciate già da bambino per cui vincerla è davvero speciale". Il 4 maggio 2011 vince all'unanimità il premio di Rookie dell'Anno come premio della sua fantastica stagione. Viene inserito nel quintetto base della NBA Western Conference nell'edizione 2012 dell'All-Star Game.

L'8 luglio 2012 è stato incluso nella lista dei convocati del Team USA che avrebbe dovuto partecipare alle Olimpiadi di Londra, ma a causa di un infortunio al menisco è costretto a rinunciare alla partecipazione[3].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 1 novembre 2014

  • Massimo di punti: 47 vs Indiana (17 gennaio 2011)
  • Massimo di rimbalzi: 20 vs San Antonio (18 febbraio 2012)
  • Massimo di assist: 11, due volte
  • Massimo di stoppate: 4, sei volte

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2010-2011 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 82 82 3112 696/1376 7/24 446/695 989 312 63 45 1845
2011-2012 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 66 66 2392 561/1022 2/16 244/468 717 210 54 48 1368
2012-2013 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 80 80 2598 577/1022 5/28 281/426 662 299 97 50 1440
2013-2014 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 80 80 2863 718/1359 12/44 482/674 757 309 92 51 1930
2014-2015 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 15 15 506 141/268 3/6 68/95 114 59 8 3 333
Totale carriera 325 325 11549 2714/5138 31/120 1539/2380 3253 1196 315 197 6978

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2012 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 11 11 393 84/168 0/1 42/66 76 27 20 10 210
2013 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 6 5 158 29/64 0/0 21/26 33 15 0 5 79
2014 Stati Uniti Los Angeles Clippers NBA 13 13 478 117/234 1/7 71/96 96 50 16 14 306
Totale carriera 30 29 1029 230/466 1/8 134/188 205 92 36 29 595

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Vita familiare[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di Blake è composta da mamma Gail, papà Tommy e dal fratello maggiore Taylor, che è stato scelto dai Phoenix Suns nel medesimo Draft 2009 (al termine della stagione decide di continuare la carriera in Europa, in Belgio con il Belgacom Liège). Ha avuto una brevissima frequentazione con Brynn Cameron, ex giocatrice di basket a USC, di tre anni più grande di lui, dalla quale ha avuto un figlio, Ford Wilson Cameron-Griffin, il 1º agosto 2013. Brynn ha già un altro figlio, Cole, di 6 anni, avuto dalla precedente relazione con Matt Leinart (la coppia si separò ancora prima che nascesse il bambino; la storia fece parlare molto negli Stati Uniti all'epoca per la giovane età di lei, appena diciottenne, e per la fama del padre)[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Games | NBA.com
  2. ^ Games | NBA.com
  3. ^ london2012.fiba.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]