Richard Hamilton (cestista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Hamilton
Hamilton free throw.jpg
Hamilton durante un tiro libero con la maglia dei Detroit Pistons
Dati biografici
Nome Richard Clay Hamilton
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 200 cm
Peso 84 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Guardia
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Giovanili

1996-1999
Coatesville Area High School
Conn. Huskies Conn. Huskies
Squadre di club
1999-2003 Wash. Wizards Wash. Wizards 212
2003-2011 Detroit Pistons Detroit Pistons 631
2011-2013 Chicago Bulls Chicago Bulls 78
Nazionale
1999 Stati Uniti Stati Uniti 0
Palmarès
Transparent.png Campionati Americani
Oro Porto Rico 1999
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 10 luglio 2013

Richard Clay Hamilton (Coatesville, 14 febbraio 1978) è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Soprannominato "Rip", dal 1996 al 1999 gioca con la UConn (abbreviazione di University of Connecticut), vincendo il titolo NCAA. Nella finale riceve anche premio come MVP.

Nel draft NBA viene scelto dai Washington Wizards con la 7ª scelta. Dopo tre stagioni i Wizards lo cedono insieme a Hubert Davis e Bobby Simmons ai Detroit Pistons in cambio di Jerry Stackhouse, Brian Cardinal e Ratko Varda.

Detroit Pistons[modifica | modifica sorgente]

Dopo la trade Hamilton esplode, diventando una delle migliori guardie della lega. Nel 2004 vince il campionato NBA con i Pistons, di cui è anche il miglior realizzatore.

Durante la stagione 2003-04 Hamilton si frattura il naso per ben tre volte. Per poter giocare i play-off indossa una maschera protettiva. Nonostante il suo naso sia guarito, continua tuttora ad indossare la maschera, poiché la considera un simbolo di forza, "un po' come un mio mantello di Superman".[1]

Hamilton è l'unico giocatore nella storia dell'NBA ad essere stato il miglior marcatore della sua squadra in una partita senza aver segnato punti dal campo. Il 6 gennaio 2005 ha sbagliato 10 tiri, riuscendo però a segnare ben 14 tiri liberi in una sconfitta casalinga per 101-79 contro i Memphis Grizzlies.

Il 9 febbraio 2006 riceve la sua prima convocazione all'All-Star Game, come guardia di riserva nella Eastern Conference.

Il 27 dicembre 2006 segna un career-high di 51 punti segnando 19 tiri dal campo su 37 in una sconfitta al terzo tempo supplementare contro i New York Knicks, diventando il primo giocatore avversario dopo Michael Jordan a segnare 50 punti al Madison Square Garden. Nell'All-Star Game 2007 viene convocato per la seconda volta a rappresentare la Eastern Conference.

Il 17 febbraio 2008 disputa il suo terzo All-Star Game consecutivo. Il 6 febbraio viene invece selezionato per prendere parte al Foot Locker Three-Point Shootout, tenutosi il 16 febbraio durante l'All-Star Weekend 2008 a New Orleans; viene tuttavia sconfitto dal campione in carica Jason Kapono. Il 13 maggio 2008 supera Isiah Thomas come miglior marcatore di tutti i tempi dei Pistons nei play-off.

Il 3 novembre 2008 firma con i Pistons un rinnovo triennale a 34 milioni di $. I primi due anni erano garantiti, mentre il terzo aveva un'opzione. Il 7 febbraio 2009 segna 38 punti partendo dalla panchina contro il Milwaukee Bucks, il massimo per una riserva nella storia dei Pistons. Il 13 marzo 2009 segna un career-high di 16 assist nella vittoria ai tempi supplementari per 99-95 contro i Toronto Raptors.

Il 12 dicembre 2011 viene tagliato dai Pistons, attraverso l'"amnesty clause".

Chicago Bulls[modifica | modifica sorgente]

Il 14 dicembre firma per i Chicago Bulls. I termini dell'accordo restano riservati, ma secondo alcune fonti Hamilton avrebbe siglato un accordo di tre anni per 15 milioni di dollari, con due anni garantiti e il terzo sul quale i Bulls potrebbero esercitare una opzione.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Detroit Pistons: 2004

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) NBA Street Homecourt Xbox 360 Preview, NBA Street Homecourt Preview in www.1up.com.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 68660838