Patrick Kluivert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Patrick Kluivert
Kluivert in allenamento al PSV nel 2006
Nazionalità Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 187 cm
Peso 79 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Termine carriera 2008 - giocatore
Carriera
Giovanili
1983-1984Schellingwoude
1984-1994Ajax
Squadre di club1
1994-1997Ajax70 (39)
1997-1998Milan27 (6)
1998-2004Barcellona182 (90)
2004-2005Newcastle Utd26 (6)
2005-2006Valencia10 (1)
2006-2007PSV16 (3)
2007-2008Lilla13 (4)
Nazionale
1994-2004Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi79 (40)
Carriera da allenatore
2008-2009AZ AlkmaarCollaboratore
2010Brisbane RoarVice
2010-2011N.E.C.Vice
2011-2013Jong Twente
2012-2014Bandiera dei Paesi Bassi Paesi BassiAssistente
2015-2016Bandiera di Curaçao Curaçao
2016AjaxA1
2018-2019Bandiera del Camerun CamerunVice
2021Bandiera di Curaçao CuraçaoInterim
2023Adana Demirspor
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 dicembre 2023

Patrick Stephan Kluivert (Amsterdam, 1º luglio 1976) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore olandese, di origini surinamesi, di ruolo attaccante.

Considerato uno dei migliori attaccanti della sua generazione,[1][2] nel marzo del 2004 è stato inserito da Pelé nella FIFA 100, la lista dei 125 migliori calciatori viventi, redatta in occasione del Centenario della FIFA.[1] A livello individuale è stato inoltre il capocannoniere ai campionati europei del 2000[3] e detiene il record di giocatore più giovane ad aver mai segnato in una finale di Champions League (18 anni e 327 giorni).[4]

Esordisce con l'Ajax, con il quale vince due campionati, due Supercoppe nazionali, una Champions League, una Supercoppa europea e una Coppa Intercontinentale.[5] In seguito passa al Milan e dopo una sola stagione al Barcellona, con il quale conquista un campionato spagnolo.[5] Dopo una parentesi nel Newcastle Utd, torna dapprima in Spagna, nel Valencia, e poi nei Paesi Bassi, nel PSV, dove vince un altro campionato olandese. Chiude poi la sua carriera nel Lille, disputando con il club francese un'unica stagione.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Patrick nasce ad Amsterdam da Kenneth Kluivert, padre originario di Calcutta nel Suriname, e da Lidwina Kluivert, madre originaria di Curaçao (ex Antille olandesi). Suo padre Kenneth era anch'egli calciatore.[6]

Ha quattro figli, Justin, Quincy, Ruben e Shane, i quali hanno seguito le orme paterne divenendo anche loro calciatori.[7]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Paragonato a Gullit,[5] Kluivert era un attaccante tatticamente duttile[8] che si distingueva per tecnica e velocità, nonché per un'elevata intelligenza calcistica.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato per un anno nello Schellingwoude, entrò a far parte dell'accademia dell'Ajax all'età di sette anni. Durante i primi anni giocò in tutte le posizioni dell'area centrale del campo: difensore, centromediano, trequartista e centravanti.[8]

Ajax[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel vivaio dell'Ajax, ha debuttato in prima squadra il 28 agosto 1994,[8] a diciotto anni, mettendosi subito in mostra con 18 gol al suo campionato d'esordio (1994-1995).[9] Nella sua prima stagione è artefice di ottime prestazioni, e guida l'undici di Amsterdam alla conquista della sua quarta Coppa dei Campioni, la prima dopo il grande trittico dei tempi di Cruijff: il 24 maggio 1995, nella finale di Vienna contro il Milan di Fabio Capello, realizza la rete decisiva dell'1-0 a pochi minuti dal termine della partita, diventando così il più giovane marcatore in una finale di Champions League.[8] In quell'anno, con la squadra ajacide vince anche la Supercoppa UEFA e la Coppa Intercontinentale in ambito internazionale, e il campionato olandese e la Johan Cruijff Schaal in patria; sempre nel 1995, a livello personale è insignito del Trofeo Bravo e del titolo di Talento olandese dell'anno.[10]

Milan[modifica | modifica wikitesto]
Kluivert in azione al Milan, pressato dal parmense Jesper Blomqvist (a sinistra) e sotto lo sguardo dell'altro rivale Dino Baggio (a destra), nella semifinale di andata della Coppa Italia 1997-1998.

Dopo essere rimasto ad Amsterdam per altre due stagioni, bissando nel 1996 la conquista del titolo nazionale dopo quello del 1995, nell'estate 1997 si è trasferito al Milan. Su di lui c'erano grandi attese, ma la sua stagione non è stata buona, avendo segnato solo 6 reti in 27 partite di campionato (contro Udinese, Bari, Atalanta, Lazio e una doppietta al Vicenza)[9] e tre in sei partite di Coppa Italia (contro la Sampdoria agli ottavi e una doppietta al Parma in semifinale). La sua stagione in rossonero si è rivelata quindi negativa, come quella di tutta la squadra, colpita da una crisi tra le più buie della sua storia.[11]

Nella successiva stagione 1998-1999, il giocatore ha iniziato il ritiro precampionato con il Milan, ma dopo la disputa di un'amichevole estiva è stato ceduto al Barcellona per circa 30 miliardi di lire.[12]

Barcellona[modifica | modifica wikitesto]

Con il Barcellona ha vinto subito il campionato. Con la maglia blaugrana ha disputato 6 stagioni di fila con buoni risultati, anche se mai corrispondenti alle aspettative di una carriera luminosa suscitate nelle stagioni trascorse nei Paesi Bassi. Con il club catalano ha giocato 167 partite di campionato, mettendo a segno 83 reti.[13]

Newcastle Utd[modifica | modifica wikitesto]

Kluivert firma per il Newcastle Utd il 21 luglio 2004.[14] Segnò alcuni gol di classe, molte volte cruciali per la vittoria come contro il Chelsea e il Tottenham nella FA Cup, entrambe vinte per 1-0. Nonostante i 13 centri messi a segno nella sua stagione di debutto, i Magpies finiscono nella parte medio-bassa della classifica; ciò che mise in atto una clausola risolutoria del contratto, secondo cui entrambe le parti potevano decidere di non estendere l'accordo per un altro anno, e ambo le parti decisero che il calciatore poteva lasciare la squadra.[15]

Valencia[modifica | modifica wikitesto]

Kluivert decise di tornare in Spagna e di giocare per il Valencia; nel contratto venne inclusa una speciale clausola, che avrebbe permesso al club di licenziare il giocatore se fosse stata constatata la mancanza di disciplina «fuori dal campo». Dopo solo 202 minuti di gioco, e dopo aver passato quasi l'intera stagione infortunato, gli venne concesso di cercarsi una nuova squadra.[16]

PSV[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le diffuse voci che volevano Kluivert tornare a casa nell'Ajax, il suo ritorno nell'Eredivisie fu con il PSV, con il quale firmò per un anno. Proprio come per il suo debutto con l'Ajax, Kluivert debuttò contro il Feyenoord in un 2-1 vincente, partendo dalla panchina. Da allora, ebbe due infortuni durante la prima metà della stagione. In una partita contro l'Ajax al Philips Stadion, Kluivert rifiutò di esultare dopo aver segnato contro il suo ex club. Si svincola nel luglio 2007.

Lille e finale di carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 luglio 2007, Kluivert ha rifiutato l'offerta di prova col Sheffield Wednesday e prima dell'inizio della stagione 2007-2008 firmò per il Lille, club di prima divisione francese, promettendo di rilanciarsi e affermando di non essere solo un nome. Al termine della stagione, dopo solo 14 presenze e un contributo di quattro gol e preziosi assist, lascia la squadra dopo la scadenza del contratto.[17] Si è allenato con l'AZ Alkmaar, squadra olandese allenata in quel periodo da Louis Van Gaal.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato per l'Under-15, l'Under-16, l'Under-17 dei Paesi Bassi, esordisce con la nazionale maggiore il 16 novembre 1994 contro la Rep. Ceca.[8] Ha fatto parte della nazionale arancione impegnata agli europei di Inghilterra 1996, Belgio-Paesi Bassi 2000, dov'è stato capocannoniere ex aequo con Savo Milošević con 5 reti, e Portogallo 2004, e al mondiale di Francia 1998 dove arrivò al quarto posto con gli Oranje. In nazionale ha segnato 40 reti in 79 presenze.

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 aprile 2008 viene reso noto che Kluivert ha preso parte al corso della federazione calcistica olandese per diventare un allenatore, terminandolo nel dicembre 2009. A partire dal 18 luglio dello stesso anno ha fatto parte dello staff di Louis van Gaal all'AZ, militante nell'Eredivisie. Il 30 giugno 2009 lascia il club insieme a van Gaal.

Dal 24 gennaio 2010 è stato allenatore in seconda al Brisbane Roar in Australia. Dall'11 agosto 2010 al 30 giugno 2011 è stato vice di Wiljan Vloet al NEC Nijmegen.

Dal 1º luglio 2011 allena il Twente Jong portandoli a vincere il campionato nel 2012. Decide di lasciare l'incarico il 30 giugno 2013.[18]

Assistente di van Gaal, selezionatore di Curaçao[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1 agosto 2012 al 13 luglio 2014 ha fatto parte dello staff di Louis van Gaal, commissario tecnico della nazionale olandese.

Il 5 marzo 2015 è il nuovo commissario tecnico di Curaçao.[19] Al debutto vince per 2-1 contro Montserrat, gara valida per le qualificazioni CONCACAF al campionato del mondo 2018; successivamente la nazionale curaçuense è stata eliminata nel terzo round da El Salvador. Lascia il ruolo al suo vice Remko Bicentini e rimane nella nazionale come consulente strategico.

Il ritorno all'Ajax, le esperienze da dirigente e da vice di Seedorf[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 maggio 2016 torna inizialmente all'Ajax come tecnico della formazione giovanile A1,[20] ma appena il 14 luglio seguente lascia l'incarico perché viene nominato direttore sportivo del PSG.[21] Il 2 giugno 2017 il club parigino lo sostituisce con il portoghese Antero Henrique.

Il 10 agosto 2018 viene nominato vice di Clarence Seedorf, commissario tecnico del Camerun; esperienza che conclude, congiuntamente a Seedorf, il 16 luglio 2019 dopo un'edizione della Coppa d'Africa che ha visto i Leoni ottenere risultati al di sotto delle aspettative.[22]

Il 25 dello stesso mese torna al Barcellona come responsabile del settore giovanile.[23]

Ancora Curaçao e l'esperienza in Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 maggio 2021 torna ad allenare la nazionale curaçuense sostituendo ad interim Guus Hiddink, colpito dal COVID-19, in vista delle qualificazioni CONCACAF al campionato del mondo 2022.[24] Con Kluivert in panchina la squadra esce sconfitta dal doppio confronto contro Panama, fallendo così l'accesso al terzo e ultimo turno di qualificazione.

Il 1º luglio 2023 viene nominato tecnico dell'Adana Demirspor in Turchia.[25] Il 4 dicembre viene esonerato dopo che la squadra non riesce a vincere una partita da quattro match, lascia la squadra al quinto posto a soli tre lunghezza dalla terza.[26]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 diventa opinionista di BeIN Sports.

Nel marzo 2019 viene scelto dall'UEFA tra gli ambasciatori per il campionato d'Europa 2020.[27]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 1995 fu accusato di omicidio colposo per un incidente automobilistico causato ad Amsterdam, per eccesso di velocità, venendo condannato a 240 ore di lavori socialmente utili che ha successivamente prestato in un ospizio; il processo ebbe un gran impatto sull'opinione pubblica, venendo definito come «il caso O. J. Simpson olandese».[8]

Nel giugno 1997, insieme a tre amici, venne denunciato per stupro: il procedimento giudiziario a suo carico fu successivamente archiviato per mancanza di prove.[28]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra club e nazionale maggiore, Kluivert ha giocato 559 partite segnando 246 reti, alla media di 0,44 gol a partita.

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1994-1995 Bandiera dei Paesi Bassi Ajax ED 25 18 CO 2 1 UCL 10 2 SO 1 1 38 22
1995-1996 ED 28 15 CO 2 1 UCL 8 5 SO+SU+CInt 1+2+1 1+1+0 42 23
1996-1997 ED 17 6 CO 1 0 UCL 4 2 - - - 22 8
Totale Ajax 70 39 5 2 22 9 5 3 102 53
1997-1998 Bandiera dell'Italia Milan A 27 6 CI 6 3 - - - - - - 33 9
1998-1999 Bandiera della Spagna Barcellona PD 35 15 CR 3 1 - - - - - - 38 16
1999-2000 PD 26 15 CR 2 1 UCL 14 7 SS 2 2 44 25
2000-2001 PD 31 18 CR 5 2 UCL+CU 4+8 2+3 - - - 48 25
2001-2002 PD 33 18 - - - UCL 2[29]+15 1+6 - - - 50 25
2002-2003 PD 36 16 - - - UCL 2[29]+13 0+5 - - - 51 21
2003-2004 PD 21 8 CR 2 0 CU 3 2 - - - 26 10
Totale Barcellona 182 90 12 4 61 26 2 2 257 122
2004-2005 Bandiera dell'Inghilterra Newcastle Utd PL 25 6 FACup+CdL 4+2 2+0 CU 6 5 - - - 37 13
2005-2006 Bandiera della Spagna Valencia PD 10 1 CR 1 0 Int 5 1 - - - 16 2
2006-2007 Bandiera dei Paesi Bassi PSV ED 16 3 CO 2 0 UCL 3 0 - - - 21 3
2007-2008 Bandiera della Francia Lilla L1 13 4 CF+CdL 1+0 0 - - - - - - 14 4
Totale carriera 343 149 32 11 97 41 7 5 480 206

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-11-1994 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 1996 - Ingresso al 13’ 13’
29-3-1995 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera di Malta Malta Qual. Euro 1996 1 Ingresso al 77’ 77’
26-4-1995 Praga Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 3 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1996 - Ingresso al 64’ 64’
7-6-1995 Minsk Bielorussia Bandiera della Bielorussia 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1996 -
11-10-1995 Attard Malta Bandiera di Malta 0 – 4 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1996 - Ammonizione al 59’ 59’
13-12-1995 Liverpool Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera dell'Irlanda Irlanda Qual. Euro 1996 2
10-6-1996 Birmingham Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Euro 1996 - 1º turno - Ingresso al 63’ 63’
13-6-1996 Birmingham Svizzera Bandiera della Svizzera 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1996 - 1º turno - Ingresso al 84’ 84’
18-6-1996 Londra Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 4 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Euro 1996 - 1º turno 1 Ingresso al 72’ 72’
22-6-1996 Liverpool Francia Bandiera della Francia 0 – 0 dts
(5 – 4 dtr)
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1996 - Quarti di finale - Ammonizione al 89’ 89’
14-12-1996 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1998 - Ingresso al 67’ 67’
26-2-1997 Parigi Francia Bandiera della Francia 2 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
29-3-1997 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera di San Marino San Marino Qual. Mondiali 1998 1
2-4-1997 Istanbul Turchia Bandiera della Turchia 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1998 -
6-9-1997 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 1998 1
11-10-1997 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Mondiali 1998 -
24-2-1998 Miami Messico Bandiera del Messico 2 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 2 Uscita al 73’ 73’
27-5-1998 Arnhem Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera del Camerun Camerun Amichevole - Uscita al 61’ 61’
1-6-1998 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 1 Bandiera del Paraguay Paraguay Amichevole 1
5-6-1998 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 1 Bandiera della Nigeria Nigeria Amichevole 2
13-6-1998 Parigi Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 1998 - 1º turno -  82’
4-7-1998 Marsiglia Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Mondiali 1998 - Quarti di finale 1
7-7-1998 Marsiglia Brasile Bandiera del Brasile 1 – 1 dts
(4 – 2 dtr)
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1998 - Semifinale 1
11-7-1998 Parigi Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 2 Bandiera della Croazia Croazia Mondiali 1998 - Finale 3º posto -
10-10-1998 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera del Perù Perù Amichevole -
13-10-1998 Arnhem Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera del Ghana Ghana Amichevole -
18-11-1998 Gelsenkirchen Germania Bandiera della Germania 1 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 46’ 46’
10-2-1999 Parigi Portogallo Bandiera del Portogallo 0 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 58’ 58’
31-3-1999 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
5-6-1999 Salvador Brasile Bandiera del Brasile 2 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
8-6-1999 Goiânia Brasile Bandiera del Brasile 3 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 68’ 68’
18-8-1999 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 0 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Ammonizione
4-9-1999 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 5 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole 3 Uscita al 79’ 79’
9-10-1999 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
13-11-1999 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Uscita al 41’ 41’
23-2-2000 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 1 Bandiera della Germania Germania Amichevole 1
29-3-2000 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 2
26-4-2000 Arnhem Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione
27-5-2000 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 1 Bandiera della Romania Romania Amichevole 1 Uscita al 85’ 85’
4-6-2000 Losanna Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 1 Bandiera della Polonia Polonia Amichevole 2 Uscita al 62’ 62’
11-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Euro 2000 - 1º turno -
16-6-2000 Rotterdam Danimarca Bandiera della Danimarca 0 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 2000 - 1º turno 1 Ammonizione al 56’ 56’
20-6-2000 Amsterdam Francia Bandiera della Francia 2 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 2000 - 1º turno 1 Uscita al 60’ 60’
25-6-2000 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 6 – 1 Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia Euro 2000 - Quarti di finale 3 Uscita al 60’ 60’
29-6-2000 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 dts
(1 – 3 dtr)
Bandiera dell'Italia Italia Euro 2000 - Semifinale -
2-9-2000 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 2 Bandiera dell'Irlanda Irlanda Qual. Mondiali 2002 -
7-10-2000 Nicosia Cipro Bandiera di Cipro 0 – 4 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 1
11-10-2000 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 2 Bandiera del Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 46’ 46’
15-11-2000 Siviglia Spagna Bandiera della Spagna 1 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 46’ 46’
28-2-2001 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Amichevole - Uscita al 66’ 66’
24-3-2001 Barcellona Andorra Bandiera di Andorra 0 – 5 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 1 Uscita al 58’ 58’
28-3-2001 Porto Portogallo Bandiera del Portogallo 2 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 1
25-4-2001 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Mondiali 2002 1
2-6-2001 Tallinn Estonia Bandiera dell'Estonia 2 – 4 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 1
15-8-2001 Tottenham Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 88’ 88’
1-9-2001 Dublino Irlanda Bandiera dell'Irlanda 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 - Ammonizione al 81’ 81’
5-9-2001 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 0 Bandiera dell'Estonia Estonia Qual. Mondiali 2002 -
10-11-2001 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 1 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
13-2-2002 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Amichevole 1
27-3-2002 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -
21-8-2002 Oslo Norvegia Bandiera della Norvegia 0 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
7-9-2002 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 0 Bandiera della Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2004 1
16-10-2002 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 0 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
20-11-2002 Gelsenkirchen Germania Bandiera della Germania 1 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
12-2-2003 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
29-3-2003 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 2004 -
2-4-2003 Tiraspol Moldavia Bandiera della Moldavia 1 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
30-4-2003 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera del Portogallo Portogallo Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
7-6-2003 Minsk Bielorussia Bandiera della Bielorussia 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 1
20-8-2003 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
6-9-2003 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 1 Bandiera dell'Austria Austria Qual. Euro 2004 1
10-9-2003 Praga Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 3 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
11-10-2003 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 0 Bandiera della Moldavia Moldavia Qual. Euro 2004 1 Uscita al 71’ 71’
15-11-2003 Glasgow Scozia Bandiera della Scozia 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 - Uscita al 77’ 77’
19-11-2003 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 6 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Qual. Euro 2004 - Ingresso al 78’ 78’
28-4-2004 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole - Uscita al 74’ 74’
29-5-2004 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 46’ 46’
1-6-2004 Losanna Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Amichevole - Uscita al 46’ 46’
5-6-2004 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 1 Bandiera dell'Irlanda Irlanda Amichevole - Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze (19º posto) 79 Reti (3º posto) 40

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 3 dicembre 2023. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
lug.-dic. 2023 Bandiera della Turchia Adana Demirspor SL 14 6 5 3 TK 0 0 0 0 UECL 6[30] 3 1 2 - - - - - 20 9 6 5 45,00 Eson.
Totale carriera 104 6 5 3 0 0 0 0 6 3 1 2 - - - - 20 9 6 5 45,00

Nazionale curaçuense[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 giugno 2023.

Squadra Naz dal al Record
G V N P GF GS DR Vittorie %
Curaçao Bandiera di Curaçao 5 marzo 2015 30 giugno 2016 10 4 3 3 19 10 +9 40,00
14 maggio 2021 31 ottobre 2021 6 1 2 3 10 8 +2 16,67
Totale Curacao 16 5 5 6 29 18 +11 31,25

Panchine da commissario tecnico della nazionale curaçuense[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Curaçao
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
28-3-2015 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 2 – 1 Bandiera di Montserrat Montserrat Qual. Mondiali 2018 Papito Merencia
Felitciano Zschusschen (rig.)
Cap: C.Martina
1-4-2015 St. John's Montserrat Bandiera di Montserrat 2 – 2 Bandiera di Curaçao Curaçao Qual. Mondiali 2018 Darryl Lachman
Charlton Vicento
Cap: C.Martina
11-6-2015 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 0 – 0 Bandiera di Cuba Cuba Qual. Mondiali 2018 - Cap: C.Martina
14-6-2015 L'Avana Cuba Bandiera di Cuba 1 – 1 Bandiera di Curaçao Curaçao Qual. Mondiali 2018 Papito Merencia Cap: C.Martina
4-9-2015 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 0 – 1 Bandiera di El Salvador El Salvador Qual. Mondiali 2018 - Cap: C.Martina
9-9-2015 San Salvador El Salvador Bandiera di El Salvador 1 – 0 Bandiera di Curaçao Curaçao Qual. Mondiali 2018 - Cap: C.Martina
24-3-2016 Bridgetown Barbados Bandiera di Barbados 1 – 0 Bandiera di Curaçao Curaçao Qualificazioni alla Coppa dei Caraibi 2017 - Cap: C.Martina
27-3-2016 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 2 – 1 Bandiera della Rep. Dominicana Rep. Dominicana Qualificazioni alla Coppa dei Caraibi 2017 Gino van Kessel
Felitciano Zschusschen
Cap: C.Martina
2-6-2016 Willemstad Guyana Bandiera della Guyana 2 – 5 Bandiera di Curaçao Curaçao Qualificazioni alla Coppa dei Caraibi 2017 3 Felitciano Zschusschen
2 Gino van Kessel
Cap: C.Martina
7-6-2016 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 7 – 0 Bandiera delle Isole Vergini Americane Isole Vergini Americane Qualificazioni alla Coppa dei Caraibi 2017 3 Gino van Kessel
2 Felitciano Zschusschen
Leandro Bacuna
Gevaro Nepomuceno
Cap: C.Martina
5-6-2021 Città del Guatemala Isole Vergini Britanniche Bandiera delle Isole Vergini Britanniche 0 – 8 Bandiera di Curaçao Curaçao Qual. Mondiali 2022 Brandley Kuwas
2 Michaël Maria
Leandro Bacuna
2 Charlison Benschop 1 (rig.)
2 Kenji Gorré
Cap: C.Martina
9-6-2021 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 0 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Qual. Mondiali 2022 - Cap: C.Martina
13-6-2021 Panama City Panama Bandiera di Panama 2 – 1 Bandiera di Curaçao Curaçao Qual. Mondiali 2022 Rangelo Janga Cap: C.Martina
16-6-2021 Willemstad Curaçao Bandiera di Curaçao 0 – 0 Bandiera di Panama Panama Qual. Mondiali 2022 - Cap: C.Martina
6-10-2021 Manama Bahrein Bandiera del Bahrein 4 – 0 Bandiera di Curaçao Curaçao Amichevole - Cap: L.Bacuna
9-10-2021 Manama Curaçao Bandiera di Curaçao 1 – 2 Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole Rangelo Janga Cap: L.Bacuna
Totale Presenze 16 Reti 29

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Ajax: 1994, 1995
Ajax: 1994-1995, 1995-1996
PSV: 2006-2007
Barcellona: 1998-1999
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Ajax: 1994-1995
Ajax: 1995
Ajax: 1995

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior talento dell'anno in Eredivisie: 1
1995
1995
Belgio-Paesi Bassi 2000 (5 reti)
Belgio-Paesi Bassi 2000
2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fifa names greatest list, su news.bbc.co.uk.
  2. ^ European Footballer of the Year ("Ballon d'Or") 1995, su rsssf.org.
  3. ^ Uefa Euro 2000, su uefa.com.
  4. ^ Finali di Champions League: record e statistiche, su it.uefa.com.
  5. ^ a b c d e Kluivert al Milan: dall'illusione del Trofeo Berlusconi al grande flop, su goal.com.
  6. ^ Patrick Kluivert Youth (1976-1994), su patrick-kluivert.com. URL consultato il 21 maggio 2023 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2011).
  7. ^ Francesco Pietrella, Il terzo dei Kluivert firma all’Utrecht, ma non è come papà: "Sarò il nuovo van Dijk", su gazzetta.it, 15 dicembre 2019.
  8. ^ a b c d e f La Gazzetta dello Sport Magazine, anno III n°28-1997.
  9. ^ a b PATRICK KLUIVERT AND A LESSON IN SCORING GOALS, su thesefootballtimes.co.
  10. ^ Do you remember when...Ajax could win the European Cup?, su theguardian.com.
  11. ^ THE GREAT AND THE CONTROVERSIAL: SERIE A 1997-1998, su inbedwithmaradona.com.
  12. ^ M. Guidi, Da Matute "nuovo Mancini" a Kluivert per rispondere a Ronaldo: i peggiori acquisti del 1997-'98, su gazzetta.it, 23 giugno 2019.
  13. ^ Kluivert, the Nine: top images of the Dutch striker, su fcbarcelona.com.
  14. ^ Kluivert joins Newcastle, su news.bbc.co.uk.
  15. ^ Kluivert set for Newcastle exit, su news.bbc.co.uk.
  16. ^ Kluivert joins Valencia, su telegraph.co.uk.
  17. ^ Kluivert tells of interest, su skysports.com.
  18. ^ Twente, Kluivert lascia la panchina. Futuro nell'Olanda
  19. ^ Ex Milan, UFFICIALE: Kluivert ct di Curaçao, su m.calciomercato.com.
  20. ^ Kluivert terug bij Ajax, su telegraaf.nl.
  21. ^ PATRICK KLUIVERT JOINS THE CLUB AS DIRECTOR OF FOOTBALL[collegamento interrotto] psg.fr
  22. ^ Filippo Maria Ricci, "Risultati modesti". Il Camerun licenzia Seedorf e Kluivert, su gazzetta.it, 16 luglio 2019.
  23. ^ Barcellona, Patrick Kluivert nuovo direttore tecnico della cantera, su corrieredellosport.it, 25 luglio 2019.
  24. ^ (NL) Patrick Kluivert vervanger van zieke Hiddink bij Curaçao, su curacao.nu, 14 maggio 2021. URL consultato il 7 giugno 2021.
  25. ^ UFFICIALE Adana Demirspor, Patrick Kluivert è il nuovo allenatore, su m.sportitalia.com.
  26. ^ ADANA DEMIRSPOR, ESONERATO KLUIVERT, su amp.sportmediaset.mediaset.it.
  27. ^ Gli ambasciatori di UEFA EURO 2020, su it.uefa.com, 20 marzo 2019.
  28. ^ Piedi Nudi, Carlo Petrini, 2010, Kaos Edizioni
  29. ^ a b Qualificazioni.
  30. ^ Nei turni preliminari

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN289701502 · ISNI (EN0000 0003 9504 1392 · WorldCat Identities (ENviaf-289701502