Campionato europeo di calcio 1992

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campionato europeo 1992
Europamästerskapet i fotboll 1992
Competizione Campionato europeo di calcio
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Date 10 - 26 giugno 1992
Luogo Svezia Svezia
(4 città)
Partecipanti 8 (34 alle qualificazioni)
Impianto/i 4 stadi
Risultati
Vincitore Danimarca Danimarca
(1º titolo)
Secondo Germania Germania
Semi-finalisti Svezia Svezia
Paesi Bassi Paesi Bassi
Statistiche
Miglior marcatore Danimarca Henrik Larsen (3)
Germania Karl-Heinz Riedle (3)
Paesi Bassi Dennis Bergkamp (3)
Svezia Tomas Brolin (3)
Incontri disputati 15
Gol segnati 32 (2,13 per incontro)
Pubblico 430 111
(28 674 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1988 1996 Right arrow.svg

Il campionato europeo di calcio 1992 — informalmente noto come Euro '92 — fu la nona edizione del torneo, l'ultima disputatasi con 8 squadre.[1]

La manifestazione si svolse in Svezia, dal 10 al 26 giugno 1992 e vide la vittoria della Danimarca, al primo titolo della propria storia.[1]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio 1992.

L'assegnazione del torneo al paese scandinavo avvenne il 16 dicembre 1988, con la Spagna sconfitta alla candidatura.[2] La Nazionale svedese risultò ammessa d'ufficio, mentre le restanti 7 formazioni furono individuate dalla fase eliminatoria[1]: Inghilterra, Francia, Germania, Paesi Bassi, Scozia, Unione Sovietica e Jugoslavia.[1] Gli avvenimenti politici dell'epoca sconvolsero tuttavia il destino di sovietici e slavi: i primi parteciparono sotto il nome di Comunità Stati Indipendenti dopo la dissoluzione del precedente Stato[3], mentre i secondi furono squalificati per fatti bellici e sostituiti dalla Danimarca (giunta seconda nel raggruppamento).[4][5]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Partecipante in quanto Partecipazioni precedenti al torneo
1 Svezia Svezia 16 dicembre 1988 Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale -
2 Francia Francia 12 ottobre 1991 1ª classificata nel Gruppo 1 di qualificazione 2 (1960, 1984)
3 Inghilterra Inghilterra 13 novembre 1991 1ª classificata nel Gruppo 7 di qualificazione 3 (1968, 1980, 1988)
4 Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati Indipendenti 13 novembre 1991 1ª classificata nel Gruppo 3 di qualificazione 5 (1960, 1964, 1968, 1972, 1988)[6]
5 Scozia Scozia 12 ottobre 1991 1ª classificata nel Gruppo 2 di qualificazione -
6 Germania Germania 20 novembre 1991 1ª classificata nel Gruppo 5 di qualificazione 5 (1972, 1976, 1980, 1984, 1988)[7]
7 Paesi Bassi Paesi Bassi 4 dicembre 1991 1ª classificata nel Gruppo 6 di qualificazione 3 (1976, 1980, 1988)
8 Danimarca Danimarca 31 maggio 1992 2ª classificata nel Gruppo 4 di qualificazione[8] 3 (1964, 1984, 1988)

Nota bene: nella sezione "partecipazioni precedenti al torneo" le date in grassetto indicano che la nazione ha vinto quella edizione del torneo, mentre le date in corsivo indicano l'edizione ospitata da una determinata squadra.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti delle nazionali

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo girone, spiccò l'eliminazione dell'Inghilterra: i britannici, quarti all'ultimo Mondiale, ottennero due pareggi prima di una sconfitta contro i padroni di casa.[9] Analoga sorte toccò alla Francia, anch'essa capace di conquistare soltanto due punti: l'accesso alle semifinali interessò svedesi e danesi, ripescati all'ultimo momento.[9]

L'altro raggruppamento fu invece vinto dai Paesi Bassi, con due punti di margine sui tedeschi (detentori del titolo mondiale)[1]; nella giornata conclusiva, la Scozia — subito eliminata — sconfisse nettamente gli ex sovietici impedendo loro la qualificazione.[10]

Semifinali e finale[modifica | modifica wikitesto]

Il primo incrocio oppose i campioni del mondo alla nazione ospitante, risolvendosi in una vittoria della Mannschaft per 3-2.[11] L'altra sfida vide la Danimarca rinfrancare il proprio ruolo di outsider, piegando ai rigori gli olandesi: l'errore decisivo fu di Marco van Basten, protagonista della finale dell'ultima edizione.[1]

L'atto conclusivo fu vinto proprio dai biancorossi, che imponendosi per 2-0 sui tedeschi si aggiudicarono il primo trofeo della loro storia.[1]

Stadi[modifica | modifica wikitesto]

Campionato europeo di calcio 1992 (Svezia)
Göteborg Solna (Stoccolma)
Ullevi Råsunda Stadium
Capienza: 44 000 Capienza: 40 000
Nyaullevi.jpg Råsunda, south stand June 19.JPG
Malmö Norrköping
Malmö Stadion Norrköpings Idrottspark
Capienza: 30 000 Capienza: 23 000
Malmö stadion.jpg Norrkopings idrottspark.jpg

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato europeo di calcio 1992.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo A[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Svezia Svezia 5 3 2 1 0 4 2 +2
2. Danimarca Danimarca 3 3 1 1 1 2 2 0
3. Francia Francia 2 3 0 2 1 2 3 -1
4. Inghilterra Inghilterra 2 3 0 2 1 1 2 -1
Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Solna
10 giugno 1992, ore 17:15 UTC+1
Svezia Svezia1 – 1
referto
Francia FranciaStadio Råsunda (29.860 spett.)
Arbitro: Comunità degli Stati Indipendenti Spirin

Malmö
11 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Danimarca Danimarca0 – 0
referto
Inghilterra InghilterraMalmö Stadion (26.385 spett.)
Arbitro: Paesi Bassi Blankenstein

Malmö
14 giugno 1992, ore 17:15 UTC+1
Francia Francia0 – 0
referto
Inghilterra InghilterraMalmö Stadion (26.535 spett.)
Arbitro: Ungheria Puhl

Solna
14 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Svezia Svezia1 – 0
referto
Danimarca DanimarcaStadio Råsunda (29.902 spett.)
Arbitro: Germania Schmidhuber

Solna
17 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Svezia Svezia2 – 1
referto
Inghilterra InghilterraStadio Råsunda (30.126 spett.)
Arbitro: Portogallo Rosa dos Santos

Malmö
17 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Francia Francia1 – 2
referto
Danimarca DanimarcaMalmö Stadion (25.673 spett.)
Arbitro: Austria Forstinger

Gruppo B[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Paesi Bassi Paesi Bassi 5 3 2 1 0 4 1 +3
2. Germania Germania 3 3 1 1 1 4 4 0
3. Scozia Scozia 2 3 1 0 2 3 3 0
4. Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati Indipendenti 2 3 0 2 1 1 4 -3
Risultati[modifica | modifica wikitesto]
Göteborg
12 giugno 1992, ore 17:15 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi1 – 0
referto
Scozia ScoziaUllevi (35.720 spett.)
Arbitro: Svezia Karlsson

Norrköping
12 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati Indipendenti1 – 1
referto
Germania GermaniaIdrottsparken (17.410 spett.)
Arbitro: Francia Biguet

Norrköping
15 giugno 1992, ore 17:15 UTC+1
Scozia Scozia0 – 2
referto
Germania GermaniaIdrottsparken (17.638 spett.)
Arbitro: Belgio Goethals

Göteborg
15 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi0 – 0
referto
Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati IndipendentiUllevi (34.440 spett.)
Arbitro: Danimarca Mikkelsen

Göteborg
18 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi3 – 1
referto
Germania GermaniaUllevi (37.725 spett.)
Arbitro: Italia Pairetto

Norrköping
18 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Scozia Scozia3 – 0
referto
Comunità degli Stati Indipendenti Comunità degli Stati IndipendentiIdrottsparken (14.660 spett.)
Arbitro: Svizzera Röthlisberger

Albero della fase ad eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale
21 giugno - 20:15
  1A. Svezia Svezia   2  
  2B. Germania Germania   3  
 
26 giugno - 20:15
      Germania Germania   0
    Danimarca Danimarca   2
22 giugno - 20:15  
  1B. Paesi Bassi Paesi Bassi   2 (4)
  2A. Danimarca Danimarca   2 (5)  


Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Solna
21 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Svezia Svezia2 – 3
referto
Germania GermaniaStadio Råsunda (28.827 spett.)
Arbitro: Italia Lanese

Göteborg
22 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Paesi Bassi Paesi Bassi2 – 2
(d.t.s.)
referto
Danimarca DanimarcaUllevi (37.450 spett.)
Arbitro: Spagna Soriano Aladrén

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Finale del campionato europeo di calcio 1992.
Göteborg
26 giugno 1992, ore 20:15 UTC+1
Danimarca Danimarca2 – 0
referto
Germania GermaniaUllevi (37.800 spett.)
Arbitro: Svizzera Galler

Statistiche del torneo[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

3 reti

2 reti

1 rete

Gol più veloce[modifica | modifica wikitesto]

4 minuti: Frank Rijkaard (Olanda-Germania), David Platt (Svezia-Inghilterra)

Migliori 11[modifica | modifica wikitesto]

Formazione dei migliori 11 giocatori del torneo, selezionata dalla UEFA:[12]

La squadra vincitrice[modifica | modifica wikitesto]

Danimarca Danimarca
Numero Giocatore Squadra 1992
Portieri
1 Peter Schmeichel Inghilterra Manchester United
16 Mogens Krogh Danimarca Brøndby IF
Difensori
2 John Sivebæk Francia Monaco
3 Kent Nielsen Danimarca Aarhus
4 Lars Olsen Turchia Trabzonspor
12 Torben Piechnik Danimarca B 1909
6 Kim Christofte Danimarca Brøndby IF
17 Claus Christiansen Danimarca Lyngby
Centrocampisti
5 Henrik Andersen Germania Colonia
7 John Jensen Danimarca Brøndy
8 Johnny Mølby Danimarca Vejle
13 Henrik Larsen Danimarca Lyngby
18 Kim Vilfort Danimarca Brøndy
19 Peter Nielsen Danimarca Lyngby
20 Morten Bruun Danimarca Silkeborg
Attaccanti
9 Flemming Povlsen Germania Borussia Dortmund
10 Lars Elstrup Danimarca Odense
11 Brian Laudrup Germania Bayern Monaco
14 Torben Frank Danimarca Lyngby
15 Bent Christensen Arensøe Germania Schalke 04
Commissario tecnico: Richard Møller Nielsen

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Almanacco Illustrato del Calcio 1993, Modena, Panini Editore, 1992, p. 664, ISSN 1129-3381 (WC · ACNP).
  2. ^ In Svezia la fase finale degli Europei nel '92, in la Repubblica, 17 dicembre 1988, p. 36.
  3. ^ A Mosca è calcio-caos..., in la Repubblica, 11 gennaio 1992, p. 26.
  4. ^ Buffa.
  5. ^ Fabrizio Bocca, Oggi arriva il no alla Jugoslavia?, in la Repubblica, 29 maggio 1992, p. 29.
  6. ^ Fino al 1988 partecipante come Unione Sovietica.
  7. ^ Fino al 1988 partecipante come Germania Ovest.
  8. ^ Ammessa in sostituzione della Jugoslavia, qualificata sul campo ma esclusa dalla fase finale per motivi bellici.
  9. ^ a b Licia Granello, Fuori Francia e Inghilterra, in la Repubblica, 18 giugno 1992, p. 25.
  10. ^ Licia Granello, La Scozia salva la Germania, in la Repubblica, 19 giugno 1992, p. 39.
  11. ^ Bruno Bernardi, Alla Germania il primo biglietto europeo, in La Stampa, 22 giugno 1992, p. 3.
  12. ^ Squadra del Torneo, it.uefa.com. URL consultato il 31 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Ferri e Federico Buffa, Storie Mondiali: Notti Magiche (1990), Sky Sport, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122671798 · GND (DE2123378-0 · WorldCat Identities (ENviaf-122671798
  1. ^ IMDB "Sommeren '92" (2015)