Bisessualità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera simbolo della bisessualità.

Si indica col termine bisessualità l'orientamento sessuale di un soggetto che ha la capacità di provar una forte attrazione romantica, sentimentale ed affettivo-erotica nei confronti di individui sia del proprio che dell'altro sesso, indirizzando il proprio comportamento sessuale di conseguenza[1][2][3]. La persona bisessuale (diminutivo bisex o BI) può quindi sperimentare attrazione sessuale ed intraprendere relazioni amorose con componenti di entrambi i sessi.

Comunemente, tutte quelle persone che non hanno un orientamento esclusivo per un sesso rispetto all'altro vengono facilmente identificati come bisessuali[4].

La bisessualità è stata osservata in varie società umane[5] lungo tutto il corso della storia registrata e nel resto del regno animale[6][7][8], non è pertanto caratteristica esclusiva dell'essere umano.

Come gli altri due termini principali indicanti le varianti possibili di orientamento sessuale, ossia eterosessuale ed omosessuale, anche la parola "bisessuale" è stata coniata e per la prima volta utilizzata nel corso del XIX secolo[9].

Terminologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine bisessuale è stato coniato nel 1809 da alcuni botanici, per descrivere le piante provviste di organi riproduttivi sia maschili sia femminili. Non è noto quando il termine sia stato applicato al contesto dell'orientamento sessuale.

Pansessuale, omnisessuale e pomosessuale (sessualità postmoderna) sono termini che si riferiscono all'attrazione verso ogni genere, compreso il transessualismo e il transgenderismo.

Con Bifobia si indica la paura o il rifiuto della bisessualità, in base alla convinzione che solo l'eterosessualità e l'omosessualità siano "reali" orientamenti sessuali e corretti stili di vita. I bisessuali possono anche essere l'obiettivo di omofobia da parte di coloro che considerano soltanto l'eterosessualità come appropriato orientamento sessuale. Al contrario, alcuni bisessuali possono essere oggetto di critiche sia da parte di coloro che hanno atteggiamenti eterofobi, sia da una parte della comunità gay.

La bisessualità nella storia[modifica | modifica sorgente]

Shudo o pederastia giapponese: un giovane maschio intrattiene un vecchio amante, coprendogli gli occhi, mentre bacia una delle serve della casa.

E' importante tenere a mente che i termini eterosessualità, omosessualità e bisessualità, ma più in generale le nozioni stesse di sessualità e orientamento sessuale, costituiscono concetti relativamente nuovi e sono stati introdotti per la prima volta dalla psicologia e dalla medicina nel corso del XIX secolo. Essi quindi non necessariamente si trovano adatti ad indicare i contesti storici precedenti, dal momento che le società antiche non utilizzavano (almeno non esattamente) le stesse categorie di pensiero.

La considerazione sociale del comportamento bisessuale nel corso della storia e presso le varie civiltà è stata molto varia. Relativamente alla cultura occidentale si è andati dall'apprezzamento del mondo greco, quando esercitato secondo precisi canoni, alla assoluta condanna della tradizione giudaico cristiana che riteneva comunque inaccettabile l'attività sessuale fra individui dello stesso sesso.

Queste relazioni erano generalmente strutturate in base a classi di età (come nella pratica della pederastia nel bacino mediterraneo dell'antichità classica o la pratica dello "Shudo" nel Giappone premoderno, o strutturato in base al genere (come nella tradizione dei "Due Spiriti" proveniente dai nativi americani, o nelle pratiche dette "Bacha Bazi" dell'Asia centrale).

Molto più recentemente, nel quadro della laicizzazione o secolarizzazione del mondo occidentale, ha cominciato a svilupparsi un consistente movimento di opinione che considera la condotta bisessuale accettabile e naturale quanto la condotta eterosessuale od omosessuale.

All'opposizione verso la bisessualità delle morali tradizionali si è aggiunta, almeno in alcuni casi, una forte opposizione di molti gruppi omosessuali, che vedono tale pratica come sinonimo di promiscuità, oppure come contraddizione alla teoria della natura innata degli orientamenti sessuali, e perciò negano il concetto stesso. Ciò ha portato alcuni sostenitori del movimento bisessuale a parlare di bifobia, intesa come avversione alla bisessualità, come equivalente, specialmente in determinati settori gay, dell'omofobia.

La bisessualità è oggi molto lontana dal ricoprire l'importanza sociale che ha avuto nel mondo antico.

Europa[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte di ciò che chiamiamo omosessualità nelle culture antiche è in realtà una forma più o meno istituzionalizzata di bisessualità, in quanto la pratica e le relazioni omosessuali in quel tempo erano raramente intese e progettate in modo da escludere qualsiasi relazione eterosessuale; ciò in contrasto con l'attuale classificazione perentoria in cui una persona gay è attratta esclusivamente da persone dello stesso sesso, mentre una etero esclusivamente da persone di sesso opposto[10].
È necessario comunque premettere che le informazioni storiche di cui disponiamo oggi, riguardano quasi esclusivamente la bisessualità maschile; quella femminile è più difficile da stabilire, poiché le società erano generalmente patriarcali e le varie fonti a disposizione parlano solo delle relazioni maschili, interessandosi invece molto poco di quelle femminili.

Sia nella società dell'Antica Grecia sia in quella dell'Antica Roma il fatto di provare attrazione per le persone dello stesso sesso non era, di per sé, considerato deplorevole (benché fosse talora, specie in epoca tarda, oggetto di lazzi) ma, al contrario di quanto è stato talvolta sostenuto, questo non significava affatto una piena accettazione dell'omosessualità o l'esistenza di una sessualità libera.
Nel mondo antico, relazioni fra persone dello stesso sesso potevano essere accettate solo all'interno di un comportamento bisessuale ovvero, per quanto di per sé non vi fosse nulla di condannabile nell'attrazione verso persone dello stesso sesso, ciò poteva realizzarsi solo a patto che un cittadino adulto, sia greco sia romano, assolvesse ai doveri nei confronti dello stato.
Fra questi ovviamente figuravano al primo posto l'unirsi in matrimonio, generare figli e rispettare le leggi e convenzioni sociali sulla famiglia, considerata l'architrave della società[11]. Qualsiasi comportamento che minasse questo principio era assolutamente condannato. Ulteriori limitazioni derivavano poi dalle convenzioni o dalle leggi che regolavano i rapporti sessuali con persone dello stesso sesso: il comportamento effeminato e il crossdressing erano di fatto deplorati[12]. Sulle modalità con cui tale rapporto poteva realizzarsi, il mondo greco e quello romano differivano profondamente tra di loro. Anzi, anche nel corso della storia greca tali modalità cambiarono notevolmente.

Antica Grecia[modifica | modifica sorgente]

Un uomo e un adolescente s'impegnano nel sesso intercrurale.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Omosessualità nell'antica Grecia, Omosessualità militare nell'antica Grecia e Pederastia greca.

Gli antichi greci non etichettavano le relazioni sessuali secondo codici rigidamente binari, come la società occidentale moderna invece fa: gli uomini che avevano amanti anche di sesso maschile non venivano identificati come omosessuali, in quanto potevano benissimo avere al contempo anche una moglie o altre amanti femminili. Ciò è molto bene spiegato da Eva Cantarella nel suo saggio Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico.

Il primo modello di relazione bisessuale tramandatoci è quello manifestato dagli eroi omerici: il rapporto fra uomini è, secondo una felice definizione di H. I. Marrou, una "omosessualità militare" la cui essenza consiste in un cameratismo fra guerrieri. La storia di Achille e Patroclo è stata in questo senso ritenuta paradigmatica.
Anche dopo che questo modello fu abbandonato, almeno secondo la morale ufficiale, esso ha continuato a essere ben presente anche nella cultura greca successiva; non a caso uno dei drammi perduti di Sofocle s'intitolava "Achilleos Erastai" (Gli amanti di Achille). Le stesse fonti omeriche chiariscono peraltro il fatto che questo tipo di rapporto potesse ridursi a esclusiva relazione omosessuale; indicativo in questo senso è il tipo di rimprovero che Teti, madre di Achille, rivolge al figlio per la sua relazione con Patroclo: non biasima l'eroe perché porta avanti una relazione immorale ma perché questa relazione sta ritardando il dovere naturale cui neppure il semidio può sfuggire, cioè sposarsi e generare una discendenza.

D'altro canto si deve osservare come i legami di tipo omosessuale fra guerrieri fossero comuni anche presso altre culture, come ad esempio quella dei Celti. Un quadro meglio conosciuto è quello della Grecia cittadina, che risulta invece del tutto differente. Un uomo, oltre che con le donne, può avere delle relazioni omosessuali ma solo ed esclusivamente sotto forma di pederastia, cioè la relazione tra un adulto con un adolescente, secondo regole e ruoli codificati e ineludibili.
Non si tratta certamente di una relazione alla pari, di fatto al pais (fanciullo) è assegnato il ruolo passivo; esso viene scelto con precise limitazioni di età, ad Atene era un fanciullo fra 12 e i 17 anni. Non solo era vietato scegliere un bambino di età inferiore, ma anche continuare nel ruolo passivo oltre i 17 anni era ritenuto inaccettabile. All'interno di tali regole la relazione non solo è tollerata ma diviene socialmente apprezzabile in quanto ritenuta formativa ed educativa per l'adolescente.

Oltre l'adolescenza era possibile ricoprire solo un ruolo attivo, quindi avere relazioni eterosessuali adulte e con altri fanciulli, secondo le regole di cui sopra. L'omosessualità esclusiva era socialmente biasimata quando si esercitava il ruolo attivo o, addirittura, punita per un adulto che accettasse il ruolo passivo.

A Sparta, una legge molto antica ordinava che tutti gli uomini adulti avessero una relazione con un adolescente, fino a che quest'ultimo non si fosse sposato e avesse avuto dei figli.[senza fonte] Gli Spartani pensavano che le relazioni, sia affettive sia erotiche, tra soldati esperti e principianti, avrebbero rafforzato la lealtà in combattimento e favorito i comportamenti coraggiosi da parte di coloro che volevano fare buona impressione nei confronti dei propri amati.
Quando i giovani soldati raggiungevano la maturità, la relazione sarebbe dovuta diventare prettamente affettiva, senza più alcuna implicazione sessuale, ma non è ben chiaro quanto frequentemente ciò avvenisse. Alcuni giovani erano infatti accusati di continuare la relazione con il proprio mentore anche durante l'età adulta e per tale motivo venivano stigmatizzati: Aristofane li chiama euryprôktoi e li dipinge come delle "mezze donne".[13]

I testi sacri, riflettendo alcune abitudini culturali del tempo, incorporano anche bisessuali; l'argomento poteva essere affrontato sia sotto il profilo mistico sia didattico[13].

La bisessualità femminile in Grecia era sicuramente praticata e meno soggetta a regolamentazioni rispetto a quella maschile; ciò a causa del ruolo sociale assolutamente subalterno che la cultura dominante assegnava alla donna. Proprio a causa della marginalizzazione sociale della donna greca, almeno per quanto riguarda la sfera pubblica, è possibile affermare che con Saffo finisce la tradizione letteraria dell'amore fra donne: dopo di lei non rimarranno tracce evidenti nella cultura tramandata e si sa quindi ben poco sull'argomento.

Antica Roma[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Omosessualità nell'Antica Roma.

Ci si aspettava, ed era socialmente accettabile, che un uomo romano nato libero volesse intrattenere rapporti sessuali sia con femmine che con maschi, fintanto che egli prendesse il ruolo sessuale attivo (vedi Attivo e passivo nel sesso)[14]. Sia le donne che i giovani sono sempre stati considerati normali oggetti del desiderio, ma al di fuori del matrimonio un uomo poteva esprimere i propri desideri solamente con gli schiavi e le prostitute le quali erano anch'esse spesso schiave: la moralità del comportamento dipendeva pertanto dalla posizione sociale del partner, non del genere a cui apparteneva.

Non era quindi il sesso a determinare se un partner era o meno accettabile, a patto che la soddisfazione sessuale di un uomo non usurpasse l'integrità di un altro uomo libero, era quindi rigorosamente proibita la violenza sessuale, la fellatio ed il sesso anale con un altro cittadino romano. Risultava immorale avere rapporti sessuali con la moglie di un altro uomo nato libero, con sua figlia, con suo figlio o con l'uomo stesso; mentre l'utilizzo sessuale di uno schiavo altrui era soggetto ad autorizzazione.

La mancanza di autocontrollo, anche in relazione alla propria vita intima, indicava che un uomo era incapace di governare gli altri; troppa auto-indulgenza nei confronti dei piaceri sensuali minacciava di erodere l'elite maschile nella sua identità di persona colta[15].

La massima virtù era la virilità che era però intesa anche, se non principalmente, come sottomissione sessuale. Era pertanto applicabile solo ai soggetti considerati all'epoca "inferiori", alla donna (moglie, concubina o prostituta che fosse) e in generale a chi si trovasse in situazione di schiavitù indipendentemente dal sesso. Viceversa era del tutto esclusa la possibilità, per un cittadino romano libero, di avere un ruolo passivo. Sarebbe stata una stridente contraddizione con l'ideologia del civis romanus quale dominatore assoluto.

Non avendo quindi nessuna valenza educativa, ma anzi essendo una dimostrazione di predominio, non poteva avere senso una relazione pederastica (adulto-ragazzo) come quella greca, almeno verso un fanciullo libero. Al contrario, fin dalla più tenera infanzia il romano era educato a sottomettere gli altri, anche sessualmente, e a non piegarsi mai. La passività sessuale non poteva essere tollerata, neppure temporaneamente come nel modello ellenico. La cosiddetta "lex Scatinia" (149 a.C.) puniva esplicitamente lo "stuprum cum puero" (intendendo sempre un puer libero).[senza fonte]

Il tutto può lapidariamente riassumersi nella frase che Seneca, nelle Controversie, fa pronunciare all'avvocato di un liberto, cioè uno schiavo liberato, criticato per avere una relazione col suo ex padrone: "la passività sessuale (impudicitia) è un crimine per un uomo libero, una necessità per uno schiavo, un dovere per un liberto". D'altra parte per un greco il rapporto sessuale con uno schiavo sarebbe stato, almeno secondo l'ideologia ufficiale, completamente privo di contenuti "alti"; si sarebbe trattato di meschino soddisfacimento degli istinti sessuali. A prescindere dal fatto che, specialmente in età imperiale, i comportamenti effettivi si allontanassero non poco da quelli professati negli intenti ideologici, l'indirizzo tradizionale, almeno ufficialmente, non fu mai messo in discussione e quindi la passività non fu mai ritenuta socialmente accettabile in un uomo libero. L'elemento unificante che consente di affermare che, tanto quella greca che quella romana, furono culture bisessuali, è il fatto che l'opposizione nei confronti dei comportamenti sessuali non fu mai, principalmente, fra eterosessualità e omosessualità ma fra attività e passività sessuale. Questo concetto rappresenta una sostanziale differenza rispetto alle successive società occidentali, fra cui quella attuale. Progressivamente, anche a causa dell'affermarsi del Cristianesimo, la repressione di ogni comportamento tendente all'omosessualità sarà sempre più intensa.

Scandinavia[modifica | modifica sorgente]

Le fonti medioevali che sono sopravvissute fino ad oggi sono piuttosto frammentate per quanto riguarda il territorio scandinavo: una legge del 1164 sembra proibire gli atti omosessuali, ma senza essere adeguatamente applicata. Secondo la letteratura del tempo l'attività omosessuale è, per gli uomini, socialmente accettabile a patto che essi assumano il ruolo attivo (vedi attivo e passivo nel sesso) nel rapporto. A quanto pare, era anche accettabile per la maggior parte degli uomini (i quali dimostrano uno spiccato omoerotismo), ma solamente nei confronti degli schiavi[16].

Il re di Francia Luigi XIII, padre del "re Sole", era conosciuto per i suoi favoriti maschi.[17].

Nel resto d'Europa[modifica | modifica sorgente]

Il comportamento bisessuale è stato riportato tra il popolo dei Celti nei tempi antichi, tra cui anche relazioni omosessuali di tipo pederastico[18]

Nell'Europa medioevale la bisessualità (e coloro che la praticavano) è stata, in tempi e luoghi diversi, o accettata o ridicolizzata. Risulta ancora quantomai difficoltoso per uno storico arrivare a quantificare con precisione e segnalare le relazioni omosessuali all'interno della società in genere, in quanto ciò è stato sottoposto alla censura religiosa del tempo; ma anche per l'omofobia di alcuni studiosi contemporanei[19].

Si può tuttavia considerare quanto accaduto a personaggi celebri le cui vite sono più documentate, cioè i sovrani e il loro entourage[20]: pratiche bisessuali sono quindi state rinvenute per alcuni grandi nomi, quali il re inglese Riccardo Cuor di Leone[21], che si era perdutamente innamorato in gioventù del re Filippo II di Francia[22].

Per quanto riguarda invece Enrico III di Francia, che pur era sposato con Luisa di Lorena-Vaudémont ed aveva per amanti Louise de La Béraudière du Rouhet e Maria di Clèves (1553-1574), è stato nonostante ciò spesso presentato dagli storici come omosessuale: vissuto in un periodo di forti turbolenze e controversie religiose e pertanto inviso a molti, parrebbe pertanto che il più delle voci di relazioni illecite col suo "mignons" abbiano a che fare con accuse fatte dai suoi avversari politici piuttosto che con l'effettiva realtà storica[23]

Nel XVI secolo re Giacomo I d'Inghilterra, sposato con la regina Anna di Danimarca e dalla quale ha avuto almeno otto figli, teneva presso di sé pubblicamente anche degli amanti maschi[24]. Un altro esempio di comportamento bisessuale nelle corti reali è quello riguardante Filippo di Francia, duca d'Orléans, fratello di Luigi XIV (il re Sole da parte sua, pur amando profumarsi, truccarsi e incipriarsi, non ha mai visto messa in dubbio la propria "mascolinità" ed il proprio orientamento sessuale[25]): noto per le sue molteplici relazioni con uomini effeminati aveva avuto vari figli provenienti da due diversi matrimoni[26].

Il poeta, drammaturgo e scrittore irlandese Oscar Wilde, sposato e con due figli, aveva anche molteplici relazioni omosessuali, la più celebre delle quali con Alfred Bruce Douglas; è uno degli esempi più famosi di bisessualità nel XIX secolo[27][28][29].

Durante il Rinascimento italiano, il "crimine di sodomia" era largamente praticato, nonostante le severe pene inflitte dalla Santa Inquisizione[16]; vi fu ad un certo punto una buona metà della popolazione di Firenze incriminata per atti sodomitici[30].

Una certa fluidità sessuale lungo il corso della vita, accompagnata da esperienze omosessuali compiute in gioventù, era quindi considerato come parte integrante del processo di crescita e maturità degli uomini "eterosessuali"[30]. Tuttavia, contrariamente a quanto accadeva nell'antica Grecia e a Roma, una volta sposati essi rinunziavano quasi tutti ed in maniera completa a continuare a mantenere rapporti sentimentali/amorosi con altri uomini[30]. Niccolò Macchiavelli afferma ad esempio, parlando d'un contemporaneo: da giovane rubava i mariti alle mogli, oggi ruba le mogli ai mariti[30].

La figura del libertino poi è stata anch'essa storicamente associata con la bisessualità, questo a partire dal XVII secolo almeno; si trattava per lo più di aristocratici che potevano, dato il loro rango, permettersi d'amare sa donne che uomini senza preoccuparsi troppo delle conseguenze[31]. L'esempio di Gastone d'Orléans (1608-1660), fratello di Luigi XIII può essere citato come esempio; trascorreva il tempo libero tra banchetti e declamazioni di poemetti erotici, in una sorta di edonismo mondano comprendente anche relazioni sessuali con persone di entrambi i sessi[31]. La designazione di libertino è poi proseguita per tutto il XVIII secolo, per riferirsi a persone "libere" da pregiudizi anche in campo sessuale; in quanto sfidavano l'autorità della Chiesa e la moralità del tempo, il potere religioso ha condotto contro di essi una guerra senza quartiere[32].

Asia[modifica | modifica sorgente]

India[modifica | modifica sorgente]

Nell'antico testo indiano Kama Sutra sono presenti indicazioni riguardanti le posizioni sessuali più adatte sia per l'omosessualità maschile che per quella femminile, allo stesso modo in cui vengono descritte tutte le pratiche eterosessuali[33][34]; inoltre la descrizione di pratiche sessuali all'interno della mitologia induista è stata considerata come l'espressione di una "bisessualità universale"[33]. Tuttavia, la colonizzazione britannica e il puritanesimo vittoriano ch'essa ha introdotto in tutto il subcontinente indiano durante il [XIX secolo]], tutte queste manifestazioni di bisessualità nella cultura indiana originale sono state cancellate[34].

Cina[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Omosessualità in Cina.

Nella Cina imperiale il comportamento bisessuale viene riportato fin dai tempi più remoti; almeno dieci imperatori della dinastia Han hanno avuto presso di sé amanti maschi, in aggiunta alle mogli legittime[35]}}. A quel tempo vi era inoltre la presenza di prostituzione maschile, accettata ed integrata all'interno della società neo-confuciana. Autori come Wang Yangming vedono difatti i bisogni sessuali, quali che siano, del tutto naturali[36].

L'idea di considerare illegali i rapporti intimi tra persone dello stesso sesso si è sviluppata tardi in Cina, è datata al 1740 la prima condanna penale nei confronti della bisessualità. Successivamente, con l'imposizione del regime comunista, si è avuto il periodo più difficile per l'aperta espressione bisex; la situazione, a seguito della rivoluzione culturale, è andata leggermente migliorando con un ammorbidimento progressivo[36].

Giappone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Omosessualità in Giappone.

Nel Giappone medioevale, tra gli aristocratici, erano molto comuni le pratiche bisessuali[11]: l'elite era libera d'impegnarsi i relazioni amorose con membri di entrambi i sessi e la pratica erotica omosessuale e il diritto non erano assolutamente visti come incompatibili[37]. Molti rappresentanti della classe nobile frequentavano i teatri appositamente per poter incontrare i giovani maschi che vi lavoravano come attori[38].

Sono riportate inoltre pratiche bisessuali di tipo pederastico: "wakashudō" (La via dei giovani) è un esempio di codice che rimanda alla concezione antica della pederastia[37]. Uomini adulti, solitamente sposati, seguivano anche il loro desiderio nei confronti dei ragazzi considerati idonei per essere amati, ossia entro un limite d'età compreso tra i 13 e i 19 anni[38].

La bisessualità è presente anche in alcune opere di letteratura, come "Kōshoku ichidai otoko" (L'uomo che viveva di solo amore, 1682) di Ihara Saikaku: la storia racconta la vita sentimentale di un libertino (figura), le cui conquiste amorose finiscono con l'ammontare a 725 uomini e 3742 donne[39].

E' anche ben documentato, in particolare attraverso testimonianze diaristiche dei contemporanei, che vari imperatori hanno mantenuto relazioni omosessuali oltre all'ufficiale vita eterosessuale con le rispettive consorti; questo almeno fin dall'XI secolo (Shirakawa, Toba (imperatore del Giappone) e Go-Shirakawa sono alcuni di questi)[40].

Per quanto riguarda le donne, a partire dall'inizio del '900, molte giovani lasciavano le loro case per andare in collegi e convitti scolastici, ove i legami e le relazioni intime tra ragazze si verificavano con una certa frequenza; questo continuavano fino a quando non si sposavano[37].

Così com'è accaduto in molte altre parti del mondo, anche in Giappone queste pratiche cominciano ad esser malviste solamente dopo i primi contatti avvenuti col mondo occidentale cristiano[38]; l'unica legge che criminalizza l'omosessualità è stata promulgata nel 1873, ma è stata fatta applicare per appena otto anni[41].

Culture mediorientali e mondo arabo-musulmano[modifica | modifica sorgente]

Shah Abbas I abbraccia il suo compagno.

In Medio Oriente l'omosessualità era diffusa; alcune fonti la descrivono come "molto frequente". Era anche un leitmotiv decantato da celebri artisti, dal Medioevo fino al XIX secolo, come il famoso poeta Abu Nuwas e il pittore persiano Reza Abbasi. Ancora oggi, nel Corano esistono divieti contro comportamenti omosessuali manifestati in pubblico (mentre l'attrazione è consentita), sono inoltre previste pene severe per i colpevoli, fino ad arrivare alla pena di morte in alcune nazioni.

In ogni caso, il Corano prescrive che quattro uomini, oppure otto donne, testimonino sulla avvenuta "trasgressione" per condannare i colpevoli. Quindi, mentre i comportamenti omosessuali erano diffusi, gli uomini non avevano eccessivi problemi riguardo a ciò nel caso in cui fossero stati sposati, avessero messo su famiglia e adempiuto agli altri obblighi sociali. Esiste comunque il fatto che tali pratiche debbano rimanere "segrete", una esplicita ammissione della propria omosessualità sarebbe socialmente inaccettabile. In questo modo, la bisessualità nel mondo arabo e nell'impero persiano assomiglia alla cultura prevalente in alcune comunità afroamericane e latine.

Americhe[modifica | modifica sorgente]

America del Nord[modifica | modifica sorgente]

In molte tribù dei nativi americani era presente anche una categoria indicante i rappresentanti di un terzo sesso, gli uomini che si vestivano e comportavano come le donne, svolgendo le occupazioni tradizionalmente riservate a loro e venendo a ricoprire ruoli separati come guaritori o sciamani. Gli esploratori francesi che per primi entrarono in contatto con queste tribù chiamarono questi individui berdaches ( in seguito emerge un altro titolo, quello di "Due-Spiriti", proposto da alcune comunità di nativi americani), che poi divenne anche il nome utilizzato in Europa per indicare il partner più giovane in una relazione omosessuale maschile. Molti tra gli uomini "pellerossa" sposati erano bisessuali e tendevano ad avere tra le proprie mogli anche dei berdaches[42]:il capo indiano Cavallo Pazzo era uno di questi[43].

Centro e Sud America[modifica | modifica sorgente]

Tra i Maya faceva parte dei costumi sociali che nel corso dell'esistenza si potessero avere relazioni sentimentali sia con uomini che con donne; era frequente che, durante la prima adolescenza, un ragazzo si trovasse a diventare l'amante di un giovane più grande di lui, fino a quando non sposava una donna raggiunta l'età dei vent'anni: il ragazzo amato si ritrovava poi a sua volta ad amare uno più giovane[44]. In tal modo gli uomini maya vivevano in una certa fluidità sessuale che si sviluppava nel corso del tempo, con la gioventù associata alle relazioni omosessuali, prima di lasciar spazio nella vita adulta ad uno stile di vita eterosessuale fondato sul matrimonio[45].

La bisessualità è documentata anche in numerose altre tribù indigene del centro e sud america: il periodo dell'adolescenza è quello più associato con le relazioni d'amore tra persone dello stesso sesso, anche se poi uomini sposati con figli potevano continuare ad impegnarsi in tali rapporti[46].

Un'altra pratica abbastanza comune era quella di allevare un bambino maschio come fosse una femmina e poi, cresciuto, darlo in moglie ad un uomo: questi "uomini-moglie" finivano con l'essere generalmente più ricercati delle spose ufficiali[46].

Africa[modifica | modifica sorgente]

Gli studi su questo tipo di sessualità sono molto rari nel continente africano, per il tabù che nella maggior parte dei casi vige su ciò; le pratiche omosessuali sono infatti quasi sempre fortemente condannate, moralmente e spesso anche giuridicamente[47]. Nonostante ciò in alcuni paesi, come ad esempio il Senegal, sono stati condotti a partire dagli anni 2000 seri studi in modo da riflettere sulla realtà e varietà di tali fenomeni[47].

Ricercatori occidentali hanno rilevato essevi state numerose pratiche bisessuali nel periodo pre-coloniale, interrotte bruscamente e forzosamente col sopraggiungere degli europei[48], e denigrate e criminalizzate dagli africani stessi dopo aver subito le influenze straniere occidentali e i dettami religiosi di cristianesimo e islam. Pertanto le pratiche, considerate da un certo momento in poi immorali e contro-natura dai nuovi arrivati, vengono sistematicamente cancellate lungo il corso del XVIII secolo; la convinzione quindi che l'attrazione nei confronti di persone dello stesso sesso non sia mai esistita in Africa è un mito il quale però in parte prosegue ancor oggi[49].

Alcuni si sono spinti fino al punto di sostenere che queste pratiche sarebbero esclusivamente di derivazione occidentale e che sarebbero quindi state importate dai coloni, ma in realtà è esattamente il contrario[48]: i paesi africani hanno effettivamente criminalizzato l'omosessualità sulla base delle leggi assorbite dagli ex-colonizzatori[50]. Ad esempio l'antropologo tedesco Kurt Falk aveva stimato ancora negli anni '20 che, tra le tribù native dell'Africa occidentale studiate, v'era una prevalenza assoluta di uomini bisessuali[49] che raggiungeva il 90% dei casi[51].

A titolo d'esempio si può citare anche la tribù Gangellas in quella ch'è oggi l'Angola: un adolescente diciottenne potrebbe dichiarare pubblicamente il suo amore per un altro maschio più giovane e cominciare a viverci assieme; anche dopo essersi sposato potrebbe continuare ad intrattenere rapporti sessuali col ragazzo, fino a quando questi non sia abbastanza grande da sposarsi a sua volta e desiderare qualcuno di più giovane. Si può parlare in questi casi di una pratica molto simile alla pederastia tradizionale, ovvero l'accettazione dei rapporti tra uomini e ragazzi, con un divieto e condanna morale invece per quanto riguarda un'eventuale relazione tra due uomini adulti[48].

Un altra prova di bisessualità molto simile all'antica pederastia greca o all'omosessualità militare nell'antica Grecia è quella esistente nell'oasi di Siwa, nei pressi dell'attuale confine libico-egiziano: uomini adulti e già sposati vengono fatti accoppiare con adolescenti maschi e, in edifici posti al di fuori dei confini del villaggio, vengono a formare coppie di guerrieri a scopo difensivo. Il rapporto che lega i due partner è sia romantico che sessuale, ma anche educativo[52].

Per quanto riguarda la bisessualità contemporanea una ricerca effettuata nel 2009 indica che una gran maggioranza di uomini sposati continua a mantenere relazioni sessuali anche con altri uomini: in Senegal tra l'87-94%, in Nigeria l'86%, in Uganda il 73%[47]. Lo studio è attento a sottolineare che i soggetti coinvolti erano di tre grandi città del Senegal e non è quindi un campione rappresentativo dell'intera comunità senegalese, osservando che questo "è l'unico metodo di reclutamento possibile per un sondaggio relativo ad un argomento altamente stigmatizzato e per il quale non esiste base di campionamento generale della popolazione."

Oceania[modifica | modifica sorgente]

In molte società tradizionali dell'area del pacifico la bisessualità era largamente praticata, mentre l'omosessualità esclusiva era molto più rara[53]. La bisessualità può essere ritualizzata o socialmente codificata: il caso delle tribù della Melanesia, dove i ragazzi maschi devono lasciare, raggiunta l'adolescenza, le famiglie d'origine, per andare a vivere per un periodo con i loro compagni uomini adulti sposati, praticando per lo più sesso orale[11] Una volta cresciuto, il giovane si sposa e prende a sua volta in casa un ragazzo; vi è quindi una fluidità sessuale che continua nel tempo, con un'iniziazione sessuale omosessuale in gioventù ed un comportamento eterosessuale riproduttivo in seguito[54]

Nella parte orientale dell'arcipelago melanesiano, l'omosessualità rappresenta per lo più una transizione di fase la quale può anche esser considerata come un modo per compensare, durante l'adolescenza, la mancata possibilità di intrattenere relazioni eterosessuali prima del matrimonio[55]. Le pratiche omosessuali posson anche esser parte di un processo d'iniziazione, infine in certi casi vengono mantenute nella vita adulta assieme alle relazioni eterosessuali[55].

Nella tribù di Nambas avere diverse donne e ragazzi coinvolti in relazioni amorose è attributo di potere e prestigio sociale[56]; i giovani maschi appaiono qui come una proprietà e come tali possono anche venire prestati o venduti per un certo periodo di tempo, dai loro "mariti", ad altri uomini[56].

Bisessualità oggi[modifica | modifica sorgente]

Apertamente bisessuale[57] [58], Madonna baciò sul palco Britney Spears e Christina Aguilera nel 2003, un gesto visto come tipico esempio di "bisessualità chic"[59][60].

Nonostante vi siano molte manifestazioni contemporanee di bisessualità, questa continua a rimanere uno dei grandi tabù moderni[61]. Ciò è in parte dovuto al fatto che molte persone, pur essendo in realtà bisessuali (vale a dire provano sentimenti d'attrazione nei confronti di entrambi i sessi), tengono occultato il fatto e non lo esprimono, impedendo così l'emergere di una vera visibilità della bisessualità[62].
Esistono anche alcuni termini alternativi per descrivere le varie forme di bisessualità, ma molti di essi sono considerati neologismi non universalmente accettati.

Concetti e neologismi contemporanei[modifica | modifica sorgente]

  • Bi-curioso: La Bi-curiosità è un aggettivo che si applica a qualcuno che, pur definendosi eterosessuale o omosessuale, mostra più o meno occasionalmente un certo interesse o fantastica d'aver relazioni con una persona del sesso da cui solitamente non viene attratto, pur continuando a non assumere o rifiutando l'etichetta di bisex[63].
    Secondo un recente studio statunitense la "Bi-curiosità" è una tendenza molto comune tra le donne che si considerano eterosessuali: il 60% di loro ha sperimentato una sorta di eccitazione sessuale verso un'altra donna, mentre al 45% è capitato di baciarsi con una donna[64].
    L'accademica britannica Yvonne Jewkes afferma che, a causa dei molti tabù ancora esistenti su ogni tipo di relazione sentimentale al di fuori di quella etero, molte persone bi-curiose utilizzano Internet come modo per socializzare affettivamente con persone dello stesso sesso, mentre pubblicamente continuano a mantenere una facciata di perfetta eterosessualità[65]. Si osserva inoltre che il concetto di bi-curiosità, anche se l'interesse che suscita nei media dato il suo apparente aumento non influisce sulla egemonia etero, consente ad alcune donne di sperimentare in modo alternativo la propria sessualità[65].
    Spesse volte questo interesse e curiosità può essere importante anche per gli uomini, essi però non paiono impegnarsi con la stessa facilità delle donne in un comportamento o stile di vita bisex in quanto la reazione sociale nei loro confronti è meno favorevole. La sessuologa clinica Nathalie Mayor constata che internet ha cambiato radicalmente la situazione preesistente, si parla molto più spesso di prima di sesso a tre ad esempio, o di scambismo. Le donne hanno sempre più voglia di provare, la curiosità è di molto accresciuta; per gli uomini invece è ancora un argomento difficile da affrontare, pur essendo ben presente (almeno tanto quanto vi è nelle donne) il desiderio di provare[66].
    Alcuni soggetti sono spesso ritenuti omosessuali oppure bisessuali (anche se in modo non appropriato), che però non accettano la loro omosessualità (in questo caso si parla di omosessualità latente). La parola bi-curioso può inoltre essere usata per classificare chi è "Bi-passivo", "Bi-permissivo" oppure aperto a rapporti bisessuali.
    "Bi-passivo" descrive una persona eterosessuale o "bi-curiosa" che è "aperta" a contatti sia "casuali" che intenzionali, contatti che spesso si realizzano durante il sesso di gruppo con persone dello stesso sesso, solitamente in modo passivo, ovvero dal lato che riceve la stimolazione (o la penetrazione) da parte del soggetto attivo. "Bi-attivo" descrive una persona "bi-curiosa" o bisessuale che inizia a stabilire un contatto diretto con persone dello stesso sesso, e svolge un ruolo attivo nel rapporto, praticando la stimolazione o la penetrazione del partner.
  • "Bisessuale-chic": questo termine descrive persone che s'impegnano in rapporti di seduzione nei confronti sia di uomini e donne con l'intento di far parlare di sé in una prospettiva glamour. Un esempio è la cantante statunitense Madonna (cantante) la quale ha inventato lei per prima il concetto, con il videoclip della sua canzone del 1990 Justify My Love in cui la si vede baciare alternativamente un uomo e una donna[59]. Ella ha poi anche fortemente sorpreso il pubblico[67] nel 2003 baciando apertamente sulla bocca Britney Spears durante un concerto[59].
    Da allora in poi con sempre maggior frequenza lo stesso termine ha cominciato ad esser applicato a molte altre donne famose come Fergie[68], Kylie Minogue[69], Drew Barrymore, Megan Fox, Katy Perry[70], Rihanna[71] e Kesha[72]. La stessa Rihanna[73] e Miles Cyrus[74] sono state poi anche oggetto di speculazioni o voci riguardanti una loro effettiva bisessualità.
    La bisessualità-chic al maschile è invece attualmente più rara, anche se in gran parte presente già negli anni '80 riferita ad artisti del calibro di David Bowie, Mick Jagger, Marlon Brando e Lou Reed[59]. Più in generale sembra che proprio il vedere due belle donne che si baciano tra loro sia una delle maggiori fantasie moderne maschili[75].
  • "Bi-permissivo" (in inglese Bi-permissive) indica qualcuno che non cerca attivamente relazioni sessuali con persone di un sesso specifico, ma che è "aperto", ossia disponibile a fare nuove esperienze. In questa categoria può essere fatta rientrare l'omosessualità (o se è per questo eterosessualità) cosiddetta opportunistica, che descrive l'eccezionale disponibilità a rapporti omosessuali (o eterosessuali) legata alla mancanza contingente di partner disponibili del sesso preferito - il caso più classico restando quello degli ambienti sessualmente segregati. Le persone che rispondono a questa descrizione potrebbero identificarsi come eterosessuali o omosessuali, e potrebbero essere incluse nella Scala Kinsey ai posti 1 o 5 (vedi più avanti), pur avendo normalmente rapporti sessuali con persone di sesso opposto.
  • "Ambisessuale" indica un'indiscriminata attrazione che si rivolge verso persone di ambo i sessi. Chi si identifica come ambisessuale può provare attrazione verso qualcuno da un punto di vista fisico, emotivo, intellettuale o spirituale, a prescindere dal sesso o dal genere, mentre conferma i suoi criteri selettivi in altri ambiti. D'altra parte, alcuni potrebbero sperimentare nei confronti di un soggetto, un'intensa attrazione forse causata da particolari qualità riguardanti proprio il sesso o il genere. Una persona con questo orientamento può essere inclusa nel settore 3 della scala Kinsey, anche se alcuni potrebbero identificarsi a pieno titolo nei posti 2 o 4 ( nonostante alcuni possano pensare di essere, invece, "bi-permissivi").
Angelina Jolieè un'attrice bisessuale.[76]
  • "Tri-sessuale" è sia una variante di "bisessuale" che un gioco di parole sempre collegato alla parola "bisessuale". Comunque, nel suo significato più tecnico, indica persone attratte da uomini, donne e transgender (cioè transessuali o crossdresser). In termini più generici, può indicare persone interessate a "tutte" le possibili e variegate esperienze sessuali.
  • "Down low": all'inizio del XX secolo con tale termine s'intendeva lo stile di vita proprio di certi afroamericani che intessevano rapporti omosessuali di nascosto, pur continuando a mantenere una vita pubblica di relazione con le rispettive mogli o fidanzate[77].
  • Fluidità sessuale: i termini fluidità sessuale o sessualità fluida si riferiscono a cambiamenti di comportamento sessuale nel corso del tempo, da eterosessuale a omosessuale e viceversa[78]. Nell'inglese americano questa parola viene a volte utilizzata per sostituire "bisessuale"[79].
    La natura fluida della sessualità può anche significare che l'orientamento sessuale non è esclusivo o monolitico, ma può muoversi in alternanza o passare da una monosessualità all'altra[80]. Il termine è spesso associato con la vita emotiva delle donne, che appaiono all'interno delle società moderne come maggiormente in grado rispetto agli uomini di riconoscere per sé l'attrazione o il desiderio di relazioni omosessuali[81].
  • Gay for pay-gay a pagamento: il termine viene applicato a persone che si definiscono eterosessuali, ma che s'impegnano in rapporti sessuali con persone dello stesso sesso in cambio di denaro[82]. È cosa questa alquanto comune all'interno del settore della pornografia o della prostituzione e fra i gigolò[83]; alcuni esempi sono i porno-attori Jeff Stryker, Ryan Idol e Ken Ryker[84].
  • Eteroflessibilità: questo termine di origine statunitense, spesso usato in tono derisorio o per negare la propria bisessualità, si riferisce a un individuo prevalentemente etero, ma che si può impegnare in un rapporto omosessuale occasionalmente perché si trova temporaneamente in un contesto favorevole ad esso[75].
  • Lesbiche fino alla laurea: questo termine descrive giovani donne anglofone le quali durante gli anni di studio all'università s'impegnano in relazioni con altre donne, per adottare poi, una volta laureate un atteggiamento rigorosamente eterosessuale e finendo con lo sposarsi con un uomo[85][86]

Oggi: diffusione nel mondo occidentale[modifica | modifica sorgente]

Durante il XX secolo la bisessualità di alcuni personaggi, come l'attivista per i diritti degli afroamericani Malcolm X, è stata deliberatamente nascosta[87].

Alcuni sondaggi indicano che una frazione di popolazione compresa tra il 2% e il 6% è bisessuale, ma esistono ancora difficoltà metodologiche riguardo alla casualità e all'ampiezza del campione preso in esame, e anche riguardo all'accuratezza con cui gli intervistati descrivono la propria condizione. Differenti studi usano inoltre test e "scale di misurazione" diverse: alcune ricerche ignorano del tutto i comportamenti omosessuali, oppure li separano nelle componenti eterosessuale e omosessuale.

I risultati proposti divergono sulla individuazione di aree geografiche o nazioni nelle quali l'omosessualità sia più diffusa della bisessualità (del termine bisessualità, come abbiamo visto, le definizioni sono diverse). Rapporti "non ufficiali", che vanno dunque presi con il beneficio del dubbio, evidenziano come, nelle aree al di fuori del mondo occidentale, la bisessualità sia maggiormente diffusa dell'omosessualità. Inclinazioni e comportamenti bisessuali (specie sotto forma di masturbazione contemporanea o reciproca) sono inoltre comunemente ritenuti più frequenti nell'adolescenza che nell'età adulta, indipendentemente dal fatto che siano consapevolmente percepiti come tali dagli interessati.

Alcuni studi, tra cui ricordiamo quelli di Alfred Kinsey pubblicati nei volumi "Il comportamento sessuale nel maschio umano" del 1948, e "Il comportamento sessuale nella femmina umana" del 1953, indicano che la maggioranza delle persone esaminate sia in una certa misura bisessuale. Molti dei soggetti esaminati provano una certa attrazione per persone dello stesso sesso, sebbene provino una più forte attrazione verso persone dell'altro sesso. Secondo altri studi (erroneamente attribuiti a Kinsey), solo il 5 - 10 % della popolazione può essere considerato esclusivamente eterosessuale o omosessuale[senza fonte]. D'altra parte, una percentuale anche più piccola non ha specifiche preferenze nei confronti di uomini o donne.

Il rapporto Janus sul comportamento sessuale (Janus Report on Sexual Behavior), pubblicato nel 1993, ha concluso che almeno il 5 degli uomini e il 3% delle donne si consideravano bisessuali, mentre il 4% e il 2% rispettivamente si definivano invece esclusivamente omosessuali[88].

Un sondaggio del 2002 condotto dal Centro nazionale di statistica degli Stati Uniti ha rilevato che l'1,8% dei maschi tra i 18-44 anni si consideravano bisessuali mentre il 2,3% esclusivamente omosessuali, infine il 3,9% come "qualcosa d'altro"); la percentuale riferita alle femmine era invece rispettivamente del 2,8%, dell'1,3% e del 3,8%[88].

Nel 2007 il 14,4% delle giovani donne americane si giudicava essere "non strettamente eterosessuale", mentre il 5,6% degli uomini si identificava come gay o bisex[89].

In gioventù[modifica | modifica sorgente]

L'attrice americana Maria Bello, con un figlio avuto da una precedente relazione col produttore Dan McDermott, ha rivelato pubblicamente nel 2013 di avere una relazione amorosa con una donna, Clare Munn[90]. Ha parlato della propria situazione familiare come di una "famiglia moderna"[91]

Sembra che la bisessualità venga maggiormente accettata e riconosciuta durante la giovinezza, rispetto a quanto accadeva in passato[92][93]: le giovani generazioni infatti paiono considerare meno fondamentale la tradizionale dicotomia etero-omo[94][95], questo soprattutto tra le ragazze[96].

Una ricerca francese indica che la percentuale di giovani che s'identificano come gay o bisex sono esponenzialmente aumentati dal 2006 al 2013: per la fascia d'età 18-24 anni sono passati dal 2,7% al 9% per i maschi e dall'1,4% al 9% per le femmine; secondo lo studio, i giovani che s'identificano come bisessuali sono due volte più numerosi dei giovani che s'identificano esclusivamente come gay o lesbiche[97].

L'indagine mostra anche che la percentuale di giovani che dichiara di esser stati attratti almeno una volta da persone dello stesso sesso aumenta con l'età: se ciò è accaduto all'8% dei maschi e al 12% delle femmine tra i 15-17 anni, si passa rispettivamente all'11% e al 20% tra i 18-24 anni[98].

Vita familiare[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei bambini di coppie dello stesso sesso risultano essere i figli biologici provenienti da una precedente relazione eterosessuale di uno dei due partner[99] · [100] · [101] · [102].

Inoltre, un certo numero di coppie eterosessuali sposate sono composte da almeno un componente bisex; nel 1990 le donne statunitensi sposate a uomini attivamente bisessuali (che hanno avuto rapporti omosessuali negli ultimi cinque anni) è stata stimata da 1,7 a 3,4 milioni[24]

Studi sulla bisessualità[modifica | modifica sorgente]

Nonostante sia sempre stata presente nel corso della civiltà umana, la bisessualità è stata oggetto di studi scientifici affidabili solamente a partire dalla seconda metà del XX secolo. Rimangono comunque molte interpretazioni discordanti riguardo alla sua natura. Per alcuni il termine esprime un contrasto con l'omosessualità e l'eterosessualità, mentre per altri indica una posizione intermedia fra i due estremi. In particolare Alfred Kinsey nella sua opera più nota, “Il comportamento sessuale nel maschio umano”, scrive:

« Il mondo non è diviso in pecore e capre. Non tutte le cose sono bianche o nere. È fondamentale nella tassonomia che la natura raramente ha a che fare con categorie discrete. Soltanto la mente umana inventa categorie e cerca di forzare i fatti in gabbie distinte. Il mondo vivente è un continuum in ogni suo aspetto. Prima apprenderemo questo a proposito del comportamento sessuale umano, prima arriveremo a una profonda comprensione delle realtà del sesso »

Come è evidente il nucleo centrale del pensiero di Kinsey sta nella parola chiave continuum. Ovvero la sessualità umana non è una variabile discreta che può assumere solo i valori eterosessuale-omosessuale. L'idea della natura come continuum è largamente presente nella tradizione scientifica (basti pensare al Natura non facit saltus, e ai postulati di semplicità e uniformità di Isaac Newton). Tenendo ferme queste premesse Kinsey ritenne comunque utile proporre una scala tassonomica:

Valutazione Descrizione
0 Esclusivamente eterosessuali.
1 Prevalentemente eterosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze omosessuali.
2 Prevalentemente eterosessuali, ma con una forte componente omosessuale.
3 Le tendenze eterosessuali e omosessuali si equivalgono (bisessualità).
4 Prevalentemente omosessuali, ma con una forte componente eterosessuale.
5 Prevalentemente omosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze eterosessuali.
6 Esclusivamente omosessuali.

Tale approccio non esaurisce completamente la complessità dell'orientamento sessuale. Viene ad esempio lasciato fuori dalla definizione il "fattore temporale". Con il passare del tempo alcune persone possono modificare il loro orientamento sessuale. Questo è particolarmente vero per molti bisessuali, gay o lesbiche e, sebbene in misura minore, ciò vale anche per gli eterosessuali. Non è affatto detto, comunque, che il punto della scala Kinsey in cui può trovarsi oggi una persona, sia lo stesso che aveva nel passato o che avrà nel futuro.

Uno studio del 2011 affermò che la bisessualità nell'uomo esiste, avendo così confutato la tesi di una ricerca del 2005[103].

Una tendenza naturale e universale?[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bisessualità innata.

A partire da Freud,col suo lavoro sulla psicologia della sessualità umana, la questione se la bisessualità sia la tendenza generale dell'uomo si ritrova sia nella cultura popolare[104] che nella ricerca accademica[105][106]

Secondo il Journal of the American Medical Association «Gli esseri umani sono per natura psicologicamente bisessuali, vale a dire che hanno la capacità di amar persone di entrambi i sessi»[107]

Una delle difficoltà nel quantificare con precisione l'entità della bisessualità all'interno della popolazione è che molti bisessuali, per vari motivi, si autodefiniscono o come eterosessuali o come omosessuali[78][108]; infatti, quando viene chiesto direttamente tramite indagini statistiche, sono pochissime le persone che si considerano e si presentano come bisessuali[78]; se invece vogliamo sapere chi ha provato un'attrazione romantico-sessuale o si è impegnato in relazioni con persone di entrambi i sessi, ecco che si viene ad ottenere una minoranza significativa (dal 43% al 46% degli intervistati, studi Hite e Kinsey) con certi casi in cui si raggiunge la maggioranza[78]. Vi sono pertanto molte più persone che provano attrazione per entrambi i sessi rispetto a chi si identifica come bisessuale[78].

Bisessualità e società[modifica | modifica sorgente]

Il tema della bisessualità è un argomento di difficile trattazione per diversi motivi: esistono degli stereotipi, come nel caso dell'omosessualità, dettati da condizionamenti culturali oppositivi, che potremmo definire in termini di "bifobia", in analogia con il termine "omofobia". Per inciso, la fobia è una "paura razionalmente non motivata"[109].

La bisessualità, rispetto all'omosessualità, è un concetto meno presente nell'opinione comune. Ciò deriva dal fatto che solitamente si ritiene che il bisessuale non sia identificabile (nella realtà o solo nello stereotipo del senso comune) con quelli che sono considerati i tipici comportamenti o cliché omosessuali (come l'effeminatezza nei maschi). Di conseguenza la persona bisessuale non è percepita come soggetto che si discosti significativamente dallo stereotipo maschile o femminile corrente, cosa che ovviamente potrebbe risultare completamente difforme alla prova dei fatti. In altre parole, per il senso comune, il bisessuale semplicemente "non esiste" o non appare.
Ciò ha avuto come effetto, sul piano sociale, che solo negli ultimi decenni, in particolare negli Stati Uniti, la bisessualità sia risultata visibile a livello pubblico. Anche come conseguenza di tale scarsa visibilità a livello di opinione pubblica, il comportamento bisessuale tende, presso alcuni, a essere assimilato con la tendenza eterosessuale tout court, l'uomo che ha rapporti sessuali come partner attivo, con uomini e con donne, rientra comunque nella categoria del "maschio". Presso altri è viceversa considerata una finzione, un camuffamento adottato per sfuggire alla disapprovazione sociale che in vasti strati dell'opinione pubblica circonda l'omosessualità. Un detto della cultura gay recita: Bi now, gay later (Bisessuale oggi, gay domani).[senza fonte]

Come conseguenza di questa subcultura, la persona bisessuale rischia un doppio ostracismo, tanto da parte dell'ambiente eterosessuale quanto da quello omosessuale, che non lo riconosce in quanto tale o lo giudica un “omosessuale mascherato”, ovvero con tendenze latenti.

Dato che molti individui bisessuali non si sentono di appartenere né alla tipologia gay né al mondo eterosessuale, e tendono a mimetizzarsi in queste categorie, è stata creata negli anni una comunità politica bisessuale, che ha costituito una propria cultura e movimenti politici specifici. Così come la comunità gay si è data come simbolo la bandiera arcobaleno, esiste anche la bandiera dell'orgoglio bisessuale. In ogni caso, forse proprio a causa di questa ambivalenza latente il "bisessuale" medio non si è mai trovato a interessarsi eccessivamente, da un punto di vista politico, alla difesa di uno stile di vita che comunque tende a vivere in un modo strettamente privato.

L'ILGA (International Lesbian and Gay Association) ha fissato per il 23 settembre la giornata mondiale dell'orgoglio bisessuale.

Aggressione sessuale e violenza domestica[modifica | modifica sorgente]

Nelle arti[modifica | modifica sorgente]

William Shakespeare, uno dei più grandi drammaturghi della letteratura occidentale era bisessuale[110]. Pur essendo sposato e avendo avuto diversi figli, ciò non gli ha impedito di rivolgere nei suoi Sonetti invocazioni romantiche appassionate ad un giovane uomo. La bisessualità di Shakespeare è stata costantemente e deliberatamente nascosta dai vari studiosi che hanno riflettuto sul suo lavoro, nel corso degli ultimi quattro secoli.[111].

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Come accaduto in molti altri settori, anche in letteratura la bisessualità è stata in gran parte nascosta nel corso dei secoli[112].

Tuttavia, molti autori sono noti per la loro bisessualità, sia che questa si esprima nel loro lavoro o meno. Gli esempi in letteratura francese coinvolgono Louis Aragon (sposato con Elsa Triolet, dopo la morte di quest'ultima si è impegnato in varie relazioni sentimentali con giovani uomini[113]); il poeta Paul Verlaine[27] (sposato, mantenne una relazione sessuale continuata con Arthur Rimbaud); l' accademica di Francia Marguerite Yourcenar[114] (che ha scritto un libro famoso sull'imperatore romano Adriano, le Memorie di Adriano), Simone de Beauvoir[115] e Colette[116].

Ma la bisessualità è stata molto più comunemente discussa ed espressa, anche come tema letterario, nel mondo antico classico greco-romano[112], sia in discussioni filosofiche (il Simposio di Platone) che in romanzi veri e propri (il Satyricon di Petronio Arbitro). Eva Cantarella, autrice di Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico afferma che tematiche bisessuali vengono affrontate spesso nelle opere di Omero, di Anacreonte e Pindaro per quanto riguarda i greci; ed in Plutarco, Cicerone e Catullo tra gli altri per quanto riguarda i latini[112].

La bisessualità esplicita è di solito parte del romanzo libertino sviluppatosi nel XVIII secolo, il quale postula che ogni desiderio sessuale dev'essere realizzato indipendentemente dalla disapprovazione morale della società. Ne Le relazioni pericolose (1782) di Choderlos de Laclos, l'autore fa apparire uno dei personaggi principali (la marchesa di Merteuil) come una temibile seduttrice che ha avuto innumerevoli amanti e che ora appare fortemente attratta anche dalla quindicenne Cecilie[117]

Anche il personaggio del Cavaliere in La filosofia nel boudoir del Marchese de Sade, s'impegna allegramente in esperienze omosessuali quando queste gli vengono proposte da Dolmancé, pur ribadendo che "tutte queste sono stravaganze che non mi faranno in alcun modo cambiare la mia preferenza nei confronti delle donne" (Primo dialogo)[118]. Se descrizioni di vere e proprie orge bisessuali sono molto comuni nell'opera di Sade, l'omosessualità esclusiva è invece molto rara[119].

Famosi romanzi che descrivono personaggi bisessuali sono: Two For One, di Sean David Wright (inedito in Italia); Un grido fino al cielo, di Anne Rice; Polvere, di Rosamond Lehmann; Le ultime gocce di vino e Il ragazzo persiano, di Mary Renault; la serie di romanzi Claudine, di Colette; La lingua perduta delle gru e Mentre l'Inghilterra dorme, di David Leavitt; Passione, di Jeanette Winterson; Sul filo del tempo, di Marge Piercy; e Young in One Another's Arms, di Jane Rule (inedito in Italia).
Alcuni saggi, quali Sexual Personae di Camille Paglia (1990) e Byron and Greek Love di Louis Crompton (1985), entrambi inediti in lingua italiana, hanno riportato alla luce storie sepolte di bisessualità.

Il fumetto statunitense Love & Rockets descrive la bisessualità in modo sottile.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Il primo film a rappresentare la bisessualità sembra essere stato l'americano "A Florida Enchantment" del 1914[120]. Nel 1934 viene redatto il Codice Hays il quale vietata qualsiasi raffigurazione di personaggi caratterialmente omosessuali o bisessuali[120]; rivelatosi del tutto obsoleto è stato abbandonato durante gli anni '60[120].

In "Inside Daisy Clover" del 1966 il protagonista bisessuale è un egoista del tutto amorale[120], ma molti ritratti della bisessualità possono essere trovati in altri film di successo come Goldfish Memory, The Rocky Horror Picture Show e Henry & June. In Basic Instinct del 1992 Sharon Stone interpreta una fatale donna bisex, anche se la pellicola è stata accusata dal movimento LGBT di voler assimilare la bisessualità con la criminalità[120].

La bisessualità di alcuni personaggi storici del mondo dello spettavolo, come James Dean, Montgomery Clift, Judy Garland, Janis Joplin, ma anche Oscar Wilde e Frida Kahlo è stata rappresentata in film biografici[121].

Uno dei più recenti film francesi sulla bisessualità è La vita di Adele del 2013[122].

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Questo tema è trattato anche in alcuni show per la televisione; in Will & Grace, per esempio, il personaggio di Karen Walker è descritto come omnisessuale; nonostante sia sposata con un uomo, spesso bacia Grace e pare che durante la sua vita abbia avuto molte esperienze amorose con donne. Ci sono anche rappresentazioni negative della bisessualità, riflesso dei pregiudizi e degli stereotipi che si sono creati attorno a tale figura. Ad esempio, il telefilm Friends ha presentato una breve canzone ironica sull'argomento, che esprime un comune pregiudizio sulla materia:

« Qualche volta gli uomini amano le donne, qualche volta gli uomini amano gli uomini, dopo ci sono i bisessuali, così la gente può dire "che maiali". »

Una battuta del Saturday Night Live recitava così:

« Un bisessuale è una persona che tira giù le mutande di un'altra persona ed è soddisfatto di qualunque cosa trova! »
(Dana Carvey)

Il pregiudizio risulta anche palese nelle trame di alcuni film, nei quali la bisessualità di un personaggio nasconde nevrosi omicide (Basic Instinct, Velluto blu, L'amante sconosciuta, Cruising e Ragazze interrotte).

Musica[modifica | modifica sorgente]

Nella musica popolare, molte canzoni degli Smiths sono citate come esempi classici.

Il tema della bisessualità è stato affrontato nelle seguenti canzoni:

  1. Depuis qu'il vient chez nous, di Dalida (1979)
  2. 3e sexe, del gruppo Indochine (1985)
  3. Bi, dei Living Colour presente nell'album intitolato Stain (1993).
  4. Coming Clean, di Green Day (1994)
  5. Underwear, dei The Magnetic Fields (1999)
  6. To bi or not to bi, di Ysa Ferrer (2008)
  7. I Kissed a Girl, di Katy Perry (2008)
  8. Poker Face, di Lady Gaga (2008)
  9. If U Seek Amy, di Britney Spears (2009)
  10. Not Myself Tonight, di Christina Aguilera (2012)
  11. Girls/Girls/Boys, dei Panic! at the Disco (2013)

Nel regno animale[modifica | modifica sorgente]

Il bonobo presenta comportamenti bisessuali nel 100% degli individui

Osservato sia allo stato libero sia in cattività, il comportamento degli animali contraddice nettamente l'idea che i rapporti sessuali fra esseri dello stesso sesso siano una prerogativa degli esseri umani. Sono circa 450 le specie animali nelle quali sono stati osservati comportamenti di questo genere. L'elevato numero di osservazioni scientifiche contrasta quindi con la definizione di questi rapporti come "contro natura", almeno se la si intende come definizione derivante da osservazioni naturalistiche. Fatta l'ovvia premessa che non possono esistere specie esclusivamente omosessuali, a seconda delle specie varia la percentuale di soggetti eterosessuali esclusivi, bisessuali e omosessuali esclusivi.

Di seguito sono riportate le frequenze di comportamento sessuale di varie specie[123]:

  • Gabbiano australiano (Chroicocephalus novaehollandiae) fra le femmine: 10% omosessuali; 11% bisessuali, 79% eterosessuali.
  • Gabbiano comune (Chroicocephalus ridibundus) - fra ambedue sessi: 22% omosessuali, 15% bisessuali, 63% eterosessuali.
  • Macaco giapponese (Macaca fuscata) - fra ambedue i sessi: 9% omosessuali, 56% bisessuali, 35% eterosessuali.
  • Bonobo (Pan paniscus), una scimmia antropomorfa, - fra ambedue i sessi- 0% omosessuali, 100% bisessuali, 0% eterosessuali.
  • Cacatua pettorosa (Cacatua roseicapilla), un tipo di pappagallo: 44% omosessuali, 11% bisessuali e 44% eterosessuali.

Come si può osservare nel caso del bonobo, una scimmia antropomorfa con cui condividiamo il 96% del nostro patrimonio genetico, il comportamento bisessuale sembra essere l'unico praticato. Comportamenti bisessuali sono stati osservati anche in specie diversissime, come le ostriche, le farfalle e le giraffe.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Generale
  • (EN) Louis Crompton, Homosexuality and civilization, Cambridge, Mass. and London, 2003. ISBN 0-674-01197-X
  • (EN) Fred Klein, The Bisexual Option, Haworth Press, 1993, ISBN 978-1-56023-033-5.
  • (FR) H.I.Marrou, Histoire de l'éducation dans l'antiquité , Paris 1948
  • (EN) Michel Larivière, Homosexuels et bisexuels célèbres, Delétraz Editions, 1997. ISBN 2-911110-19-6
  • (EN) Bryant, Wayne M., Bisexual characters in film: from Anais to Zee, Haworth Gay & Lesbian Studies, 1997. ISBN 1-56023-894-1
  • Jennifer Quiles, Più che amiche. Manuale di autoaiuto per donne che amano le donne, Castelvecchi, 2006. ISBN 88-7615-129-X
  • Wilhelm Fliess, Bisessualita' e differenza dei sessi, Roma, Savelli, 1980.
  • M. Alessandra Allori, Dalla bisessualità alla ginandria, Roma, Handromeda, 1992.
  • Ferdinando De Napoli, La bisessualità latente, Roma, E. Tinto, 1928.
  • Christian David, La bisessualità psichica , Roma, Borla, 1996. ISBN 88-263-1113-7
  • Valerio Marchetti, L' invenzione della bisessualità: discussioni fra teologi, medici e giuristi del XVII secolo sull'ambiguità dei corpi e delle anime, Milano, Bruno Mondadori, 2001. ISBN - 88-424-9736-3
  • Jean-Luc Hennig, Bi: sulla bisessualità maschile, Milano, ES, 1997. ISBN - 88-86534-33-7
  • Gino Olivari, Bisessualità: nuova frontiera dell'eros, Milano, Todariana, 1981. ISBN - 88-7015-090-9
  • Gloria Persico, Bisessualità e dintorni: il sottile confine dell'identità sessuale, Milano, Franco Angeli, 2004. ISBN - 88-464-5579-7
  • Elettra Groppo, Due non è il doppio di uno - La bisessualità come orientamento , Saint Vincent, Elmi's World, 2010. ISBN 978-88-97192-00-8
Antichità classica
  • Eva Cantarella.Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico Milano, Rizzoli, Superbur saggi 1995 ISBN 88-17-11654-8
  • (EN) Thomas K. Hubbard. Homosexuality in Greece and Rome, U. of California Press, 2003. [1] ISBN 0-520-23430-8
Antica Grecia
  • (EN) Kenneth J. Dover, Greek Homosexuality, New York, Vintage Books, 1978. ISBN 0-394-74224-9
  • (DE) Herald Patzer, Die Griechische Knabenliebe, Franz Steiner Verlag, Wiesbaden, 1982, in Sitzungsberichte der Wissenschaftlichen Gesellschaft, Frankfurt am Main, Johann Wolfgang Goethe-Universität, Vol. 19 No. 1.
  • (EN) W. A. Percy III, Pederasty and pedagogy in Archaic Greece, University of Illinois Press, 1996. ISBN 0-252-02209-2
Mondo islamico
  • (EN) Stephen O. Murray and Will Roscoe, et al. Islamic Homosexualities: Culture, History, and Literature, New York University Press, New York 1997. ISBN 0-8147-7468-7
  • (EN) J. Wright & Everett Rowson, Homoeroticism in Classical Arabic Literature, 1998.
  • "Omosessualità" e altri articoli dall'Encyclopædia Iranica.
Giappone
  • (EN) Gary Leupp, Male Colors: The Construction of Homosexuality in Tokugawa Japan, Berkeley, University of California Press, 1995, ISBN 0-520-20900-1
  • (EN) Tsuneo Watanabe & Jun'ichi Iwata, The Love of the Samurai. A Thousand Years of Japanese Homosexuality, London, GMP Publishers, 1987, ISBN 0-85449-115-5
Mondo animale
  • (EN) Bruce Bagemihl, Biological Exuberance: Animal Homosexuality and Natural Diversity, New York, St. Martin's Press, 1999, ISBN 0-312-19239-8
Scienze Sociali
  • Leonardo Ancona (a cura di), Psicoanalisi, bisessualità e sacro, Castrovillari, Teda, 1991. ISBN - 88-782-2107-4
  • Marco Lodi, La teoria della bisessualità in Otto Weininger: saggio critico, Bologna, CLUEB, 1990, estratto da Rivista di sessuologia n. 1 (1990), n. 2 (1990).
  • Nicola Brunori, Bisessualità in pedagogia e in criminologia, Firenze, Macri, 1957.
  • Marco Lodi, La bisessualità: postulati teorici e realtà clinica: ipotesi, Bologna, Clueb, 1988, estratto da Rivista di sessuologia, vol. 12 n.4 ottobre-dicembre 1988.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sexual orientation, homosexuality and bisexuality, American Psychological Association. URL consultato il 21 aprile 2014 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2013).
  2. ^ Sexual Orientation, American Psychiatric Association. URL consultato il 3 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2011).
  3. ^ GLAAD Media Reference Guide, GLAAD. URL consultato il 14 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2011).
  4. ^ Rosario, M., Schrimshaw, E., Hunter, J., & Braun, L. (February 2006). Sexual identity development among lesbian, gay, and bisexual youths: Consistency and change over time. Journal of Sex Research, 43(1), 46–58. Retrieved 4 April 2009.
  5. ^ Louis Crompton, Homosexuality and Civilization, Cambridge, Massachusetts, Belknap Press, 2003, ISBN 0-674-01197-X.
  6. ^ Bruce Bagemihl, Biological Exuberance: Animal Homosexuality and Natural Diversity, London, Profile Books, Ltd., 1999, ISBN 1-86197-182-6.
  7. ^ Joan Roughgarden, Evolution's Rainbow: Diversity, Gender, and Sexuality in Nature and People, Berkeley, CA, University of California Press, May 2004, ISBN 0-520-24073-1.
  8. ^ Emily V. Driscoll, Bisexual Species: Unorthodox Sex in the Animal Kingdom in Scientific American, July 2008.
  9. ^ Harper, Douglas, Bisexuality in Online Etymology Dictionary, November 2001. URL consultato il 16 febbraio 2007.
  10. ^ Élisabeth Badinter constata in XY, De l'identité masculine (1992) che molte civiltà del passato hanno praticato una certa "pedagogia" omosessuale e che l'amore e il sesso tra uomini erano necessari per la realizzazione della piena virilità. Tuttavia, insiste sul fatto che il comportamento omosessuale era una tappa in direzione di quello eterosessuale necessario a garantire la riproduzione e permetter la sopravvivenza della società in questione (pag.130-131).
  11. ^ a b c (EN) Richard D. McAnulty, The Psychology of Sexual Orientation, Behavior, and Identity: A Handbook, Greenwood Publishing Group, 1995, p. 522, ISBN 978-0-313-28501-1.
  12. ^ Pierre-Luc Landry, L'homosexualité masculine était-elle autorisée dans la Grèce antique ? in Le Passé composé, nº 5, marzo2003.
  13. ^ a b Hein van Dolen, Greek Homosexuality. URL consultato il 17 febbraio 2007.
  14. ^ Amy Richlin, The Garden of Priapus: Sexuality and Aggression in Roman Humor (Oxford University Press, 1983, 1992), p. 225.
  15. ^ Catharine Edwards, "Unspeakable Professions: Public Performance and Prostitution in Ancient Rome," in Roman Sexualities, pp. 67–68.
  16. ^ a b (EN) Paul Halsall, « The Experience of Homosexuality in the Middle Ages », 1988, Université Fordham (lire en ligne)
  17. ^ Il re,sposato con famiglia, secondo quanto ne dice Pierre Chevallier aveva incontestabilmente anche chiare tendenze omosessuali (cf « Louis XIII », Larousse, édition 2005 numérisée (lire en ligne)); il sessuologo statunitense Fred Klein lo reputa uno dei più famosi bisessuali della storia vedi Klein 1993, p. 136).
  18. ^ William Armstrong Percy, Pederasty and Pedagogy in Archaic Greece, University of Illinois Press\anno=1998, p. 18.
  19. ^ (EN) David Clark, Between Medieval Men : Male Friendship and Desire in Early Medieval English Literature, Oxford University Press, 2009, p. 39.
    «The attrition of time and accident means that the manuscripts survive in a relatively haphazard way, inevitably such sex are often subject to religious censorship, and until recently scholarship prudery and homophobia has meant that what texts do survive are often misleadingly edited or translated [...]».
  20. ^ François Reynaert, Nos ancêtres les Gaulois, et autres fadaises, p. 253.
  21. ^ Su questo fatto parla il medievalista Jean Flori: «Piuttosto che un omosessuale assoluto ed eccessivo, Richard sembra essere stato tutto, così come suo padre Enrico II e i suoi antenati, caratterizzato da una forte carica sensuale. Meno pedofilo quasi certamente di suo padre, ma probabilmente bisessuale. In breve, un osceno versatile», François Reynaert, lire en ligne)
  22. ^ (EN) John Boswell, Christianity, Social Tolerance, and Homosexuality: Gay People in Western Europe from the Beginning of the Christian Era to the Fourteenth Century, University of Chicago Press, 2009, p. 231.
  23. ^ (EN) Michael D. Sibalis, « Henry III », sur glbtq.com: An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture (2004) (lire en ligne)
  24. ^ a b (EN) Katy Buttler, « Many Couples Must Negotiate Terms of 'Brokeback' Marriages », The New York Times, 7 mars 2006 (lire en ligne)
  25. ^ François Reynaert, Nos ancêtres les Gaulois, et autres fadaises, pp. 249-251.
  26. ^ « Monsieur, frère de Louis XIV », sur le site internet du Château de Versailles (lire en ligne)
  27. ^ a b (EN) Glbtq: An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture Donald E. Hall, Bisexual literature in An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture, glbtq, 2002, p. 3.
  28. ^ Klein 1993, p. 136
  29. ^ Marjorie Graber, Bisexuality and the Eroticism of Everyday Life, Routledge, 2000, p. 20, ISBN 978-1-136-61283-1.
  30. ^ a b c d (EN) Cf la présentation de Forbidden friendship par Michael Rocke sur Google Books (lire en ligne)
  31. ^ a b Michel Delon, « Libertinage », Encyclopædia Universalis (lire en ligne), consulté le 9 mars 2013.
  32. ^ Cita libro Nos ancêtres les Gaulois, et autres fadaises] in L'Histoire, nº 240, 1º febbraio 2000, p. 256-257.
  33. ^ a b (EN) David L. Eng, Alice Y. Hom, Q and A: Queer in Asian America, p. 412.
  34. ^ a b (EN) Smita Mathew, Are we all bisexual? in The Times of India, 19 luglio 2006, p. 2.
  35. ^ (EN) William N. Eskridge Jr, A History of Same Sex Marriage (PDF), Yale Law School, 1993, p. 1464. URL consultato il 29 agosto 2014.
  36. ^ a b (EN) History of Chinese homosexuality in China Daily, 1º aprile 2004.
  37. ^ a b c (EN) Mark McLelland, Japan in An Encyclopaedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender and Queer Culture, 2004, p. 1. URL consultato il 29 agosto 2014.
  38. ^ a b c (EN) Adam McCluskey, « Secrets of Japan », Université Saint Thomas (lire en ligne)
  39. ^ (EN) Stephen O. Murray, Homosexualities, University of Chicago Press, p. 89.
  40. ^ (EN) Gary P. Leupp, Male Colors: The Construction of Homosexuality in Tokugawa Japan, University of California Press, 1997, p. 26.
  41. ^ (EN) James Neill, The Origins and Role of Same-Sex Relations in Human Societies, Jefferson, McFarland & Co., 2009, p. 295, ISBN 978-0-7864-3513-5.
  42. ^ (EN) William N. Eskridge Jr., , Yale Law School (1993), Template:P. (lire en ligne)
  43. ^ (EN) « Berdache », Will Roscoe California Institute of Integral Studies, Encyclopedia of the Great Plains, University of Nebraska Press (lire en ligne)
  44. ^ (EN) James Neill, The Origins and Roles of Same-Sex Relations In Human Societies, Template:P.
  45. ^ (EN) David F. Greenberg, The Construction of Homosexuality, University of Chicago Press, (1990), 635 p., Template:Isbn, Template:P.
  46. ^ a b (EN) James Neill, The Origins and Role of Same-Sex Relations in Human societies, Template:P.
  47. ^ a b c Joseph Larmarange et al. « Homosexualité et bisexualité au Sénégal : une réalité multiforme », Population 4/2009 (Vol. 64), Template:P.. (lire en ligne sur Cairn.info)
  48. ^ a b c Charles Gueboguo, « L'homosexualité en Afrique : sens et variations d'hier à nos jours », Socio-logos, revue de l'association française de sociologie, mis en ligne le 09 octobre 2008 (lire en ligne)
  49. ^ a b (EN) Template:Lien, « Why is HIV so prevalent in Africa ? », 15 avril 2005 (lire en ligne)
  50. ^ « Au Cameroun, Roger Mbédé, mort pour avoir été homosexuel », Le Monde, 17 février 2014 (lire en ligne)
  51. ^ (EN) Serena Anderlini-D'Onofrio, Women and Bisexuality: A Global Perspective, Routledge, 2013 (148 pages), Template:P. : « My opinion is that the percentage among the natives able to consort with both sexes and (according to the evidence of many natives questioned about it) feel the same desire for both is around 90 percent. » (lire en ligne)
  52. ^ (EN) M. Mohammad Abd' Allah, « Siwan Customs », Harvard African Studies, Template:N°, 1917, repris par Karl Menger dans Pour et contre la bisexualité, édition La Musardine, coll. « L'attrape corps », (2009), Template:P.
  53. ^ (EN) Douglas L. Oliver, Oceania: The Native Cultures of Australia and the Pacific Islands, vol. 1, University of Hawaii Press, (1989), 1275 p., Template:Isbn Template:P. (lire en ligne)
  54. ^ (en) Merl Storr, Bisexuality: A Critical Reader, Routledge, 1999, pag.77 Leggi online
  55. ^ a b (EN) Gilbert H. Herdt, Ritualized Homosexuality in Melanesia, University of California Press, (1984) - 409 pages, Template:P.
  56. ^ a b (EN) Gilbert H. Herdt, Ritualized Homosexuality in Melanesia, University of California Press, (1984) - 409 pages, Template:P.
  57. ^ Bisexuality in film
  58. ^ (EN) Carla Williams, su: glbtq.com: An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture, glbtq, Inc. 1130 West Adams Chicago, IL, 60607, pag.2 (2002)
  59. ^ a b c d « Le bi, c'est chic », Le Matin
  60. ^ (EN) Richard Luscombe, « US girls embrace gay passion fashion », The Guardian, 4 janvier 2004
  61. ^ Laurence Lemoine, « Sommes-nous tous bisexuels ? », Psychologies.com, octobre 2002 (lire en ligne)
  62. ^ (EN) Kathy Labriola, « What is bisexuality ? », Bisexual.org (lire en ligne)
  63. ^ (EN) Bi-curious in Oxford Dictionnary.
  64. ^ (EN) « More than half of women are attracted to other women - and it gets more pronounced as they get older », Daily Mail, 21 octobre 2011 (lire en ligne)
  65. ^ a b (EN) Yvonne Jewkes, Dot.cons: Crime, Deviance and Identity on the Internet, Routledge, 2012, p. 59.
  66. ^ Laurent Depré, « Triolisme, échangisme, bisexualité... Les femmes de plus en plus curieuses », La Dernière Heure, 29 janvier 2014 (lire en ligne)
  67. ^ (EN) « Madonna and Britney kiss! », The Dailymail (lire en ligne)
  68. ^ Anche se nega, vi vedano in particolare (EN) « Fergie: labels and love », The Advocate, 10 novembre 2009.
  69. ^ (EN) « Kylie's bisexual twist », The Daily Telegraph, 22 janvier 2010 (lire en ligne)
  70. ^ Soprattutto col brano I Kissed a Girl (2008) che l'ha fatta conoscere al grande pubblico.
  71. ^ (EN) Alison Manoley, « Bisexual boast is Rih-lly cheeky », The Sun, 08 mai 2012 (lire en ligne)
  72. ^ (EN) Cassie Carpenter, « 'It's not about gender': Ke$ha reveals bisexuality as she strips down her look for Seventeen magazine », Daily Mail, 2 janvier 2013 (lire en ligne)
  73. ^ (EN) « Rihanna’s S&M single is too steamy for some », International Business Times, 2 février 2011 (lire en ligne)
  74. ^ (EN) « Miley Cyrus ‘experimenting with her sexuality’ after kiss with Britney Spears dancer goes viral », Metro, 1er janvier 2014 (lire en ligne)
  75. ^ a b (EN) Jason Steele, « Embrace your inner heteroflexible », The Chicago Tribune, 22 septembre 2005 (lire en ligne)
  76. ^ www.nydailynews.com (New York).
  77. ^ (EN) Benoit Denizet-Lewis, « Double Lives On The Down Low », The New York Times, 03 août 2003 (lire en ligne)
  78. ^ a b c d e (EN) Meg Barker, Christina Richards, Rebecca Jones, Helen Bowes-Catton, Tracey Plowman, Jen Yockney et Marcus Morgan, « The Bisexuality report : Bisexual inclusion in the LGBT equality and diversity », Centre for Citizenship, Identities and Governance and Faculty of Health and Social Care, The Open University
  79. ^ (EN) San Francisco Human Rights Commission, « Bisexual Invisibility: Impacts and Recommendations », p. iii (en ligne)
  80. ^ (EN) « Exploring the Umbrella: Bisexuality and Fluidity », The Advocate, 11 février 2014 (lire en ligne)
  81. ^ (EN) Barry X. Kuhle, « Born Both Ways? », Psychology Today, 9 avril 2013 (lire en ligne)
  82. ^ (EN) Jeffrey Escoffier, Gay-for-Pay: Straight Men and the Making of Gay Pornography in Qualitative Sociology, vol. 26, nº 4, dicembre 2006, pp. 531-555.
  83. ^ (EN) « Gay for pay » sur Urban Dictionnary
  84. ^ (EN) Escoffier Jeffrey, Bigger Than Life - The History of Gay Porn Cinema from Beefcake to Hardcore, Running Press Book Publisher, 2009, pp. 293-294, ISBN 978-0-7867-2010-1. URL consultato il 27 agosto 2014.
  85. ^ (EN) Amy Sohn, « Bi for now », New York Magazine (lire en ligne)
  86. ^ (EN) Marjorie Graber, Bisexuality and the Eroticism of Everyday Life, Routledge, 2000, p. 45, ISBN 978-1-136-61283-1.
  87. ^ (EN) Peter Tatchell, « Malcolm X was bisexual. Get over it », The Guardian, 20 octobre 2009
  88. ^ a b Frequently Asked Sexuality Questions to the Kinsey Institute, The Kinsey Institute. URL consultato il 16 febbraio 2007.
  89. ^ Leonard Sax, Why Are So Many Girls Lesbian or Bisexual?, Sussex Directories/Psychology Today. URL consultato il 28 aprile 2011.
  90. ^ «  L'actrice américaine Maria Bello fait son coming out », Metronews, 2 décembre 2013 (lire en ligne)
  91. ^ (EN) Maria Bello, « Coming Out as a Modern Family », The New York Times, 29 novembre 2013 (lire en ligne)
  92. ^ (EN) Mickael Schulman, « Bisexual: A Label With Layers », The New York Times, 3 janvier 2014 (lire en ligne)
  93. ^ Alix Leduc, « La bisexualité au lycée », Marie Claire, 25 décembre 2013 (lire en ligne)
  94. ^ (EN) Gabriel Trip, « A New Generation Seems Ready to Give Bisexuality a Place in the Spectrum », The New York Times, 12 juin 1995 (lire en ligne)
  95. ^ Stéphane Rose, « L'amour en mode 3.0 - La bisexualité sort de l'ombre », Le Figaro Madame, 16 juillet 2009 (lire en ligne)
  96. ^ (EN) Susan Donaldson James, « Young Women Defy Labels in Intimacy With Both Sexes », ABC News, 16 août 2007 (lire en ligne)
  97. ^ « Génération You Porn : mythe ou réalité ? Enquête sur l’influence des nouvelles technologies sur les comportements sexuels des jeunes », enquête de l'IFOP publiée le 16 octobre 2013, Template:P. (lire en ligne)
  98. ^ « Génération You Porn : mythe ou réalité ? Enquête sur l’influence des nouvelles technologies sur les comportements sexuels des jeunes », enquête de l'IFOP publiée le 16 octobre 2013, Template:P. (lire en ligne)
  99. ^ (EN) « LGBT-Sexual Orientation », American Psychiatric Association (lire en ligne)
  100. ^ (EN) Roth Douthat, « Gay parents and the marriage debate », The New York Times, 11 juin 2012 (lire en ligne)
  101. ^ (EN) Peter Sprigg, « New Study On Homosexual Parents Tops All Previous Research », Family Reserach Council (lire en ligne)
  102. ^ « Combien de familles homoparentales en France? », Le JDD.fr, 13 janvier 2013 (lire en ligne)
  103. ^ Mario Pappagalli, «La bisessualità esiste, ecco le prove», Corriere della Sera, 25 agosto 2011. URL consultato il 29 agosto 2011.
  104. ^ « Tous bi ? » sujet de l'émission « Et si c'était ça le bonheur ? », de Faustine Bollaert, diffusée sur Europe 1 le 2 (Retranscription sur YouTube)
  105. ^ Philippe Ciofi , « La bisexualité est-elle innée ? », Pour la Science, février 2008 (lire en ligne)
  106. ^ (EN) Elisabeth Young-Bruehl, « Are Human Beings "By Nature" Bisexual? », Studies in Gender and Sexuality, 3 (2): 179–213. doi:10.1080/15240650209349175. (2001)
  107. ^ (EN) Mary Zeiss Stange, Carol K. Oyster e Jane E. Sloan, Encyclopedia of Women in Today's World, vol. 1, p. 157.
  108. ^ (en) Merl Storr, Bisexuality: A Critical Reader, Routledge,‎ 1999, pag.66-7 (lettura online)
  109. ^ Tratto da: Glossario di sessuologia clinica in Sexology.it
  110. ^ (EN) Helen Hackett, Shakespeare and Elizabeth: The Meeting of Two Myths, Princeton University Press, 2009, p. 199.
  111. ^ (EN) Richard M. Waugaman, « The Bisexuality of Shakespeare's Sonnets and Implications for De Vere's Authorship », The Psychoanalytic Review: Vol. 97, No. 5, (2010), pp. 857-879, (lire en ligne)
  112. ^ a b c Donald E. Hall, Bisexual literature in An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture, glbtq, 2002, p. 1.
  113. ^ Jérôme Dupuis, « Je me souviens d'Aragon », L'Express, 26 avril 2007(lire en ligne)
  114. ^ (EN) Joan Acocella, Becoming the Emperor in The New Yorker, 4 febbraio 2005, p. 6. URL consultato il 29 agosto 2014.
  115. ^ (EN) Angelique Chrisafis, Academic tug-of-love over De Beauvoir legacy in The Guardian, 4 gennaio 2008. URL consultato il 29 agosto 2014.
  116. ^ Klein 1993, p. 144
  117. ^ In una lettera spedita al visconte de Valmont, la marchesa scrive a proposito dell'adolescente: "Gli ho consigliato di sdraiarsi, ed ha accettato... e ben presto i suoi capelli arruffati ricaddero sulle spalle e la gola rimase completamente scoperta; La baciai; Si lasciò cadere tra le mie braccia [...] Dio! Lei era bellissima! Se Maria Maddalena fosse stata così, doveva essere molto più pericolosa da penitente rispetto a quando era una peccatrice" (lettera 63) (lettera 63)
  118. ^ "tutti i protagonisti sono bisessuali, ognuno con le proprie preferenze e peculiarità".Confronta (EN) Neil Schaeffer, The Marquis de Sade: A Life, Harvard University Press (2000), 577 pages, p. 456
  119. ^ (EN) Lucienne Frappier-Mazur, Writing the Orgy: Power and Parody in Sade, University of Pennsylvania Press (1996) Template:P.
  120. ^ a b c d e (EN) Carla Williams, Bisexuality in film in An Encyclopedia of Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, and Queer Culture, glbtq, 2002, p. 1.
  121. ^ (EN) Ronald C. Fox, Current Research on Bisexuality, p. 259.
  122. ^ Frédéric Joignot, « Pourquoi la bisexualité dérange-t-elle ? », Le Monde, 23 septembre 2013 (lire en ligne)
  123. ^ I dati riportati sono tratti da: Bruce Bagemihl, Biological Exuberance: Animal Homosexuality and Natural Diversity, (St. Martin's Press, New York, 1999. ISBN 0-312-19239-8) probabilmente lo studio più completo sull'omosessualità nel regno animale.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT