James Dean

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi James Dean (disambigua).
James Dean nel 1955 sul set di Gioventù bruciata.

James Byron Dean (Marion, 8 febbraio 1931Cholame, 30 settembre 1955) è stato un attore statunitense.

L'importanza di Dean come icona culturale si riassume perfettamente nel titolo del suo film più celebre: Gioventù bruciata, in inglese Rebel Without a Cause, letteralmente "ribelle senza una causa", nel quale ricopre il ruolo del problematico ribelle adolescente Jim Stark. La sua estrema popolarità trova le sue radici in soli tre film e questi furono gli unici film in cui compare come protagonista.

La sua fama ha raggiunto i paesi di tutto il mondo, preservata intatta dalla precoce morte dell'attore, avvenuta a soli 24 anni a causa di un incidente stradale. Viene ricordato come un seguace della filosofia del carpe diem e spesso come la quintessenza stessa della gioventù statunitense. Sebbene sia spesso considerato un personaggio la cui fama va ben al di là delle sue qualità di attore, è inesatto dire che Dean non fosse un bravo interprete.

È stato il primo attore ad aver ottenuto una nomination postuma al Premio Oscar[1], per il suo ruolo nel film La valle dell'Eden. A Dean fu conferito il Golden Globe per il miglior attore nel 1956 (postumo). Ha ottenuto inoltre una candidatura all'Oscar al miglior attore per il film Il Gigante sempre postumo nel 1956.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

James Dean, ritratto di Graziano Origa, 1975.

Nato a Marion, nello Stato dell'Indiana, nella fattoria della sua famiglia da Winton (1907-1995) e Mildred Marie "Wilson" Dean (1910-1940), una famiglia di quaccheri. James si trasferì a Santa Monica in California, sei anni dopo che Winton ebbe lasciato la fattoria per diventare un odontotecnico. Dean fu iscritto alla scuola pubblica Brentwood finché sua madre morì di cancro all'utero nel 1940. All'età di nove anni, Dean fu mandato da suo padre a vivere con i parenti in una fattoria vicino a Fairmount, in Indiana, dove la sua educazione ricevette un'impronta quacchera. Alla scuola superiore Dean si unì alla squadra di basket e partecipò ad attività collegate con il teatro. Dopo essersi diplomato nel 1949, tornò in California per vivere con suo padre e la sua matrigna.

S'iscrisse al college di Santa Monica, si unì alla confraternita dei Sigma Nu e si specializzò per prepararsi agli studi in giurisprudenza. Si trasferì alla University of California a Los Angeles e cambiò la sua specializzazione in quella per le discipline teatrali, cosa che lo condusse a scontri con i suoi genitori che lo portarono a lasciare la casa di suo padre.

Conosciuto come "Jimmy", Dean cominciò la sua carriera con uno spot televisivo per la Pepsi Cola seguito da una parte come rimpiazzo nel ruolo di stunt tester nel gioco televisivo Beat the Clock. Abbandonò il college per focalizzarsi sulla sua carriera in via di sviluppo, ma ebbe difficoltà nell'ottenere del lavoro a Hollywood e gli riuscì di pagare i suoi conti solo lavorando come custode in un parcheggio.

Seguendo il consiglio di alcuni amici, Dean si trasferì a New York per fare carriera come attore di teatro, città in cui fu ammesso a studiare con Lee Strasberg nell'Actors Studio. La sua carriera decollò e Dean partecipò a numerosi episodi di programmi televisivi come Kraft Television Theater, Studio One, Lux Video Theathre, Robert Montgomery Presents, Danger e General Electric Theater nei primi anni cinquanta. Le recensioni per The Immoralist, tratto dal romanzo omonimo a contenuto omosessuale di André Gide, portarono alla sua chiamata ad Hollywood e alla notorietà cinematografica.

Nel marzo 2011, il giornalista Kevin Sessums, rivela sconcertanti episodi della vita infantile di Dean, riguardo a delle molestie sessuali subìte all'età di 11 anni da un pastore. Questi episodi gli sarebbero stati rivelati da Elizabeth Taylor in un'intervista del 1997, e tenuti segreti fino alla morte della diva, che lavorò con l'attore ne Il gigante. Durante la lavorazione del film, Dean le avrebbe confessato gli spiacevoli eventi della sua infanzia, facendole promettere di non renderli pubblici fino alla fine dei suoi giorni.[2]

È stato sepolto a Fairmount, dove trascorse parte dell'adolescenza, nel James Dean Memorial Park.

Carriera cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Apparve in decine di ruoli non attribuitigli in film dimenticabili come Attente ai marinai ma guadagnò riconoscimento e successo nel 1955 con il suo primo ruolo da protagonista, Cal Trask in La valle dell'Eden, grazie al quale ricevette una nomination al Premio Oscar per il ruolo di miglior attore protagonista (la prima nomination postuma nella storia dell'Academy Award). Questo film mette in scena il conflitto generazionale tra un padre autoritario e un figlio imprigionato dalla sua autorità. Seguirono in rapida successione altri due ruoli da protagonista in Gioventù bruciata, film emblematico di Nicholas Ray che fece di Dean un simbolo della gioventù moderna, e Il gigante del 1955, per il quale ottenne ancora una nomination per l'Oscar.

Dean divenne amico del multi milionario Lance Reventlow, una delle ultime persone ad avergli rivolto la parola prima dell'incontro sulla via di una corsa automobilistica a Salinas, in California. Poche ore dopo James Dean morì in un incidente stradale mentre era alla guida della sua Porsche 550 Spyder vicino a Cholame, quando una macchina (una Ford berlina) guidata da Donald Turnupseed svoltò a sinistra e gli tagliò la strada (questo accade prima dell'uscita de Il gigante). È stato una delle uniche cinque persone ad essere nominate miglior attore per il suo primo ruolo e la sola persona nominata due volte postuma. È sepolto a Park Cemetery a Fairmount (Indiana).

Due film del 1955, Gioventù bruciata e Il seme della violenza (titolo originale Blackboard Jungle) sono spesso citati per aver simboleggiato la crescente ribellione degli adolescenti nel dopoguerra degli anni cinquanta assieme alla sua partecipazione al Rock and roll come fenomeno culturale. Molti giovani e più tardi intere generazioni si modellarono sul personaggio di James Dean. Il suo bell'aspetto, la carriera molto breve ed il suo stile di vita, la pubblicità che fu fatta sulla sua morte violenta all'età di ventiquattro anni, trasformarono Dean in una figura di culto e in una icona pop di fascino apparentemente senza tempo. Inoltre figura al diciottesimo posto della classifica AFI dei 25 migliori attori di tutta la storia del cinema.

La valle dell'Eden[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La valle dell'Eden.

La valle dell'Eden (East of Eden) è un film del 1955 diretto da Elia Kazan. Nel 1952, il regista Elia Kazan era alla ricerca di un attore adatto ad interpretare l'intenso e complesso personaggio di Cal Trask, per realizzare l'adattamento cinematografico del romanzo di John Steinbeck del 1952, La valle dell'Eden. A differenza del libro, il film è focalizzato soprattutto sul personaggio di Cal Trask. Elia Kazan, prima dei provini ufficiali, espresse il suo desiderio di trovare un attore simile a Marlon Brando. Osborn gli suggerì Dean, che successivamente incontrò Steinbeck; quest'ultimo lo trovò troppo sfacciato, ma perfetto per il ruolo di Cal Trask. L'8 aprile 1954, James Dean lasciò New York e partì per Los Angeles per le prime riprese del film. La performance di Dean nel film sembrò quasi preannunciare la futura parte di Jim Stark in Gioventù bruciata. Entrambi i personaggi sono infatti giovani emarginati, incompresi e guidati da una forte angoscia esistenziale, alla disperata ricerca di un'approvazione paterna. Gran parte del film viene improvvisata da Dean, ad esempio il suo ballo nei campi di fagioli o la posizione fetale che assume sul treno (dopo aver cercato la madre in una città vicina).L'improvvisazione più famosa di Dean nel film è quella in cui il padre di Cal rifiuta il dono da parte del figlio di 5 000 dollari (donatigli dopo il fallimento economico della sua azienda). Invece di seguire il copione e fuggire da suo padre, James Dean istintivamente si volta verso Massey e, piangendo, lo abbraccia. Kazan apprezzò la scena e la reazione sorpresa di Massey, e decise di inserirla nel film. La valle dell'Eden fu il film che rese famoso James Dean, ottenne il premio Oscar per Jo Van Fleet, nella parte della madre, come attrice non protagonista e il premio come miglior film drammatico all'8º Festival di Cannes.

Gioventù bruciata[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gioventù bruciata.

Definita la "grande tragedia greca americana", Gioventù bruciata lanciò definitivamente James Dean nell'immaginario collettivo occidentale come quel 'ribelle senza una causa' a cui faceva riferimento il titolo originale. Il film, diretto da Nicholas Ray, lo vede nei panni di un ragazzo con problemi caratteriali - delinquenza, alcolismo, rissosità: la prima scena è ambientata in un commissariato di polizia, dove il giovane Jim Stark, ubriaco, viene portato via dai genitori. L'incontro con la graziosa Judy (Natalie Wood) e il maldestro Plato (Sal Mineo), gli scontri coi ragazzi del quartiere, oltre alla memorabile sequenza della corsa letale con le automobili rubate in riva all'oceano, lo condurranno al tragico finale fuori dal Planetarium.

La ribellione di Jim-Dean, lontana da quella di cui i Beatnik si sarebbero fatti alfieri pochi anni dopo, e ancora più distante da quella marcatamente 'politica' delle grandi correnti giovanili del decennio successivo, ha un carattere tutto interiore. Una ribellione profondamente diversa dalla ludica 'voglia di libertà della nuova classe di adolescenti-consumatori che si riversava nella metà degli anni cinquanta nelle sale da ballo d'America.

Jim si ribella ad una placida vita familiare; alla madre, modesta massaia dalle vedute corte, al padre, privo di spina dorsale, che non sa allevarlo come dovrebbe; all'orrore del quotidiano subito senza sorprese in un piccolo paese bigotto e immobile della provincia americana. Ma non stringe neanche con i suoi coetanei, riuniti in branchi, una massa indistinta e istupidita, dentro la quale non può ritrovarsi. Fra di loro, a differenza dell'umanissimo e impulsivo mal de vivre di Jim, circola un ottuso atteggiamento di cameratismo che porta a ignoranza, crudeltà, istinto di sopraffazione, a mascherare con la facciata posticcia della ribellione giovanile una borghesissima intolleranza verso lo 'straniero' (Jim arriva da un altro paese, è un estraneo, e viene preso subito di mira, sbeffeggiato a parole, minacciato con dei coltelli a serramanico).

L'amore scivola leggero all'interno della vicenda - un rapido bacio fra Jim e Judy, in un momento di quiete prima della rocambolesca fuga verso l'epilogo tempestoso - per essere ricacciato dentro, frettolosamente, nelle ultime inquadrature. Da ricordare anche Plato e la sua travagliata sessualità: c'è chi ci ha visto il primo adolescente omosessuale nella storia del cinema americano.

I vestiti indossati dal personaggio di Dean, jeans, maglietta bianca e giacca rossa, diventeranno proverbiali, dopo l'uscita nelle sale di tutto il mondo e saranno ripresi e imitati negli anni a venire dalle mode giovanili.

Il gigante[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il gigante (film).

Il gigante (Giant) è un film del 1956 diretto da George Stevens ed è l'ultima pellicola in cui compare Dean poiché l'incidente stradale nel quale morì avvenne proprio sul finire delle riprese. Dick Benedict, barone del bestiame del Texas, sposa Leslie Lynnton, bella e ricca ragazza del Maryland. Jett Rink, bracciante innamorato senza speranza di Leslie, scopre il petrolio in un terreno ereditato. Molti anni dopo, per prendersi una rivincita, Jett, ormai ricchissimo, corteggia una giovane Benedict. Da un romanzo di Edna Ferber (1887-1968) un Via col vento alla texana. Saga familiare, affresco storico-sociale, melodramma con tanti temi al fuoco: razzismo, matrimoni misti, bigottismo, conflitti tra generazioni, ossessioni psicoanalitiche. James Dean ruba il film alla coppia Hudson-Taylor e ha almeno due scene memorabili. 7 nomination e un Oscar per la regia. Scritto da Fred Guiol e Ivan Moffat. Almeno in due momenti Dean fu sostituito da una controfigura poiché morì prima della fine delle riprese del film.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Lo sceneggiatore William Bast fu uno degli amici più intimi di James Dean, fatto noto alla famiglia di Dean.[3] Primo biografo di Dean (1956)[4], Bast fu suo compagno di stanza alla UCLA e successivamente a New York. Cinquanta anni dopo la morte di Dean, affermò che la loro amicizia includeva anche molta intimità sessuale.[5]

All'inizio della sua carriera, subito dopo aver firmato il contratto con la Warner Brothers, il dipartimento pubbliche relazioni della sua casa di produzione cominciò a far circolare storie su presunte liaisons di Dean con numerose giovani attrici che erano nella maggior parte dei casi contattate dall'agente di Dean, Dick Clayton. I comunicati stampa della Warner erano soliti considerare "Dean insieme ad altri due attori, Rock Hudson e Tab Hunter, i tre "scapoli" che non hanno ancora trovato il tempo per impegnarsi con un'unica donna: ' Dicono che le prove per i film sono in conflitto con le prove per il matrimonio' "[6]

Poco prima dell'inizio delle riprese per 'La valle dell'Eden', Dean strinse amicizia con l'addestratore di cavalli Monty Roberts. Roberts aiutò Dean ad acquisire familiarità con la zona e i due divennero amici stretti. Dean aveva promesso a Roberts un incontro poco dopo la gara del 30 settembre per discutere sulla costruzione di un ranch, che sarebbe stato di proprietà di Dean, ma gestito da Roberts. Roberts e sua moglie furono i primi a venire a conoscenza della morte di James immediatamente dopo l'incidente, attraverso una chiamata da parte del meccanico di Dean, Rolf Wütherich, nella quale mormorò con una mascella rotta che Dean era morto. Roberts e la sua famiglia non parteciparono al suo funerale perché, sebbene i due si consideravano 'fratelli', la loro amicizia era sconosciuta alla famiglia di Dean.[7]

La relazione più famosa di Dean fu con la giovane attrice italiana Anna Maria Pierangeli, che incontrò quando la Pierangeli stava girando Il calice d'argento in un lotto della Warner adiacente. La madre della Pierangeli disapprovò la relazione perché Dean non era cattolico. Nella sua autobiografia, Elia Kazan (regista de La valle dell'Eden) da una parte è sicuro dell'insuccesso di Dean con le donne, dall'altra paradossalmente ricorda di aver sentito Dean e la Pierangeli consumare una notte di amore nel camerino dell'attore. Per un breve periodo la relazione Dean-Pierangeli fu anche gonfiata da Dean stesso, che nutrì di pettegolezzi i vari giornalisti e la sua coprotagonista, Julie Harris, che in un'intervista descrisse un Dean follemente innamorato della Pierangeli. Comunque, nell'ottobre 1954, la Pierangeli inaspettatamente annunciò il suo fidanzamento con il cantante italo-americano Vic Damone.[8] La Pierangeli sposò Damone il mese seguente, e la cronaca rosa riportò che Dean, o qualcuno vestito come lui, seguì il matrimonio a bordo della sua moto dal ciglio della strada.Tuttavia, quando Bast chiese a Dean se tutto ciò fosse vero, l'attore negò e aggiunse che non avrebbe mai fatto nulla di così "sciocco". Successivamente Dean entrò in uno stato depressivo che lo portò a bere molto e a correre in motocicletta e in auto; da qui il preludio alla sua tragica fine.[9]

L'attrice Liz Sheridan sostiene di aver avuto una breve relazione con Dean a New York. Afferma pure che Dean all'epoca aveva anche un "coinvolgimento sessuale" con il regista Rogers Brackett, e di aver reagito male a questa notizia.[10] Dean evitò il servizio militare dichiarando di essere omosessuale. Alle domande sul suo orientamento sessuale, ha sempre risposto «No, non sono omosessuale. Ma non ho neanche intenzione di vivere la mia vita con una mano a coprire il mio didietro».[11]

La morte[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rolf Wütherich.
Una Porsche 550 Spyder simile a quella con cui perse la vita James Dean.
Memorial di James Dean a Cholame, luogo dove morì.
La tomba di James Dean.

Il 30 settembre 1955 Dean e il suo meccanico Rolf Wütherich partirono dal Competition Motors, dove avevano preparato in mattinata la sua Porsche 550 Spyder per una gara automobilistica a Salinas, California. Inizialmente Dean aveva intenzione di posizionare la sua Porsche nel punto d'incontro a Salinas, dietro la sua nuova station wagon Ford Country Squire del 1955, con a bordo Hickman e il fotografo Sanford H. Roth, che stava realizzando un servizio fotografico su Dean e le sue gare automobilistiche. All'ultimo minuto Dean decise di guidare la Spyder per familiarizzare di più con l'auto. Alle 3:30 del pomeriggio Dean venne multato a Mettler, in California, poiché guidava ad una velocità di 105 km/h in una zona il cui massimo consentito era 89 km/h. L'autista della Ford fu anch'egli multato poiché aveva superato di 32 km/h il limite imposto ai veicoli con rimorchio. Successivamente Dean si fermò a Blackwells Corner, nelle Lost Hills, per un pieno di benzina e per incontrarsi con un altro guidatore, Lance Reventlow.

Dopo aver lasciato le Lost Hills, Dean stava guidando verso ovest sulla U.S. Route 466, ad est di Cholame, California, quando, in direzione opposta, una Ford Custom Tudor coupé bianca e nera del 1950 guidata dallo studente ventitreenne Donald Gene Turnupseed (1932-1995) imboccò la Route 41 e s'immise nella corsia di Dean. Le due auto si scontrarono quasi frontalmente. Secondo un articolo del 1º ottobre 2005, apparso sul Los Angeles Times,[12] l'ufficiale Ron Nelson aveva appena terminato la pausa caffè quando si precipitò sulla scena dell'incidente e vide sull'ambulanza James Dean senza sensi e con grandi difficoltà respiratorie. I paramedici nel frattempo si prendevano cura di Wütherich che era stato scaraventato fuori dalla macchina e giaceva sul ciglio della strada. Sopravvisse con una mandibola rotta e altre ferite. Dean fu portato all'Ospedale Paso Robles, dove venne dichiarato morto alle 5:59 dai medici di emergenza presenti nella stanza. Le sue ultime parole, pronunciate poco prima dell'impatto, quando Wütherich disse a Dean di rallentare, furono «Quel ragazzo dovrà pur fermarsi... Ci vedrà!».[13]

Secondo l'autopsia, si ritiene che la testa di Dean abbia colpito la griglia anteriore della macchina del giovane studente. L'impatto ha portato alla rottura del collo di Dean, insieme a multiple fratture (braccia, mascella, gambe), e ad enormi lesioni interne. Probabilmente Dean morì 10 minuti dopo l'incidente. Per anni sono circolate voci su presunte foto di Dean sul punto di morte intrappolato nella sua Porsche. Foto mai pubblicate e/o circolate.

Contrariamente ai resoconti di eccesso di velocità di Dean, Nelson riferì che «...il relitto e la posizione del corpo di Dean hanno indicato che la sua velocità era probabilmente di 88 km/h». Turnupseed non venne mai citato dalla polizia per l'incidente. Dopo un'intervista per il giornale Tulare Advance Register in cui difendeva la propria posizione, non parlò più pubblicamente dell'incidente e la sua famiglia lo ha anche aiutato proteggendolo dai giornalisti. Donald Gene Turnupseed ha vissuto quasi 40 anni dopo questo incidente prima di morire di cancro ai polmoni nel 1995.

James Dean, mentre finiva di registrare alcune scene de Il gigante, apparve in una breve intervista con l'attore Gig Young, in cui invece di dire «La vita che salvate potrebbe essere la vostra», affermava «La vita che salvate potrebbe essere la mia». La morte improvvisa di Dean fece sì che la Warner Bros. non mandò mai in onda l'intervista, tuttavia questa è disponibile su YouTube[14], tuttavia nel 2005 è stata inserita nei contenuti speciali del DVD di Gioventù bruciata.

L'auto dell'incidente venne utilizzata dal comune di Los Angeles per diffondere gli effetti causati dagli incidenti stradali venendo definita in modo macabro "L'ultima auto sportiva di James Dean"[15].

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

In italiano James Dean, nei suoi film più famosi ovvero La valle dell'Eden, Gioventù bruciata ed Il gigante, ha la voce italiana di Giuseppe Rinaldi.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dean fu poi seguito poi da Peter Finch per Quinto Potere, da Massimo Troisi (candidato all'Oscar postumo come attore e come sceneggiatore per Il postino) e da Heath Ledger.
  2. ^ Rivelazione postuma di Liz Taylor: James Dean fu molestato da bambino, cinema.yahoo.com.
  3. ^ Perry, George, James Dean, London, New York: DK Publishing, 2005, p. 68 ("Authorized by the James Dean Estate")
  4. ^ William Bast, James Dean: a Biography, New York: Ballantine Books, 1956
  5. ^ Bast, William: Surviving James Dean (Barricade Books, 2006), Pagine: 133, 183-232.
  6. ^ Michael DeAngelis, Gay Fandom and Crossover Stardom: James Dean, Mel Gibson and Keanu Reeves, p. 98.
  7. ^ Roberts, M. (1997). The Man Who Listens to Horses, Random House. 102—104.
  8. ^ Bast, William, Surviving James Dean, p. 196, New Jersey: Barricade Books, 2006
  9. ^ William Bast, Surviving James Dean, p. 197, (2006).
  10. ^ Liz Sheridan, Dizzy & Jimmy (ReganBooks HarperCollins, 2000), pp. 144-151.
  11. ^ Riese, Randall, The Unabridged James Dean: His Life and Legacy from A to Z, p. 239, Chicago: Contemporary Books, Inc., 1991.
  12. ^ Chawkins, Steve, "Remembering a 'Giant'", Los Angeles Times, October 1, 2005.
  13. ^ Frascella, L., Weisel, A. Live Fast, Die Young: The Wild Ride of Making Rebel Without a Cause", p.233, New York: Touchstone, 2005
  14. ^ Warner Bros. presents James Dean's last Interview (1955) - Con sottotitoli in italiano. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  15. ^ “LITTLE BASTARD” | THE SILVER SPYDER PORSCHE/DEAN MYSTERY REVISITED

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marco Giovannini, James Dean. Il mito della gioventù bruciata tra storia e leggenda, Mondadori.
  • Paul Alexander, Boulevard of broken dreams, Viking Press.
  • Joe Hyams, James Dean: little boy lost, Warner books.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54199008 LCCN: n50040427