Maria di Clèves (1553-1574)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria di Clèves, principessa di Condé

Maria di Clèves (155314 novembre 1574) fu la prima moglie di Enrico principe di Condé. È conosciuta per essere stata un'amante del re Enrico III di Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu l'ultima figlia di Francesco I di Clèves, duca di Nevers, e di Margherita di Borbone, sorella maggiore di Antonio re di Navarra.

Le sorelle maggiori furono Enrichetta di Clèves e Caterina di Clèves. Il futuro re Enrico IV di Francia fu suo cugino da parte di madre, mentre Anna di Clèves, quarta moglie di Enrico VIII d'Inghilterra fu sua cugina di secondo grado. I suoi cognati furono Enrico, duca di Guisa e Luigi Gonzaga, duca di Nevers.

Fu cresciuta da sua zia, la regina Giovanna III di Navarra, che l'allevò come una calvinista. Nel 1572 sposò con una cerimonia calvinista suo cugino di primo grado, Enrico I di Borbone, principe di Condé, duca d'Enghien. Pochi mesi più tardi, dopo il massacro di San Bartolomeo, la coppia fu costretta a convertirsi al cattolicesimo. Quando il marito fuggì dalla corte dove era prigioniero e tornò ugonotto, Maria rimase a corte, rimanendo cattolica per il resto della sua vita.

Verso il 1570, Maria, nota per la sua bellezza, catturò l'attenzione del giovane Enrico, duca d'Angiò, il futuro Enrico III di Francia. Al momento della sua ascesa al trono in quello stesso anno, Enrico cercò di procurare il divorzio di Maria dal marito per poi sposarla, ma Maria morì prima di poter attuare il piano: morì di parto dando alla luce una figlia di nome Caterina futura marchesa d'Isles, poco dopo il ritorno di Enrico III dalla Polonia.

Il principe di Condé avrebbe poi sposato Carlotta de la Trémoille (1568-1629), mentre re Enrico III distrutto dal dolore prese il lutto per diversi mesi e infine sposò Luisa di Lorena-Vaudémont, che assomigliava molto a Maria.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Maria ed Enrico ebbero una figlia:

  • Caterina (1574-1595), marchesa d'Isles.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • André Castelot, Regina Margot: una vicenda umana tra fasto, amore, crudeltà, guerre di religione e esilio, Milano, Fabbri Editore, 2000.
  • Jean Orieux, Caterina de' Medici. Un'italiana sul trono di Francia, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988, ISBN 88-04-30464-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]