Asessualità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manifestazione di asessuali

L'asessualità, nel suo senso più generale, si definisce come la mancanza di attrazione sessuale e l'assenza di interesse o desiderio per il sesso[1][2][3]. A volte è considerata come la mancanza di orientamento sessuale[4]. Uno studio sull'argomento spesso citato, individua la percentuale globale di individui asessuali all'1%.[5]

L'asessualità deve essere distinta dall'astensione sessuale, che ha piuttosto un'origine comportamentale, a volte religiosa (il celibato ne è un esempio[6]). L'orientamento sessuale, a differenza del comportamento, è contraddistinto dalla reiterazione e dalla persistenza dello stesso nel tempo[7][8]. Alcuni individui asessuali intercorrono comunque in rapporti sessuali, nonostante non ne sentano il desiderio[9].

Ricerca[modifica | modifica sorgente]

Uno studio fatto sugli arieti ha mostrato che circa dal 2% al 3% degli individui nel campione esaminato non mostrava alcun interesse sessuale in animali di ambo i sessi. In un altro studio compiuto su topi e criceti fu mostrato che fino al 12% dei maschi non aveva alcun interesse per le femmine. Il loro interesse per altri maschi però non fu misurato, quindi quest'ultimo studio è di interesse limitato per quanto riguarda l'asessualità (Westphal, 2004).

Bandiera del movimento asessuale, resa ufficiale nell'agosto 2010 sostituisce il triangolo Aven

Un recente sondaggio britannico includeva una domanda sull'attrazione sessuale, e l'1% delle risposte indicava che l'autore "non aveva mai provato alcuna attrazione sessuale" (Bogaert, 2004). L'Istituto Kinsey ha compiuto un piccolo sondaggio sul tema, che ha concluso che "gli asessuali sembrano essere meglio caratterizzati dal basso livello di desiderio ed eccitazione sessuale piuttosto che da basso livello di attività sessuale o da alto livello di inibizione relativa al sesso" (Prause, Nicole e Graham, 2002). Quest'ultimo studio menziona anche un dibattito sulla definizione di "asessuale": i ricercatori hanno trovato ben quattro diverse definizioni nella letteratura, e sostengono che non sia chiaro se chi si identifica come asessuale si riferisca ad un vero e proprio orientamento sessuale.

Variazioni[modifica | modifica sorgente]

Ci sono notevoli differenze tra persone che si identificano come asessuali, soprattutto per quanto riguarda la presenza o l'assenza di libido o di attrazione romantica. Alcuni provano una sola di queste due, altri entrambe, ed altri ancora nessuna.

La libido di quegli asessuali che la provano non è in genere diretta ad altre persone, e non ha come obiettivo il compimento del rapporto sessuale. Può variare da debole a forte, da rara a frequente. Alcuni asessuali, pur provando desiderio sessuale (libido), non desiderano agire di conseguenza, mentre altri cercano di soddisfarlo tramite la masturbazione o tramite contatto fisico, o entrambi.

Per quegli asessuali che provano sentimenti di attrazione romantica, questa può essere diretta verso un sesso particolare o entrambi. Questi asessuali spesso desiderano avere relazioni romantiche (arrivando fino al matrimonio) ma spesso non vogliono che queste relazioni includano attività sessuale.

Gli asessuali che desiderano relazioni romantiche sono in una posizione difficile, dato che la maggior parte della popolazione non è asessuale. Alcuni asessuali riescono a tollerare i rapporti sessuali con non-asessuali, ma la loro mancanza di interesse per il sesso può essere fonte di disturbo per il partner, e può rendere difficile una relazione a lungo termine. Gli asessuali che non sopportano il sesso sono costretti a scegliere tra subirlo comunque, dare il permesso al proprio partner di avere rapporti sessuali con altre persone, trovare un partner non-asessuale disposto a rinunciare al sesso, avere una relazione solo con altri asessuali, o restare single.

Alcuni asessuali usano un sistema di classificazione usato precedentemente da David Jay, il fondatore dell'"Asexual Visibility and Education Network" (abbreviato in AVEN), la più grande comunità di asessuali su internet. Secondo questo sistema gli asessuali sono divisi in gruppi da A a D. Gli asessuali di tipo A provano libido ma non attrazione romantica, quelli di tipo B provano attrazione romantica ma non libido, quelli di tipo C provano entrambe, e quelli di tipo D nessuna. Le categorie non vogliono essere mutuamente esclusive: il tipo di asessualità può cambiare, oppure un individuo può essere al limite tra due categorie. Va notato che la maggior parte della comunità asessuale, incluso AVEN, non usa più questa classificazione, dato che sembrava essere troppo esclusiva, ma alcuni asessuali la considerano ancora utile per spiegare il loro orientamento.

Le persone che non provano attrazione sessuale sono asessuali indipendentemente dalla loro libido e/o orientamento romantico.

Asessualità nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

  • Forse il più noto esempio di personaggio asessuale è quello di Ippolito, che evitava tutte le donne per dedicare la sua vita alla castità.
  • Nel suo romanzo di fantascienza Distress, Greg Egan ha immaginato un mondo nel ventiduesimo secolo in cui "asex" è uno di sette orientamenti sessuali riconosciuti.
  • Un esempio di personaggio asessuale di fantascienza visto in maniera positiva è dato da Aghora, uno dei cosiddetti Methbarons di Alejandro Jodorowsky, che non solo è asessuale ma anche asessuato.
  • Il romanzo John-Jack Christian (1997) di Ryan A. Morgan ha per protagonista un ragazzo che fatica ad affrontare la sua asessualità, e decide di dedicarsi al culturismo per non impazzire.
  • Il personaggio di Remedios, figlia primogenita di Arcadio e Santa Sofía de la Piedad, (Cent'anni di solitudine di Gabriel García Márquez) è asessuale.
  • Uno dei personaggi principali del romanzo La Casa degli Spiriti di Isabel Allende, Clara, potrebbe essere visto come asessuale. In età avanzata, Clara esprime mancanza di interesse per il coito, sostenendo che le faccia male alle ossa.
  • Nel romanzo Viene la notte di Óscar Esquivias c'è una coppia che decide di non copulare.
  • Il personaggio principale in Deadeye Dick di Kurt Vonnegut, è asessuale in seguito ad un trauma subito da bambino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bogaert, Anthony F. (2006). "Toward a conceptual understanding of asexuality". Review of General Psychology 10 (3): 241–250. Retrieved on 31 August 2007.
  2. ^ Westphal, Sylvia Pagan (2004), Feature: Glad to be asexual in New Scientist. URL consultato l'11 novembre 2007.
  3. ^ Dictionary.com, The American Heritage Dictionary of the English Language (4th ed.): asexual: "Lacking interest in or desire for sex."
  4. ^ Bogaert, Anthony F. (2004). "Asexuality: prevalence and associated factors in a national probability sample". Journal of Sex Research 41 (3): 281. Retrieved on 31 August 2007.
  5. ^ Study: One in 100 adults asexual in CNN.com, 15 ottobre 2004. URL consultato l'11 novembre 2007.
  6. ^ The American Heritage Dictionary of the English Language (3d ed. 1992), entries for celibacy and thence abstinence.
  7. ^ What is sexual orientation? in APAHelpCenter.org. URL consultato il 31 marzo 2011.
  8. ^ Brief Amici Curiae of the American Psychological Association, California Psychological Association, American Psychiatric Association, National Association of Social Workers, and National Association of Social Workers California Chapter in Support of the Parties Challenging the Marriage Exclusion, in In re Marriage Cases, Case S147999, Calif. Sup. Ct., Sep. 26, 2007, [1], as accessed Mar. 17, 2010, p. 6 (p. 28 per Adobe Acrobat Reader) (not including asexuality as a sexual orientation).
  9. ^ Nicole Prause, Cynthia A. Graham, Asexuality: Classification and Characterization (PDF) in Archives of Sexual Behavior, vol. 36, nº 3, agosto 2004, pp. 341–356, DOI:10.1007/s10508-006-9142-3, PMID 17345167. URL consultato il 31 agosto 2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia