Sonetti (Shakespeare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sonetti
Sonnets1609titlepage.jpg
Frontespizio dei Sonetti
Autore William Shakespeare
1ª ed. originale 1609
Genere raccolta di sonetti
Lingua originale inglese

I Sonetti, in lingua originale Sonnets, sono un'opera di William Shakespeare pubblicata nel 1609.

Datazione[modifica | modifica sorgente]

Stesura[modifica | modifica sorgente]

Shakespeare probabilmente scrisse i suoi sonetti a partire dagli anni '90 del XVI secolo, stagione della sonettistica elisabettiana, impegnadovisi soprattutto nel periodo di chiusura dei teatri di Londra, causa una pestilenza, tra 1592 e 1593[1].

Malgrado l'impossibilità di risalire ad una datazione attendibile, la più precisa cronologia della composizione dei sonetti che la critica propone è la seguente:

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

La prima testimonianza certa di pubblicazione è del 1599, quando esce la raccolta poetica The Passionate Pilgrim, nella quale è contenuta una prima edizione di Sonnet 138 e 144[2].

Nello Stationers' Register, che in età elisabettiana raccoglieva e catalogava le opere in corso di pubblicazione, risulta in data 3 gennaio 1600 un libretto intitolato Amours by J. D. with certen other by W. S. ("Amori" di J.D. con alcuni sonetti di W.S.): potrebbe questa essere una prima pubblicazione dei sonetti shakespeariani, ma poiché il libro non ci è pervenuto non si può comprovare questa ipotesi con certezza.[3]

Prima del 20 maggio 1609, data di pubblicazione certa del corpus dei sonetti secondo lo Stationers' Register, probabilmente questi circolavano già tra gli amici del drammaturgo, come testimonia una nota di Francis Meres nel suo Palladis Tamia del 1598[4], nonostante l'edizione di Thomas Thorpe specifichi che questi erano inediti.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

I Sonnets di Shakespeare sono una raccolta poetica di 154 sonetti aventi tutti lo stesso schema metrico: 14 pentametri giambici disposti in tre quartine in rima alternata più un distico conclusivo in rima baciata.

Dopo una dedica iniziale i testi sono stati divisi in due blocchi dalla critica: da 1 a 126 i sonetti dedicati al fair youth, figura maschile connotata da bellezza positiva ma anche da un grande narcisismo; da 127 a 154 quelli dedicati alla dark lady, figura femminile oscura e opposta a quella del giovane.

Contenuti[modifica | modifica sorgente]

Dedica a "Mr.W.H."[modifica | modifica sorgente]

L'unica edizione dei sonetti pubblicata quando Shakespeare era ancora in vita è l'in quarto del 1609 stampato da Thomas Thorpe. L'edizione riporta quella che è stata definita "la dedica più enigmatica di tutta la letteratura inglese"[5]:

La dedica
« 

TO.THE.ONLIE.BEGETTER.OF.
THESE.INSUING.SONNETS.
Mr.W.H. ALL.HAPPINESSE.
AND.THAT.ETERNITIE.
PROMISED.
BY.
OVR.EVER-LIVING.POET.
WISHETH.
THE.WELL-WISHING.
ADVENTVRER.IN.
SETTING.
FORTH.

- T.T.

 »

(traduzione: All'unico ispiratore[6] di / questi seguenti sonetti/Mr.W.H. ogni felicità/e quella eternità/promessa/dal/nostro immortale poeta/augura/colui che con buon augurio/si avventura nel/ pubblicare[7].)

La reale identità di "Mr.W.H." non è mai stata chiarita, e ha generato un gran numero di speculazioni. Sebbene secondo alcuni il fantomatico begetter sia stato semplicemente il "procacciatore" della copia fraudolenta, gran parte della critica ritiene che si tratti invece dell'"ispiratore", il fair friend ("bell'amico" o "biondo amico") a cui sono dedicati i primi 126 sonetti. Innumerevoli sono le persone accostate a queste iniziali, i candidati più probabili sono stati individuati nel conte di Southampton Henry Wriothesly e in William Herbert.

Sonetti[modifica | modifica sorgente]

Sonnets 1-126[modifica | modifica sorgente]

I sonetti da 1 a 126 sono convenzionalmente il gruppo più ampio di sonetti, avente come oggetto l'amore per un giovane di sesso maschile, il fair youth.

I primi 17 sonetti costituiscono un sottoinsieme, il quale, malgrado il Sonnet 15 anticipi il tema della poesia come fonte di eternità[8], sono tradizionalmente detti matrimoniali[9], in quanto imperniati sul tema della procreazione. Storicamente la critica ha individuato il destinatario di questi sonetti in Henry Wriothesly, terzo Conte di Southampton o in William Herbert, III conte di Pembroke.

I seguenti 109 sonetti relativi al fair youth sono aperti dal Sonnet 18, uno dei più celebri, nel quale l'io lirico non incita più il giovane a riprodursi, ma gli propone la funzione eternante della poesia a lui dedicata.

Sonnets 127-154[modifica | modifica sorgente]

Nei sonetti che hanno al centro il character della dark lady, il poeta prende spunto da questa figura per spaziare su diverse tematiche, come l'amicizia o la letteratura. Un esempio di questo tipo di tematica il Sonnet 130 (My Mistress' eyes are nothing like the Sun), nel quale l'autore sembra sviluppare una diretta polemica contro i poeti del genere petrarchesco (buona parte dei suoi contemporanei), i quali amano una donna non reale, della quale con falsi paragoni vengono esagerati gli aspetti positivi; contrariamente l'amore dell'io lirico di quest'ultima parte dei Sonnets è una donna nera di cui sono esagerati gli aspetti negativi.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Fair youth[modifica | modifica sorgente]

Ritratto di Henry Wriothesly, terzo Conte di Southampton

Il fair youth è il principale character della raccolta di sonetti, oggetto di un amore "ispirato e profondo"[10], la cui qualità indecifrabile si situa tra sessuale, platonico e filiale.

Il personaggio ha dei connotati vaghi: i sonetti rivelano che è bello/biondo (fair) e giovane (youth), ma non approfondiscono mai una caratterizzazione esteriore precisa. Il Sonnet 20 ce lo mostra, al secondo verso, come master mistress of my passion, ossia come un "padrone-padrona della passione amorosa" dell'io: così il fair youth acquista un'immagine di grande femminilità, una sorta di androgino, oggetto del desiderio di entrambi i sessi (Which steals men's eyes and women's souls amazeth dice l'ottavo verso del medesimo sonetto).

Il dibattito sull'identificazione di questa figura enigmatica e misteriosa è apertissimo, arrivando a interessare quello sulla sessualità del poeta: infatti alcuni critici lo identificano con il terzo Conte di Southampton, protettore e amico di Shakespeare, ritenuto anche suo possibile amante[11]. Oscar Wilde, grande amante dei Sonnets, congettura in The Portrait of Mr. W. H. l'esistenza, come dedicatario, di un giovane attore di nome Willie Hughes, evincendola da dei giochi linguistici con le parole Will e Hues, presenti in molti testi tra i quali il citato Sonnet 20 o nei Sonnet 135 e 136[12].

Dark lady[modifica | modifica sorgente]

Il secondo character è la dark lady: una donna scura di capelli e di pelle, di cui l'io si mostra innamorato nei sonetti successivi al 126. Ella è incarnazione di un amore spesso crudele e infedele, è fascinosa figura del male, descritta come my female evil ("la mia diavolessa", letteralmente "la mia donna malvagia" v. 5 del Sonnet 144).

I suoi connotati di oscurità, impattando con il canone vigente di bellezza/biondezza (fair), ne fanno l'opposto del fair youth, ma anche una ennesima rottura delle convenzioni cortesi all'interno dei Sonnets.

Recentemente sono stati scoperti alcuni documenti i quali attestano che la figura della Dark lady sia stata ispirata da una tenutaria di un bordello londinese frequentato da Shakespeare[13].

Rival poet[modifica | modifica sorgente]

Il poeta è il terzo character della raccolta, quello meno rappresentato quantitativamente; i sonetti a lui dedicati sono compresi tra il 78 e l'86[14].

L'identità di questo personaggio è misteriosa e difficilmente ricostruibile dagli indizi contenuti nei testi; tuttavia, la critica ha ipotizzato alcuni probabili nomi tra i noti contemporanei: Christopher Marlowe, Walter Raleigh e George Chapman[15].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Calimani 2009, op. cit., p. 242
  2. ^ Booth, 1977, op. cit., p. 476
  3. ^ Shakespeare, 1992, op. cit., p. 5-7
  4. ^ Shakespeare, 1992, op. cit., p. 5
  5. ^ Serpieri 2004, op. cit.
  6. ^ Per alcuni studiosi la parola begetter è invece da tradurre con "procacciatore".
  7. ^ setting forth sta anche per "mettersi in viaggio".
  8. ^ Calimani 2009, op. cit., p. 255
  9. ^ È stato congetturato che questo piccolo gruppo di sonetti possa essere stato commissionato da Lord Burghley, al fine di far congiungere la propria nipote con Henry Wriothesly, cfr. Calimani 2009, op. cit., p. 252
  10. ^ Calimani 2009, op. cit., p. 253
  11. ^ Articolo sul Guardian
  12. ^ Wilde 1997, op. cit., p. 159-160
  13. ^ http://www.dailymail.co.uk/news/article-2194176/Dark-Lady-Shakespeares-sonnets-finally-revealed-London-prostitute-called-Lucy-Negro.html Daily Mail:Was Bard's lady a woman of ill repute? 'Dark Lady' of Shakespeare's sonnets 'may have been London prostitute called Lucy Negro'
  14. ^ OxfordJournals.org
  15. ^ Calimani 2009, op. cit., p. 139

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stephen Booth, Ed. Shakespeare's Sonnets, New Haven: Yale University Press, 1977.
  • Dario Calimani, William Shakespeare: i sonetti della menzogna, Carocci, 2009.
  • Alessandro Serpieri, Introduzione, in W. Shakespeare, Sonetti, Bur, 2004.
  • William Shakespeare, Sonetti, a cura di Gabriele Baldini con traduzione di Lucifero Darchini, Feltrinelli, Milano, 1992.
  • Massimo Verzella, Assillo della transitorietà e sogno di durata, tempo quantitativo e tempo qualitativo nei sonetti di Shakespeare dedicati al Fair Youth, Il confronto letterario, 37 (2002), pp. 19–38.
  • Oscar Wilde, The Portrait of Mr. W. H., University College, Cork, 1997, versione elettronica a cura di Margaret Lantry.
  • AAVV, Sonetti 1-48, antologia dei primi 48 sonetti del canzoniere, tradotti da 16 donne, Ed. Prova d'Autore, 2013. ISBN 978-88-6282-103-2

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura