Sofocle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Molte sono le cose incredibili, ma nessuna è più incredibile dell’uomo. »
(Sofocle, Antigone)
Statua di Sofocle

Sofocle (in greco antico Σοφοκλῆς, traslitterato in Sophoklễs; demo di Colono, 496 a.C.Atene, 406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.

È considerato, insieme ad Eschilo ed Euripide, uno dei maggiori poeti tragici dell'antica Grecia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sofocle nacque nel 496 a.C. nel demo di Colono, che era un sobborgo di Atene. Figlio di Sophilos, ricco ateniese proprietario di schiavi, ricevette la migliore formazione culturale e sportiva, cosa che gli permise a 15 anni di cantare da solista il coro per la vittoria di Salamina. La sua carriera di autore tragico è coronata dal successo: a 27 anni conquista il suo primo trionfo gareggiando con Eschilo. Plutarco, nella Vita di Cimone, racconta il primo trionfo del giovane talentuoso Sofocle contro il celebre e fino a quel momento incontrastato Eschilo, conclusasi in modo insolito senza il consueto sorteggio degli arbitri. Eschilo, in seguito a questa sconfitta, scelse il volontario esilio in Sicilia. In tutto Sofocle conquista 24 vittorie, arrivando secondo in tutte le altre occasioni.

Amico di Pericle e impegnato nella vita politica, fu stratega insieme a quest'ultimo nella guerra contro Samo (441-440 a.C.). Inoltre ricoprì un'importante carica finanziaria nel 443-442 a.C., e quando il simulacro del dio Asclepio venne trasferito da Epidauro ad Atene, Sofocle fu designato ad ospitarlo nella sua casa fino a quando non fosse stato pronto il santuario destinato al dio. Questi fatti testimoniano ulteriormente la grande stima che il poeta greco godeva presso i suoi concittadini.

Nelle sue funzioni pubbliche contribuì all'elaborazione della costituzione dei Quattrocento.

Si sposò con l'ateniese Nicostrata che gli diede un figlio, Iofone. Ebbe anche un'amante, chiamata Teoris, una donna di Sicione, da cui ebbe un altro figlio, Aristone, che diverrà padre di Sofocle il giovane. Si dice che poco prima della sua morte, Iofone intentò un processo al padre Sofocle per una questione d'eredità, affermandone la senilità. La semplice lettura della sua ultima opera mise fine al processo.

Morì nel 406 a.C. e la sua ultima tragedia, l'Edipo a Colono, fu rappresentata postuma lo stesso anno in segno di grande onore. Secondo la storiografia antica, notoriamente amante di tali pittoreschi aneddoti, morì strozzato da un acino d'uva.

Il contributo al dramma tragico[modifica | modifica wikitesto]

Busto di Sofocle

Sofocle abolì l'obbligo della "trilogia legata", usò per primo nella tragedia il terzo attore (usato poi anche da Eschilo in una scena dell'Orestea), portò da dodici a quindici i coreuti e perfezionò l'uso di scenografie (innovazioni di cui parla Aristotele, Poetica, 49a). L'introduzione del terzo attore, da cui risultava superata la rigida contrapposizione di due posizioni antitetiche, avrebbe comportato una maggiore articolazione dei rapporti interpersonali ed una nuova scioltezza dinamica del ritmo teatrale. L'aumento del numero dei coreuti da dodici a quindici infatti avrebbe consentito di accentuare la funzione del corifeo e dell'elemento spettacolare.

Sofocle scrisse, secondo la tradizione, ben centoventitré tragedie, di cui ne restano solo sette: Aiace, Antigone (442 a.C.), Le Trachinie, Edipo re, Elettra, Filottete (409 a.C.) ed Edipo a Colono (406 a.C.). I suoi eroi sono immersi in un mondo di contraddizioni insanabili, di conflitti con forze inevitabilmente destinate a travolgerli. Il suo contributo originale allo sviluppo della tragedia greca fu rappresentato dall'accentuazione dell'umanità dei personaggi, che hanno tutti in sé qualcosa di guasto, una tabe fisica e psichica. I personaggi sofoclei sono anche generosi e buoni, ma smisuratamente soli e portati alla tragedia dal male che hanno in sé. Ciò nonostante, non appaiono mai schiacciati del tutto dal fato, ma proprio nella vana lotta contro di esso, ricevono una piena dimensione umana, portatrice di un destino di dannazione e, contemporaneamente, di gloria.

Rispetto a Eschilo, i cori tragici sofoclei si defilano dall'azione, partecipano sempre meno attivamente e diventano piuttosto spettatori e commentatori dei fatti. È di Sofocle l'introduzione del monologo (in greco ρήσις, rhesis) - per esempio, quelli di Aiace o di Edipo - che permetteva all'attore di mostrare la sua abilità e al personaggio di esprimere compiutamente i propri pensieri. La psicologia dei personaggi si approfondisce, emerge una inedita analisi della realtà e dell'uomo. Sofocle tentò di togliere l'enfasi (onkos) ai suoi personaggi, per restituirne completamente la drammaticità, in un mondo descritto come ingiusto e privo di luce. Nell’Edipo a Colono, il coro ripete «la sorte migliore è non nascere». Gli eventi che schiacciano le esistenze degli eroi non sono in alcun modo spiegabili o giustificabili, e in questo possiamo vedere l'inizio di una sofferta riflessione sulla condizione umana, ancora attuale nel mondo contemporaneo.

Tragedie[modifica | modifica wikitesto]

Delle 123 opere di Sofocle, sia tragedie che drammi satireschi, ci sono giunte integre solo 7 tragedie e quasi intero un solo dramma satiresco.

  • Aiace fra il 450 e il 442 a.C.
  • Antigone 442 a.C.
  • Trachinie fra il 438 e il 429 a.C.
  • Edipo re data incerta: secondo alcuni fra il 429 e il 425 a.C., secondo altri più tarda; vince il secondo premio
  • Elettra data incerta: secondo alcuni fra il 418 e il 413 a.C., secondo altri, più verosimilmente, fra il 410 e il 409
  • Filottete 409 a.C., vince il primo premio
  • Edipo a Colono 406 a.C., rappresentata postuma nel 401 a.C. (secondo altri nel 405), vince il primo premio

Tragedie e drammi frammentate o perdute[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco è riportato in ordine alfabetico.

Drammi Satireschi[modifica | modifica wikitesto]

  • I cercatori di tracce
  • Momos
  • Achilleos Erastai (Gli amanti di Achille)
  • Helenes Gamos (Le nozze di Elena)
  • Syndeipnoi (I banchettatori)
  • Amycos (Amico)
  • Amphiaraos (Anfiarao)
  • Inachos (Inaco)
  • Kedalion (Cedalione)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 101760867 LCCN: n79127755