Viva Radio 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viva Radio 2
Anno 2001-2008
Genere Comico; Attualità; Musicale
Durata LU-VE 7.00-7.30 (sveglia), 13.40-15.00 (diretta) e 22.40-24.00 (replica),

DO 11.00-12.30

Presentatore Fiorello & Baldini
Rete Radio 2
Sito web http://www.vivaradio2.rai.it/

Viva Radio 2 è stata una trasmissione radiofonica andata in onda dal 2001 al 2008 sulle frequenze di Radio 2. I conduttori della trasmissione erano Fiorello e Marco Baldini con la partecipazione di Enrico Cremonesi, già noto come direttore d'orchestra nella trasmissione televisiva (sempre condotta da Fiorello) Stasera pago io. Oltre a Fiorello e a Marco Baldini, gli autori del programma erano Marco Lolli, Francesco Bozzi, Riccardo Cassini, Alberto Di Risio e Federico Taddia.

Fino ad oggi sono stati prodotti sei CD che raccolgono una selezione di gag del programma e un DVD con il backstage.

Nonostante il grande successo, nel 2009 il programma viene interrotto in conseguenza del passaggio di Fiorello a SKY e di Marco Baldini a Radio Kiss Kiss.

Cenni Storici[modifica | modifica wikitesto]

Viva Radio 2 prende vita dalle ceneri di un vecchio programma, W Radio Deejay, condotto sempre da Baldini e Fiorello sulle frequenze di Radio Deejay agli inizi degli anni novanta.

Nel 2001 i due vengono ricontattati da Radio 2 per riprendere il format del programma. Nelle prime stagioni ad affiancare i due conduttori c'era solo il maestro Cremonesi, armato di pianoforte e sintetizzatore. Un'intera orchestra è stata ingaggiata solo nelle ultime tre edizioni, e tra l'altro è stata utilizzata in buona parte per incidere l'ultimo cd di Fiorello, A modo mio.

Imitazioni[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione è basata soprattutto sulle gag comiche di Fiorello, che in radio si esibisce nel suo repertorio di imitazioni, rinnovato ed esteso per l'occasione. Fra i personaggi parodiati dal conduttore si possono citare:

Al programma collabora anche Gabriella Germani, che imita tra gli altri:

Anche Enrico Cremonesi, pianista e direttore dell'orchestra del programma, fa da spalla a Fiorello, imitando fra gli altri:

  • i bambini concorrenti di Genius e partner delle telepromozioni di Mike Bongiorno
  • i concorrenti de Il migliore
  • l'uomo delle Tremiti, l'intrattenitore, i concorrenti e i vari collaboratori NON-calabresi della TV calabrese
  • Angelo Barbagallo, produttore dei film di Nanni Moretti
  • Giulietto, partner gay del camionista Romeo
  • Prince

Viva Radio 2 in TV[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla stagione 2006/07 il programma, nonostante il più che discreto successo, era rimasto ancorato al mezzo radiofonico, con l'eccezione dell'ultima puntata della stagione 2005/06, che era andata in onda, all'orario consueto, contemporaneamente su Radio 2 e sul canale satellitare RaiSat Extra.

Viva Radio 2... e anche un po' Rai Uno[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2006-2007 del programma ha debuttato l'8 ottobre 2006 con una puntata speciale, in prima serata, andata in onda contemporaneamente su Radio 2 e su Rai Uno, intitolata Viva Radio2... e anche un po' Rai Uno; ospite d'eccezione è stato Lelio Luttazzi, ritornato in televisione dopo tanti anni, che ha duettato con Fiorello in "Chiedimi Tutto".

L'esperimento televisivo, visto il notevole successo riscosso, si è ripetuto il 19 novembre 2006 con ospite d'eccezione Mike Bongiorno, raggiungendo punte di ascolti del 36%.

Le puntate dell'ultima settimana della stagione 2006-2007 sono state riprese durante il normale svolgimento in diretta radiofonica dalle telecamere di RaiSat Extra, e trasmesse poi sul canale satellitare ogni sera alle 21.30.

Viva Radio 2... minuti[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2007-2008 Fiorello ha invece annunciato, anche tramite spot televisivi in bianco e nero (nei quali è vestito da "signorina buonasera"), che verranno trasmesse 10 puntate di un breve show, in onda dal 21 gennaio 2008 (a seguito di ben due slittamenti di data) ogni sera alle 20.30, dopo il Tg1. Il programma è stato anche presentato come "il varietà più breve della storia" ma, in realtà, dura ben più a lungo pur limitandosi a soli 2 minuti di varietà classico. Il programma è stato trasmesso in diretta dalla Sala B del palazzo della RAI di via Asiago, a Roma, lo stesso nel quale viene condotto il programma radiofonico. Tuttavia la scenografia è stata ampiamente rivoluzionata al fine di renderla più adatta ad una trasmissione televisiva: il palcoscenico è infatti formato da una pedana circolare alle cui spalle è situato il vero e proprio palco, dal quale compaiono gli ospiti. Infine, terminata la diretta dallo studio, veniva trasmessa una breve parodia del programma di Rai Uno Soliti ignoti (che andava in onda subito dopo), nel quale il "giocatore" (Marco Baldini) deve indovinare l'identità del "personaggio" che Fiorello imita.

La prima puntata di Viva Radio 2... minuti è stata vista da 10 616 000 telespettatori con il 37,47% di share.

Il programma ha avuto successo, ma è stato accusato dall'autore televisivo Pasquale Romano di aver fatto calare gli ascolti del suo programma Affari Tuoi.

Gli ospiti[modifica | modifica wikitesto]

Gli ospiti vengono presentati dal siciliano Tommasino (Tommasino Accardo), personaggio già apparso in Stasera pago io, questa volta nella veste di un classico milanese.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Data Telespettatori Share
1 21 gennaio 2008 10.616.000 37,47%
2 22 gennaio 2008 10.131.000 36,39%
3 23 gennaio 2008 9.769.000 35,77%
4 24 gennaio 2008 8.377.000 29,91%
5 25 gennaio 2008 8.669.000 32,84%
6 28 gennaio 2008 9.181.000 33,29%
7 29 gennaio 2008 8.717.000 32,06%
8 30 gennaio 2008 9.047.000 33,34%
9 31 gennaio 2008 8.456.000 31,89%
10 4 febbraio 2008 9.869.000 36,91%

Ospiti di Viva Radio 2[modifica | modifica wikitesto]

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Viva Radio 2 è stato oggetto anche di varie polemiche, spesso a causa delle imitazioni di Fiorello. Negli ultimi mesi del 2006 ci sono stati contrasti con Fabio Fazio, a causa della concomitanza delle rispettive trasmissioni televisive, e con il Vaticano, per l'imitazione di Padre Georg Gänswein, segretario personale del Papa.

Nella puntata del 9 marzo 2007 il senatore Ettore Pirovano della Lega Nord, credendo che una battuta fosse riferita ad Umberto Bossi, ha criticato pesantemente la trasmissione. La battuta era invece riferita a Francesco Bozzi, uno degli autori di Viva Radio 2.

L'ultima puntata della stagione 2005/06 è stata mandata in onda su RaiSat Extra, e ciò ha causato polemiche in alcuni settori della Rai che volevano la puntata trasmessa su un canale in chiaro.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La prima sigla del programma, W Radio 2! è stata interpretata dai 360º, band con cui Fiorello ha anche prodotto un singolo; le altre sigle sono state tutte scritte da Enrico Cremonesi.
  • La proprietaria del bar Rai di via Asiago, Rita, ha partecipato alla prime serie del programma interpretando Rita deejay e le sorelle Rita & Rita (con Fiorello che la imitava).
  • Durante la puntata del 1º dicembre 2006 Fiorello, per una scommessa, non ha eseguito neanche una imitazione, per la prima volta nella storia di Viva Radio 2.
  • Nella puntata del 6 dicembre 2006, per la prima volta nella storia del programma, Marco Baldini ha interagito in una gag di Berlusconi-Fiorello con un'imitazione (quella di Pier Ferdinando Casini).
  • Nella stagione 2006/2007, gli autori, date le ripetute richieste degli ascoltatori, hanno inaugurato la periodica sezione "come eravamo", con la messa in onda di vecchie gag.
  • Nella puntata del 19 dicembre 2006 Fiorello e Baldini, solidali con i giornalisti italiani in sciopero, non hanno fatto nessuna gag e si sono limitati a trasmettere le canzoni lanciate dal programma negli ultimi anni.
  • La puntata del 25 aprile 2007 è stata condotta in studio da Riccardo Rossi, con la partecipazione di Enrico Cremonesi e la sua orchestra. Per la prima volta sono stati assenti da una puntata sia Fiorello che Marco Baldini. Per l'occasione la trasmissione è stata chiamata Vice Radio 2 (completa anche di sigla personalizzata).
  • La stagione 2008 ha avuto la particolarità di iniziare con una settimana di "prove tecniche di trasmissione", senza pubblico. Il programma con il pubblico, come è stato annunciato dallo speaker non professionista (Roberto Testarmata, un collaboratore del programma), è iniziato il 18 febbraio.
  • Terminata la stagione 2008, sempre su Radio 2 dal 14 luglio il programma ricominciò sotto il nome di Viva Sdraio 2, agli stessi orari del programma classico. Il programma venne trasmesso proprio da località marittime, che variarono di settimana in settimana, e riproponeva gli sketch più divertenti delle passate stagioni.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º dicembre 2006 è uscito un DVD contenente i dietro le quinte della trasmissione e sketch inediti intitolato Fiorello e Baldini visti da dietro. Ancora prima dell'uscita nei negozi erano state prenotate 150 000 copie del DVD (pari a 5 dischi di platino), battendo ogni record precedente di vendita. Il DVD comprende anche alcuni dietro le quinte delle pubblicità di Infostrada, con Mike Bongiorno e dello spettacolo teatrale di Fiorello Volevo fare il ballerino.

Parodie del programma[modifica | modifica wikitesto]

« Colleghi a Sky, ma becchi un'omelia, è Radio Mariaaa! »
(uno dei jingle di apertura)

Una parodia del programma della Rai è stata proposta con la sit-com Viva Radio Maria trasmessa nel programma Second Italy del canale televisivo satellitare Comedy Central. Sulla falsa riga del programma Viva Radio2, Ubaldo Pantani interpreta don Fioretto, un prete simpatico quanto poco comico, mentre Paola Minaccioni veste i panni di suor Baldina; insieme conducono una fantasiosa trasmissione radiofonica su Radio Maria in cui commentano le e-mail degli ascoltatori (molto spesso su argomenti scottanti di attualità) con qualche battuta irriverente, vista da un'estremizzata ma comica prospettiva cattolica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione