Mara Venier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mara Venier

Mara Venier, pseudonimo di Mara Provoleri (Venezia, 20 ottobre 1950[1][2]), è una conduttrice televisiva e attrice italiana.

È soprannominata la "Signora della domenica", per aver condotto per tanti anni lo storico programma Domenica in. Dal 2010 al 2013 ha condotto il programma pomeridiano La vita in diretta su Rai 1 dapprima assieme a Lamberto Sposini ed in seguito assieme a Marco Liorni.

Prima di raggiungere il successo e la notorietà come conduttrice televisiva, è stata attiva come attrice nel cinema e in televisione tra il 1973 ed il 1998. Ha alternato la carriera di attrice a quella di conduttrice televisiva fino al 1998 per poi dedicarsi esclusivamente alla seconda.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a Venezia, dopo qualche anno la famiglia si trasferisce a Mestre. A diciassette anni diventa per la prima volta madre, si sposa e nel 1971 giunge a Roma dal marito Francesco Ferracini, trasferitosi nella capitale per intraprendere la carriera di attore.

Carriera di attrice[modifica | modifica sorgente]

Debutta da protagonista in Diario di un italiano, tratto dalla novella Wanda di Vasco Pratolini. Nel film eseguì anche una scena di nudo integrale. Partecipa alla serie TV di Dario Argento La porta sul buio nell'episodio La bambola diretto da Mario Foglietti. Rifiuta proposte per il cinema da Vittorio De Sica e per il teatro da Giorgio Strehler.[3]

Anni ottanta[modifica | modifica sorgente]

Mara Venier in Al bar dello sport (1983)

Al debutto seguirono molti film come la cine-sceneggiata Zappatore (1980) di Alfonso Brescia con Mario Merola, e molte commedie all'italiana come Testa o croce (1982) di Nanni Loy in cui affiancò Renato Pozzetto e diversi film girati con l'allora compagno Jerry Calà, come Al bar dello sport (1983), con Lino Banfi. Tra le varie esperienze significative sul grande schermo sono menzionati Night Club, ultimo film di Sergio Corbucci del 1989 ed il thriller Caramelle da uno sconosciuto del 1987, diretto da Franco Ferrini in cui interpretava una squillo d'alto bordo.

Anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Il suo ultimo film per il grande schermo è anche l'ultimo diretto da Nanni Loy: Pacco, doppio pacco e contropaccotto del 1993. Nella seconda metà degli anni novanta la Venier recitò invece in fiction come La voce del cuore (1995), Il goal del martin pescatore (1996) e Ritornare a volare (1998).

A partire dal 1998 abbandona l'attività di attrice per concentrarsi solamente su quella di conduttrice televisiva. Torna al cinema solo per interpretare sé stessa, in Paparazzi, regia di Neri Parenti (1998), Torno a vivere da solo, regia di Jerry Calà (2008), Vacanze di Natale a Cortina, regia di Neri Parenti (2011).

Carriera di conduttrice televisiva[modifica | modifica sorgente]

Nanni Loy fu il talent scout che scoprì la verve e la simpatia televisiva di Mara Venier, lanciandola in televisione con alcune candid camera. Di lì a poco Mara cominciò a muovere i primi passi da conduttrice con il Cantagiro accanto all'allora semisconosciuto Fiorello, in Una rotonda sul mare e in Ora di punta. Successivamente passa ad Odeon Tv, dove nel mese di maggio conduce dal lunedì al venerdì L'ospite in pasta, un talk show in 20 puntate nel quale si raccontano debolezze e virtù di un intervistato. La "ricetta" per ottenere rivelazioni dagli ospiti (tra i quali si ricordano Alberto Castagna, Gabriella Carlucci, Sandra Milo, Clarissa Burt, Valerio Merola) è farli parlare del loro amore per la cucina mediterranea e raccontare aneddoti legati alla pasta.

Il grande successo in Rai con Domenica In[modifica | modifica sorgente]

Nel 1993 l'allora direttore di Rai 1 Carlo Fuscagni la scelse per affiancare Luca Giurato nell'edizione 1993-94 di Domenica in. Il successo personale ottenuto le permise di diventare nella stagione successiva la conduttrice di punta della trasmissione. I grandi ascolti e il gradimento del pubblico portarono la conduttrice a presentare e firmare come autrice il contenitore domenicale per tre stagioni consecutive con enorme successo fino al 1997. Il fatto le valse l'appellativo televisivo di signora della domenica.

Nel periodo della conduzione di Domenica in, fu chiamata da Pippo Baudo a condurre anche il Dopofestival di Sanremo nel 1994 e Luna Park dal 1994 al 1997 conducendone la puntata del mercoledì. Risale a questi anni lo scalpore suscitato dalla vicenda delle telepromozioni. Mara Venier (come Pippo Baudo e Rosanna Lambertucci) viene indagata dal Tribunale di Milano con l'accusa di avere richiesto compensi personali extra per interpretare in modo persuasivo i messaggi pubblicitari. Nel 1998 la Venier patteggia la pena di un anno e quattro mesi per il reato di concussione dopo avere risarcito le aziende danneggiate[4].

Passaggio a Mediaset nel 1997[modifica | modifica sorgente]

Il passaggio di Mara Venier in pianta stabile da Rai a Mediaset avvenne nel 1997, preceduto da alcune incursioni nella TV di Silvio Berlusconi, come la conduzione insieme a Mike Bongiorno su Rete 4 di Viva Napoli (1994), e insieme a Corrado su Canale 5 di Gran Premio Internazionale dello Spettacolo (19951996).

Nel 1997 sulle reti del Biscione Mara approda con la conduzione della serata evento dedicata alla moda Donna sotto le stelle, ma soprattutto con la trasmissione quotidiana Ciao Mara nella fascia del mezzogiorno. Il programma non ebbe fortuna e venne chiuso poco dopo per bassi ascolti. Sempre a Mediaset condusse con altrettanti freddi consensi le trasmissioni Una goccia nel mare e Forza papà nel 1998 (quest'ultimo condotto assieme a Gerry Scotti), e nel 1999 La vita è meravigliosa.

Il ritorno in Rai nel 2000[modifica | modifica sorgente]

Il 2000 è l'anno del ritorno di Mara in Rai, con la conduzione di Fantastica italiana con Massimo Lopez che però non ottiene successo, in quanto trasmesso nella serata in contrapposizione con la prima edizione del Grande Fratello, fenomeno televisivo di quella stagione. Prima ancora Mara aveva preso parte allo show più breve della storia della TV, Katia e Mara verso l'oriente, con Katia Ricciarelli, interrotto dopo pochissimi secondi, causa nubifragio. Sorte simile toccò un anno dopo allo show Venezia, la luna e tu ancora Mara e Katia, e ancora un programma interrotto a causa della pioggia.

Nel 2001 Mara si ricongiunge a quella che è definita la sua casa televisiva, affiancando Carlo Conti, Antonella Clerici ed Ela Weber nella conduzione dell'edizione 2001-2002 di Domenica in. Il 5 gennaio del 2002 Mara Venier ha condotto su Rai 1 lo spettacolo Un Ponte fra le Stelle - La Befana dei bambini vittime delle guerre e del terrorismo, ideato e prodotto da Ruggero Pegna e Far Films, con il Patrocinio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Visto il buon riscontro personale, nella stagione 2002-2003 ritorna ad essere l'unica conduttrice di Domenica in, richiamando con sé buona parte del cast con cui divise le fortunate edizioni degli anni novanta senza però riuscire a ripeterne i fasti tanto che nella stagione seguente viene sostituita alla conduzione da Paolo Bonolis; sempre nella stagione televisiva 2002-2003 conduce anche il programma Il castello quiz dell'access-prime time di Rai 1, alternandosi ogni settimana con Pippo Baudo e Carlo Conti.

Torna ancora a Domenica in, per l'edizione 2004-2005, affiancata da Paolo Limiti e Massimo Giletti: con quest'ultimo si inscenano rapporti piuttosto burrascosi.

Il 3 dicembre 2004 conduce una puntata speciale di Domenica in, intitolato Festa in casa Martini dedicata alla fiction di successo di Rai 1 Un medico in famiglia, in seconda serata (dopo la puntata finale della quarta stagione della fiction), ospitando Lino Banfi, Lunetta Savino, Pietro Sermonti, Margot Sikabonyi, Francesco Salvi, Milena Vukotic e tutto il cast della serie TV.

Nell'edizione 2005-2006 con Domenica in divisa in tre blocchi, la Venier conduce la prima parte diretta da Gianni Boncompagni intitolata Maramao che in seguito ai bassi ascolti registrati viene sostituita, dalla settimana successiva, dal rotocalco rosa Domenica in... TV sempre con Mara Venier come presentatrice, che ottiene invece ottimi ascolti.

La rissa TV e il cambio di conduttrice[modifica | modifica sorgente]

La rissa in TV fra Adriano Pappalardo ed Antonio Zequila, avvenuta durante la puntata di Domenica In... TV trasmessa il 22 gennaio 2006, fu la causa che fece decidere ai dirigenti della RAI prima la sospensione del programma per una settimana ed in seguito, conclusasi la stagione, la sostituzione della Venier, accusata di non avere frenato le intemperanze dialettiche dei due, con la conduttrice Lorena Bianchetti per la successiva edizione del contenitore domenicale.

Il lavoro di conduttrice negli anni 2007-2009[modifica | modifica sorgente]

Il 24 dicembre 2007 ha condotto per Rai 2 il Concerto di Natale; il 24 dicembre 2008 ha condotto di nuovo per Rai 2 il Concerto di Natale. Nel marzo 2009 passa su Canale 5 come inviata dal Brasile della quarta edizione del reality show La fattoria, condotto da Paola Perego. Il 24 dicembre 2009 ha condotto per la terza edizione consecutiva su Rai 2 il Concerto di Natale.

Il ritorno in Rai: La vita in diretta[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2010-2011 conduce con enorme successo su Rai 1 La vita in diretta, affiancando così il giornalista Lamberto Sposini. Confermata anche nella stagione 2011-2012 con alcune novità: l'assenza di Lamberto Sposini per motivi di salute, sostituito da Marco Liorni, e l'allungamento della durata del programma. Il 24 dicembre 2010 conduce per la quarta edizione su Rai 2 il Concerto di Natale. Il 31 dicembre 2010 conduce su Rai 1, in diretta da Rimini, L'anno che verrà, con Pino Insegno ottenendo ottimi ascolti.

L'8 gennaio 2011 è giurata nel programma, Attenti a quei due - La sfida condotto da Fabrizio Frizzi e Max Giusti e in una puntata della stagione successiva, in onda nel febbraio 2012, del varietà condotto da Paola Perego e trasformato in sfida tra due VIP diversi per ogni puntata, Mara si "scontra" con Lorella Cuccarini in varie prove, vincendo la puntata. Il 30 maggio 2011 affianca Fabrizio Frizzi nella ventesima edizione de La partita del cuore. Nel 2012 La vita in diretta, condotta con Marco Liorni, si aggiudica il Premio Regia Televisiva, altrimenti detti gli Oscar della TV.

Il ritorno a Domenica in[modifica | modifica sorgente]

Dal 29 settembre 2013 torna nuovamente a condurre Domenica in nel secondo segmento, in onda dalle 16:30 alle 18:50, improntato sull'intrattenimento che però non ottiene il successo sperato.

Il 25 marzo 2014 annuncia che, al termine della stagione, si ritirerà dalla scena televisiva.[5]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

A Mestre ha conosciuto l'attore Francesco Ferracini da cui ha avuto Elisabetta (divenuta poi conduttrice televisiva e che l'ha resa nonna nel 2002). I due si sono poi sposati, ma il matrimonio è naufragato poco dopo.

Ha anche un figlio di nome Paolo che ha sempre vissuto con il padre, l'attore Pier Paolo Capponi e la moglie di quest'ultimo, Isabella Peretti, pur essendo stato affidato dal tribunale dei minori alla madre naturale.

Nel 1984 ha sposato l'attore Jerry Calà, da cui si è separata nel 1987, anche se i due sono rimasti in ottimi rapporti d'amicizia.

Successivamente ha avuto una lunga relazione con Renzo Arbore, conclusasi nel 1997.

Dal 28 giugno 2006, la Venier è sposata con il produttore cinematografico ed editore Nicola Carraro.

Programmi TV[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Aveva preso parte, con un piccolo ruolo, anche alla commedia del 1982 Vado a vivere da solo con Jerry Calà per la regia di Marco Risi, ma la sua parte venne poi completamente tagliata nel montaggio finale.

Torna al cinema solo per interpretare sé stessa

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Who'S Who Sutter'S International Red Series
  2. ^ Varie riviste di spettacolo degli anni '70 e '80 (TV Sorrisi e canzoni, Radiocorriere TV, ecc...) indicano come anno di nascita il 1950. Alla fine degli anni '80 la data di nascita si sposta in avanti al 1952
  3. ^ Intervista nel programma Victor Victoria
  4. ^ Corriere della Sera, 10/07/1998: http://archiviostorico.corriere.it/1998/luglio/10/Telepromozioni_Mara_Venier_patteggia_anno_co_0_9807104507.shtml
  5. ^ Mara Venire: "lascio la Rai, vado in pensione e mi riposo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]