Monica Bellucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monica Bellucci ai Women's World Awards 2009

Monica Anna Maria Bellucci (Città di Castello, 30 settembre 1964) è un'attrice cinematografica e modella italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cresciuta a Lama, una frazione di San Giustino in provincia di Perugia da Pasquale Bellucci e Brunella Briganti, vi è vissuta fino al trasferimento in Francia. Ha iniziato a lavorare come modella per pagarsi gli studi presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università degli studi di Perugia, che tuttavia abbandona presto per dedicarsi completamente alla passerella.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Moda[modifica | modifica sorgente]

Monica Bellucci
BELLUCCI Monica-24x30-2008.jpg
Altezza 173[1] cm
Misure 86,5-61-89[1]
Taglia 36[1] (UE) - 6[1] (US)
Scarpe 41[1] (UE) - 9[1] (US)
Occhi Marroni[1]
Capelli Castano scuro[1]

Nel 1988 approda a Milano, dove sfila sulle più importanti passerelle sotto contratto con l'Elite Model Management. L'anno successivo, diventa famosa a Parigi e anche a New York. Nel 1997 è immortalata da Richard Avedon nel Calendario Pirelli. Ha posato per il calendario sexy della rivista Max (1999), fotografata da Fabrizio Ferri,[2] e l'anno successivo è la protagonista del calendario sexy di GQ.

Ha sfilato per Dolce&Gabbana, Fendi e tutte le più importanti griffe mondiali. Ha guadagnato la copertina della rivista francese Elle e di Vogue. Inoltre è stata anche testimonial per Alessandro Dell'Acqua e Blumarine. Nel 2003 sempre per Dolce&Gabbana diventa tesimonial del profumo Sicily. Nel novembre 2007 diventa testimonial per Intimissimi e recita nel cortometraggio Heart Tango, diretto da Gabriele Muccino. Sempre nel 2007 diventa testimonial di Cartier per la linea di gioielli Délices.

Dal 2008 lo stilista John Galliano insieme al make-up artist Tyen l'ha voluta come testimonial del rossetto Rouge Dior, uno dei cavalli di battaglia della maison francese Dior nel campo del make up. Testimonial per Dior anche per la linea di borse e accessori, nel 2010 ha vestito i panni di una moderna Eva per lo spot del famosissimo profumo Hypnotic Poison. Nel 2010 l'attrice viene confermata da Martini e da Dolce&Gabbana come protagonista di un nuovo spot tv (dall'atmosfera felliniana) per il lancio del nuovo aperitivo Martini Gold, nato dalla collaborazione tra i due stilisti e il brand di bevande. Nel 2012 sempre per Dolce&Gabbana realizza lo short movie Three days with Monica diretto da Leandro Manuel Emede e, nello stesso anno, è la testimonial di una linea di rossetti a lei dedicata dalla linea make up dei due stilisti.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Monica Bellucci e Alain Chabat ai Premi César 2001

La carriera cinematografica inizia nei primi anni novanta. Il debutto avviene nel film Vita coi figli (regia di Dino Risi), con Giancarlo Giannini mentre l'anno seguente è la protagonista del film La riffa di Francesco Laudadio, con Massimo Ghini. Nel 1992 fa la sua prima comparsa in un film in lingua inglese: Dracula di Bram Stoker (diretto da Francis Ford Coppola) nel ruolo di una delle tre concubine del conte Dracula. Ritorna in Italia per girare la commedia I mitici - Colpo gobbo a Milano, diretta da Carlo Vanzina. La sua popolarità però inizia ad aumentare nel 2000 quando gira Malèna di Giuseppe Tornatore, che la fa conoscere prima in Europa e poi in America e soprattutto quando interpreta con il marito Vincent Cassel il film controverso di Gaspar Noé, Irréversible. Nel 2003 è la madrina della 56ª edizione del Festival di Cannes. Interpreta poi Persephone in Matrix Reloaded e Matrix Revolutions e veste i panni di Maria Maddalena ne La passione di Cristo diretta da Mel Gibson.

Dopo l'esperienza all'estero, torna in Italia dove è tra i protagonisti di Ricordati di me di Gabriele Muccino, ruolo grazie al quale riceve una nomination ai David di Donatello e vince un nastro d'argento. Nel 2005 è una terribile strega, diretta da Terry Gilliam, ne I fratelli Grimm e l'incantevole strega e Daniela, una prostituta italiana nel film Per sesso o per amore? di Bertrand Blier.

Nel 2006 Paolo Virzì le offre il ruolo di una baronessa godereccia e simpatica, ruolo dove rimarca con ironia il suo accento umbro nel film N (Io e Napoleone), aprendo la prima edizione del Festival del Cinema di Roma.

Nel 2007 è un'affascinante fisioterapeuta che fa perdere la testa al personaggio interpretato da Riccardo Scamarcio in Eros, primo episodio del film Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi di Giovanni Veronesi. Il regista francese Alain Corneau la vuole invece bionda nel film noir Le Deuxième souffle, dove recita al fianco di Daniel Auteuil.

Monica Bellucci al Festival di Cannes 2002

Nel 2008 partecipa al Festival di Cannes con il film italiano fuori concorso di Marco Tullio Giordana Sanguepazzo dove veste i panni di Luisa Ferida, la diva maledetta dell'era fascista, moglie di Osvaldo Valenti. Lo stesso anno apre la terza edizione del Festival del Cinema di Roma, presentandosi con il film L'uomo che ama di Maria Sole Tognazzi.

Nel marzo 2009 le viene conferito il World Actress Award durante la cerimonia dei Women's World Awards, tenutasi a Vienna. Al festival di Berlino del 2009 viene presentato The Private Lives of Pippa Lee di Rebecca Miller, dove recita con grandi nomi del cinema internazionale tra cui Robin Wright Penn, Winona Ryder e Keanu Reeves. Presenta nello stesso anno al festival di Cannes il film fuori concorso Ne te retourne pas diretto da Marina De Van, film che vede la partecipazione di un'altra icona del cinema francese Sophie Marceau.

Il 27 settembre 2009 è tra i firmatari dell'appello rivolto alle autorità svizzere per il rilascio del regista Roman Polanski, detenuto in attesa di essere estradato negli Stati Uniti. Alla quarta edizione del Festival del Cinema di Roma veste i panni di Tosca con Andrea Bocelli, nel cortometraggio firmato da Franco Zeffirelli, Omaggio a Roma, voluto fortemente dal comune di Roma per promuovere l'immagine della capitale nel mondo. Nei film I fratelli Grimm e l'incantevole strega e Per sesso o per amore? è stata doppiata da Irene Di Valmo mentre nei suoi primi film è stata doppiata da Laura Boccanera.

Parla l'italiano, il francese e l'inglese. Nella Passione di Cristo ha inoltre recitato in aramaico.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1990, a 25 anni, sposa il fotografo Claudio Basso; la coppia si separa dopo quattro anni. Il 3 agosto 1999 sposa l'attore francese Vincent Cassel, conosciuto nel 1996 sul set del film L'appartamento. La coppia ha avuto due figlie: Deva, nata il 12 settembre 2004 e Léonie, nata il 20 maggio 2010. Nell'agosto 2013, dopo 14 anni di matrimonio, la coppia annuncia la separazione.[3] Si è dichiarata agnostica e fluente nelle lingue inglese e francese.[4]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrice[modifica | modifica sorgente]

Spot[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici[modifica | modifica sorgente]

Nonostante sia italiana, Monica Bellucci è stata doppiata svariate volte.

Premi e candidature[modifica | modifica sorgente]

David di Donatello
Anno Titolo Categoria Risultato
2003 Ricordati di me Migliore attrice non protagonista Nomination
Nastri d'argento
Anno Titolo Categoria Risultato
2003 Ricordati di me Migliore attrice non protagonista Vinto
2005 La passione di Cristo Migliore attrice non protagonista Nomination
2007 N (Io e Napoleone) Migliore attrice non protagonista Nomination
Premio César
Anno Titolo Categoria Risultato
1997 L'appartamento Migliore promessa femminile Nomination
MTV Movie Awards
Anno Titolo Categoria Risultato
2004 Matrix Reloaded Miglior bacio – (con Keanu Reeves) Nomination

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h Fashion Model Directory, op. cit.
  2. ^ Il SuperCalendario di Max. Questa volta tocca a Monica Bellucci, 1999 in max.gazzetta.it, 1º agosto 2012.
  3. ^ Si separano Monica Bellucci e Vincent Cassel in ansa.it, 26 agosto 2013.
  4. ^ Claudia Resta, L'eletto: Monica Bellucci non è solo bella in mymovies.it, 13 giugno 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 106993456 LCCN: nr00024296 SBN: IT\ICCU\UBOV\487280